Visualizzazione post con etichetta dieta pre natalizia. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta dieta pre natalizia. Mostra tutti i post

02/12/13

[come risparmiare e non sprecare in tempo di crisi durante le festività natalizie ] 1 puntata Natale, prepararsi all'abbuffata con la dieta a base di minestrone e non solo



ti potrebbero  interessare oltre  alla prima puntata della  guida   natalizia  di questo 2012\2013   http://ulisse-compagnidistrada.blogspot.com/2013/11/come-risparmiare-e-non-sprecare-natale.html alcuni post   sul'alimentazione  e consigli pratici  su come  ridurre  gli effetti dele  abbuffate  natalizie    delle scorse  guida





Nonostante la crisi  economica   che  molti ancora  fanno finita  di non sentire  \ vedere  o peggio di non capire  a loro  è dedicata la canzone sotto




il mese di dicembre  man man mano  che   s'avvicinano le feste  è quello in cui    si mangia  di più fra pranzi parentali , di gruppo d'amici  e  di gruppo ( associazioni , aziende  , palestre , ecc )  potete  , per  chi non vuole  fare  rinunce  o sensi di colpa  o fare diete\ rinunce  dopo  , seguire  una dieta  pre feste  eccone una presa non ricordo da quale  quotidiano sardo ( la nuovasardegna , l'unione  sarda , sardiniapost  )  . eccone una  .




Per non dover fare troppe rinunce a Natale, arriva una dieta ipocalorica (di circa 1100 calorie) ma equilibrata nella sua composizione da fare una \ due settimana prima.
A realizzarla il professor Pietro Migliaccio, presidente della Società italiana di scienze dell'alimentazione (Sisa). "Il periodo natalizio può lasciare il "segno" sul peso, che può aumentare tra i due e i quattro chili, per questo è meglio giocare d'anticipo", spiega Migliaccio, che nel suo regime alimentare pre-natalizio ha messo come alimento principe il minestrone di verdure. Da mangiare con 40 grammi di pasta, un cucchiaino d'olio e uno di formaggio grattugiato, il minestrone va consumato tre volte a settimana.
I CONSIGLI - Altre indicazioni riguardano la colazione: per iniziare bene la giornata - spiega ad esempio l'esperto - si può scegliere latte parzialmente scremato (100 millilitri), caffè a piacere, un cucchiaino di zucchero e una fetta biscottata, oppure tè a piacere, un cucchiaino di zucchero e due fette biscottate. A metà mattinata largo a un cappuccino o alla frutta: una mela, una pera, un kiwi o una banana piccola, un'arancia, due mandarini, duecento grammi di ananas. Poi a pranzo per tutta la settimana si possono alternare diversi alimenti (due uova sode, alla coque o in camicia, ottanta grammi di tonno al naturale sgocciolato, arrosto di tacchino, salmone affumicato, due hamburger da 70 grammi l'uno o 70 grammi di formaggio light, quattro bastoncini di pesce o 130 grammi di carne bianca), con un contorno di verdure a piacere (compresi fagiolini e funghi). Per condire un cucchiaino d'olivo extravergine d'oliva e per accompagnare il tutto mezza rosetta di pane. A metà pomeriggio un tè caldo con un cucchiaino di zucchero e due biscotti o due fette biscottate. Per cena, infine, una porzione di carne o pesce cucinato e condito secondo le abitudini familiari, la verdura come contorno e sempre poco pane, che può essere sostituito con una porzione di patate o legumi (circa 150 grammi). "Anche se siamo in una settimana di preparazione alle feste, lasciamo una cena libera da utilizzare con intelligenza puntando sulla qualità e non sulla quantità", conclude Migliaccio, specificando inoltre che "questa dieta può essere effettuata da tutti. Tuttavia è preferibile che chi ha particolari patologie consulti il proprio medico".



un altra  la trovate qui  come suggerivo l'anno scorso

Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget