Visualizzazione post con etichetta eccesso di potere. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta eccesso di potere. Mostra tutti i post

12/07/07

Piccolo excursus su potere, comando ed egemonia

In una società capitalistica complessa si integrano relazioni di potere palesi e forme quotidiane di esercizio di micropoteri, presenti dappertutto e a tutti i livelli della società.

Esse dipendono l'una dall'altra e si stabilizzano reciprocamente.
Il potere non funziona solo attraverso la coercizione, ma anche attraverso offerte di identificazione: in una cultura del dominio in cui i conflitti sociali vengono regolati soprattutto attraverso gerarchizzazioni, e di conseguenza appaiono risolvibili solo in questo modo, (quasi) tutti gli individui collaborano al mantenimento dei rapporti, cercando di costruire la propria posizione in contrapposizione a quanti si trovano in una condizione peggiore della loro.
Non solo i conflitti tra classi, ma anche le gerarchie etniche e la disparità uomo-donna funzionano (sebbene in modo diverso) secondo i principi della sottomissione e dell'autocollocazione nell'ambito sociale prestabilito.
Un esempio è l'autoetnicizzazione come conseguenza delle definizioni sociali. E' vero che essa può avere un potenziale rivoluzionario, perché proprio gli stessi gruppi che vengono definiti dall'esterno in base a stereotipi e pregiudizi, rivendicano poi una propria identità e autodeterminazione...
Ma allo stesso tempo l'etnicizzazione può agire come stabilizzatore sociale, poiché le stesse definizioni che giustificano l'oppressione, non fanno che riprodursi mediante l'assunzione del modello di identificazione razziale offerto dal potere.

Il modo in cui, nelle società borghesi avanzate, viene esercitato e mantenuto il comando senza bisogno di esercitare una violenza diretta, può essere illustrato col concetto di "egemonia" elaborato da Antonio Gramsci.
Il dominio della classe borghese non si basa solamente sul suo accesso ai mezzi di produzione, ma si produce e riproduce a livello della sovrastruttura dell'ideologia.
E' tuttavia inutile andare in cerca di una precisa "ideologia dominante" coercitiva, poiché la classe borghese stipula continuamente patti con le altre classi e con gli altri gruppi.
In tal modo vengono integrati nell'ordine capitalistico dominante elementi di numerose altre ideologie.
Il consenso che ne deriva rende complici dominante e dominato sul terreno delle idee e delle rappresentazioni.
Tale consenso non è privo di contraddizioni: esso associa elementi eterogenei e non sincronici, e permette anche conflitti.
Il modo in cui tali conflitti vengono "naturalmente" definiti è però definito dalla borghesia, in base a parametri sociali prestabiliti.
Nella capacità di inserire nell'ordine della società borghese anche contraddizioni sociali e culturali, si manifesta quella che Gramsci chiama egemonia della classe dominante.

L'egemonia non si produce solo a livello verbale-discorsivo, ma anche nel modo in cui le norme sociali (borghesi) determinano la vita quotidiana degli uomini : essa nasce dall'imposizione e dall'applicazione di norme di relazione, simboli e modi di comunicazione; essa nasce dal campo della grammatica culturale. Le forme culturali sono così elementi determinanti della riproduzione dei rapporti sociali di dominio, esse sono, per la loro entità, almeno altrettanto importanti delle istituzioni dell'apparato statale.

(Fonte: Handbuch der Kommunikationsguerilla)

07/10/06

Senza titolo 1468

conconcordo in pieno con  questa  lettera   trovata sulla   comunity  ( a cui sono iscritto  )   http://blogfriends.splinder.com/


Lettera che    sottoscrivo  perchè invece di occuparsi dellla fesseria   del prodi rap   non  si preoccupano di cose più serie  ?


Alla cortese attenzione dei componenti della Commissione Parlamentare per l'Indirizzo Generale e la Vigilanza.
Scrivo in merito alla recente lettera redatta all'attenzione del Consiglio di amministrazione RAI da tre dei suoi componenti (Giorgio Merlo, Gennaro Migliore, Esterino Montino, sulla trasmissione del video satirico sul Primo Ministro Romano Prodi al TG2. Sono costernato da tale presa di posizione, mirata a favorire un provvedimento del cda nei confronti di una scelta editoriale del Tg2. Possiamo e dobbiamo discutere delle scelte editoriali dell'informazione italiana, e voi tra tutti dovreste avere più a cuore la vicenda. Siete chiamati a difendere il diritto degli italiani ad un informazione obiettiva e completa, dovete difendere un Diritto Costituzionale. Invece da tre dei vostri membri viene mossa un'accusa di vilipendio al Tg2. Sono distrutto. Ma soprattutto sono sfiduciato da questa classe politica che si dimostra una volta di più incompetente. Sapete cosa non va nell'informazione italiana? Leggete il documento il cui link riportato alla fine di questo messaggio: un documento che illustra la "top 10" delle crisi umanitarie dimenticate. Ci sono zero minuti per Colombia, Indonesia, Somalia e tante altre. Nulla si è detto per il Nepal, che per anni ha chiesto un po' di spazio. Nulla si è detto, nulla si è fatto: l’ opinione pubblica è rimasta all'oscuro di tutto e più di 10.000 persone sono morte. C'è il Darfur, una tragedia immane perennemente sottaciuta dai media. Quando prenderete una posizione in merito? I cittadini italiani vi pagano profumatamente per adempiere a compiti precisi, quali il controllo della qualità dei contenuti, che sistematicamente deludete. In quanto cittadino e vostro datore di lavoro chiederò a gran voce il vostro licenziamento, se persevererete in questa colpevole inadempienza. Oppure potreste agire, prendere in mano la situazione, onorare il vostro ruolo e redigere un comunicato in cui accusate la televisione di stato di omissione di servizio pubblico, per la reiterata assenza nei telegiornali e nel palinsesto delle crisi umanitarie più gravi. E se proprio volete concludere in bellezza potreste firmare l'appello per il Darfur a questo indirizzo: http://www.savetherabbit.net/darfur/ Sarebbe un gesto splendido da una classe politica di cui troppo spesso ci vergogniamo. Una classe politica ben pagata ma poco efficiente, in cui l'incompetenza ed il menefreghismo dilagano. Sbugiardatemi signori! Dimostrateci il contrario! Ve ne saremmo riconoscenti per sempre. Ecco il link al documento di cui sopra: crisi dimenticate
La lettera sarà spedita domani. Attualmente i firmatari sono: Andrea, Serena, STR, Beren . Per chiunque voglia aderire: mandare nome e cognome al mio indirizzo email. Tra stasera e domani mattina aggiungerò un file di testo con gli indirizzi email di tutti i componenti della commissione.

15/07/06

Senza titolo 1368

Dopo una settimana a cazzeggiare sul lavoro o nello studio  e  a festeggiare  per la vittoria  dopo 24 anni luglio 1982  -luglio  2006  dell' I)talia ( un po' di  bravura e  un po' di culo ) che  hanno interessato tutto il paese  sottoscritto compreso (allergico ll'esagerazione retorica e  al stucchevole nazionalismo e patriotismo  ma   poichè   nel  1982 aveva  6 anni  e si è voluto godere questo evento   )  . IN clima di tale euforismo   è forse sfuggito  ai più    la  news e  testimoniata  dalla visione in diretta  tv  degli azzurri e  il passaggio alla festa  del foro massimo ) di  buffon  che  sventola   una  bandiera    tricolore -- e  fin qui niente  di male  --  se  non fosse che  8 come  è successo al mio paese che alcuni giovani sventolavano le bandiere italiane con l'effige  di mussolini o l'aquila  dela Rsi  in mezzo )   con  la scritte  in carattere celtico  e  croce celtica  simbolo del  movimento  nazi fascista   ed  xenofobo di di forza nuova passa in secondo pianoo ( salvo ecce<zioni come il sito  bellaciao.org  da cui  è tratta la  2 foto qui a destra  ) . Si ritorna a parlare delloscandalo calcio quello che la stampa ha chiamato con un nuovo nelologismo  --- neppure tanto originale --- calciopoli  . E lo si fa   facendo passare in secondo piano o dimenticando  eventi molto importanti  come   è  avvenuto  durante  i festeggiamenti  della vittoria del nostro paese ailo mondiali  .  Infatti proprio in quei giorni  era  : 1)  il 30 °  di Seveso la "  Biopal  Italiana " qui  ulteriori news  e altre foto  ( oltre quella  già presente  a  destra )  per chi ha vissuto  e vuole ricordare ,  per chi ha diomentic<ato  e soprattutto per chi non sà  , la  quale  secondo ultima  news  passata in  sordina   in questo clima    di bagordi   in tale fabbrica  non si produceva prodottio chimici  ,ma  armi  chimiche    ;  2) la  riabilitazione    anche  se  dopo  100  cent'anni di Dreyfus  con  cui la francia  chiude  una pagina vergognosa della  sua  storia  ( qui   la pagina  di google  news  sull'evento in questione  e  qui la  vicenda storica)
Con  questo  voglio dimostrare  che lo sport in calcio soprattutto ed in particolare  negli ultimi  20-30 è diventato  : <<
Panem et circenses (
letteralmente, Pane e giochi del circo ) >> ovvero  una locuzione in lingua latina molto conosciuta e spesso citata . Era usata nella Roma antica . Contrariamente a quanto generalmente ritenuto, questa frase non è frutto della fantasia popolare ma ha un autore specifico. È stata creata infatti dal poeta latino Giovenale  ( satire 10.81 ) grande autore satirico:e  . Essa viene utilizzata  ancora attualmente  per indicare  l'uso del potere degli spettascoli di massa  come  arma per  far  distrarre  il popolo o dargli il contentino per tenerselo buono oppure  meghio secondo l'enciclopedia online wikipedia : << [...]  L'espressione " Panem et Circenses" rappresentava un meccanismo di potere influentissimo sul popolo romano, era la formula del benessere popolare e quindi politico; un vero bozzo/strumento in mano al potere per far cessare i malumori delle masse, che con il tempo ebbero voce proprio nei luoghi dello spettacolo >>
Ora  Contrariamente a quanto generalmente ritenuto, questa frase non è frutto della fantasia popolare ma ha un autore specifico. È stata creata infatti dal poeta latino indicato nelle righe prtecedenti  Infatti  la  sentenza   di prima grado di calciopoli è una mezza  burla   perchè  :  1 ) moggi  , per  quanto gravi siano le  sue responsabilità   non  può  aver  fatto tutto da  solo  ; 2)   se  si  analizzano  gli scudettoi  degli ultimi 10 anno  c'è un duopolio di milan e  juve  , interrotto solo da  alcuene squadre , guarda caso   chi sà il perchè   di quelle  coinvolte nello scandalo oltre la  juve  e  il milan  ; 3)  il  giudice  Palazzi  aveva  condannato  e  giudicato prima  di questo in carico  , zeman  e qui pochi altri fra cui totti che avevano  denunciato   le comnbine  e i trucchi  ; 4) come mai molti club   fra cui questi coinvolti prima  erano contro   la nomina   di  Galliani  , poi stranamente il giorno dopo  cambiano idea  ?
Speriamo nell'appello   che  non si cerchino come si  fatto qui   capi espriatori  o  mezze condanne  , e che  sui sfrutti visto che  c'è   la possibilità di fare realmente  ( anche  se c'è ancora molta  omertà per paura di repicche  successive e perdita   dei loro ruoli   )   di fare realmente puliza    nel  mondo del calcio  .
Ma  soprattutto niente  ammistie  , io  sono contrario ,  o se proprio ci  dev'essere farla  come  si  è   fatto in Sud Africa per  risolvere il  passaggio dal regime  dell'apahartaid  alla democrazia  , cioè parli \  confessi  ,  ti vengono tolti i vantagi che  hai  attenuto  ,  e non vieni condannato  .   Concludo  rispondendo  a queste dichiarazioni  "Questa sentenza sul calcio colpisce quasi venti milioni di tifosi, impedisce all'Italia campione mondiale di essere rappresentata ad alto livello nelle coppe Internazionali e costringerà i nostri migliori calciatori a giocare nelle squadre estere. Complimenti, giustizia è fatta". Lo afferma Paolo Bonaiuti, portavoce del leader di Forza Italia Silvio Berlusconi   dicendo  che invece  di prendersela con i magistrati   perchè  non se la prende  con chi    da vent'anni è più rovina il calcio   tra cui anche il suo amato padrone  e presidente del Milan  . ? E' vero un fondo di verità c'è  ,  ed  è una legge ingiusta  secondo alcuni punrti di vista  ma  se non si facesse cosi  , la corruzione  e l'illecito sportivo continuerebbe , e poi  sono gli stessi   allenatori e  amministratori  ad aver  messo in tali  ruoli  quellle persone 

P.s

Come sempre  mi piace   concluydere con una frase ad efffetto  ed eccola qui : <<  Da eterno elettore della Cdl a malincuore dico che se Berlusconi fosse ancora al governo Calciopoli non sarebbe mai venuta fuori. Mi fa ridere chi sostiene che il Milan sia una verginella. Attraverso la presidenza della Lega affidata a Galliani ha di fatto gestito i diritti televisivi, il vero nodo del calcio di questi anni. Galliani ha sposato il conflitto di interessi come bere un bicchier d´acqua  .
( Giuseppe Gazzoni Frascara, ex presidente del Bologna, Corriere della Sera 14 luglio  2006  )  >>

P.s 2



 proprio ora,  a post concluso    trovo  nella mia email     questa  vignetta  ( vedere sotto )  che mi ha  fatto -- anche se  juventino  in crisi  -- rotolare  a terra dalle risate  




  con questo è tutto      continueremo dopo l'appello  meditate gente meditate


DOCUMENTI   \APPROFONDIMENTI

TESTO INTEGRALE DELLA  SENTENZA ( PDF )
LE DECISIONI: grafico - tabella
Le tappe 

18/06/06

Quando il mobbing può distruggere la sopravvivenza






Ciclone


Pubblico un articolo che ha scritto Giacomo Montana per stimolare un  aiuto verso  tutte le persone discriminate in ambito lavorativo in questo Paese.


Giustizia: Quando il mobbing collegato al crimine organizzato sottaciuto e tacitamente consentito dallo Stato può distruggere la sopravvivenza.




Il tema del mobbing non è mai stato davvero né accademico né ideologico. Esso da quello che ho constatato di persona, è legato indissolubilmente al crimine organizzato con una sorta di potente scambievole omertà tra persone autorevoli che arriva persino a lambire le coste delle confederazioni sindacali, non salvandosi neppure negli ambiti giornalistici. Ecco perché ognuno non ha interesse a parlare di questa piaga sociale a sufficienza,  ma  ne parla solo a bassa voce. Proprio il rifiuto del mobbing in quanto dottrina discriminatoria e pratica vilmente aggressiva ai danni di persone vittime oneste che lavorano, oltre che liberticida, è anche una pratica che distrugge la salute, l’economia, la vita di relazione e la speranza di vedere applicare democrazia e civiltà. Credo che con  tutto questo con il tempo divenga inevitabile che venga indotta parecchia gente a gesti estremi, sino alla morte e al conseguente completo insabbiamento altrettanto criminale dei casi estremi di mobbing impunemente esercitati. Una costante nella nostra storia contemporanea è il fatto che  nessuno, come abbiamo visto, sembra avere interesse ad approfondirne il tema, con la più sconcertante mancanza di sensibilità e di giustizia ai danni delle vittime, fenomeno che però non trova completamente tutti d’accordo e proprio per questo recentemente nella Community Rai.it  http://www.forum.rai.it/index.php?showtopic=99352  Bianca Sacher  ha avuto sensibilità e coraggio di trattare l’argomento dopo che lo stesso è pervenuto da  un cittadino esemplare per le sue fattive iniziative di spirito umanitario. Personalmente sono orgoglioso di questi spontanei interventi, perché è da persone così che il futuro democratico italiano ha buone speranze di non rimanere in agonia come è ora, ma di riprendere il cammino della civiltà, della democrazia e della giustizia vera, senza discriminazioni né raccomandazioni. La giustizia deve essere solo giustizia e non strumento di appoggio e protezione per criminali impuniti per sporchi fini politici.  In democrazia la legge deve essere DAVVERO UGUALE PER TUTTI. Giacomo Montana”


Grazie per l'attenzione. Giovanna Nigris

Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget