Visualizzazione post con etichetta cinema indipendente. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta cinema indipendente. Mostra tutti i post

07/05/13

La follia nazista contro i gay Il film "Il rosa nudo"


E' una pagina atroce rispolverata e sottratta all'oblio. Settanta minuti di riprese per svelare la follia nazista contro gli omosessuali, partendo da una storia vera: quella di uno dei sopravvissuti all'inferno dei lager. La proiezione a Cagliari.
Si intitola 'Il rosa nudo', il terzo film d

i cinematografia sperimentale indipendente del regista sardo Giovanni Coda.

Già presentato al Torino Glbt Film Festival sarà proiettato per la prima volta a Cagliari giovedì 9 maggio, alle 21, e fino a domenica 12 al Cineworld. A metà tra documentario in bianco e nero e fiction video sperimentale,
Un libro mai tradotto in italiano. Coda ha scovato una copia del testo scritto in collaborazione con Jean Le Bitoux in una libreria parigina. Tutto impolverato faceva da zeppa ad una sedia. Il regista lo ha ripulito, tradotto e trasposto in immagini che hanno immortalato questo prezioso documento ai più sconosciuto. Quello di Coda è un racconto poetico e teatrale. Le scene degli interni sono girate principalmente dentro all'ex cartiera di Quartu Sant'Elena, la location per gli esterni, invece, è il poligono di tiro in abbandono di Siliqua. "L'accento nel lavoro è sui diritti civili negati, è un film - sottolinea il regista - che contribuisce a restituire una memoria, per non dimenticare che i gay hanno pagato un consistente tributo di sangue". Dopo la liberazione Seel cerca di integrarsi, mette su famiglia, diventa padre di tre figli. Solo nel 1982 ha il coraggio di denunciare l'orrore subito. "Il prezzo del coming out è altissimo - ricorda Coda - l'isolamento, l'abbandono da parte della sua famiglia. Solo nel 2002, tre anni prima della sua morte, gli viene riconosciuta la condizione di vittima dell'olocausto. Per questo suonano così vere le sue parole: 'la liberazione, quella vera, era per altrì".
la pellicola rompe un silenzio, quello sulle atrocità e torture che gli omosessuali usati come cavie hanno subito nei campi di concentramento nazisti. Prima ancora lo fa il francese Pierre Seel, autore nel 1982 dell'autobiografia coming out 'Moi, Pierre Seel, deportè homosexuel', scritto in collaborazione con Jean Le Bitoux da cui il film è tratto. "Imprigionato a 17 anni, torturato nel campo di Schirmeck e marchiato con il triangolo rosa - spiega Coda - assiste alla morte del proprio compagno, lasciato sbranare vivo dai cani".

02/01/13

dimmi che destino avrò di Regia:Peter Marcias Sceneggiatura:Gianni Loy, Peter Marcias altro che cinema panettonee



Prima d'iniziare il post , sulle note di Khorakhané (A Forza di Essere Vento) di Fabrizio de Andrè , prima che me ne dimentichi sbadato come sono lo trovate ancora in streaming qui fino al 9 di gennaio .








finalmente un natale senza cine panettoni e film mediocri o mezze cagate .Un film che ha al centro della vicenda una storia d'amore fuori dagli schemi, che ha per protagonisti un poliziotto e una donna di origine rom. E forte di uno sguardo davvero senza pregiudizi sulla vita in un campo nomadi. Con una particolare attenzione ai suoi abitanti più piccoli: e infatti la pellicola è sostenuta dall'Unicef, per "la sensibilità e delicatezza" - si legge nella nota dell'organizzazione - con cui affronta "il tema della discriminazione dei gruppi più emarginati di bambini e adolescenti". Ha ragione repubblica : <<


Ma queste parole impegnative non devono ingannare: l'opera - già uscita in alcune sale cinematografiche, con grandi consensi in Sardegna - non ha intenti sociologici, non è un saggio di politicamente corretto ma una storia centrata sulle emozioni. A cominciare dall'incontro tra un un uomo e una donna. Lui è un agente interpretato da Salvatore Cantalupo, già visto in Gomorra, che si trova per caso a indagare in un insediamento rom alla porte di Cagliari. Lei (Luli Bitri, star molto emergente del cinema albanese) è una ragazza che vive a Parigi per lavoro, e che tornando in quel campo - da cui proviene - finirà per confrontarsi con se stessa e con la propria identità.




"Dimmi che destino avrò parla essenzialmente d'amore - spiega il regista Peter Marcias - della possibilità di ascoltarci senza tener conto dell'etnia, della religione, del colore della pelle e di altro ancora: una strada difficile, ma è la mia". >> .IL produttore Gianluca Arcopinto, che con la sua Pablo distribuisce il film, sottolinea l'importanza della visione in streaming attraverso un sito a grande diffusione come Repubblica.it: "Una scelta che diventa un dono per tutte le famiglie - dichiara - che direttamente e comodamente da casa, e nel pieno del periodo natalizio, potranno fruire questo nuovo film di Natale".


Un film che ha arricchito lo stesso regista e gli stessi attori , come riferiscono in questa intervista a l sito movieplayer


Un film alla de andrè













chi non sentisse o non vedesse il video ecco il testo del discorso di de Andrè preso da http://guide.supereva.it/de_andre/interventi/2005/04/207484.shtml


“(…) è il caso del popolo Rom, quello che noi volgarmente chiamiamo “Zingari” prendendo a prestito il termine da Erodoto, che li chiamava “Zinganoi” - diceva che era un popolo che veniva dal sud-est asiatico, dall’India, che parlavano una strana lingua - che poi si è scoperto essere il Sanscrito - e che facevano un mestiere (se mestiere lo si può considerare): quello del mago e dell’indovino.


E’ quindi un popolo che gira il mondo da più di 2000 anni, afflitto o affetto - io non so come meglio dire, ma forse semplicemente affetto - da quella che gli psicologi chiamano “dromomania”, cioè la mania dello spostamento continuo, del viaggiare, del non fermarsi mai in un posto. E’ un popolo, secondo me, che meriterebbe - per il fatto, appunto, che gira il mondo da più di 2000 anni senza armi - meriterebbe il premio per la pace in quanto popolo.


Purtroppo i nostri storici - e non soltanto i nostri - preferiscono considerare i popoli non soltanto in quanto tali ma in quanto organizzati in nazioni, se non addirittura in stati, e si sa che i Rom - non possedendo territori - non possono considerarsi né una nazione né uno stato. Mi si dirà che gli zingari rubano; è vero, hanno rubato anche in casa mia. Si accontentano, però, dell’oro e delle palanche; l’argento non lo toccano perchè secondo loro porta male, lascia il nero - quindi vi accorgete subito se siete stati derubati da degli zingari. D’altra parte si difendono come possono; si sa bene che l’industria ha fatto chiudere diversi mercati artigianali. Buona parte dei Rom erano e sono ancora artigiani, lavoratori di metalli (in special modo del rame), addestratori di cavalli e giostrai - tutti mestieri che, purtroppo, sono caduti in disuso. Gli zingari rubano, è vero, però io non ho mai sentito dire - non l’ho mai visto scritto da nessuna parte - che gli zingari abbiano rubato tramite banca. Questo è un dato di fatto.”







Da “princesa e i Rom” - Fabrizio De Andrè, in un discorso durante un concerto. e contenuta nell'


Album dedicato a Faber dalla rivista A : Ed avevamo gli occhi troppo belli - 2001

















Concludo questo post rispondendo in anticipo alle domande e alle affermazioni , di chi commenterà qui o sui facebook dove metto gli url dei post , tipo : questi commenti al video sopracitato : << certo,un comunista ben pensante,ricco che certamente non abita vicino ad un campo rom parlerà cosi...e poi,certamente non avranno la bomba atomica,ma sto fabrizio non ha mai sentito parlare di accoltellamenti,sparatorie e stupri da parte degli zingari?quale popolo di merda puo mandare i propri figli sulla strada a chiedere l'elemosina se non il loro???sveglia,che non hai piu 20 anni rimbambito >> o << Prima di trovare la loro identità dovrebbero scoprire se hanno una dignità.Sono la feccia del mondo.. Mamma mia...se esistono italiani come voi, che negano l'evidenza così spudoratamente comincio a vergognarmi di essere italiano...(...) Io difendo la mia italianità e mi fa schifo la gente che sputa sul proprio paese per favorire rifiuti della società...sono spazzatura non uomini...!!! >>






"preferisco rischiare una fregatura in più che discriminare anche un solo innocente"...vogliono vivere onestamente, proprio perché non siamo disposti a dare loro neanche una possibilità. I campi sono nella maggior parte dei casi un ricettacolo di illegalità e delinquenza, che molti rubano o sfruttano i bambini per mendicare , è vero non ci piove,ma però: << (....) non sono -- perché ci lavoro -- non sono tutti delinquenti. Più della metà sono semplicemente "taglieggiati" dalla parte marcia. Più o meno come succede nei quartieri a rischio di Napoli. Ogni volta che facciamo tutta una "pastetta", stiamo vittimizzando ulteriormente chi vittima già lo è. >> ( dal commento nazarin75 al video citrato ) di E poi non si può vivere nella paura. Per superare la logica dei campi, tuttavia, bisogna essere disposti ad offrire lavoro a chi vuole lavorare. I problemi ci sono, è innegabile...ma io la penso in maniera diversa, e preferisco rischiare una fregatura in più che discriminare anche un solo innocente. Meglio derubato che stronzo . Inoltre i gitani I gitani sono persone che hanno arricchito la nostra cultura, pensate al flamenco che è una danza importata dai gitani andalusi, quindi quando assistiamo a uno spettacolo di flamenco stiamo assistendo a una danza zingara. Ascoltate la canzone di Dalida “Gil zingari” e “arlecchino gitano”, che mostra la vita dei gitani.






Non so che altro dire che buona visione













Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget