Visualizzazione post con etichetta doivorzio. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta doivorzio. Mostra tutti i post

25/01/16

Crede di essere sposata da 20 anni. In realtà il marito aveva chiesto il divorzio subito dopo le nozze


Crede di essere sposata da 20 anni. In realtà il marito aveva chiesto il divorzio subito dopo le nozze


gabriel villa e cristina carta
Gabriel Villa e Cristina Carta
Dopo vent'anni di matrimonio, ha scoperto di essere... divorziata.
È davvero surreale la storia - raccontata dal New York Post - che vede malcapitata protagonista Cristina Carta, 59enne, residente nella Grande Mela, dal cognome di origini sarde. Tutto inizia nel 1994, quando Cristina, insegnante di italiano al Boston College, accetta la proposta di nozze di Gabriel Villa, brillante e facoltoso avvocato, oggi 90enne, reduce da una precedente relazione, dalla quale ha avuto una figlia.
"Era assolutamente affascinante e nonostante la differenza d'età è stato amore a prima vista", racconta la Carta alla giornalista del Post Kathianne Boniello.
Una passione andata avanti fino al novembre scorso. Quando Cristina ha scoperto che il suo Gabriel, poco dopo il fatidico sì, si era recato di nascosto in Repubblica Dominicana, per chiedere, attraverso un iter poco chiaro e avvalendosi delle leggi del posto, il divorzio.
Ottenuto il quale è tornato a casa, facendo finta di nulla.
Sposato e divorziato al tempo stesso.
Perché?
Cristina, che ha avuto le prove dei suoi sospetti dopo aver assunto un investigatore privato, non ha dubbi: questione di soldi.
Secondo la 59enne, infatti, il marito vorrebbe esautorarla dall'eredità e da ogni bene, a beneficio della figlia avuta da un'altra donna in prime nozze, che vive a Roma.
Per questo si è rivolta alla Giustizia, denunciando il consorte (o ex consorte, in base ai punti di vista) per "truffa".
"Nonostante tutta la gioia e la felicità - confessa ancora Cristina al Post - e nonostante tutto quello che abbiamo condiviso in questi anni, mi sono resa conto che mio marito mi ha mentito. Ed è questa la cosa che mi fa più soffrire"

Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget