Visualizzazione post con etichetta fine estate. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta fine estate. Mostra tutti i post

10/09/13

© IL MONDO IN UNA STANZA di Daniela Tuscano




Com'è il penultimo giorno di vacanza? Di solito, inutile. E triste. I ragazzi vagano per la città in ordine sparso, sul viso un'espressione un po' così, anche le risate si fanno sommesse, spaginate. È un giorno che se ne va, fin dall'inizio. Resta la grande incognita del rientro, che cancella ogni illusione ma prepara, anche, a nuove avventure. Dove la vita pare più solida.
Nelle aule di oggi non c'è più il mappamondo, quella sfera multicolore, con luce incorporata, che racchiudeva in poco spazio l'intero pianeta. Si dice spesso che la Terra è diventata piccola, tanto piccola che non si trova più un posto, sulla cattedra, per quel globo variopinto, dove Stati e continenti si rincorrevano come instancabili formiche. Eppure, grazie al globo, era lo sguardo, tra fantasioso e incantato, a dilatarsi: l'Italia appariva microscopica se paragonata all'Africa maestosa, dilagata, come un'immensa Furia. Incombente e prossima. Più in là quello che si chiamava l'Oriente misterioso, e che per i più grandi di noi era ancora Mompracem. Il Medio Oriente non lo si capiva bene. Sfuggiva, oggi come ieri. La Mezzaluna fertile, la terra di Gesù. Anche in tal caso però evocazioni mitiche cavalcavano i nostri sogni.
Era un mondo lontano e piccolino ma ognuno sapeva perfettamente dove si trovavano l'Austria e l'Oceania, l'Antartide e il Messico, la Terra del Fuoco e l'Afghanistan. Il mondo era un libro, ma ricco d'incanti e di pozioni, dolce da scoprire. Il mappamondo rappresentava la nostra fiducia nell'altro, la nostra ansia di futuro.
Stamane ho trovato il globo nell'aula di religione, nel corso delle riunioni per materia che precedono l'inizio dell'anno scolastico. Aspettava paziente come un vecchio amico. Pareva incoraggiarmi ad affrontare le prossime fatiche, e gli anni che inesorabilmente avanzano, con rinverdito stupore, da vecchia fanciulla.

© Daniela Tuscano

Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget