Visualizzazione post con etichetta effetti collaterali dell'informazione. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta effetti collaterali dell'informazione. Mostra tutti i post

08/12/12

siamo alle solite Londra, suicida l'infermiera dello scherzo telefonico a Kate

 Stamattina leggendo i  giornali  apprendo questa  triste  news  


Gb: suicida infermiera dell'ospedale, 
vittima di uno scherzo su Kate incinta

La donna era stata la prima a ricevere la telefonata della conduttrice di una radio australiana che, fingendosi la Regina, aveva chiesto notizie sulla salute della duchessa di Cambridge. Aveva quindi passato la chiamata all'infermiera-capo che aveva rivelato le informazioni sulla gravidanza in diretta


LONDRA - L'infermiera dell'ospedale di Londra Edward VII (VIDEO), dove era ricoverata Kate Middleton per forti nausee mattutine, è stata trovata morta in quello che sembra un suicidio. Lo riferiscono Sky News e altri media britannici. La donna era finita nella bufera per non aver verificato prima di passare all'infermiera incaricata di occuparsi di Kate, la telefonata di una radio australiana, i cui conduttori si erano spacciati per la regina Elisabetta e il principe Carlo. In questo modo la radio aveva poi trasmesso in diretta un aggiornamento sulla gravidanza della duchessa di Cambridge. Il corpo senza vita della donna è stato trovato poco prima delle 9,30 locali presso un'abitazione poco lontana dall'ospedale dove lavorava, nel quartiere londinese di Marylebone, vicino a Regent's Park. L'infermiera è stata dichiarata subito morta dai medici che hanno tentato invano di rianimarla. Sul posto sono intervenute due ambulanze.




In un comunicato il King Edward Hospital ha confermatola morte dell'infermiera che aveva risposto alla finta telefonata per Kate Middleton. Esprimendo "profondo cordoglio" nella nota si definisce la vicenda "uno shock" e aggiunge che dopo la telefonata finta "lo staff dell'ospedale le era stato vicino sebbene stesse passando un momento difficile". La donna, riferisce il Daily Mail, si chiamava Jacintha Saldanha ed era madre di due figli. Stava lavorando come centralinista quando, alle 5,30 del mattino di martedì, era arrivata la chiamata dei conduttori australiani. Nel comunicato l'ospedale la definisce un'infermiera di prima categoria e non risulta che l'ospedale avesse preso provvedimenti disciplinari nei suoi confronti. Da Buckingham Palace è stato diffuso un comunicato con cui "Il duca e la duchessa di Cambridge esprimono profonda tristezza nell'apprendere della morte di Jacintha Saldanha". 
"Pronto? Sono la Regina, vorrei notizie della salute di mia nuora Kate...": lo scherzo aveva irritato non poco i Windsor. La finta 'regina' aveva interrogato l'infermiera ottenendo un breve rapporto sulle condizioni della moglie di William. Solo che, come si è scoperto dopo, all'altro capo del filo non c'era Sua Maestà, ma una dj di una radio privata australiana, Mel Grieg di 2Day.Fm. "Francamente non pensavo che mi avrebbero fatto parlare con infermiere o medici", aveva poi detto l'autrice dello scherzo. "Credevo che avrebbero riattaccato appena sentito il mio pessimo accento australiano. E invece mi hanno presa sul serio". 
L'immediata reazione dell'ospedale era stata di "vivo rammarico" per aver violato involontariamente la riservatezza della principessa. William e Kate non avevano fatto commenti. E la dj si era detta "dispiaciuta" che lo scherzo avesse avuto buon esito, e aveva poi fatto "i migliori" auguri alla futura madre. Sul sito della radio 2Day.Fm però il video non è stato ancora rimosso e gli utenti stanno lasciando commenti di fuoco nei confronti dei conduttori. 

L'unico  commento  che  mi sento di fare  prima  che cada il silenzio  



è che  i  che gli attuali metodi dei media hanno superato ogni limite. I dee jay della radio australiana ora sono stati sospesi, ma forse andavano sospesi dopo lo scherzo, non dopo il suicidio", perchè va bene  essere  sulla notizia  ma non a  tutti  i costi  . Cosi non solo  hanno contribuito  a dare il colpo di grazia  all'infermiera 

Lo psicologo Ammaniti: "L'onta universale puo' spingere al suicidio"

di ALESSANDRA BADUEL

ROMA - "L'onta universale può spingere fino al suicidio". Per lo psicopatologo Massimo Ammaniti la vicenda dell'infermiera Jacintha Saldanha è emblematica del potere negativo che può avere su una persona il dover portare una vergogna davanti agli occhi del mondo intero, con lo stigma di un fallimento professionale nella tutela della privacy di un paziente, per giunta di Kate Middleton, gestante del futuro erede al trono. Ammaniti, in questi giorni a Londra per un ciclo di conferenze, ha seguito come tutti la vicenda e non si stupisce, mentre tiene anche ad accusare un sistema mediatico che "dovrebbe avere rispetto perlomeno verso la malattia".

Professore, davvero l'errore davanti a una platea universale può schiacciare una persona fino a questo punto? "È come se rispondendo a quella chiamata all'alba la signora Saldanha fosse entrata in una specie di videogioco mondiale in cui si è trovata intrappolata senza sapere come né perché. Certo il senso di annichilimento è enorme, perdi ogni speranza nel futuro. Pensi anche che il nome della tua famiglia, dei tuoi figli, sarà legato per sempre a quel momento. Lo psicoanalista Ronald Laing definisce la malattia mentale una reazione comprensibile rispetto a una situazione incomprensibile. Ecco, io credo che questo suicidio, almeno in base agli elementi noti finora, sia proprio questo. La vergogna è diversa e più potente del senso di colpa. Il senso di colpa è un giudice interno, privato, ma la vergogna è pubblica. Si perde la faccia davanti agli altri, ci si sente giudicati. In questo caso, poi, a giudicare l'infermiera Jacintha Saldanha è stato il mondo intero, appunto, che l'ha conosciuta come colei che non era stata capace di salvaguardare la riservatezza di una paziente. Sarebbe il primo dovere di ogni medico o infermiera". 

E non si trattava di una paziente qualsiasi. "Anche questo aggrava la situazione. La Casa reale è sotto gli occhi di tutti, però ci dovrebbe essere una garanzia di privacy almeno in ospedale, è stato proprio violato un tabernacolo, un momento di malattia e vulnerabilità, per di più su un argomento a sua volta delicato come la gravidanza di colei che darà un erede al trono. La signora Saldanha si è trovata davvero in una pessima posizione, avendo il primo momento di fama della sua vita per aver compiuto un'involontaria incomprensione
e  a far  si che altri paghino per loro  . Infatti  la catena di supermercati 'Coles', sponsor della trasmissione, ha annunciato di aver intimato di ritirare dalla programmazione tutti i propri spot a 2Day Fm.



fonti repubblica online 

Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget