Visualizzazione post con etichetta eredi de andreiani. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta eredi de andreiani. Mostra tutti i post

11/12/12

[sono solo un sognatore ] di Antonio rocchi

questo scritto  di Antonio Ronchi
Sono solo un Sognatore
non ho altro nella vita che il mio sogno.
A che serve un Sognatore? A che serve sognare?
E cos'è il sogno se non la forza di un Cuore che si protende 
per raggiungerlo?
E cos'è quella Forza se non l'Amore
che ha creato l'Universo intero?

 uno dei fondatori del gruppo facebookiano di radio faber conferma  sia la  vignetta di Silvia Ziche  riportata  sopra   sia  questo mio  post  precedente


25/05/12

“Volume 1″ – 25 anni di musica in 11 brani Roberto Mazzuia



Incuriosito da  alcune canzoni trovate  sul suo sito uficiale principalment qui  http://www.robertomazzuia.com/?cat=6 oltre che nle  gruppo  di radio faber    decido di cogliere al  volo la sua proposta  : 
Ciao Beppe.
Scrivo a te e a pochi altri che considero particolarmente "utili" (scusa la franchezza) in merito a questa mia, perché sono in dirittura d’arrivo col mio CD.
Da questo punto di vista mi sto ricavando diverse soddisfazioni, avendo molte richieste e molte conferme positive anche da persone del settore.
A tal proposito ti chiedo per favore di confermare se te lo posso inviare e in quante copie (costa 10 euro, spese di spedizione incluse) ed eventualmente di fornirmi un indirizzo per la spedizione.
Ma la cosa che più mi sta a cuore in questo momento è che ho la richiesta da parte di alcuni produttori di usare dei miei pezzi, scritti in passato e non inclusi nel mio CD, per altri artisti e delle richieste di fornire pezzi nuovi, sempre per altri cantanti. Non sai che soddisfazione l’idea di poter scrivere anche per altri!
Siccome sono molto critico verso quello che faccio, di solito scarto subito quello che non mi convince. Ma in vista di far ascoltare quello che scrivo a terzi “del settore” mi piacerebbe poter contare su un buon numero di amici che mi dessero i loro pareri man mano, cioè dal pezzo “grezzo” (magari solo chitarra e voce e anche registrato male!) fino via via alla cura degli arrangiamenti. Il tutto spassionato e ovviamente non vincolante per nessuno.
Il fatto che si provenga da esperienze diverse, musicalmente parlando, o si abbiano gusti opposti potrebbe essere solo un vantaggio per me, se mi voglio mettere in discussione sul serio, per cui gli eventuali commenti sarebbero maggiormente graditi se detti “fuori dai denti”.
Se mi concederai di annoverarti tra questi “consulenti”, ti invierò qualche pezzo da ascoltare presto.
Un abbraccione-one!

Ora  finalmente dopo  una serie di  cause  in particolare  : 1)  Gap culturale  e  generazionale  con i miei ( specie mio padre  ) che    giudicano, la  musica a loro estranea  in particolare quella  delle nuove generazioni  in particolare  ,nella maggior parte dei casi in maniera  aprioristica  o peggio   dopo averne ascoltato  4\5 secondi )  nel  90%  dei casi aprioristicamente  , come   ciocchi di stagnali e  chi le canta   zanfaraioli  ., 2) l'aver ascoltato , il che pert me  è un problema avendo  dei disturbi uditivi  ,    a  basso volume per  via   della malattia e poi del lutto  dell'inquilinio del piano di sotto  ,     sono riuscito a d ascoltare  con calma  il suo cd  ( foto  sopra  al centro    )   discreto e di ottima fattura   



ecco un mio giudizio  canzone  per  canzone  
1 ) testo discreto .La Base musicale  non èdel  mio genere  ne  ho ascoltato di peggiori  . Niente male  .  è la prima volta che sento , dopo chi ruba nei supermercati di francesco de gregori . Base musicale troppo commerciale . Ma ben compensata dalla voce 
2) bellissimo e toccante testo .Ottima la musica .Io la vedo comne  la  continuazione  ed  attualizzazione    vagabondo dei nomadi 
3) stupenda sia nel testo che nella musica . Un po' triste e amlinconmia   mi ricorda i Mana in "En El Muelle De San Blas" 
4 ) bellissima si respira uno spirito di libertà anche se secondo rende di più fatta in acustico , ma va benissimo anche cosi 
5) qui devo basarmi sula base musicale perchè non conosco il dialetto e nel testi non c'è , come succede per i modena city ramblers , una traduzione . discreta musicalmente e ben ritmata
6 ) idem per la precedente 
7) senza parole per la bellezza e la profondità
 bella . una canzone che parla al cuore , non in maniera stucchevole .
9) pessimista   e triste  . E'  riuscito a cantare e bloccare le emozioni che derivano dalla solitudine e dal lottare contro d'essa
10) si  nota  una influenza di Dylan dog . Anche nel pessimismo e nela malinconia  ci può essere  creatività  .
11) la canzone più bella dell'album insieme alla 2 . ottima l'idea dela seconda voce femminile è quella che da maggiore consistenza alla canzone già bella di per se

Concludendo  Visti i suoi scritti  del suo blog ( http://www.robertomazzuia.com/ ) , è un buon disco  un buon punto di  partenza  per  una carriera musicale  destinata  al sucesso  .Cofermo  quanto  già dissi su queste pagine   dopo un ascolto   di una sua canzone  . Continua cosi ed in bocca  al lupo per il prossimo e  non limitarti ad usare  solo la mente  ma  anche , come traspare in alcune canzoni in particolare  la  riserva  cuore&mente  per  non essere  f'assente ( anche  se  nell' Intervista” su “WhoHub” 13.05.2012  non lo sembri  ) 

Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget