Visualizzazione post con etichetta esodo giulianmo -istriano. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta esodo giulianmo -istriano. Mostra tutti i post

02/02/14

quando alle foibe saranno ricordate a 360* e non solo le brutture comuniste si potrà avere un ricordo comune o condiviso . io ricordo ma non celebro

per  approfondire  l'argomento

Terribile constatare  che  man mano che  ci si avvicina  al  10  febbraio , come   per la giornata della memoria  : << quasi tutti si affannano a ricordare le vittime dell'olocausto, ma alcune persone che conosco personalmente, non sono nemmeno capaci di far pace con il loro cervello, e portano rancore per i propri simili ,familiare e amici. Fino a ieri gridavate morte per l'intera umanità. Ma stranamente questo fenomeno "TELEVISIVO" dell'olocausto lo usate come pretesto per ricorda (AGLI ALTRI) che si deve essere buoni con ebrei,sunniti ,rom, omosessuali etc. Ricordate a voi stessi che siete FALSI COME LA MERDA .
 

Gli altri non hanno bisogno delle vostre finte prediche. Sicuramente e vi vedete un trans che vi sculetta davanti, vi viene voglia di prenderlo a mazzate, così come se ascoltate un discorso di un ebreo , sul fatto che vi considera INFERIORI siete i primi ad urlare "H H" merde ipocrite.>> , tutti    s'affanno a ricordare   e celebrare  le  vittime delle foibe    slave  - comuniste   ed   l'esodo   di tali popolazioni  dimenticando  ed  omettendo   le cause  che  l'hanno originate     e decontestualizzandole  .   iL Corsivo è  tratto    dalla pagina  (  vera  o presuinta  )  facebook di valentina  nappi   https://www.facebook.com/valex.nap 

Inizialmente    volevo non celebrare  ( ATTENZIONE   COSA BENE  DIVERSA  DAL RICORDARE  O  INVITARE  AL RICORDO  )  perchè   : <<
(  .... ) Forse oggi il problema sta proprio nel fatto che abbiamo ripulito le nostre coscienze istituendo una giornata della memoria. Abbiamo relegato il compito di ricordare a quei docenti volenterosi che il 27 gennaio mostrano ai propri alunni La vita è bella e le immagini Auschwitz, dimenticando di parlare, per esempio, delle leggi razziali e scordando di studiare con dovizia il fascismo. Stamattina il ministro della Pubblica istruzione, Maria Chiara Carrozza, parteciperà alla classica inaugurazione di una mostra e poi da domani nelle scuole si torna a far finta di nulla. Una memoria da “operazione edicola” dove per l’occasione è spuntato persino un Dvd della Nazionale italiana che visita il campo di sterminio di Birkenau.
La memoria deve diventare vita. Nelle mie classi ricordo l’Olocausto quando parlo di razzismo e intolleranza leggendo con i bambini Girogirotonda di Federico Taddia, la storia di una piccola rom, che lava i vetri agli incroci o quando abbiamo ospitato il partigiano bolognese 86enne Armando Gasiani che ha passato ai miei ragazzi il testimone.
Faccio memoria di quella tragedia quando ogni giorno leggo il quotidiano con loro, quando in storia, arrivato al capitolo sulla civiltà ebraica, nonostante il libro di quinta citi a malapena la Shoah, mi fermo per qualche giorno a scoprire chi erano gli ebrei nel nostro territorio, cosa facevano e che fine hanno fatto. Onoro i rom, gli omosessuali, i partigiani, gli ebrei quando parliamo di Europa perché come scrive Bensoussan “bisogna avere ben chiaro che in realtà l’Unione Europea l’ha istituita per celebrare la rifondazione dell’Europa. L’unità europea è stata costruita sull’antinazismo e il simbolo del nazismo, ciò che lo differenzia dall’altro grande totalitarismo, il comunismo, è appunto la Shoah. È la Giornata della Memoria europea, non ebrea. È l’Europa dei lumi contro la notte della ragione”.
Non abbiamo bisogno di mostre, di dvd, di inaugurazioni, di belle parole a tempo determinato ma di assumere i valori che la Storia ci ha insegnato a tempo indeterminato, vivendoli nelle nostre classi ogni giorno.   (....)   da   http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/01/27/shoah-oggi-in-classe-si-celebra-il-funerale-della-memoria/858144/
 Sul perchè bisogna  ricordare ed  ascoltare  oltre che cercare  di bloccare  con scritti  , video  , ecc   le terstimonianze     anche a costo  di    passare per matti  e \o fissati   perchè    "Quando si guarda la verità solo di profilo o di tre quarti, la si vede sempre male. Sono pochi quelli che sanno guardarla in faccia." ( Gustave Flaubert )  ecco altri due  url  


 Ma  sopratutto  come   ho già detto  in tutti i miei  post precedenti  su  tale  evento   per  evitare  che  :
-  che tali eventi  siano   da  una parte  ( sinistra  )  e  dall'altra  ( destra  )   usati , travisati e decontestualizati  ideologicamente  sminuendo  quello che  è avvenuto prima  o quiello  che avvenuto  dopo  
-  che  non accada mai  più . 
- perchè     Il silenzio   durato  60  anni  ( salvo  poche  eccezzioni  )  per  oportunità politichje  \  ideologiche  derivate  dal clima  della guerra fredda  . Infatti secondo lo storico Gianni Oliva il silenzio è da ricondurre a tre motivi principali :     <<  (....)  innanzitutto la necessità, subito dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale, del blocco occidentale di stabilire rapporti meno tesi con la Jugoslavia in funzione antisovietica; cause politiche dal momento che il PCI non aveva interesse a evidenziare le proprie contraddizioni sulla vicenda e le proprie subordinazioni alla volontà del comunismo internazionale; un silenzio da parte dello Stato Italiano che voleva sorpassare tutto il capitolo della sconfitta nella guerra da poco conclusasi.  (...) >>  da  http://www.quotidianogiovanionline.it/  per   l'articolo  completo   di  Nicolamaria Coppola  qui  . Ecco   dunque   che  esso  è  un brutto segnale per un Paese che voglia vivere serenamente il suo presente e progettare unito il suo futuro.

03/02/13

10 febbraio foibe ricordare a 360 gradi


Dopo  la  giornata  della memoria  (  27  gennaio  ) ecco  un altra  giornata \  ricorrenza che  non mi va  di celebrare  ( perchè non c'è  niente  da  celebrare smiley grumpy ) ma  solo  di ricordare (  quello  si perchè soltanto dopo  che  si è ricordato   a 360  gradi   tali tristi avvenimenti  si potrà  celebrare triste angel ) .    
Io  ricordo  e ne parlo lo stesso  nonostante   ( ormai ci ho fatto il callo angel )  mi capiti   tutti  gli anni,   da  quando  è  stato istituito  il ricordo e da quando  ne  ho preso coscienza direttamente e  ne parlo e ricordo ( almeno ci provo ) a  360  gradi   tali avvenimenti sul blog , di  venire,  con commenti ai  post   che  scrivo per   tale  data  considerato fascista  dai  duri e puri (  gli irriducibili )  amici  e  compagni di viaggio  appartenenti    dell'estrema  sinistra  , e comunista    da  quelli   di destra specie  quella  estrema  e in maniera  virulenta    \  faziosamente  anticomunista    . 
Ora molti  di voi , specie  quelli nuovi  si chiederanno , perchè allora  ricordi  e  parli di tali eventi  ? 1) l'eventualità più verosimile è quella del giudizio storico che ci chiederà conto per aver permesso una civilissima e democratica barbarie per aver  dimenticato o peggio  guardato altrove ., 2)  La storia fatta di silenzi, di falsificazioni, di mistificazioni, non è maestra di vita. 3)   questa  non è mia  è preda  da  un luogo   dove  si è smarrita   anche l'ultima  briciola   di ciò che rende uomini  >>n° 289  di Martin Mystere  . Ma  soprattutto  Perchè tali tragedie  non vanno  dimenticate   perchè  è solo coltivandone il ricordo  a 360   chi se  frega  se , come mi è successo  per le  critiche  ricevute  al  mio post  di due  anni fa  su tale  data , in cui   mi hanno accusato   di non voler  riconoscere   i crimini   di tito  e del comunismo  e di fare da scaricabarile denunciando  solo  quelli del  fascismo   .
Tesi che   io smentisco   come potete  vedere  da link  sotto  ( oltre a quelli presenti nel post prima citato  ) sotto riportati e  da questa  testimonianza  (  ne  ho parlato in uno dei post  del blog  che  trovate      cercando   nel motorino    che  trovate a  destra   in alto se digitando la  parola  foibe  appena  aprite  www.ulisse-compagnidistrada.blogspot.com  )   << Ora non sarà più consentito alla Storia di smarrire l’altra metà della Memoria. I nostri deportati, infoibati, fucilati, annegati o lasciati morire di stenti e malattie nei campi di concentramento jugoslavi, non sono più morti di serie B.>> Annamaria Muiesan  figlia  di  una vittima  delle foibe   ).  io  voglio solo  , come  dice  un commento  ad  un video sulla  storia  del confine orientale  e quindi  sulle  foibe e  sull'esodo    ( non ricordo  ne quale  nè l'url   )   <<  che  tali crimini  dettati  dall'odio ,del nazionalismo  esasperato , dall'ideologia   non si debbano ripetere  mai più perchè è   tristezza,tristezza infinita per quello che ci siamo fatti a vicenda. siamo vicini,vicini di confine,vicini di casa,vicini di tutto,e siamo stati delle bestie... fascisti comunisti. ma che importa ormai , siamo i nipoti , i pronipoti abbiamo il dovere di non far capitare mai piu atrocità simili >> . Ma  soprattutto  non siano  : nè strumentalizzati  e  usati  ad  uso  e consumo  sminuendone  alcune aspetti e  concentrarsi  solo  altri   da  una  determinata parte politica \ culturale  (  vedere    cercando nei motori  di ricerca  alla voce  10 febbraio  che   ne  attribuisce  i crimini  ai soli comunisti  o viceversa  ai soli fascisti    né  che sia  occultata  perché indigesta  o per  motivi  politici  come  è stato fatto durante  la  guerra  fredda con il silenzio  creando un vuoto  generazionale  come dice  un  commento  ad   un mio vecchio post ( mi pare fosse   del 2006\7  )  sui tale giornata :
<<  Il Foglio 14/02/06 Uffa! di Giampiero Mughini Una gigantesca menzogna durata mezzo secolo. Ascoltavo un paio di giorni fa, alla trasmissione radiofonica di Barbara Palombelli su RadioDue, Anna Maria Mori che presentava il libro dove racconta la sua odissea di giovane istriana divelta dalla sua terra dalla decisione degli Alleati di accordare alla Jugoslavia una terra italianissima, l’Istria.
Furono oltre 350 mila i nostri connazionali che persero tutto, salvo la valigia che avevano in mano quando salirono sulle navi che li portavano in un’Italia che li accoglieva distratta e diffidente. C’è voluto mezzo secolo prima che quel dramma emergesse alla luce, prima che noi potessimo pronunciare correntemente il nome “foibe” e tutto il resto di quella saga barbara.
Mi chiedo, io che ero a sinistra nei miei vent’anni e trent’anni, quando ho avuto coscienza per la prima volta di quel nome e del dramma cui alludeva. Io che leggevo il supplemento libri di Paese Sera, Mondo nuovo, l’Unità, il Manifesto, il Giorno, Rinascita, Problemi del socialismo, di quel nome e di quel dramma non ne sapevo proprio nulla. E quando ho sentito pronunciare per la prima volta il nome dell’istriana Norma Cossetto, io che sapevo tutto dell’assassinio di Giacomo Matteotti e di don Minzoni? Mai prima di aver letto il meritorio “L’esodo” di Arrigo Petacco, un libro pubblicato nel 1999. Mai prima di quel libro avevo letto di quella ragazza ventitreenne che un pugno di bestie jugoslave stuprarono a lungo e sino alla soglia della foiba dove la scaraventarono; né sapevo della decisione – per una volta santa e benedetta – dei tedeschi che catturarono i colpevoli e li costrinsero a passare la notte in piedi accanto alla salma di Norma prima di essere fucilati all’alba.
Niente sapevo, nessuno di noi sapeva, nessuno ricordava, nessuno aveva messo a mente. Una gigantesca menzogna e una gigantesca omissione durate quasi mezzo secolo nel paese dove più forte e determinante è stata l’influenza culturale della sinistra, e dunque i suoi modi disinvolti di raccontare la storia. >>

Non so  che altro dire    se  non lasciavi  a questi  link a  voi  ogni   giudizio  e  commento



  • prima  delle foibe  di  tito    e dell'esodo  delle popolazioni Istriane


http://www.storicamente.org/05_studi_ricerche/riosa_confine_orientale.htm
http://www.youtube.com/watch?v=z0EkUlgHAe4&feature=endscreen&NR=1 
http://www.youtube.com/watch?v=AU0i_TCTo5c 
www.criminidiguerra.it/index.html crimini  italiani  durante la  guerra in Jugoslavia
it.wikipedia.org/wiki/Crimini_di_guerra_italiani   dove descrive con ampi documentazione   e  riferimenti  a  siti  esteri i crimini  del nostro paese   nel secolo scorso  ed i n particolare quelli nei balcani  \  Jugoslavia

le  foibe  da  "La storia siamo noi" di Giovanni Minoli
http://youtu.be/rshrUhhRdfc  parte  1
http://youtu.be/3qgPptf34Sg parte  2
http://youtu.be/h201dS9bz4s  PARTE  3

Documenti    sulle  conseguenze  delle  foibe e delle  violenze  di tito  ovvero l’esodo  di un popolo   e  sulle  varie  interpretazioni degli storici

http://www.leganazionale.it/
http://www.lefoibe.it/
http://digilander.libero.it/lefoibe/indexx.htm
http://prcreggioemilia.it/casalgrande/2012/02/19/smantellare-la-versione-fascista-sulle-foibe/
http://www.10febbraio.it/cosa-sono-le-foibe/

http://it.wikipedia.org/wiki/Giorno_del_Ricordo
http://it.wikipedia.org/wiki/Questione_triestina
http://it.wikipedia.org/wiki/Foiba
http://it.wikipedia.org/wiki/Massacri_delle_foibe
http://fdcaroma.blogspot.it/2008/02/il-brevetto-fascista-delle-foibe.html

Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget