Visualizzazione post con etichetta fatti non pugnette. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta fatti non pugnette. Mostra tutti i post

06/07/12

G8 Diaz: "Decapitati i vertici della polizia italiana"


Brava cancellieri e Bravo manganelli ( quando vuoi oltre il manganello sai usare anche la carota ) hai fatto seguire i fatti alle pugnette . speriamo che le persone che hai messo al posto di quei fettenti siano degne e rispettino la gente e non vadano a picchiare e poi creino per discolparsi prove false . Adesso se volterte realmente chiedere scusa : 1) inserite nel codice il reato di tortura ., 2) e commissione d'inchiesta sui fatti del g8 dato che Molte cose di quel G8 a Genova rimangono incomprensibili, e primo fra tutti ilcomportamento delle forze dell'ordine...e viene da dire "ma quale ordine, le forze del disordine provocato". Forse per questo, di fronte ad evidenti prove, la Corte di Cassazione non ha non potuto comprovare la responsabilità dei vertici delle forze del (dis)ordine.
Speriamo   che  ciò avvenga  se no altrimenti sono  solo  scuse  d'Arlecchino e lacrime  di  coccodrillo e  si conferma  ulteriormente  (  con cui  concordo in pieno  )  quanto dice   il blog  isegretidellacasta.blogspot.it/http://  


VENERDÌ 6 LUGLIO 2012

G8 Diaz: "Decapitati i vertici della polizia italiana". Si, ma chi li ha messi lì?

La storia della repubblica Italiana è sempre stata purtroppo contrassegnata da depistaggi, insabbiamenti, stragi impunite e pagine nere rimosse. Ieri la Cassazione ha coraggiosamente provveduto ad aprire uno squarcio di verità rispetto ai fatti del g8 e in particolare ai pestaggi dentro la scuola Diaz, dove dormivano alcune decine di manifestanti inermi, scambiati "casualmente" per pericolosi black-bloc.

Le condanne penali non valgono nulla, cancellate una parte dall'indulto e un'altra dalla prescrizione, i responsabili della mattanza della Diaz non trascorreranno nemmeno un giorno in carcere.Ma è la pena accessoria dell'interdizione dai pubblici uffici per 5 anni che comunque rappresenta un segnale importante: questi pregiudicati - da ieri a tutti gli effetti pregiudicati - non possono più sedere e sovrintendere i vertici della polizia, delle forze dell'ordine e dei servizi segreti italiani.In qualsiasi altro paese civile, penso a casi analoghi di procedimenti penali nei confronti delle alte sfere dei servizi di sicurezza nazionale, la rimozione e la sospensione cautelativa sarebbe scattata già all'indomani del rinvio a giudizio o della condanna in primo grado.In Italia abbiamo dovuto attendere 11 anni.Ma la cosa più grave è che in questi 11 anni tutti questi pregiudicati sono stati premiati con promozioni su promozioni, scalando progressivamente fino ad arrivare ai vertici della sicurezza nazionale.In tanto oggi commentano increduli: "decapitati i vertici della polizia".Ma chi ce li ha messi questi pregiudicati ai vertici della polizia?Claudio Scajola, Giuliano Amato, Giuseppe Pisanu, Roberto Maroni.Ma loro fanno parte della Casta, la casta degli intoccabili.E poi c'è Gianni De Gennaro, il quale però ha appreso subito gli insegnamenti della Casta e così ne è uscito fuori dalla vicenda completamente pulito: prima ha affermato di aver ordinato la mattanza "a sua insaputa", poi per pararsi il sedere e la poltrona è andato da Mario Monti ed è uscito con una bella nomina a sottosegretario alla Presidenza del Consiglio.vedrai che De Gennaro farà carriera in politica...

Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget