Visualizzazione post con etichetta donazione d'organi. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta donazione d'organi. Mostra tutti i post

16/02/14

Una 14enne di Olbia muore in ospedale Gesto d'amore dei genitori: donati organi

lo so che sembrerà banale   visto che  :   storie  come  questa    ne devono succedere  parecchie  . Ma  è la prima volta  che  sento  di un  esproprio d'organi  da una ragazza di  14  anni  . E poi da trapiantato ( mi  hanno  , 22  anni fa  , trapiantato  la cornea   destra  )  queste storie mi emozionano sempre  .


dall'unione sarda del 16\22014

La morte di una 14enne, a Olbia, darà nuova vita a quattro persone: i suoi organi questa mattina sono stati donati a tre giovani pazienti, di Roma, Palermo e Torino, e ad un 52enne cagliaritano. Ieri mattina la ragazza, ricoverata nel reparto di Rianimazione dell'ospedale Giovanni Paolo II di Olbia dal 6 febbraio scorso, per le conseguenze di una grave crisi respiratoria, è morta cerebralmente. L'equipe del reparto di Rianimazione ha così iniziato la fase di Osservazione, per verificare lo stato di decesso, conclusasi alle 15 e dalle 23 sono state così avviate le operazioni di prelievo degli organi, autorizzate dai familiari, che - ha spiegato l'Asl di Olbia - sono state concluse alle 7 di questa mattina.

ospedale di Olbia 


Vista la giovane età della ragazza è stato possibile prelevare il cuore, consegnato all'equipe dell'ospedale romano Bambin Gesù, e già trapiantato in un bambino di 9 anni; un rene e il fegato sono invece già stati trapiantati a Palermo in una giovane di 18 anni; il secondo rene è stato consegnato all'ospedale pediatrico Regina Margherita di Torino; infine il Pancreas resterà in Sardegna, destinato ad un uomo di 52 anni. "Questa vicenda ha commosso tutti noi", ha detto Franco Pala, primario del reparto di Rianimazione dell'ospedale olbiese, "da un lato per la drammaticità degli eventi, dall'altra dall'atteggiamento di immensa generosità che i familiari della piccola hanno dimostrato in un momento difficilissimo della loro vita".

Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget