Visualizzazione post con etichetta erotismo ?. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta erotismo ?. Mostra tutti i post

24/11/13

«Nuda sul web per pagarmi gli sfizi» Universitaria cagliaritana racconta il mondo segreto delle cam-girl Sul libretto universitario ha la media del "27" ed esami in regola.





Alcuni dei contenuti qui riportati potrebbero urtare la sensibilità di chi legge in quanto tratta di tematiche inerenti alla sfera sessuale. Sono argomenti che potrebbero urtare la tua sensibilità o essere inadatti per i minori di 14 \16 anni o per  chi è sensibile  a  tali argomenti 















ti potrebbe interessare anche 









INCHIESTA. Silvia, 21 anni, arriva a guadagnare 3000 euro al mese: «Lo fanno tantissime ragazze»«Nuda sul web per pagarmi gli sfizi»Universitaria cagliaritana racconta il mondo segreto delle cam-girlDi giorno studia e va all'università, di notte si spoglia a pagamento davanti a un pc. «Faccio l'imprenditrice di me stessa, così riesco a comprarmi vestiti di marca».Sul libretto universitario ha la media del "27" ed esami in regola. Si spoglia davanti alla webcam per comprare trucchi e vestiti di marca. "Che c'è di male?", chiede.



La storia è raccontata sull'Unione Sarda oggi  24  novembre  2013   ( trovate sotto l'articolo ) Ha per protagonista una studentessa universitaria che di notte, dopo aver dedicato la giornata allo studio e a frequentare le lezioni, si spoglia a pagamento per i clienti on line. Professione webcam girl. "E' come se facessi l'imprenditrice di me stessa - racconta - così riesco a comprarmi vestiti di marca. Non vedo cosa ci sia di male".










Un filo di trucco, jeans e scarpe da tennis alla moda. Libri sottobraccio e viavai quotidiano tra la biblioteca e le aule dell'università. Di giorno si confonde tra migliaia di ragazze alle prese con esami e lezioni, la notte mette via gli abiti della brava studentessa e si trasforma in un'abile mangiauomini, sfruttando le potenzialità infinite del web. Silvia (il nome è di fantasia) è cagliaritana e ha una bella media nel libretto, «del 27, con gli esami sono in regola». Lo dice con orgoglio, e con la stessa facilità con cui parla del suo lavoro da lucciola virtuale «più diffuso di quanto si pensi». Professione webcam girl, «non vedo cosa ci sia di male. Mica mi prostituisco. È come se facessi l'imprenditrice di me stessa».
I GUADAGNI I vestiti volano via davanti alla telecamerina installata sul pc: internet diventa la porta d'accesso al mondo del sesso virtuale e dei guadagni facili. Sguardo ammaliante, movenze sensuali e una spregiudicatezza che mette i brividi. L'obiettivo è solo uno: far durare lo “spettacolo” il più possibile. Perché più si è brave a tenere incollato il cliente allo schermo, più consistenti sono i guadagni. «Per la chat privata mi faccio pagare tre euro al minuto. Alcuni mesi riesco a raggiungere anche tremila euro, dipende da quanto tempo mi collego e dalle richieste che ricevo».
I CLIENTI Ventun anni appena compiuti e la vera identità nascosta con cura dietro la mascherina nera («i miei genitori sono convinti che faccia la promoter. Sono all'antica, ne morirebbero»). Il costume di scena lascia poco alla fantasia. Ma pure quello viene sfilato via per mettere in tasca qualche euro in più. Il tariffario cambia in base alle richieste. «Qualcuno vuole spettacoli particolari, in questo caso chiedo anche cento euro».
STUDENTESSE HARD Racconta di un mondo affollatissimo: «Ci sono tantissime studentesse che lo fanno, anche alcune mie colleghe». Qualcuna sceglie il guadagno facile per necessità, «una mia amica si mantiene da sola, il padre è disoccupato, la madre casalinga», per altre diventa una scelta di vita: «So di una ragazza laureata che non riesce a trovare lavoro. Anche lei fa la cam girl». Silvia ha mosso i primi passi in questa realtà un po' per curiosità un po' per togliersi gli sfizi senza curarsi troppo dell'etica: «Con i soldi che guadagno mi compro roba di marca. Qualche mese fa ho preso anche la macchina, di seconda mano». Non è difficile entrare nel mondo della prostituzione on line. Serve l'iscrizione a uno dei numerosissimi siti internet del settore. La caccia alle nuove leve da introdurre nel mercato del sesso virtuale è sempre aperta. Per far parte del giro il corpo deve diventare merce di scambio. I guadagni arrivano, ma, per quanto virtuale, non può non restare il sottofondo triste della prostituzione e della femminilità calpestata.

Sara Marci





Il sesso Voyeuristico ha ne ha atto dfi progressi infatti   sempre  dallo stesso  giornale descrive  com'era  un tempo   il sesso  virtuale prima dell'arrivo  d'internet  


Il passatoIn principio fu l'1444  telefoni hot super costosi


Prima ancora dell'avvento del pc e di internet sono stati i telefoni tradizionali il canale preferenziale del sesso a pagamento. Bigodini tra i capelli, calzettoni di pile e magari tute in perfetto stile omino Michelin, a nessuno importava chi ci fosse all'altro capo della cornetta.
Era l'era degli 144, le linee erotiche nate sul finire degli anni Ottanta ed esplose in quelli Novanta. Rantoli ammiccanti, voci forzatamente suadenti e via libera alla fantasia più spinta. Anche in questo caso il compenso delle telefoniste hard dipendeva dalla loro abilità a intrattenere i clienti il più a lungo possibile. E loro, ammaliati da gemiti vari, solo al momento del pagamento della bolletta si rendevano conto di aver decisamente esagerato. I tempi son cambiati, ora c'è internet e l'144 sembra un ricordo sbiadito. È l'era delle webcam girl, e del sesso con le immagini. (sa. ma.)



 E a proposito  di  144  ed  affini  ne  avrei di storie  da  raccontare ( alcune  le  ho  già raccontate  nei post  precedenti  cercate  il  tag   pornodipendenza   e  simili , se  v'interessano  scrivetemi pure via  email  )    visto  che   da ragazzo   ero un dipendente  di tali linee  . Si posso riassumere  con questi due  video --  e dalla  catturta  schermata    del maiale  (  a  sinistra  )   presa    dal  2  video  --   tratti  Fantozzi - Il ritorno è il nono capitolo della saga fantozziana, realizzato nel lontano   1996







Ma  poi ne  sono uscito  e  confermo dopo  una ricaduta  richiamando   tempo fa  un   899 0 892  quanto riportato da tale articolo   sempre  della stessa inchiesta    dell'unione  sarda  


Un business colossaleI porno “nick” di studentesse e casalinghe





Il business è fiorente, la concorrenza spietata. Il mondo delle cam girls è più vasto di quanto si possa credere. Davanti al web si trovano donne di ogni età e status.
Nascoste dietro nickname dal chiaro richiamo erotico ci sono casalinghe, veterane della disoccupazione, laureate che hanno perso le speranze di trovare un impiego tradizionale. E tante, tantissime universitarie. I numeri sono da capogiro, le professioniste del sesso virtuale in Italia crescono a vista d'occhio: nel 2006 erano circa 75 mila, oggi sarebbero centinaia di migliaia. Sintomo di un malcostume generalizzato che porta a far finire il proprio corpo davanti agli sguardi vogliosi degli internauti con pochi scrupoli. Iniziare è semplicissimo, bastano un computer, una connessione internet e una web cam di qualità. Oltre a una buona dose di esibizionismo.
Su internet i siti specializzati rilanciano la professione del terzo millennio: «È l'unica attività che permette grandi guadagni con il minimo sforzo e divertendosi», si legge in rete. C'è pure la guida per diventare un'ottima cam girl, con tanto di trucchi e consigli per far lievitare gli incassi. I tariffari variano a seconda delle richieste dei clienti, c'è chi paga per chattare in privato con la girl scelta, chi compra spettacoli più spinti e in gruppo. E anche chi si accontenta di spiare un altro utente senza alcuna possibilità di interagire. La tariffazione è sempre al minuto, l'abilità di ogni donna sta nel riuscire a non annoiare l'utente tirando il più possibile il contatto. C'è chi arriva a guadagnare anche 4 mila euro al mese, ma in media si viaggia sui 2 mila. I pagamenti avvengono attraverso accrediti su postpay o carta di credito, ma i guadagni effettivi si dimezzano a seconda del sito per cui si lavora. Alcuni trattengono il 20 per cento degli incassi, altri persino la metà. Soldi esentasse, la maggior parte hanno sede in paradisi fiscali. Spesso fuori dai confini italiani.
Sa. Ma.
  adesso dopo la liberazione   dalla  schiavitù dei telefoni  erotici   continuo  fra alti e bassi  da  quella dei siti   .Concludo   invitando ed  invitandomi ala prudenza  


GLI ESPERTI. Ormai su internet si trova di tutto: se sono coinvolti minori si rischiano pene gravissime
Il sottile confine tra lecito e reato
Gestire siti di chat erotiche è considerato sfruttamento della prostituzione
«Quando c'è il pagamento per una prestazione sessuale o uno spogliarello, anche attraverso una webcam, chi trattiene parte del guadagno della ragazza commette un reato». Davanti a un terreno sconfinato, gli investigatori della Polizia Postale di Cagliari, cercano di mettere alcuni paletti: troppo spesso chi utilizza determinati servizi non sa di potersi cacciare nei guai. Così come i tantissimi minorenni, sopra i dodici anni, non hanno la minima di idea che detenere una foto nuda o un video hard di una ragazzina significa automaticamente collezionare una denuncia penale.
Quando si parla di sesso virtuale e maggiorenni invece la discriminante secondo gli agenti della Polposta è il denaro. «Una video chat erotica, se fatta tra due persone, è paragonabile a una conversazione telefonica. È un qualcosa di privato, dunque non si commette alcun reato». Se però la chat e le immagini finiscono a più persone o se per vedere uno spogliarello o una scena di autoerotismo si paga, la situazione cambia. «Nel primo caso», spiegano dagli uffici della Polizia postale di Cagliari, «si viola l'articolo 528 del codice penale, favorendo il commercio e la distribuzione di immagini con atti osceni». Quando si paga, anche per vedere una video chat, se il servizio è gestito da una società che trattiene parte degli introiti si è nel campo dello sfruttamento della prostituzione. A rischiare non sono né la wecam girl né il cliente, ma i gestori del sito. «Ma sono situazioni difficili da smascherare», fanno sapere gli "007" della Polposta, «perché il più delle volte le società che gestiscono il servizio sono all'estero. Le indagini dunque sono spesso in salita, oltre a essere molto complicate».
Il discorso cambia, e diventa molto più grave, quando di mezzo ci sono minorenni. Detenere immagini o video di ragazzine nude (come il caso delle quattro dodicenni finite al centro di altrettante inchieste portate avanti proprio dalla Polizia postale di Cagliari) è un reato. Anche per chi ha meno di diciotto anni. Per questo la vicenda delle ragazzine del Cagliaritano è delicatissima. Foto e video hanno fatto il giro di Facebook e WhatsApp, raggiungendo migliaia di persone: coetanei, giovani e quasi sicuramente anche maggiorenni. L'inchiesta va avanti e non è escluso che nei prossimi mesi ci possano essere novità. (m. v.)


alla prossima  

Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget