Visualizzazione post con etichetta educazione emozionale. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta educazione emozionale. Mostra tutti i post

07/12/14

benvenuta Giorgia da http://millimetroemezzo.blogspot.it/

 

sabato 6 dicembre 2014

benvenuta Giorgia

Cara Giorgia,
è da ben 11 giorni che ti chiamiamo così, dal giorno in cui sei venuta alla luce e da Millimetroemezzo sei passata a ben 49,5 centimetri d'amore e felicità.
Un giorno speciale.
Un giorno colorato e indescrivibile.
Un giorno in cui tutto è cambiato.
Un giorno in cui le emozioni hanno raggiunto l'apice.
Un giorno in cui tutto splende di una nuova luce.
Un giorno in cui abbiamo toccato con mano la felicità.
Un giorno in cui abbiamo stretto tra le nostre braccia un bellissimo fagotto.
Un fagotto atteso per nove mesi, che puoi solo immaginare come sarà, ma la realtà è molto più bella dell'immaginazione.
Sei nata col viso bello rilassato e non tutto stroppicciato come la pietra di Fantaghirò.
Sei nata con le meches, sorprendendoci con questo tuo look piuttosto bizzarro per un neonato.
Sei nata di notte, come ho sempre pensato.
Sei nata il 25 novembre, come ho pensato appena ci hanno detto la data presunta della tua nascita. 
Sei nata, e questo è ciò che conta.
Il tuo primo vagito, il tuo primo sguardo.
Immagini indelebili che tuttora mi fanno battere forte il cuore.
Penso alla natura, a quanto sia magica.
Penso alla danza della natura che ti ha portato fino a noi.
Una danza bellissima con un ritmo sorprendente.
Questa danza è finita.
Ora ne inizia un'altra ancor più bella.
La danza della vita.
Benvenuta piccola Giorgia. 
 
 
Io me la ricordo quella notte...
Notte di dolore e di sete
Notte di "stringimi la mano" e di "non ce la faccio più"
Notte di ostetriche, luci forti, voci sussur...rate
Notte di chi sta fuori a fumare e consumarsi
Notte di sms e telefonate
Notte di battiti sentiti tramite una macchina nell'attesa di sentirli dal vivo
Notte di lacrime, urla, spingi ancora , spingi adesso , spingi di più!

Notte che è una semplice notte , ma quella notte che ti cambierà la vita
Notte che segnerà il confine, oltre il quale, nulla sarà lo stesso e niente ti sembrerà uguale
Notte che ti cambierà tutto
Notte che ti restituirà
l'immenso
quando finalmente ti si squarcerà il cuore di gioia, felicità, amore, purezza e pienezza come non l'hai mai provata
quando lo vedrai e lo annuserai e ti sembrerà di odorare il giardino dell'Eden!
E mai , mai più scorderai quella notte
tanto che ti sentirai talmente piena che aspetterai l'alba, sveglia, per assicurarti che quello non sia stato un sogno... ma la tua splendida realtà.
Teresa Di Florio



Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget