Visualizzazione post con etichetta estate romana. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta estate romana. Mostra tutti i post

08/09/08

E' ANDATA ALAL GRANDE ESPERIMENTO RIUSCITO





Miei cari amati amici blogger. Come state? .. Io benissimo. Sono davvero felice perchè la mia follia è risultata ottima a detta degli esperti. Vengo ad esplicare:


Mercoledì scorso sono stata invitata a presentare il mio libro. "Prendimi e Uccidimi" nella mitica manifestazione del "Fontanone Estate2008" giunta ormai alla XIII edizione nel prestigioso ambito dell'estate romana.



Potete leggere tutto il programma qui: http://www.fontanone.it  (spulciando nel sito al giorno 3 appare la mia locandina) che si concluderà il 14 settembre, vi consiglio vivamente di andare a vedere almeno uno spettacolo.



Da sempre, in quel bellissimo palco all'aperto con affaccio sulla famosa fontana Dell'Acqua Paola, al Parco Della Rimembranza (Gianicolo), vengono ad esibirsi affermati gruppi musicali, attori di teatro di nota fama,(uno per tutti: Arnoldo Foà) affabulatori, fini lettori ed interpreti di poesie e racconti noti, istrioni di ogni tipo e genere, ballerini e perfomer di vario tipo, insomma tutto ciò che fa spettacolo e chi fa spettacolo nel vero senso della parola, "artisti". (veline, vallette, tronisti, uomini e donne, opinionisti,cacciatrici e cacciatori di farfalle varie o mosconi, falsi personaggi, tuttologi, presenzialisti inutili e quant'altro di peggio si vede ogni giorno in tv, sono  rigorosamente banditi dal fontanone),



Ma non avevano mai "aperto" alle presentazioni letterarie. Quest'anno i mitici e storici direttori artistici del Fontanone: Enzo Aronica,M.Luisa Bigai e Riccardo Barbera, hanno deciso d'inserire anche altro: "AMORI E CRIMINI" al femminile,(solo il 3) al quale ho partecipato. Intervista, lettura e presentazione del mio thriller a cura di Cristina Cellini.



Ed ecco dove arriva la mia follia. Stanca di rappresentarlo sempre nello stesso modo ormai da otto mesi, (intervista, introduzione racconto e breve biografia, domande sulla storia, progetti futuri ed infine la lettura di un brano da parte di un attore o attrice),



chiedo al direttivo se posso "muovermi in modo diverso" mi danno carta bianca, felice inizio a svolgere e a scrivere la regia della serata. Ho meno di un'ora a disposizione e nessuna intenzione di annoiare il pubblico pagante (non lo sapevo è stata la prima volta nella mia vita, come in un vero teatro) che verrà a vedermi.



Il palco non è grande ed è tutto all'aperto, mentre i posti a sedere sono come quelli di un vero teatro. L'emozione è fortissima e la tentazione di far spettacolo anche. Scrivo e preparo tutto la notte precedente, senza dormire praticamente mai. Chiamo a raccolta cinque attori doc per realizzare la mia idea, attori che mi cambiano continuamente per impossibilità lavorative fino a poche ore prima dello spettacolo e l'ansia sale a mille.



Siamo tutti lì un ora prima dell'arrivo del pubblico, ma nella locandina appesa fuori dal teatro è rimasta, per impossibilità di tempo, la foto di un attore che è stato sostituito da un altro. Voglio subito fare le prove di movimento, battute ecc,ma non è possibile perchè il tecnico deve prima impostare i microfoni e vedere se funzionano. Ok, però se non vi dico come ci muoveremo sul palco e dove andremo a sederci è tutto inutile, no?.



Finalmente posso "dirigere" l'orchestra. I miei amici attori erano convinti di dover leggere un brano a turno in un momento preciso della serata e invece io cosa gli combino? ... Tiro fuori 6 copioncini con didascalie, battute, movimenti e reazioni, tempi e tutto insomma per realizzare una performance tra il teatrale, il cinematografico e la lettura, di una situazione scelta dal libro da rappresentare recitando.



Mi guardano come avessero visto un marziano ballare sulle punte insieme alla Fracci. Gli spiego tutto, il tempo stringe, accettano perchè sono dei grandi amici e non solo bravi attori, e  quindi si buttano nella mischia assieme a me.



Le scenografie delimitate da due bellissimi quadri del mio amico Claudio Angeloni.



Gli attori sono: Cinzia Carrea nel ruolo di: "Valeria Majano", Maurizio Matteo Merli è: "Stefano De Bei" Cristina Cellini (e dove scappava pure lei certo) è:la madre 70enne di Stefano, "Giulia De Bei", Nicola Canonico è: "Gabriele Doria". E dulcis in fundu .... Fon Fragassen in arte Claudio Fragasso, che si presta a farmi lo speaker televisivo oltre al televisore stesso da scenografia. Bisogna mimare ogni gesto, c'è solo un tavolo sul palco con delle sedie. Quindi ad un mio gesto preciso e coordinato, "Stefano- Merli" spegnerà la tv impersonata da Fragasso-speaker con un gesto della mano. Cristina-Giulia entrerà in scena  fingendo di avere in  mano un vassoio ricolmo di gnocchi fumanti. Mentre ad una battuta precisa di Stefano.Merli, Cristina.Giulia farà finta di uscire di scena allontanandosi.



La situazione, per chi ha letto il libro è quella del pranzo con gli gnocchi a casa di Giulia e Stefano De Bei.(pag,116 capitolo XLII)



Tutto è pronto, si va in scena .... Inizio: sedute dietro al tavolo Cristina m'intervista con delle domande preparate da me la sera prima. La cosa è carina e mai noiosa. Nasce una dissertazione amicale e divertente che poi si fa seria quando affronto la tematica dello studio criminale sulle menti dei serial killer. (il pubblico è coperto dal buio in sala i riflettori mi accecano e la paura svanisce, perchè non li vedo)



Finita l'intervista ci alziamo, e come da copione chiamo a salire sul palco i "miei" attori, li presento al pubblico, do la parte ad ognuno di loro, e mentre iniziano a studiarsela, spiego al pubblico cosa sta per accadere e in che punto del libro ci troviamo. Ognuno raggiunge la sua postazione, sistemo la scena in diretta, dando il via con il classico "Azione". Tutto fila a meraviglia e sul finire dell'ultima battuta, blocco il tutto gridando "Stop"  poi rivolta al pubblico aggiungo : "Se volete sapere come va a finire la storia leggetevi il libro".



Ecco com'è andata. Applausi e tutto il resto. Credo che mercoledì sia nato un nuovo modo di presentare un libro, miscelando recitazione e rappresentazione teatrale con quella cinematografica. Il tutto è durato meno di 45 minuti, la gente si è divertita, sorpresa, ed  ha seguito con vivo interesse l'unico punto del racconto che è anche commedia e non solo adrenalina. Non ho tolto spazio a chi veniva dopo nè pubblico, nessuno è scappato via, dopo invece si, ma questa è un'altra storia.



Voglio ringraziare anche tutti gli amici di myspace che sono venuti facendomi un gran bel regalo, adesso non siamo più virtuali.



Ora ilfilmato completo della serata non ce l'ho perchè non ho potuto riprendere in quanto ne facevo parte, ma Enzo Aronica l'ha fatto e a breve lo metterà su youtube, però ho ripreso la cena svolta tra tutti i partecipanti, meno Cinzia Carrea che è dovuta scappare a casa. La qualità audio e video è la solita del mio cellulare ed io sono decisamente su di giri, finalmente rilassata e un pò brilla, ma non di vino, solo di pura felicità.



Un bacione a tutti voi e buon INIZIO settimana. Rossella







Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget