Visualizzazione post con etichetta droghe. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta droghe. Mostra tutti i post

13/05/17

con droghe o senza droghe , con soldi e senza soldi ,senza o con tecnologie si è sempre viaggiato e sempre si viaggia e tutto viaggia

viaggiare  dentro di  se   senza droghe
viaggiare per  conoscere  

my play list
oltrealle  tre  canzoni   riportatenel ost   eccovene altre
VIAGGI E MIRAGGI - Francesco De Gregori
COMPAGNI DI VIAGGIO   "
21Beat - Il Viaggio 
IN VIAGGIO  CSI  
Fiorella Mannoia - In viaggio
Cesare Cremonini - Buon Viaggio 


Stamattina  Camminando  perr  andare    fare il mio cosueto turno di volontariato   alla bottega del commercio  equo   , sono capitato  davanti  all'agenzia  di viaggi  , e poi poco fa  cazzeggiando   viaggiando   virtualmdente    con il pc   e  vedendo   gli articoli  (  che  qui  sotto riprongo  )    mi è  venuto il mente  il post  d'oggi  .Infatti nonostante  non esista  angolo  del  mondo ormai   che non sia  consciuto  e d  esplorato  https://it.wikipedia.org/wiki/Esplorazioni_geografiche sia  che  si viaggi passivamente 
« Gli occidentali hanno curiosamente limitato la storia del mondo raggruppando il poco che sapevano sull'espansione della razza umana intorno ai popoli di Israele, Grecia e Roma. Così facendo hanno ignorato tutti quei viaggiatori ed esploratori che a bordo di navi hanno solcato i mari della Cina, l'oceano Indiano, l'oceano Pacifico e i mari artici, e che in carovane, hanno attraversato le immense distese dell'Asia. In verità la parte più cospicua del globo, con culture diverse da quelle degli antichi Greci e Romani è rimasta sconosciuta a coloro che hanno scritto del loro, piccolo, mondo con la convinzione di scrivere la storia e la geografia del mondo.  »
                          (   Henri Cordier 1849 – 1925  )
o attivamente si sente sempre il desiderio di viaggiare perchè

Viaggiare, è proprio utile, fa lavorare l’immaginazione. Tutto il resto è delusione e fatica. Il viaggio che ci è dato è interamente immaginario. Ecco la sua forza. Va dalla vita alla morte. Uomini, bestie, città e cose, è tutto inventato. È un romanzo, nient’altro che una storia fittizia. Lo dice Littré, lui non sbaglia mai. E poi in ogni caso tutti possono fare altrettanto. Basta chiudere gli occhi. È dall’altra parte della vita.
[Louis-Ferdinand Céline ~ Viaggio al Termine della notte]



c'è chi lo  fa :
  • con la  fantasia o osservando la  natura  che viaggia  continuamente   





  •   viaggiando    a  ritroso  del  tempo  e  nel passato  come faccio  o  almeno ci provo   riportando  storie  e  ho  fatti curiosi 
si può fare   anche  senza    droghe  



o  questa




  •   fisicamente    o  cercando  di vedere  uno stesso posto  in prospettive  diverse  .

  esempio  

La metropolitana di New York: un viaggio nel viaggio

La metropolitana di New York è un vero viaggio nel viaggio, una sorpresa ogni giorno

da http://www.ioacquaesapone.it/articolo.php?id=2473 Ven 24 Feb 2017 | di Testo e foto di Roberto Gabriele | Mondo




Ogni viaggio ha un suo sguardo, un diverso punto di vista, un incontro inaspettato. Per questo amo preparare la valigia e andare a caccia di nuovi stupori davanti alle cose che vedo; nulla è mai ovvio né scontato, neanche le cose che già conosco o i luoghi che ho già visitato. Ogni volta è una scoperta, perché nel frattempo sono io che cambio.
La metropolitana di New York non fa eccezione: è un vero viaggio nel viaggio, una sorpresa, perché quasi sempre è nuova la gente che vi si incontra... Ho scritto ‘quasi’ perchè in realtà ci sono alcune figure che sembrano far parte da sempre di quelle gallerie e appartenere ai lunghi condotti che portano nelle viscere rocciose del sottosuolo di Manhattan, quasi fossero elementi di arredo progettati insieme alla stazione.
L’UOMO DI “METRO”
È il caso dell’uomo che distribuisce le copie gratuite di “Metro”, il free magazine che conosciamo anche in Italia: la sua vita professionale inizia al mattino alle 6 quando comincia ad urlare una specie di litania che dura fino alle 9, allorché le copie del giornale sono esaurite e lui sparisce insieme a loro, dileguandosi senza riapparire fino al mattino successivo, e così per anni, per sempre… Puoi ritornare e ritrovarlo lì: stazione 34 linea BDFM.
LA FAMIGLIA COUNTRY
Se ti trovi a frequentare la Grand Central Station, nei suoi infiniti corridoi sotterranei, esattamente dove c’è il passaggio comunicante con lo “Shuttle” per Times Square, lì trovi puntualmente la musica country suonata dalla classica famiglia allargata: tre fratelli, due di questi con relative mogli che suonano la chitarra, il basso e la batteria e cantano, vestiti con camicie a quadroni, gonne a fiori e ciabatte. Cantano la vita rurale della gente del Sud.
BONO VOX NELLA SUBWAY
Ma non ci sono solo gli habitué, nella Subway puoi trovare ogni genere di artisti di strada, alcuni di loro sono dei veri professionisti e hanno uno speciale patentino che li abilita ad esibirsi: li trovi sui treni, ma possono essere dovunque, puoi vederli in un posto e il giorno dopo sentirli cantare a Broadway. E può capitare anche di incontrare gli U2, come è successo qualche tempo fa e poi postato sui social!
BURATTINI E BALLERINI ACROBATI
Ti puoi imbattere, poi, in burattinai e suonatori di fisarmonica, in ballerini-acrobati, ma anche nel disperato di turno, quello che non sa cantare, né suonare, né ballare, quello che cerca di attirare l’attenzione, parlando di sua madre tossicodipendente e del padre ucciso.
5 MILIONI DI PERSONE AL GIORNO
E poi c’è la gente… migliaia di persone in ogni treno, 5 milioni e mezzo di persone al giorno e quasi due miliardi l’anno! C’è il mondo intorno a te. Ricordo le scene del film “Il cielo sopra Berlino” di Wim Wenders, in cui un angelo era in grado di ascoltare i pensieri delle persone sulla metropolitana e capirne le infinite storie di vita. Ecco, quando sono sulla metropolitana di New York le guardo e a volte le fotografo, ma sempre le ascolto, anche nei loro infiniti silenzi. I loro corpi parlano. Osservo la gente e ne immagino le storie, proprio come nel film. Le ragazze bellissime e alte le vedi dirigersi a Chelsea, dove ci sono le Agenzie di modelle. Le immagini andare a fare un casting: le vedi in metro e potresti magari ritrovarle in un manifesto pubblicitario al rientro in Italia…
TOP MANAGER ALLA MARATONA
Puoi vedere ovunque il classico top manager nel suo look, con una borsa nera per il computer o che indossa il cappotto con lo zaino sulle spalle: va al lavoro la mattina portandosi l’abbigliamento per allenarsi dopo l’ufficio. Finito l’orario di lavoro, indossa le scarpe e la tenuta da running, mette il cappotto e il resto nello zaino e torna a casa, facendo anche 15-20 chilometri di corsa, allenamento base per la preparazione della più classica delle Maratone, quella di New York!
I ‘COLORI’ NELLA METRO
La metropolitana a New York è anche multicolor: i diversi colori della pelle mi parlano della società cosmopolita newyorkese e che non ha paragoni in nessun’altra città del mondo in termine di numero di etnie.
DA MANHATTAN AL BRONX E RITORNO
Per allontanarmi da Manhattan, ombelico del mondo, prendo la linea 4 o la 5 e me ne vado nel Bronx, dove conosco qualche posticino poco turistico nel quale scoprire la faccia più vera della città. La via del ritorno sulla metropolitana ha il fascino di una scena che si ripete: io unico bianco circondato da un treno di blacks e qualche portoricano. Pochi orientali e quasi tutti neri. Si muovono a famiglie intere, mamme con due o tre figli oppure gruppi di amici adolescenti, ma sempre insieme. Ci trovi i rappers, quelli più distinti e le facce tipiche delle donne che vanno a fare le pulizie in qualche ufficio a Wall Street. La cosa più bella è osservare lo “sbiancamento” del colore medio della pelle dei passeggeri man mano che il treno si avvicina a Manhattan e poi a Downtown. I neri scendono e i bianchi salgono: quel treno unisce il quartiere più povero e quello più ricco della città, è un treno democratico, uguale per tutti, e che accompagna ciascuno nella propria vita.
VICINO ALL’INFERNO
L’aspetto che mi piace di più della metropolitana di NYC è il suo fascino decadente che non le vieta di essere efficientissima in tutto. Credo che sia la rete più fatiscente che io abbia mai visto in un Paese occidentale: è sporca, gli interni non sono minimamente curati e la manutenzione che viene fatta è solo tecnologica, senza nulla di estetico. Non è raro imbattersi in topi giganti anche in pieno centro, si trovano travi arrugginite e perdite di acqua provenienti non si sa da dove, cartacce e bicchieri di cartone, scatole di pizza e coperte puzzolenti abbandonate dagli stessi clochard per quanto erano inservibili. Qui si dimenticano i fasti e le decorazioni della metropolitana di Mosca, la modernità e l’arte di quella di Napoli, o la pulizia di quella di Berlino. Qui sei vicino all’inferno, anche per il caldo umido che provi tutto l’anno, per il rumore assordante dei treni e dei loro condizionatori. Eppure questa città, senza la sua fetida Subway non sarebbe così bella.
STAZIONI DI PERIFERIA
Adoro perdermi nelle stazioni di periferia, quelle più isolate, dove ti trovi da solo ad aspettare un treno o dove scendi e hai l’impressione di essere inseguito dai passi silenziosi di un serial killer. Sono quelle stazioni sopraelevate che trovi a Brooklyn, nel Queens o a Coney Island, dove ti rendi conto di essere nella Little Mosca e dove i negozi hanno le scritte in cirillico! Ne conosco di bellissime: stazioni che passano all’altezza delle basse case a due piani della infinita periferia di New York. Siamo ad un’ora di metropolitana da Manhattan e siamo ancora nella municipalità di New York. I due capolinea distano tra loro quasi tre ore di viaggio! Da queste stazioni puoi osservare i tetti delle case, viaggiando a circa 10 metri di altezza da terra, ma anche in lontananza tutto lo skyline di Manhattan e i suoi grattacieli che riempiono l’orizzonte. Una vista mozzafiato, uno degli scorci più belli che abbia mai visto della città…
LA LINEA 7
C’è una stazione della linea 7 nella quale potrei stare affacciato per ore alla piccola balaustra al termine del binario. Da quel punto mi accorgo di essere sopra la città, sotto di me c’è la strada che brulica di auto, camion e persone, e se alzo lo sguardo dritto davanti a me vedo arrivare i treni che arrancano sui binari in salita. Sullo sfondo di tutto questo, da lontano, posso osservare l’Empire State Building, il nuovissimo One World Trade Center e il traffico di treni e passeggeri che sfilano intorno a me.
LA LINEA A: VERSO L’OCEANO
E se prendi la linea A, quella blu, in direzione Far Rockaway e superi l’aeroporto JFK, dove decine di aerei riempiono il cielo con i loro boati, non fermarti e prosegui ancora, sei nel nulla, ti stai avvicinando al mare. Eccolo: ora ce l’hai davanti, sei sull’Oceano Atlantico! Intorno a te vedrai i surfisti affrontare le onde come se fossi in California. Qui non ci sono grattacieli, ma solo ville sul mare e un silenzio assordante rotto solo dal garrito dei gabbiani. Approfitta per fare una passeggiata e dimenticare il centro per qualche ora: qui c’è la quiete che non trovi a Manhattan, quando dopo questa gita ritornerai in mezzo alla gente sarà ancora più bello apprezzare il caos!
LA LINEA MARRONE AL TRAMONTO
E poi c’è il ponte di Williamsburg, percorrilo al tramonto sulla linea marrone JMZ, quando il sole tramonta. Affacciandoti sulla destra riuscirai a vedere il Manhattan Bridge e poi in fondo il Ponte di Brooklyn, con il sole che tramonta dietro ai grattacieli: questi sono i venti secondi più belli del viaggio, non puoi allungarli, non puoi ripeterli e non hai tempo neanche di fare una foto: dura un attimo, ti mozza il fiato, senti un groppo alla gola e in quel preciso momento ti rendi conto che sei davvero a New York!
25 LINEE, 472 STAZIONI

380 chilometri, 25 linee, 472 stazioni, sugli stessi binari puoi prendere i treni locali che fermano in tutte le stazioni, oppure gli Express che ne saltano tantissime e sono più veloci, ma se sbagli dovrai tornare indietro! Una jungla di binari, di gallerie, di collegamenti: puoi camminare a piedi per un chilometro solo per cambiare tra due linee che solo apparentemente si incrociano! Per orientarti devi sapere che le linee dentro Manhattan sono parallele tra loro e le stazioni hanno il numero della street che tagliano; troverai 4 stazioni con lo stesso numero, su strade diverse e lontane tra loro. Le direzioni da seguire sono sempre e solo due: Uptown and Bronx, oppure Queens o Downtown and Brooklyn.



Ma si può viaggiare , se  si  fa per  avventura  od in solitaria    anche senza tecnologia o con ilmminimo indispensabile per le emergenze come dimostra il finale di due : Basilicata coast to coast 2010 diretto da Rocco Papaleo. e Into the Wild - Nelle terre selvagge (Into the Wild) è un film del 2007 scritto e diretto da Sean Penn, basato sul libro di Jon Krakauer Nelle terre estreme,o per fornire prova documentaria come di mostra questa storia


Come in "Into the Wild", la straordinaria avventura di Eliott


L'incontro con il grizzly, la fame combattuta pescando e mangiando bacche. Il parigino Eliott Schonfeld si è misurato per 3 mesi nella selvaggia Alaska sulle orme di Christopher McCandless, il giovane americano raccontato dal film "Into the Wild" di Sean Penn. Alla stessa età del protagonista del film, Eliott ha viaggiato in solitaria per 1800 km in canoa e 900 a piedi. In questo video il racconto della sua straordinaria avventura (credit: Eliott Schonfeld https://www.facebook.com/eliottschonfeldaventurier/)
 oppure   lavora  e viagia  insieme  




Lavorare in paradiso: vita da nomadi digitali
Per svolgere il proprio mestiere hanno bisogno solo di un pc e di una veloce e potentissima connessione. Per concentrarsi, dei luoghi più incantevoli della Terra di Barbara Savodini


Si chiama home work, mentre coloro che lo praticano sono stati ribattezzati nomadi digitali e fanno tanta invidia agli impiegati tradizionali. Sì, perché per lavorare hanno bisogno solo del loro intelletto, di un pc e di una connessione e per concentrarsi prendono dimora nei più suggestivi scorci della terra, veri e propri paradisi terrestri, visitati da tutti gli altri comuni mortali magari una sola volta nella vita. Fino a qualche anno fa, questi eletti non erano che una manciata di persone in tutto il globo, ma la tecnologia ha velocemente trasformato il modo di concepire il lavoro e così, ora, sono le aziende ad andare a caccia di super cervelloni da spedire dove il clima è sempre mite, l’acqua cristallina e la brezza tiepida e delicata. E il vantaggio è duplice: le sedi centrali spendono la metà per vitto e alloggio (il costo medio mensile non supera mai le 500 euro), mentre i dipendenti rendono il doppio. 



LA RISCOSSA DELLE AGENZIE DI VIAGGIO
L’unico problema è che spesso questi paradisi terrestri, luoghi come la Thailandia, l’Indonesia, il Vietnam o la Giamaica, sono anche quelli in cui la connessione funziona peggio. Ecco che scendono in campo le agenzie: ai tempi delle vacanze low cost, in cui nessuno sembra più aver bisogno della figura dell’operatore di viaggio, c’è chi si reinventa e con questa tendenza ha scoperto un nuovo business. Per rendersi conto della diffusione del fenomeno, basta dare uno sguardo su internet alla quantità di agenzie che lavorano nel settore del nomadismo digitale: c’è Roam, per chi intende trasferire non un dipendente, ma un intero ufficio; Hacker Paradise, il cui nome è già di per sé emblematico; “Wi-fi tribe” che sembra essere il prediletto da chi, anziché concentrazione cerca ispirazione, con centinaia di pittori, artisti e scrittori che lo raggiungono ogni anno. E poi c'è anche nomadlist.com che ha classificato i luoghi belli del nostro pianeta, prendendo in esame cinque parametri: connessione, costo, sicurezza, divertimento e giudizio degli utenti.
conveniente, insomma, è inevitabile, ma in fondo, per chi vive sempre in vacanza, anche dilatare un po' l'orario di lavoro non è certo un problema! 
tori che lo raggiungono ogni anno. E poi c'è anche nomadlist.com che ha classificato i luoghi belli del nostro pianeta, prendendo in esame cinque parametri: connessione, costo, sicurezza, divertimento e giudizio degli utenti.
SVEGLIA PRESTO E TANTE PAUSE: ECCO LA GIORNATA TIPO
La giornata tipo di un nomade digitale? Sveglia presto, perché si sa, il mattino ha l’oro in bocca, un tuffo in piscina o nelle acque cristalline dell’isola, una colazione genuina e poi via a sfornare calcoli o deduzioni informatiche fino alla prima pausa; un pasto fresco all’ombra di una palma o una breve seduta di joga in una capanna, per poi tornare al pc fino alle 17. Proprio come in ufficio, insomma, ma alla fine dell’orario lavorativo ad attendere il lavoratore privato da ogni energia non è il traffico di Milano o il caos di Londra, ma sabbia bianca e natura incontaminata, così, all’indomani, il cervellone dell’azienda sarà più carico che mai. L’abbigliamento? Che dire, quando l’ufficio è dall’altra parte del mondo l’outfit passa in secondo piano e anche chi guadagna 4-5mila euro al mese può permettersi di recarsi alla sua postazione di lavoro in calzoncini e infradito. Anche la vita in paradiso, purtroppo, può avere qualche difetto e nel caso dei nomadi digitali il nemico numero uno è il fuso orario. Qualche in conveniente, insomma, è inevitabile, ma in fondo, per chi vive sempre in vacanza, anche dilatare un po' l'orario di lavoro non è certo un problema! 


Lo strano caso di “Refuga”

Ci sono poi anche aziende che mandano i dipendenti in questi paradisi terrestri non per sempre, ma soltanto per consentire loro di ritrovare se stessi, nuovi stimoli o complicità di gruppo. È questo il caso dell’agenzia “Refuga”, alla quale, tra gli altri, si sono già rivolti Apple e Facebook, i cui 500 impiegati dei settori più delicati hanno trovato la loro complicità scalando vette inarrivabili o attraversando l’India in bicicletta.





ce  chi o lo fa    da  sempre  attirandoti  pregiudizi e  generalizzazioni

Si puà anche   viaggiare  artificialmente con droghe  ed  alluccinogeni ma   lo sconsiglio  perchè   si rischia   la  morte   come di mostra questa  storia   meglio farlo  nei  modi sudetti  o  con la fantasia e  la letteratura   perchè  in viaggio   è libertà fuggire  ( come il film meditteraneo  )  evadere  o oltre  che in se  stessi nel proprio io    vedere le  righe precedenti  e  l'url  sopra 




07/04/17

A mezzo secolo di distanza dall'uscita dell'album d'esordio della leggendaria band di Los Angeles, ristampato in questi giorni, il chitarrista racconta la sua esperienza con Jim Morrison e la Los Angeles della Summer Of Love: "Mi sento un sopravvissuto"

legi anche  http://www.repubblica.it/spettacoli/musica/2016/08/02/news/jeff_jampol_l_agente_delle_star_morte-145128375/



Robby Krieger e i Doors, 50 anni dopo: "Le droghe ci hanno rovinato"
 di   ALFREDO D'AGNESE





A mezzo secolo di distanza dall'uscita dell'album d'esordio della leggendaria band di Los Angeles, ristampato in questi giorni, il chitarrista racconta la sua esperienza con Jim Morrison e la Los Angeles della Summer Of Love: "Mi sento un sopravvissuto"



Ricordi la prima volta? È il titolo di un servizio sui più grandi debutti di tutti i tempi realizzato dalla rivista britannica Q. Robby Krieger, ex chitarrista dei Doors, rammenta perfettamente le registrazioni al Sunset Sound Studio nell’estate del 1966 per l’album d’esordio del gruppo in cui suonava. I Doors non sono mai scomparsi dalla sua vita. “Se guardo indietro – dice – non mi sembra affatto che siano trascorsi 50 anni. Ho suonato la musica dei Doors ininterrottamente negli ultimi venti”.

A Los Angeles c’è il sole, fa caldo. Krieger è in giro per la città. In movimento. Il suo cellulare squilla a lungo prima che risponda. Parla a voce bassa, quasi lamentandosi, a fatica. Non è entusiasta di raccontare per la milionesima volta la leggenda del Re Lucertola. Ma la sua vita è stata talmente condizionata da quel disco e dall’avventura con Jim Morrison, Ray Manzarek e John Densmore che il malumore e la noia passano quasi subito. I ricordi di quella stagione lo riportano al buonumore in poche battute. La linea cade continuamente: “Sono in un cattivo punto”, prova a scusarsi. Poi ferma il suo cammino e riprende a parlare. “I Doors sono vivi nella testa e nel cuore. Continuo a suonarli dal vivo con una nuova band. Alla voce c’è mio figlio”, dice quasi schernendosi. Per lui è stato impossibile liberarsi della stagione “in cui tutto sembrava possibile”. Una storia troppo grande per essere cancellata da un colpo di spugna.



Video

 L’eterno presente di Krieger ha una data, quella della pubblicazione di The Doors. Il primo gennaio 1967 arrivava nei negozi il disco del quartetto californiano. Conteneva 11 canzoni che sarebbero passate alla storia. Era il perfetto apripista di una stagione che avrebbe segnato l’universo del pianeta giovani. Nel giro di pochi mesi sarebbe stato seguito dai debutti di Pink Floyd, Procol Harum, Velvet Underground, Captain Beefheart e Jimi Hendrix. Sarebbe stato l’anno di Sgt. Pepper's Lonely Hearts Club Band e di molti album indimenticabili.
Da qualche giorno The Doors è nuovamente nei negozi per celebrare l’anniversario, The Doors: 50th anniversary deluxe edition è un cofanetto di tre cd contenente l’edizione originale in versione mono e stereo più la registrazione del concerto tenuto il 7 marzo al club The Matrix di San Francisco. La confezione è arricchita da foto rare o inedite e dal testo scritto dal giornalista David Fricke. Nonostante Jim Morrison e Ray Manzarek siano scomparsi da anni, il mito dei Doors non accenna ad affievolirsi. “Già – commenta Krieger – la nostra è stata un’epoca mistica. Eravamo giovani. Avevo appena 19 anni. Intorno a noi fiorivano movimenti d’ogni tipo: gruppi di meditazione, collettivi anti-guerra. Avevamo tutti in testa la stessa idea: volevamo cambiare il mondo”.

{}

Perché non ci siete riusciti?
“Non so cosa sia successo. I soldi, le banche, le grandi corporazioni hanno avuto il sopravvento sui nostri ideali. Perfino le droghe, che sembravano nostre alleate, ci hanno rovinato. Erano gli anni dello strapotere della CIA e della guerra in Vietnam”.

Qual era il ruolo della musica in quella stagione?
“È stata una grande era, una manna per la creatività. La musica era analogica e tutto quello che dovevi fare era suonare bene il tuo strumento. Quando ho conosciuto Morrison in California regnava un’atmosfera rilassata. Era l’estate dell’amore, la Summer of Love. C’era un incredibile giro di artisti che collaboravano tra di loro. Ogni sera si improvvisava tutti insieme in qualche locale. Ricordo bene i Buffalo Springfield, Neil Young, Frank Zappa e the Mothers of Invention, i Mamas and Papas”.

Che ricordi ha delle registrazioni di The Doors?
“Non eravamo mai entrati in uno studio, ma avevamo suonato nei club quelle canzoni tante di quelle volte che in sala il lavoro fu veloce. Le conoscevamo a memoria. Solo The End ci ha dato qualche problema. Era più complessa degli altri brani. Non avevamo fatto i conti con Jim e la sua follia. Alla fine dette di matto. Dopo una lunga giornata di incisione decise di tornare di notte allo studio, sotto l’effetto di alcol e droga, convinto che stesse andando a fuoco. Prese un estintore e provò a spegnere le fiamme. Mi ha distrutto la chitarra, non l’ho mai dimenticato. Ci abbiamo riso per anni”.
Cosa ha reso speciale quel disco?
“Le canzoni. Hanno fatto la differenza e la fanno ancora oggi. Siamo stati un gruppo diverso dagli altri. La poesia di James era la padrona di casa. Ognuno di noi portava in dote un tocco di personalità, le proprie passioni e influenze: io ero innamorato del flamenco, Ray amava la scuola di Chicago e il blues, John seguiva il jazz. Nessuno aveva mai scritto musica come quella prima d’ora. È un’opera irripetibile. Contiene una serie di combinazioni che la storia ha reso uniche”.

Lei è anche l’autore di Light My Fire, il singolo che determinò il successo planetario dei Doors.
“Era una canzone dedicata alla passione. Conoscevamo il suo potenziale. Alla Elektra Records piaceva a tutti, ma aveva un difetto. Era troppo lunga per essere trasmessa in radio. E senza promozione radiofonica sapevamo che non avrebbe avuto successo. Il nostro produttore (Paul Rothchild, ndr) un giorno ci chiamò e ci fece ascoltare una versione perfettamente tagliata e rimontata senza gli assolo. Durava tre minuti ma sconfessava tutto quello in cui credevamo. Non volevamo farlo. Ma uscimmo dal suo studio dopo aver dato il nostro assenso. E finimmo primi in classifica”.

Che ruolo hanno avuto le droghe nella vostra formazione?
“Penso che sia stata un’influenza positiva. Almeno all’inizio. Tutti cominciammo ad assumere droga con l’idea di esplorare la mente. Allo stesso tempo cominciava a diffondersi una cultura esoterica in cui si ascoltava la musica di Ravi Shankar e tutto ciò che arrivava dall’Oriente. Jim e molti altri hanno esagerato. Agli stupefacenti si è aggiunto l’alcol in dosi sempre più massicce. Ed è stata una rovina”.

Quali sono i suoi ricordi di Jim Morrison?
“Non ci sarà mai un artista come lui. Aveva una grande personalità. Non gli interessavano i soldi. L’unica cosa che lo smuoveva era la poesia. Jim era un esploratore dell’universo e non si fermava davanti a nulla. Metteva in gioco anche la sua vita in cambio di emozioni e risposte alle sue domande”.

Vi hanno definito come la faccia oscura del rock. Era così?
“Solo in parte. I Beach Boys e i Beatles erano dipinti come il lato buono del movimento giovanile. Ma noi non eravamo così cattivi come ci dipingevano. Jim poteva essere sia un angelo che un diavolo. I problemi arrivavano quando emergeva la sua parte eccessiva. È quella che lo ha distrutto”.

Ha mai pensato di scrivere la sua versione sulla storia dei Doors?
“Ho un sacco di materiale già pronto. Prima o poi pubblicherò un libro. Le biografie di Ray (Manzarek) e John (Densmore) ci hanno causato molti problemi. Aspetterò il momento giusto. Ora ho uno studio di registrazione e sto seguendo la carriera di alcune giovani band”.

Perché lei e Manzarek avete provato più volte a resuscitare i Doors?
“Dopo la morte di John abbiamo provato in tre a continuare, ma non aveva senso. Abbiamo sciolto i Doors. Nel 2000 ci abbiamo riprovato con diversi cantanti, come Ian Astbury e Scott Weiland, ma non ha funzionato come doveva. Non poteva più esistere il gruppo dopo Jim”.

Com’è cambiata Los Angeles?
“Beh, Hollywood è sempre lì e ci sono un mucchio di gruppi che suonano nei club di rock’n’roll. C’è più traffico, oggi. In questi anni sono scomparsi un po’ di vecchi amici. Come mi sento? Come un sopravvissuto”.




10/12/16

Per salvare la mia ragazza vi racconto dell'eroina in Versilia" L'sos di un uomo innamorato che denuncia il traffico di droga per far arrestare i pusher della sua ragazza



non mi sono solo concentrato sul natale e sulle sue mille sfaccettature . eccovi una storia d'amore non melensa \ mielensa 


Per salvare la mia ragazza vi racconto dell'eroina in Versilia"L'sos di un uomo innamorato che denuncia il traffico di droga per far arrestare i pusher della sua ragazza





VIAREGGIO. «Sono andato dai carabinieri e dalla polizia perché questo inferno finisca: per lo stesso motivo mi rivolgo a voi del Tirreno, mettendoci la faccia, perché il mio desiderio è che chi vende la droga alla mia compagna vada in galera». Sono le parole di Giorgio (nome di fantasia, ndr), un uomo che sta per toccare la mezza età e con fatica sta uscendo dalla dipendenza che per un periodo ha condiviso con la sua ragazza. «L’eroina ora si fuma, come si fa con la marijuana. Io ne sono uscito e voglio che anche la mia compagna ne venga fuori. Ma non ne ha le forze».
Luoghi, nomi, prezzi, Giorgio vuota il sacco sul mercato della droga tra Viareggio e il resto della Versilia. C'è una vera e propria casa dello spaccio - è il suo racconto - in cui una dose d’eroina costa poco, pochissimo. Quindici euro di annullamento totale che sono una tana del bianconiglio verso l’oblio, verso la dipendenza. Tra quelle anime perdute che frequentano questo particolare “mercato” c’è anche la compagna di Giorgio: è ancora giovane e ha una vita da vivere. Stanno insieme da anni ma ormai il suo tempo è stato risucchiato dal pensiero della dose. «Ci pensa sempre - continua - quando si alza, quando stacca dal lavoro. Spende tutto quello che ha per farsi. Vivere con lei è diventato impossibile perché è sempre nervosa, paranoica e litighiamo in continuazione a causa dei suoi malumori». Come nelle più tristi pagine di Christiane F., la protagonista di un celebre romanzo: «Quando c’è la droga, non c’è l'amore: l’eroina prende tutto il posto».
Lei è entrata in quel giro maledetto proprio con Giorgio che l’ha trascinata con sé: lui è entrato e uscito dalla dipendenza più di una volta nella vita. Una maledizione che ora accompagna anche lei. Giorgio però questa volta sembra che ce l’abbia fatta. E ama ancora la sua compagna: vuole che anche lei si faccia aiutare, che esca da quella casa in cui girano tanti soldi e tanta droga. «Quasi quattromila euro al giorno puliti puliti» per tanti clienti, persone anche conosciute nel circondario, stimati professionisti.
«Li conosco bene gli spacciatori - racconta Giorgio - non le farebbero mai del male. Si comportano esattamente come se fossero degli imprenditori. Hanno bisogno di lei perché è una dei loro clienti più fedeli». Negli occhi di Giorgio c’è smarrimento: ha visto tante cose in quella casa, cose che vorrebbe dimenticare: «Gli spacciatori sono molto inseriti nel tessuto sociale - i particolari si moltiplicano, precisi - gestiscono questa attività proprio come se fosse un negozio: vivono altrove e vanno in quell’appartamento la mattina, intensificano il lavoro intorno a mezzogiorno e se ne vanno dopo le 19. Spesso si fanno accompagnare da un’auto insospettabile. La casa è la loro base, da lì gestiscono il traffico, ricevono le ordinazioni via telefono: basta mettersi d’accordo sul posto, ci si incontra e loro ti danno la dose. Per non farsi prendere cambiano spesso numero di telefono e sono loro che si fanno vivi: ti mandano un sms o ti chiamano per dirti
che quello è il loro nuovo numero di telefono. Non si confondono con gli spacciatori di coca, le anime delle pinete: loro non si appostano per acchiapparti. Se ti fai, primo o poi sarai tu ad andare da loro. Te li presenta un amico o uno del loro giro e tu vai a casa loro. Sono sempre lì».

20/10/16

Ballo e sballo: il mondo delle discoteche racconta un’altra storia



Lo so che è un articolo vecchio è datato , ma come da titolo , vede ( ed almeno ci prova ) il mondo delle discoteche e dei locali da ballo sotto un altro aspetto che non solo l'equazione discoteca = droghe . 





da http://www.lavocedinewyork.com/news/primo-piano/ 13\8\2015 di Barbara Gigante

Ballo e sballo: il mondo delle discoteche racconta un’altra storia


In un'estate segnata dalle morti di giovanissimi e polemiche su droghe e discoteche, proviamo a dare un altro punto di vista, quello di chi, come il dj Claudio Coccoluto, nelle discoteche ha passato la vita (senza sballo) o di chi, come suo figlio Gianmaria, nelle discoteche ci è cresciuto (da sano), o di chi, come il buttafuori L.B., nelle discoteche ci lavora (e non è un pregiudicato). Per trovare soluzioni, lontano da giudizi e pregiudizi

di Barbara Gigante - 13 agosto 2015


Avremmo voluto ricordare diversamente l'estate 2015 che mischia alla salsedine dei litorali italiani un'insopportabile scia di morte. Sacrifici umani d'adolescenti o poco più, immolati sull'altare del divertimento o forse solo dell'incoscienza che la tenera età in cui hanno lasciato la vita di per sé comporta. Lamberto Lucaccioni, appena 16 anni, di Città di Castello, prende una pasticca di ecstasy mentre si trova nella discoteca più famosa d'Italia, il Cocoricò di Riccione, e mentre balla e si sballa muore. Era il 20 luglio, meno di un mese fa. Lorenzo Toma, diciottenne leccese, ci ha lasciato all'alba del 9 Agosto, dice l'autopsia, per una malformazione cardiaca, ma solo dopo esser stato al Guendalina, una tra le discoteche più famose del Salento. Tanto è bastato per far pensare si trattasse di un nuovo caso di morte per droga. Non lo era, ma passate poche ore, sulla spiaggia di Messina, viene rinvenuto il corpo ormai esanime di Ilaria Boemi, sedici anni anche lei. L'ultima cosa che ha fatto in vita sua è stata prendere una pasticca di ecstasy “cattiva”. Mancano gli esami tossicologici e forse di nuovo in fretta si cerca di bollare il caso. Allo stesso modo, però, se è vero che questi episodi siano diversi tra loro, sarebbe stupido ignorare un messaggio palese: gli adolescenti, anche se non tutti, muoiono per droga.
La polemica infiamma. Sotto il sole di Ferragosto, ognuno dice la sua sulle presunte responsabilità di morti così sciocche, così inaccettabili. Chi addita la società civile, chi la famiglia, chi se la prende con le istituzioni. La stampa italiana si è data alla pazza gioia: alla povera Ilaria Boemi non è stato risparmiato il setaccio su quanti piercing avesse in volto e come portasse i capelli, in un trionfo di qualunquismo misto a ignoranza che lunga la dice su chi dovrebbe aiutare a interpretare un mondo che invece gli è totalmente estraneo, di cui ignora i codici e i processi sottesi e per questo si permette una perentorietà che tanto somiglia alla boria degli stolti.
A guardare i fatti, un primo dato possiamo trarlo: il provvedimento che ha portato la questura a chiudere per quattro lunghissimi mesi estivi il Cocoricò di Riccione non sembra sia servito affatto a fermare la scia di decessi per abuso di sostanze stupefacenti. Con buona pace del senatore Stefano Pedica del PD, che, come riporta il quotidiano Libero, ha avuto la brillante idea di proporre la chiusura indiscriminata di tutte le discoteche in Italia per un anno, quella del locale romagnolo non ha risolto neanche un po' il problema dello 'sballo'. E' ormai evidente a tutti che sulle coste italiane da quel giorno non sia stata venduta o messa nel bicchiere di altri una sola pasticca di meno. Chi avesse dubbi circa l'inutilità di un provvedimento tanto miope, che altro non ha fatto se non bloccare un'azienda funzionante e prolifera della riviera, dovrà spiegare anche il perché quegli stessi spacciatori che la inquinavano non abbiano mai smesso di vendere pillole letali. 
La tendenza generalizzata è quella dell'associazione discoteca-droghe, come se bastasse allontanare i giovani da quel tipo di musica per metterli in salvo dal pericolo d'inquinarsi il sangue con le famigerate droghe pesanti. Un po' come dire che tutti i metallari sgozzano conigli o che prima della musica dance nessuno si sballasse. Dobbiamo davvero ricordare la diffusione a macchia d'olio dell'eroina negli anni '80? Sul serio serve far notare che tra le soavi melodie dei pacifici Beatles – quella che avranno nello stereo i genitori modello che in questi giorni si sgolano additando le famiglie degli altri – c'era una canzone dedicata all'LSD? Eppure non troverete la versione remixata di Lucy in the Sky with Diamonds sui dancefloor, a conferma dell'equazione discoteca = droghe.



Claudio Coccoluto in consolle a New York

Claudio Coccoluto, uno dei dj storici del Cocoricò e non solo, in queste ultime tre settimane si è speso in tutti i modi, dai giornali alla TV, per provare a salvare quella musica che anche lui produce da una semplicistica riduzione a strumento del demonio. “Sono cresciuto trovando nella musica il mio sballo personale, è sempre una questione di endorfine – afferma – mi sentivo bene a fare quello che facevo e ne ho fatto un lavoro. La verità è che quando uno si sballa la musica se la perde. Si perde un pezzo di creatività e un po' di se stessi. Impossibile, sotto effetto di droghe, cogliere tutte le sfumature che la buona musica ha dentro di sé. A farci caso la musica dei drogati è brutta, di pessima qualità. Quando a contare non è la musica, ma lo sballo, è la musica la prima a perderci”. 
Viene da pensare a Platone che ne la Repubblica aveva bandito la musica per far sì che i suoi cittadini modello crescessero senza distrarsi dalla buona polis. Era il IV sec. a. C., eppure pare ci sia chi la pensi ancora così. C'è da temere, in realtà, che seppure chiudessero tutte le discoteche del mondo, non ci fosse più un solo concerto, una sola performance musicale live sul pianeta, molto probabilmente, chi aveva deciso di farlo lo stesso, riuscirebbe a sballarsi a ritmo di canti gregoriani infiltrato in qualche chiesa. Ancora una volta non si vuol vedere, il pensiero di doversi prendere qualche responsabilità in più atterrisce chi di dovere. Meglio l'esemplarità della chiusura di un'azienda come il Cocoricò, meglio lasciare a piedi i suoi dipendenti e colpire il turismo locale, così da sedare l'opinione pubblica con una bella dose di morfina giustizialista e lasciare tutto com'è, aggiungendo alle droghe dello sballo i sonniferi per l'intelligenza.
Quello che d'interessante c'è nella parabola personale di Claudio Coccoluto non è solo la sua capacità di produrre musica apprezzata a livello internazionale lontano dalle droghe. Tra le discoteche ci ha anche cresciuto due figli. Sani. Il figlio maschio, Gianmaria, ha coraggiosamente scelto d'imboccare la stessa strada del padre, eppure non barcolla sbavando da una consolle all'altra.“Ho cercato d'indirizzare già da molto presto i miei ragazzi a un ragionamento su cosa gli accadeva intorno – spiega il dj – non puoi chiudere gli occhi di fronte alla realtà. Li ho portati con me a curiosare cosa facesse il padre a 13, 14 anni e ho sfruttato l'occasione per spiegargli cose che a chi è estraneo all'ambiente possono sfuggire”. Creare un dialogo, dunque, non demonizzare o far finta che il problema non esista, ma parlarne per rendere i propri figli capaci di una scelta consapevole.



Gianmaria Coccoluto in consolle

Gianmaria Coccoluto ricorda la prima volta che è entrato in una discoteca insieme al padre: “Mi piaceva molto l'aria festosa, mi è subito sembrata una cosa bella. Intrattenere gli altri con della buona musica mi è parsa una missione nobile”. Rispetto agli eventi drammatici dell'ultimo mese si è fatto una sua idea: “In Italia dovrebbe esserci non dico prevenzione, ma almeno informazione sul tema. Non se ne parla, ci si rifiuta di affrontare il problema come se discuterne equivalesse a diffonderne l'uso”. Quando gli si chiede se ha subìto una qualche forma di pregiudizio perché proveniva e apparteneva al mondo della notte, risponde: “La disinformazione e l'ignoranza creano discriminazione. Vige il pregiudizio di chi non immagina nulla di quanto accada nel mondo dei club. L'unica cosa che sanno fare è condannare, ma è perché non gli interessa sapere. Come con il tema dell'immigrazione, ci si ferma a un titolo di giornale, difficilmente ci si sforza di capire i processi che sono alla base del fenomeno”.
Sull'educazione dei figli da parte delle famiglie di oggi si è detto tutto e il contrario di tutto. Dai commenti sui social di ragazzi orgogliosi d'avere genitori cui debbono rendicontare ogni spesa, fino alla mamma di una delle vittime di ecstasy che chiede di spiegare ai ragazzi come assumere droghe nel modo più sicuro possibile: il ventaglio di opinioni in proposito è quanto mai ampio e colorito. Quella madre, però, non è completamente pazza: all'estero, in numerosissimi festival, piuttosto che fare i benpensanti preferiscono fare i realisti, addirittura allestendo banchetti per analizzare al microscopio le pasticche che i giovani vogliono ingurgitare, in modo da salvarli almeno da quelle tagliate male. Questo in Italia non è che non si può fare, non lo si può manco dire, perché per l'opinione pubblica equivarrebbe a mettergli di proposito un po' di MDMA nel bicchiere, come se quelli che non si drogano non lo facciano perché ne ignorano l'esistenza. 
Contemporaneamente, un certo prurito a sentire le esclamazioni di certi figli modello effettivamente viene: “Mia madre a quell'età mi tirava due sberloni se facevo tardi” e bla bla bla, riporta uno dei tanti commenti Facebook a un link di Repubblica sull'argomento. Che qualcuno faccia tutto quello che dicono mammà e papà, fiero di essere preso a botte in caso di contraddizione, difficilmente basterà a rendere conto di una società sempre più liquida e complicata, in cui la perdita di verticalità nell'educazione viene stupidamente additata come il problema. Anziché prenderla come una possibilità di sostituire il dialogo all'imposizione, sviluppando un'educazione in orizzontale, viene avvertita come una perdita di autorità nelle famiglie. Saranno quelle stesse famiglie in cui al divieto di uscire con un ragazzo si rispondeva facendosi mettere incinta per scappare di casa? Dopo la nostalgia del ventennio fascista dobbiamo davvero sopportare anche quella di una forma educativa obsoleta e improduttiva che tanto lo ricorda? Il viziatone di turno, il figlio di papà coi soldi in tasca, insensibile ai sacrifici e sconsiderato nei comportamenti, è sempre esistito. Sicuramente un atteggiamento lascivo e disattento da parte degli educatori non aiuta, ma sembra altrettanto ridicolo invocare l'ipercontrollo o scaricare sulle famiglie la totale responsabilità di quello che accade al loro esterno. Se è vero che l'adolescenza è una di quelle epoche della vita in cui, per partito preso, si è totalmente in disaccordo con le figure procreatrici che si cercano di contrastare, è altrettanto vero che tenere il fanciullo in una fase d'infanzia perenne, postdatando il momento in cui deciderà di fare di testa propria, non farà che ritardare a sua volta il tempo della maturità, la quale non può che seguire alla messa in discussione del dogma genitoriale, e meno male! Altrimenti se mamma spara con la lupara dovrei farlo per forza anch'io, perché non sono stato capace di fare quel salto, quello scarto dato dalla messa in discussione del mondo che i nostri genitori, ritenendolo il migliore possibile, hanno creato per noi. 
Sarebbe il caso di smettere di puntare il dito esclusivamente sulle famiglie, come ha fatto l'ormai celebre (e dimissionario) sindaco di Gallipoli Francesco Errico, twittando “Se le famiglie esercitassero un po’ più di controllo sui figli non morirebbe un 18enne la settimana in disco. Se non sai educare non procreare”. Forse costerebbe troppa fatica a un sindaco pensare che spetti anche a lui trovare il modo di interessare i ragazzi che vivono nel suo comune con attività ricreative che li distolgano dal cercare se stessi in una pasticca che pompa serotonina. Che si debba essere felici in un modo concepito in laboratorio è non solo inquietante, ma dovrebbe aprire mondi di riflessioni sul perché la vita stessa non sia più in grado di rendersi appetibile agli occhi di giovani sempre più apatici, continuamente annoiati perché non stimolati alla creatività. Il cervello serve a quella: tolto lo stimolo a produrre, di neuroni se ne hanno fin troppi, tanto vale eliminare quelli in eccesso con una bella pasticca.
Oltre la famiglia e la città c'è però lo Stato. E qui si apre un altro burrone senza fondo. Una cosa sembrerebbe ovvia: lo Stato legifera. Orbene, dove sono queste leggi? Quelle basilari, che ad esempio dovrebbero mettere in condizione un locale di escludere la presenza di minorenni al suo interno. Se lo chiede L. B., da più di 20 anni responsabile della security nei locali, ma anche negli stadi e per qualche anno appartenente alle forze dell'ordine (e che ci ha chiesto di rimanere anonimo). “Non è cambiato nulla rispetto al passato – spiega, forte dell'esperienza accumulata sul campo dal 1989 –L'unica legge in proposito è il decreto Maroni del 2009. Una legge incompleta e approssimativa, poi mai più modificata. Quella fu una prima timida operazione per cercare di mettere ordine nei locali. Da allora, l'ex buttafuori è diventato operatore della sicurezza e dovrebbe evitare che la droga entri nei locali ma il decreto non dice come. Il buco legislativo è evidente, non ci mettono in condizioni di fare una perquisizione, non siamo degli incaricati di pubblico servizio. Servirebbe una delega speciale”. Dunque l'addetto alla sicurezza c'è, ma di fatto non può fare nulla per contrastare l'entrata di droghe in una discoteca perché la legge non glielo consente. Come aggravante c'è che rischia personalmente non solo la propria incolumità, trovandosi spesso a separare ubriachi in rissa, ma anche giuridicamente, dal momento in cui, se nel tentativo di riportare l'ordine lascia un segno visibile sul corpo di un cliente che si azzuffa, deve pure rispondere di aggressione privata. “Il risultato è che, contrariamente a quanto previsto dalla legge, i buttafuori sono spesso pregiudicati, perché sono quelli che si fanno meno scrupoli a mettersi in mezzo a situazioni limite – spiega L. B. – con l'aggravante che proprio perché già a contatto con l'ambiente criminoso siano proprio loro a consentire le piazze di spaccio nei locali”. 

Non per fare gli esterofili a tutti i costi, ma possibile che in Italia non si riesca a chiedere uno straccio di documento all'ingresso, mentre in altri Paesi europei l'addetto alla sicurezza è considerato un pubblico ufficiale? Rimettere mano al decreto Maroni sarebbe già qualcosa, per quanto non risolverebbe un problema di alienazione giovanile sul quale occorre interrogarsi più approfonditamente e che non necessariamente passa per le droghe, ma può riscontrarsi anche nell'abuso di legalissimo alcol. Dopo il ricovero al Perrino di Brindisi di quattro minori in coma etilico, il direttore dell'ASL di Lecce, Giovanni Gorgoni, ha tuonato: “Chi beve non è figo è un coglione”. Niente, non ce la possono fare. Appena c'è un problema tirano fuori la bacchetta e iniziano a spartire le acque tra i buoni e cattivi, di qua gli alcolizzati, di là i ragazzi dell'azione cattolica, senza mai una volta chiedersi il perché delle cose, senza che l'eco delle loro parole vuote abbia la minima risonanza su una realtà che va da tutt'altra parte.
  1. Non si finirà mai di parlarne, né di sparare a caso su argomenti che non si vuole neanche provare a cogliere da punti di vista alternativi a quello di partenza. Una cosa però la si può provare a chiedere: salvate la musica, tutta, anche quella che dite non sia degna d'esserlo come la musica da discoteca! Lasciatela stare. Non solo non c'entra nulla, ma potrebbe invece aiutare a salvarsi. “La gente non capisce il mondo delle discoteche perché non vuole capirlo – spiega Coccoluto padre in una delle sue uscite più efficaci – gli rimprovera l'assenza di dialogo che è invece la sua ricchezza. Ci sono moltissimi tipi di linguaggio, non c'è solo quello verbale. In discoteca non si parla, sento ripetere continuamente. Ma è proprio questa la sua bellezza: lasciare spazio ad altre forme di comunicazione, come il body language che non è una chiave di decifrazione della realtà meno nobile della parola. La gente davvero non sa cosa si perde!”.

28/04/16

storie dal mondo della scuola burocrazia e repressione


la prima ci sarebbe da ridere invece si piange per indignarsi 

da http://tribunatreviso.gelocal.it/treviso/cronaca del 28.4.2016
«Scuola, a 60 anni la mia notte prima degli esami» Salvatore Cinquerui è il più anziano oggi al concorsone «Sono stanco di combattere contro i mulini a vento»
di Alessandra Vendrame


Gli esami non finiscono mai, nemmeno a 60 anni compiuti. La campanella del tanto atteso concorso della scuola per gli insegnanti indetto dal Miur suona questa mattina con le prime prove scritte al via. Sotto esame, tra le fila degli oltre 1500 docenti precari candidati della Marca, spunta un professore che quanto ad età anagrafica e curriculum non può certo dirsi matricola. Docente tecnico pratico di tecnologie meccaniche, laboratorio tecnologico e sistemi, in cattedra quest’anno all'Isis Verdi di Valdobbiadene, il professor Salvatore Cinquerui è il più anziano tra le fila di insegnanti sotto esame in arrivo da Treviso.
Stamattina è pronto a rimettersi in gioco nel concorsone che vale una vita di lavoro. Ormai nonno oltre che padre di quattro figli, partito dal suo paese Niscemi in provincia di Caltanissetta, è entrato in
classe la prima volta nel 2002. Abilitato nel 2014 dopo aver superato l'esame finale del Pas, (il Percorso abilitante speciale) all'Università di Padova, primo nella graduatoria della sua classe di concorso, torna oggi un'altra volta sotto la lente di una commissione d'esame. Stavolta per il posto di ruolo.
Professore, un'altra notte prima degli esami, perché?

«Mi trovo oggi a dover fare un concorso non per confermare una scelta lavorativa, come avviene di solito all'inizio di una carriera, ma per poter conservare il posto di lavoro. In tutti questi anni ho insegnato nelle province di Padova e Treviso. Ogni anno in una scuola diversa. Ho già superato l'esame di abilitazione con il Pas. E oggi, se voglio avere la cattedra di ruolo, il ministero mi chiede un'altra volta di tornare a fare un esame».
Se avesse detto no al concorso cosa sarebbe successo?
«La legge 107, la Buona scuola, dice che chi non supera il concorso resta in graduatoria a fare supplenze per altri tre anni. Se nell'arco di questi tre anni non passa di ruolo non potrà più insegnare. Si rischia di restare a piedi.A 60 anni si può pensare di rifarsi una vita ?».
Un concorso troppo difficile da digerire per i precari della scuola?

«Una sentenza della Corte europea dice chiaramente di assumere a tempo indeterminato quei docenti abilitati che hanno lavorato per almeno tre anni di seguito con contratti a tempo determinato. Se esistono dei diritti acquisiti per i parlamentari che reclamano le pensioni d'oro, perché i diritti degli insegnanti precari a servizio della scuola dello Stato non possono essere accolti? Non per questo ad oggi sono fioccati migliaia di ricorsi. Questo è il governo dei ricorsi. Ma non finisce qui. In Veneto nella mia classe di concorso ci sono 71 posti di ruolo disponibili. E i candidati sono 49. Serviva davvero un concorsone?».
Quando ha deciso di mollare tutto nella sua terra, la Sicilia, per diventare insegnante?
«Prima avevo una attività commerciale. Quando ho capito che i guadagni scendevano e le tasse invece aumentavano ho deciso di fare quello per cui avevo studiato. E ciò che il mio titolo di studio mi permetteva di fare. Non sono mancati i momenti difficili. Sei anni fa, all'indomani dei tagli introdotti dall'allora ministro Gelmini nell'orario di insegnamento della mia materia, mi sono trovato ad accettare una cattedra di due ore settimanali per 150 euro al mese».
E la sua famiglia è rimasta in Sicilia?

«Da precario non mi posso permettere di portarla qui con me. Ma ho fatto tutto quello che era necessario per sistemare i miei figli. Sono tutti laureati. Lo faccio per loro. Costi quel che costi».
Il sogno nel cassetto del professor Cinquerui?
«Stare vicino alla mia famiglia almeno prima di andare in pensione. Non ce la faccio più a lottare contro i mulini a vento. Non sono don Chisciotte».


la seconda è tratta da http://mattinopadova.gelocal.it/padova/cronaca/ del 27.4 .2016
Essa non altro che la durissima repressione per quella che io considero una boiata proibizionista .Ok avranno anche violato la legge , ma la punizione non è educativa e proporzionata . Se proprio li doveva punire lo si doveva fare in un altro modo




Studenti tedeschi sorpresi con la marijuana: espulsi da scuola Minorenni in gita con la scuola, i vigili li hanno sorpresi con la droga all'ingresso della Cappella degli Scrovegni.

.


PADOVA. Durante un controllo ai Giardini dell’Arena gli agenti della Polizia municipale hanno sorpreso, nei pressi dell’entrata della Cappella degli Scrovegni, tre ragazzi tedeschi in gita a Padova in possesso di marijuana. Accompagnati al Comando non sono però stati denunciati su disposizione del pubblico ministero minorile. L’insegnante che li accompagnava ha avvisato i rispettivi genitori e ha informato gli agenti che al loro rientro in Germania sarebbero stati espulsi dalla scuola e non ammessi all'esame finale di maturità. "Sono delle norme che dovremmo utilizzare anche in Italia – è stato il commento dell’assessore alla sicurezza Maurizio Saia – probabilmente questi ragazzi sapendo che nel nostro paese non vengono adottate misure particolarmente restrittive per il consumo di droga, avranno pensato di poter consumare liberamente. Ma hanno fatto male i conti, perché in Germania non funziona così". Subito dopo gli agenti si sono spostati in Piazza Mazzini dove hanno fermato per un controllo tre persone che bivaccavano sulle panchine: sono state identificate tramite documenti regolari e risultate tutte di nazionalità rumena. Nell’area Pp1 hanno invece sorpreso nove persone, tra i quali un nordafricano in possesso di una certa quantità di eroina. Nella giornata di ieri sono continuati anche i controlli sugli immobili e i terreni di proprietà comunale soggetti ad occupazione abusiva. Il primo intervento è stato fatto sul Ponte Unità d’Italia lato stazione autocorriere. E’ stata aperta la botola di ispezione del ponte stesso posta a circa due metri dal suolo e all’interno sono state rinvenute numerose coperte e altro materiale. L’area è stata quindi pulita e il Settore Manutenzioni ha provveduto all’applicazione sulla botola di un lucchetto di grosse dimensioni. Successivamente gli agenti si sono spostati sotto il cavalcavia Dalmazia, dopo che domenica scorsa erano stati trovati e denunciati per invasione di terreno otto nomadi. Qui c’era un tunisino già conosciuto alle forze dell’ordine. L’ultimo sopralluogo è stato fatto al Bocciodromo di via Bronzetti (area di proprietà comunale) dove sono stati trovati tre nordafricani che, assieme agli altri fermati nei controlli successivi, sono stati accompagnati negli uffici della Polizia Municipale, fotosegnalati e deferiti all’Autorità Giudiziaria

10/02/16

breve storia di tutto Matteo tassinari

c




A differenza dell'Inghilterra, dove i giovani iniziarono a identificarsi con gruppi di riferimento dai codici e stili propri, ma privi di una visione politica, in America tutto si muoveva in sintonia con la scoperta delle religioni orientali, viste come alternativa politica al modello occidentale. Cominciò tutto con l’impegno politico vero nel rifiuto della guerra in Vietnam, questa era la causa principale che animava migliaia di giovani non solo in America ma in tutto il mondo. 

 Nel 1965 il regista Premio Oscar David Miller bruciò per protesta la sua cartolina di richiamo alle armi, gesto simbolico che da quel giorno fu ripetuto migliaia di volte da altrettanti giovani fino a farlo diventare un atto dovuto per chi voleva cambiare il mondo con un piccolo ma reale gesto e personale che coinvolgesse milioni di giovani per dare un segnale di movimento, di voglia di cambiare musica. Il segnale venne dato, ma non fu ascoltato. Addirittura in grandi falò pubblici organizzati vennero ripetuti in vari punti degli Stati Uniti, di pari passo con il rifiuto dello stile di vita di una società che non produceva altro che inquinamento.



New Lelt America

Attraverso il Movimento pacifista giovanile, nel quale un'anima antimilitarista conviveva a fianco di settori più decisi, pronti e all'erta per la guerriglia urbana. La protesta entrò nell'arena politica dando spazio alla New Lelt, pagando più tardi un dazio salatissimo. Un clima sociale surriscaldato spinse gruppi come i Doors, Jefferson Airplane, Country Joe & The Fish, oltre l'utopia, l'avanguardia della svolta politica a ritmo di musica, mutando il linguaggio, il vestire, il vedere la vita e l'incontrarla. Tutte moine per nascondere molto narcisismo.



L'onda, poi,è arrivata o no ? Il clima surriscaldato, spinse in alto, ma molto in alto molti artisti


Dalla pittura alla Graffit-Wall alla Writer Dance Music World, dalla musica alla letteratura, dalla poesia alle manifestazioni creative, pareva davvero che il mondo si muovesse sotto i piedi. Penso che nessuna gioventù su questo mondo non abbia vissuto un momento così alto e insicuro, vertiginoso e visionario, come ambiguo e perverso, enigmatico quanto amletico, anfibolo e bizantino per quanto sconosciuto. Le prime band a comporre e cavalcare l’onda della protesta a San Francisco furono i Doors cn la stella folle dal cognome Morison, Jefferson Airplane con la formazione fissa del Matrix del 1965, The Fish, Bob Dylan e Leonard Cohen nella maniera più anarchica possibile, con molte attenzioni a non mettere i piedi nella furiosa lotta.


L'onda che monta

Sull'onda del Movimento californiano, in tutti gli Usa si moltiplicarono manifestazioni in tutto lo stato e poi in tutto il mondo. "Esterina, i vent'anni ti minacciano, grigio rosea nube, che a poco a poco in sé ti chiude. Ciò intendi e non paventi". (Eugenio Montale). La lisergia di una ballata può fottere o far male. Ti può andare bene una volta, ma prima o poi arriva quella fatale, ed è un casino apparente e reale. Nessuno vorrebbe essere fra l'incudine e il martello quando la sostanza del quiquibus e Lsd! Troppe, ma dico veramente troppe, sventole t'arrivano senza conoscere il mittente al cervello, fino alla frittura mista come si fa con il pesce al cartoccio. Cazzo, che metafora!





Quietismo  Hippies



Ser Iguanone, quanta coca è passata da quel nasone


Negli anni tra il 1965 e il 1967, si sviluppò il più grande movimento giovanile di massa che la storia avesse mai visto, movimento che legava sotto i simboli dei Movimenti Hippies, dei poeti della Beat generation e dei musicisti di quell’area culturale. In quel momento, il quietismo degli hippies è all'improvviso soppiantato dalla volontà rivoluzionaria degli yippies. Inziano scontri a san Francisco, Tim Leary vuole riempire di Lsd l'acquedotto di Los Angeles, I Jefferson che creano, forse anche senza volerlo, un movimento di allucinati che si sbrandellano il cervello con potenti misture lisergiche e il mondo è discolto in una pozione di Lsd25.










Un look minaccioso


Un’intera generazione che pretendeva un mondo diverso, per arrivare al punk. Un po’ misero come risultato, fatto che fino a quel momento le nuove mode musicali non avevano intaccato il fondamentale meccanismo del consumismo. Avevano casomai sostituito vecchi meccanismi con dei nuovi. I giovani avevano scoperto una propria zona esclusiva in cui coltivare stili di vita,
Il dio azteco Xochipilli, Principe dei fiori.
Divenne l'ispiratore degli hippies di tutto il mondo




E il movimento?

abbigliamento, tempo libero, divertimento, ma sempre all'interno di un ben radicato meccanismo di consumo. Per la prima volta, invece, gli hippies mettono in discussione la logica stessa del consumismo. Il look "straccione", diventato poi fatua espressione di moda, era all'inizio il segno di una minacciosa rivolta contro i valori della società capitalista. La povertà, la semplicità, la vita fuori dalle metropoli, o addirittura la vita in comune, ispirata a una sorta di primitivo e radicale socialismo, erano una lacerante ferita inferta all'America dell'espansione imperialista. La potenza di questo messaggio fu amplificata dal fatto che, come mai era successo prima, analoghi desideri circolavano più o meno in tutto il mondo, in una nuova sintonia che superava distinzioni geografiche e culturali.



C'era un'altra anima,importantissima quanto profonda, anzi spesso decisiva, nei momenti più intensi della rivolta. A Berkeley si sviluppò l'ala "politica" del movimento, dapprima con il Free Speech Movement, che adottò la tattica della disobbedienza civile per lottare contro i metodi d'istruzione delle scuole e delle università, contro l'asservimento delle stesse università all'industria militare e, soprattutto, contro la guerra in Vietnam, predicando una "lotta politica emotiva", fantasia poetica e fratellanza. Esibivano il loro stile di vita alternativo, per molti versi simile a quello degli hippies, nella quotidianità della vita urbana, con l'intenzione di fare della propria esistenza personale una testimonianza politica. L'obiettivo era quello di porre l'intera America "in acido", ovvero deridere la società, per così dire, "normale" con surreali dimostrazioni pubbliche (famosa la distribuzione gratuita di denaro nella Borsa di New York) con lo scopo d'innescare una vera e propria rivoluzione permanente. Jerry Rubin fu l'elemento di spicco del movimento "politico" californiano, l'organizzatore del Vietnam Day Committee, guida del movimento.


Cervelli soffiati


Come cantava Jim Morrison “Vogliamo il mondo” e lo volevano veramente, e subito! C'era molta ignoranza sugli effetti delle droghe Da qui si possono notare gli effetti collaterali in quanto ancora si provava e basta, non c'era informazione Lsd, Morfina, Cardiostenolo, 0,1, liquidi dai colori tropicali. Buttavamo giù di tutto e tutti insieme ma anche da soli, senza preoccupazione convinti che ogni droga potesse dare solo benessere. E invece... Gli stadi di paranoia dovute all’assunzione soprattutto di effetto droghe allucinogene, che sul momento dell’azione ti porta sulle ali di Icaro, ma quando l’effetto finisce la fatica è trovare un aeroporto aperto con la pista d’atterraggio sicura e illuminata, in quanto l'atterraggio poteva avvenire anche di notte. Vorrei sapere a quanta gente l'Lsd ha soffiato il cervello!




Avendo provato quasi tutte le droghe in circolazione, quindi conoscendo non per sentito dire ciò che narro, posso dare un giudizio certo e attendibile: Lsd è tra le droghe più devastanti della terra. E' un dolore inspiegabile, metafisico, perché quel che vedi e senti, lo vedi e lo senti solo te e questo scombussola la psiche di chiunque. Un'autentica bomba ad orologeria, può andar bene, come può andar male e cadere in stati di paranoia più o meno potenti.



Giovani alchimisti crescono

Sul mercato illegale, l'Lsd era estremamente economico e la diffusione fra i giovani fu dilagante e veloce, come le droghe di sintesi oggi e le discoteche che contengono sballi e cervelli fusi. Da considerare che lo sballo garantito dal "trip" è molto lungo quindi con poche lire eri fuori tutto il giorno, ma i danni che ha creato l'Lsd chi potrà stabilirli?



Per questo viene chiamata la droga dei poveri e spesso sono gli adolescenti a consumarla. Intanto il Movimento procedeva a passi da gigante, spinto e sospinto non solo perché i giovani conobbero la droga, ma perché gli stessi giovani implicavano motivazioni più che oneste e sincere alle loro lotta, senza interessarsi di quei periodi e problemi causati da queste sostanze spesso alterate da altre sostanze: il crack è sempre all'erta. Ma erano esausti della cosiddetta cultura conservatrice, tant’è che i giovani che si misero alla ricerca di altre culture o religioni, divenne un fenomeno e spesso con conseguenze anche drammatiche.

Salvador Dalì


Produsse  influssi molto  penetranti in tutto il mondo giovanile e nella musica pop rock di ogni latitudine compresi i lembi estremi della periferia dell’ “impero” come l'Italia, dove il messaggio arrivò già trasformato in moda, spesso superficiale o banale, ma anche amorfo come gli anni '80, dove le spalline delle giacche che sembravano divise da generali di guerra con rinforzi. Il risultato? La mia generazione ha perso, per dirla con Gaber. E' proprio vero: la giovinezza non è un’età felice.

Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget