Visualizzazione post con etichetta due parole sono troppe una è poco. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta due parole sono troppe una è poco. Mostra tutti i post

07/12/14

ecco la risposta a chi usa pertardi contro gli animali

E'  vero che in periodi  di vacche magre  ( leggi crisi  )   non si stanno   , a  differenza  degli altri anni , sentendo botti  e   chi  più ne  ha ne  metta  , e  quindi tale  appello  post  potra   sembrare  inutile , ma non  si sa  mai  .
 
Per  gli educandi  estremi  e  i  falsi moralisti  linguistici  questa  foto  potrebbe  suscitare   indignazione  ed offendere  la  vostra  sensibilità 
 
 
 




29/12/13

Caterina dopo gli insulti la solidarietà

la  puntata precedente  :

  fonte   dell'articolo la nuova  sardegna del  29\12\2013 


cari politicanti e  giornalisti   non limitatevi   solo  ad esprimere  solidarietà  a parole  e  quindi  finire   nella speculazione  per  farvi belli ma  fate  , magari in silenzio ,  qualcosa  d'efficace  per questi  malati . Ad  parlando di più sui media  o sui  vostri blog   \ pagine web  se  l'editore   è contrario a  tali articoli  \  incjieste   ( i  giornalisti ) .,   snellendo ed  agevolandoli le pratiche  burocratiche negli uffici  sanitari  e fiscali   o  finanziando  con i soldi  extra  che ottenete dai finanziamenti  pubblici  la  ricerca normale  ma  anche  quella  alternativa  alle sperimentazioni animali  ( ai  politicanti )  .  Mi fermo qui  , per lasciarla   in pace  come richiesto  dalla stessa   Caterina e perchè ho detto fin troppo .  Concludo con un suo video messaggio





 perchè   Due parole  sono troppe  e  una  è troppo      

01/09/13

Addio a Ganau, corse un rally con il cuore trapiantato

Non riuscendo    ad  scrivere  , niente  se  non il scarno articolo  sulla nuova sardegna   d'oggi  , lascio  il mio pensiero  a  tale  canzone  della mia infanzia  






TEMPIO Alberto Ganau (foto) ci ha lasciato ieri mattina mentre in macchina da Tempio andava a

Sassari. Un malore, probabilmente un collasso, lo ha colpito e per lui non c’è stato niente da fare. Alberto aveva 39 anni e un’incredibile passione per l’automobilismo, soprattutto per i rally, trasmessagli dal fratello Salvatore. E proprio nei rally, il navigatore tempiese era salito agli onori delle cronache, anzitutto per essere stato il primo trapiantato di cuore ad aver ottenuto la licenza Csai, e poi per aver partecipato addirittura ad una gara mondiale, il Rally Italia Sardegna del 2005. La sua foto aveva fatto il giro delle riviste specializzate di tutto il mondo, e la sua grande passione per le corse aveva colpito numerosi giornalisti internazionali del settore. Negli ultimi tempi non stava bene, ed addirittura si era ipotizzato per lui un secondo trapianto di cuore, ma stavolta Alberto non ha fatto in tempo ad indossare il casco per questa ennesima avventura. I suoi funerali si svolgeranno a Tempio lunedì alle ore 9.45 partendo dalla camera mortuaria dell’ospedale nella cattedrale di San Pietro.

09/07/13

Non date soldi ai clandestini": il cartello sulla 130 ad Assemini

anche il  nazismo e poi a  ruota il fascismo con le leggi razziali  iniziarono cosi  , questo è l'unio commento    che mi sento di fare   sui tale  fatto



Non date soldi ai clandestini":
il cartello sulla 130 ad Assemini





Legata a un cartello stradale la scritta contro chi vende mercanzia ai semafori.
"Non date soldi ai clandestini, tanto vi entrano lo stesso a rubare in casa". Scritto nero su bianco su un pezzo di cartone poi legato con del fil di ferro a un cartello sulla strada 130, all'altezza di Assemini. Strada, appunto, molto frequentata dai "clandestini" cui si riferisce la scritta, gli stessi che cercano di vendere fazzoletti, accendini e non solo agli automobilisti.


lascio  che a commentare  per me   sia  la mia amica  fb  Naza Xaxa   che  dice   quello che vorrei dire  io in questo momento  e  che  ho ripetuto più  volte  sia  in questo blog    quando ancora  si chiamava cdv.splinder.com  

Leggendo certi post, onestamente, mi scende il latte alle ginocchia,oltre a venirmi rabbia.
Italiani che sputano veleno con gli stranieri che vengono qui a cercare fortuna.
Si,è vero che non viviamo nell'oro,e lavoro non ce nè per nessuno,ma guardate un attimino indietro nel tempo.In periodo di guerra non siamo andati via per caso?
In America Latina ci saranno si e no 30 milioni di italiani, che partirono a cercare fortuna,e vennero considerati dei puzzoni fannulloni,proprio come molti ora dicono degli stranieri.
Molti che parlano dei casini che procurano gli stranieri...la mafia per esempio chi la portò nel mondo?
Per tanti l'italiano puo' avere la libertà di andarsene,gli altri qui non ci devono essere..bah.
Gli stranieri vengono considerati fannulloni,ma quasi tutti quelli che tanto hanno da dire non andrebbero a raccogliere patate,preferiscono dire che non c'è lavoro.
E si criticano stranieri,clandestini,chi chiede l'elemosina.
Dare un euro a un poveraccio non mi fa diventare povera,e spero che nella vita non mi capiti mai una cosa simile...ma nessuno cerca di mettersi nei panni delle disgrazie altrui.
Io sono cittadina del mondo e ritengo che lo siano tutti.
Attenzione al troppo veleno razzista,se in Italia continua cosi' voglio vedere se rimanete qui o...fate come quelli che tanto criticate.

Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget