Visualizzazione post con etichetta favole galluresi. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta favole galluresi. Mostra tutti i post

27/07/12

vietato raccontare favole sui santi pena il boicottaggio delle rappresentazioni è successo a tempio pausania il 26\7\2012 padrre Paolo Contini attacca Maria antonietta Pirrigheddu e .l'associazione l'almunia

Posso  capire   che questa  storia    che sotto  riporto (  ricollegandomi   a quanto dicevo  nel  post  precedente  sulla memoria  )   possa  essere  considerata  dai  : 1) i  membri del clero , in questo  caso  il padre di un convento  e  chiesa  Francescana ., 2) dalla  gente  , soprattutto  i  credenti  del quartiere  , ma  la censura preventiva    o le lamentele  posteriori   non in privato  agli autori  ma pubblicamente   proprio non ci sto  .


Ma quello che  più  mi da  fastidio  non è  tanto la reazione prevedibile  di padre paolo  Contini visot  che non è  nuovo a  questo genere  di cose  basti vedere come  molti stiano abbandonando  la parrocchia  di san  giuseppe  ma del  quartiere  che anzichè ragionare  con la propria  testa  fa  proprio   come : <<.(...)  le pecorelle escon del chiuso \a una, a due, a tre, e l'altre stanno \timidette atterrando l'occhio e 'l muso;\e ciò che fa la prima, e l'altre fanno, \addossandosi a lei, s'ella s'arresta, \semplici e quete, e lo 'mperché non sanno;  (...)  >> (  In Dante Purgatorio · Canto III 81-84  )


Ad onor di verità l' articolo  della  cronaca  di tempio della nuova  sardegna d'oggi   andrebbe integrato con alcune precisazioni che, spero, il giornalista pubblichi successivamente, magari dando anche voce a Mari Pirrigheddu, direttamente chiamata in causa nella vicenda! Io ne cito solo un paio: 1) Lo spettacolo si è tenuto nella piazza di San Giuseppe, esattamente nel sagrato della chiesa!  anche  se  la luce  èstata presa   non dal campanile  , ma dai campetti  vicini   donati  dal comune alla parrocchia  2) Nonostante le preoccupazioni paventate dal parroco, e  il boicottaggio del  quartiere , per le  iniziative collaterali , i vecchi  giochi  , alcuni coraggiosi (  forse perchè  c'era   fra i partecipanti allo spettacolo  una  ragazza  del quartiere   ) della comunità della sua parrocchia ha riempito il sagrato  ed  un privato   del quartiere   che gli ha donato  la corrente     negatagli dal parroco ! Fino ad oggi la piazza con più spettatori!  

dalla  pagina  di facebook del'attrice  http://www.facebook.com/mari.pirrigheddu  meglio nota  agli utenti   più fedeli (  cioè  querlli\e che mi seguono fin dal vecchio blog  )  come    http//www.lunadivetro.it 




A grande richiesta pubblico la fola (antica e molto conosciuta) che ho raccontato  l'anno scorso in piazza, e che pare abbia offeso qualche rappresentante ecclesiastico. Il mio intento, con questa nota, non è quello di creare polemiche, ma di mostrare A TUTTI il contenuto delle storie oscene che narro. A proposito, anche questa me l'ha raccontata mia madre! 

SANTA PALONIA
Dicini chi la mamma di santu Petru no era unu stincu di santu... 
era divintata “santa” Palonia in onori di lu fiddolu, ma ancora cun chissu tittulu no nilli passàa mancu pa’ lu capu di curriggjssi calche diffettu. E siccomu era egoista, altezzosa, milchigna, invidiosa, pettegola e faulaggja puru, cand’era molta, maccari mamma di santu Petru, cill’aìani lampata illu Pulgatoriu – e proppiu pa’ trattalla bè.
Chì indrentu la femina no si piacìa, comu pudeti immaggjnà. No era abbittuata a mancalli li cumuditai, ma subbrattuttu patìa la mala cumpagnia. Da candu lu fiddolu era divintatu famosu, infatti, trattàa solu cun passoni altoloccati, e dispriziàa li poari e tutti chissi chi sigund’idda no erani a paru soiu. Illu Pulgatoriu, invecci, di ’jenti vinn’era di dugna galitai e idda, suddizzica com’era, no lu pudìa suppultà.

Li lamenti di santa Palonia s’intindìani da allonga, e da subbra santu petru cumincesi primma a infastidissi, dapoi a aenni la lastima. E dunca, no pudendinni più, dizzidisi di prisintassi a Nostru Signor pa’ dummandalli la grazia pa la mamma.
Gjesu Cristi, però no ni ’ulìa la ’ntesa: la cunniscìa bè, e gjà s’ammintàa tuttu lu chi aìa cumbinatu in vita. Li primma tempi chi iddu aìa cuminciato a iscì cun santu Petru, infatti, Palonia no era cuntenta pa’ nudda: dicìa chi Gjesu Cristu era un balduleri, senza alti e né palti, e chi lu fiddolu sarìa andatu a finì mali punendi ’nfattu a iddu. Ma santu Petru no la punìa menti.
No riscendi a sipparalli, cosa fesi Palonia, chi ni sapìa una più di lu diaulu? Invitesi a Gjesu Cristu a cinà, pripparesi un imbulicheddu cu indrentu una maìa (una fattura, mi’) e lu punisi sutt’a lu tappettu di la ’janna. Comu Gjesu Cristu arìa postu pedi in casa, sarìa filmatu fuculatu.
Ma Nostru Signori ni piddesi subbitu capu: «Pietro», disi a l’amicu, «questa è la prima volta che entro in casa tua: prendimi in braccio per varcare la soglia!»
Santu Petru mischinu ubbidisi, e la maìa falesi innant’a iddu.
Palonia no silla pudìa balìa. Primma di cumprì la cena, a l’affultu, ni tiresi chiddu imbulicheddu da sutt’a lu tappettu e lu punisi illu subbraluci di la ’janna. Chista’olta Gjesu Cristu no sill’arìa scampata.
Invecci nostru Signori, beddu pasigu, cand’era iscendi: «Pietro, per entrare mi hai portato tu; ma stavolta sarò io a portarti in braccio, per uscire da casa tua!». A santu Petru li parisi un onori mannu... e la moltimala turresi a falà innant’a iddu. Vi ’ulisi un beddu miraculu pa scuncià la maìa.
Dunca Gjesu Cristu no aìa nisciun contu di libbarà a Palonia da lu Pulgatoriu: sapìa chi primma d’iscinni arìa dutu fa abbedd’anni di pinitenzia – si mai ni sarìa isciuta. Ma santu Petru insistìa, e li pultàa tutti li rasgioni di lu mundu pa’ cunvincillu a bucanni la mamma da chissu locacciu primma di cumprì lu so’ tempu.
«Si no la ’oi fa pa’ idda, chi no silla mireta», li dicìa santu Petru, «falla alulmancu pal me e pa’ tutti li meriti ch’aggju autu in tarra, chi t’aggju aggjutatu di dugna manera...»
«Chici lachemu paldì ch’è meddu», li rispundìa Nostri Signori, «no m’araggj’a ammintà la ’olta di lu ’jaddu...»
«Lu ’jaddu? Chi gjaddu?»
«Cos’è, till’hai sminticata? “Prima che il gallo canti...”»
«Chissa è stata una disgrazia... Però è mamma mea ed eu no possu aè paci mancu illu Cielu, intindèndila lamintassi cussì., chi lu pinsamentu soiu minni boca tament’e che lu sonnu. Femu calche cosa, agattemuli un rimediu!»
«Mira chi tantu no selvi a nudda...» li dicìa Gjesu Cristu.
«Comu sarì a dì chi no selvi a nudda? Noni chi no è cussì!» lu cuntrariàa santu Petru. Insomma, tantu disi e tantu fesi chi a la fini Nostru Signori si pruesi a cuntintallu.
Ma siccomu era ’justu e no pudìa fa a ca fiddoli a ca fiddastri, li disi:
«Tò, pidda chista peddi d’agnoni, affaccati a lu Pulgatoriu e lampavvilla. Cantu pili ci ha, s’attacchia amini! E candu si so attaccati tutti li chi li resci, tiranni la peddi e alzannilli tutti a chici. Bè anda?»
Santu Petru, cuntentu che ciccipasca, accjappesi la peddi e currisi a la bucca di lu Pulgatoriu: «Curriti, mirè chi vi socu lampendi una peddi pa’ tiravvinni da undi seti!»
Insembi a Palonia n’accudisini umbè, e si desini a brincà pa’ attaccassi a li pili di l’agnoni. Ma santa Palonia cumincesi a gridi: «Cosa seti fendi? La peddi me’ fiddolu l’ha lampata pal me! Iscitivinni, la peddi è mea, mea solu!». E piddesi a dà a calci e a granfi e a uitati a tutti chiddi culcitti chi s’accustàani pa cilcà di salvassi pur’iddi.
«Detivi banda, chi chistu è locu meu!», gridàa Palonia, «soch’eu la mamma di santu Petru, e iddu è lu patronu di la ’janna di lu Cielu! Lachetimi passà ch’è vinutu a salvà a me, lasseti sta la me’ peddi!»
L’alti poaretti cilcàani di galdassi comu pudìani, ma Palonia parìa un dimoniu.
Da subbra, santu Petru cumincesi a paldì la pazenzia: «O ma’, steti bona, no la triuleti cussì la peddi...»
Palonia nemmancu lu ’ntindìa, tutta presa com’era a cilcà di lampacci l’alti distraziati chi vulìani punì infattu.
«Ma’, lachetili sta, bon fiddola...»
Ma Palonia no si pudìa barrà. Da chi sinni svilisi, santu Petru, attidiatu nieddu, scuzzulesi la peddi e tutti li chi v’erani attaccati ci falesini, cumpresa la mamma. Comu dici lu dittu? Pa’ un piccadori cent’e unu ni mori. Gjresi li spaddi e sinn’andesi, lachendisilla illu Pulgatoriu più disperata e a urruli di primma.
«Ettandu, comu se’ andatu?», lu dummandesi Nostru Signori candu lu ’idisi turrendi cu’ un palmu di muccichili.
Santu Petru nemmancu li rispundisi; ma la dì imparesi chi Iddu aìa rasgioni, a vulè lacà li cosi comu so, palchì da undi no v’è no vi pò iscì, e cun celti passoni no vi pò mancu Gjesu Cristu.


Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget