Visualizzazione post con etichetta dittatore. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta dittatore. Mostra tutti i post

19/09/09

Abominio - 2

Mette a dura prova i nostri ideali, ma le tentazioni appartengono alla vita umana. Proprio perché non sono un'imbelle irenista, e ho sempre scritto con onestà, non temo di mostrare il seguente filmato.



E poiché, anche in queste ore buie per l'umanità, non temo le parole, spero abbiate fissato bene i volti dei due assassini di Sanaa Dafani, la cui vicenda ricalca quella della tristemente nota Hina Saleem. Li ho nominati al plurale, perché, se solo il maschio ha scatenato materialmente la sua furia belluina ("voleva decapitarla", ha accusato il fidanzato), la femmina che giustifica il suo complice-padrone è colpevole quanto lui. Maschio e femmina, non uomo e donna, non marito e moglie, non padre e madre, non famiglia. 45 anni lui, 39 lei, e ci appaiono così decrepiti e inguardabili. Tanto bella la ragazza, quanto brutti gli assassini. Orrenda la femmina, orrendo e senza scampo quel suo sguardo fisso, ottuso, cieco. La bruttezza dell'ignoranza, della cattiveria, e, sì dell'inferno che certamente attende lei e il suo compare. Bene ha fatto il Comune a giudicarla indesiderata e, come speriamo, a toglierle la potestà sulle altre due bimbe, sorelline di Sanaa, concepite in modo insano e inconsapevole (anche i ratti figliano) assieme al correo, nella probabile, vana attesa del nuovo Maschio Dominatore, l'Erede del Capo di Casa.


L'ignoranza non merita perdono umano, perché alla sua base c'è sempre un atto di volontà. Tutto il resto, la sventatezza, l'annullamento, deriva da questa radice malata. Non ho più nulla da aggiungere se non l'affilata condanna di Michele Serra, comparsa ieri su "Repubblica":


La pena peggiore, per il padre assassino di Sanaa Dafani e per tutti quelli come lui, sarebbe esere costretto ad assistere al futuro del mondo. Vedere morire lentamente il dominio dei padri, dei fratelli, dei mariti sulle mogli e le figlie. Vedere morire lentamente tutte quelle orribili leggi scritte da preti (maschi) di ogni religione bestemmiando e usurpando il nome di Dio, leggi e regole fonte di prigionia, di lutto, di mortificazione, di tristezza, di senso di colpa, di ignoranza, di esclusione, di discriminazione, di sottomissione per miliardi di esseri umani passati e presenti. Vedere la forza dell'eros che schianta l'albero fradicio della supersitizione e della costrizione. Vedere il disordine della libertà che vince sull'ordine cupo e idiota nel quale credono i padri padroni e le loro vecchie mogli asservite. Vedere la giovinezza (Sanaa aveva diciotto anni) trionfare sulla decrepitezza delle regole arcaiche.

Succederà. Ci vorranno ancora secoli, ma succederà. Peccato che il padre di Sanaa, e tutti quelli come lui, non possano essere puniti assistendo fino in fondo al crollo del loro orribile mondo, che mostra il bastone, la frusta, il coltello alla figlia che tenta la fuga. Famiglia e religione devono servire alle persone. Nessuna persona deve essere serva della famiglia e della religione.


Michele Serra



Fotogramma dal film Una questione d'onore (1965): un contadino sardo (Tognazzi) canta una serenata alla fidanzata. Pur amandola, l'uomo la uccide sospettandola di adulterio: tutto il paese (donne comprese) approva il gesto.

26/06/09

IL VIDEO CHE PROVA LE ELEZIONI FALSATE IN IRAN

dal blog www.diteloame.splinder.com






IL VIDEO CHE PROVA LE ELEZIONI FALSATE IN IRAN




Miei cari amati amici blogger, stasera voglio mostrarvi un video ed una riflessione su quanto sta accadendo in Iran in questi giorni e sotto il menefreghismo di tutti quelli che, in casa nostra, preferiscono imbrattare le carte dei giornali e i loro discorsi con i gossip sulle veline, prostitute normali e d'alto bordo come le escort, o peggio di tutte le aspiranti arriviste sia in politica che in tv, con il gioco saltiamo addosso al presidente per conquistarci un posto "al sole" in tv o in europa. Ora a me di tutto ciò non me ne importa nulla, ma della situazine in Iran si. Ecco il video che ho trovato in rete e come tanti altri lo posto, insieme a quello sconvolgente che ritrae la morte di Neda. Per riflettere e pensare sulle vere priorità di vita, lasciando stare il fango del pettegolezzo lanciato apposta per coprire le giuste priorità. Aggiungo anche la mail che ho ricevuto sull'ennesima proposta di legge per chiudere i blog attaverso pesanti sanzioni che vanno da un anno a 5 di reclusione. L'ho pubblicato anche su facebook assieme a tanti altri, e adesso lo posto anche qui, quindi sono una fuorilegge anch'io.Buona serata e baci dalla sempre vostra, Rossella





IL VIDEO DELLA PROVA DELLE ELEZIONI FALSATE IN IRAN



questo l'ho trovato in rete e chi l'ha postato prima di me, dice che non può confermare la veridicità di quanto si vede, ma per dovere di cronaca lo posta così come sto facendo io .

















                         









 ATTENZIONE ! SI CONSIGLIA LA VISIONE DI QUESTO VIDEO SOLO AD UN PUBBLICO ADULTO





Il padre, chinato accanto a lei, le diceva di non aver paura, e l'ha ripetuto fino al suo ultimo respiro. Io non dimenticherò mai i suoi occhi aperti sul mondo, occhi pieni di speranza che adesso, giudicano ... Rossella

















 





















quello che segue è i testo della legge per impedire ancora una volta che circoli la libertà nell'unico luogo ancora libero in questo mondo ... la rete dei blogger, copiatela e diffondetela anche voi.... Baci Rossella






IN BASE A QUELLO CHE LEGGERETE ANCHE QUESTA E MAIL POTREBBE ESSERE FONTE DI REATO





Ricevo e posto, diffondetela anche voi. Ciao da Rossella (dalla mia pagina su facebook)






In base a quello che leggerete anche questa e mail potrebbe essere fonte di reato.




Ieri il Senato ha approvato il cosiddetto pacchetto sicurezza (D.d.L.733) tra gli altri con un emendamento del senatore Gianpiero D'Alia (UDC) identificato dall'articolo 50-bis: /Repressione di attività di apologia o istigazione a delinquere compiuta a mezzo internet; la prossima settimana Il testo approderà alla Camera diventando l'articolo nr. 60.

Il senatore Gianpiero D'Alia (UDC) non fa parte della maggioranza al Governo e ciò la dice lunga sulla trasversalità del disegno liberticida della "Casta".
In pratica in base a questo emendamento se un qualunque cittadino dovesse invitare attraverso un blog a disobbedire (o a criticare?) ad una legge che ritiene ingiusta, i /providers/ dovranno bloccare il blog.



































Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget