Visualizzazione post con etichetta eterno riposo. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta eterno riposo. Mostra tutti i post

12/06/12

Cagliari, custodi agguerriti in cimitero Gabbiani in picchiata contro i visitatori


Edizione di martedì 12 giugno 2012 - Cronaca di Cagliari (Pagina 33)

IL CASO. Una colonia di diverse decine di volatili ha nidificato alle spalle della cappella del camposanto

I guardiani del cimitero di Bonaria

Come in un film di Hitchcock: i gabbiani “attaccano” i visitatori

Quando qualcuno si avvicina iniziano ad alzarsi in cielo e si dispongono in formazione circolare. Venti, trenta gabbiani che vorticano sulla testa dei visitatori e, se ci sono dei piccoli nelle vicinanze, i genitori non esitano a scendere in picchiata, rasentando il suolo, per attaccare l'intruso. Chi visita il cimitero monumentale di Bonaria, dove diverse decine di gabbiani reali hanno colonizzato lo spazio alle spalle della cappella, rischia di vivere scene simili a quella del film Gli uccelli di Alfred Hitchcock.
GABBIANI IN VOLO SULLE CAPPELLE DEL CIMITERO MONUMENTALE - FOTO BELILLO
LA COLONIZZAZIONE Appena si varca il cancello all'incrocio tra viale Bonaria e viale Cimitero già si sentono in lontananza le tipiche “urla” degli uccelli marini. Quando si imboccano i viali che si inerpicano per la collina e si passeggia tra monumenti e statue, che fanno dello storico camposanto cittadino un vero e proprio museo a cielo aperto, ci si accorge della presenza degli uccelli per il guano che ricopre la ghiaia e i parapetti in pietra e per la sensazione di essere osservati. E infatti è così. Basta gettare uno sguardo intorno a sé per accorgersi che decine e decine di uccelli, adagiati sulle croci, sulle tombe e sulle statue controllano i movimenti dei visitatori. Sono come delle vedette, che segnalano al resto della colonia che vive tra le tombe alle spalle della cappella, l'avvicinarsi di un visitatore poco gradito.
L'ALLARME Perché quel territorio è cosa loro da almeno tre mesi. Da quando i gabbiani decisero che lì avrebbero deposto le uova e fatto nascere i loro pulcini. E nel momento in cui qualcuno si avvicina troppo ai piccoli - riconoscibili perché, a differenza degli adulti, hanno il piumaggio grigio e maculato - bisogna aspettarsi un attacco. Niente di pericoloso, sia chiaro, perché dopo la picchiata, quando arrivano a poche decine di centimetri dal “bersaglio”, i gabbiani con un colpo di coda riprendono quota senza colpire. Solo un modo per spaventare gli intrusi e invitarli ad abbandonare l'area.
L'AVVISTAMENTO «È due, tre mesi, che hanno nidificato», spiega Antonio Sanna, il custode del cimitero che ricorda come «vengono tutti gli anni». Ma quest'anno sono molti. Così, turisti e abituali visitatori del camposanto monumentale si sono accorti della loro presenza. Com'è successo a Michela Tiddia, studentessa di architettura che nei giorni scorsi era tra le tombe del cimitero per scattare alcune foto per un esame. «È un vero peccato non aver potuto osservare tranquillamente l'architettura cimiteriale - afferma la studentessa - la presenza dei volatili era fastidiosa e potenzialmente pericolosa».
La pensa diversamente un amico del guardiano, Roberto Fadda, operaio comunale che con un pulmino porta in giro i visitatori all'interno dei viali del cimitero. «Siamo noi che violentiamo la natura - afferma - è come se fosse tutto nostro e non lasciamo spazio alle altre specie, come i gabbiani, che sono costretti ad andare nelle discariche per cercarsi cibo».
L'HABITAT IDEALE In questo caso non si tratta di discariche, ma di un'area verde al centro della città seppure poco frequentata dall'uomo e vicina non solo al mare, ma anche ad altre fonti di approvvigionamento di cibo. È noto, infatti, che i gabbiani sono animali onnivori e che per cibarsi non disdegnano rovistare tra i cassonetti dell'immondizia, nelle ciotole che molte persone lasciano per i gatti randagi e dovunque possa esserci qualcosa di commestibile.
Forse proprio per questo, il cimitero è un posto ideale dove posare le uova e far crescere i pulcini in assoluta tranquillità.
Mario Gottardi

Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget