Visualizzazione post con etichetta diario. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta diario. Mostra tutti i post

15/09/16

quando i blog non esistevano o erano ppena all'inizio e lo Sketchbook Project

l'editoriale di topolino 3172 (  qui  l'articolo originale  )  da me rimaneggiato  nel post  d'oggi    mi permette di rispondere a tutti quelli \e che , nonostante le FAQ e i rispettivi aggiornamenti mi chiedono   se visto il tipo di notizie  che pubblico   e  condivido qui e su facebook faccio scambio di link

Cari amici \ che Quando ho saputo dello Sketchbook Project ( inglese ; italiano  )  tramite topolino n° 3172 mi sono entusiasmato all’istante. E mi sono ritornati in mente i vecchi ricordi dei mie faldoni l,  e le mie  Smemoranda del  liceo  e  dei primi anni  d'università fino al  2001    pre blog e social ( devo solo ricordarmi in quale angolo della







soffitta sono finiti ) fatti di anni ritagli trafiletti, articoli interi o a pezzi, titoli, fotografie  prese  dai giornali o scattate da mio padre  o  da me   quando ancora il digitale non esisteva od  era  agli inizi  , fiori, foglie, materiali disparati. La mia predilezione che poi  ho  ripreso quando  mi sono messo online  prima  con  splender  ed  ora  con blog spot  \ blogger   va alle notizie strambe, quelle inverosimili e divertenti, ma mi interessano allo stesso modo singole frasi, parole, immagini, caratteri tipografici. Tutto questo finiva  incollato su quaderni le cui dimensioni lievitano in maniera esagerata a mano a mano che li riempievo  .Se volete divertirvi, consiglio anche a voi di farlo. Spesso, una volta affiancati, frammenti di diversa provenienze, di diverso tenore e di diverso argomento generano un effetto comico e fanno deragliare i pensieri di tutti i giorni e il cervello resta in moto.
Le mie pagine di ritagli sono, quello che  dev'essere sopravvissuto  ai topi e  al tempo ,  affiancate da pagine scritte. Sogni, spunti, idee, vaneggiamenti, disegni. Per qualche mese, il tempo necessario a completarlo, ogni quaderno diventa un amico che di solito alloggia nel cassetto del tavolo della cucina, ma che quasi sempre porto con me nei viaggi e negli spostamenti insieme al taglierino, alla colla e alla mia stilografica preferita.
I quaderni hanno un ultimo grande pregio:  ci dovrebbero  ricordare  degli errori e delle correzioni dai quali imparare


Supporto perfetto per me, che sono distratto e smemorato e devo prendere nota di tutto. A proposito, mi ero appuntato sull’agenda qualcosa da dirvi, oltre a chiedervi di guardare ai quaderni con occhi diversi… Ah sì, ecco qua: buon ritorno a scuola!

03/09/16

L'Uomo e il Fine-Vita:Conoscere per riflettere, riflettere per decidere. proiezione del film la bella addormentata di bellocchio e dibattito con Beppino Englaro tempio pausania 2.9.016

Ieri 
Venerdì 2 settembre 2016 alle ore 17:30 presso il salone della Curia ( Palazzo Pes-Villamarina )di Tempio Pausania, si terrà un incontro- dibattito sul tema del "Fine Vita" e Testamento Biologico, con la partecipazione di Beppino Englaro, padre di Eluana.
 L'incontro ha lo scopo di fornire un importante occasione di riflessione e confronto su una tematica così importante e dare vita ad un libero dibattito tra i presenti .
 L'incontro sarà preceduto dalla proiezione del film "LA BELLA ADDORMENTATA " di Marco Bellocchio, ispirato alla "vicenda Englaro"

                            dal  comunicato dell'evento  

Dopo il film  che  ho rivisto   in quanto in   rai  ,  rete  che lo  coprodotto ,  fu trasmesso (    forma  di censura  soft   ma  sempre  censura è  )

 


  se  non ricordo male   dopo le  23  , per non inimicarsi  :  le gerarchie  ecclesiastiche ,  i credenti pro life  \  oltranzisti  ,  gli ipocriti politicanti  .  Un bel  film  adatto ed  purtroppo poco  pubblicizzato e  diffuso  al grande  pubblico oltre  ad essere  boicottato . Infatti secondo  https://it.wikipedia.org/wiki/Bella_addormentata blocco dei finanziamenti da parte dall'Assessorato regionale alla Cultura del Friuli-Venezia Giulia. Successivamente il film è stato riammesso ai fondi, ma nel luglio 2012 la Film Commission del Friuli Venezia Giulia è stata chiusa e la gestione del Film Fund (il fondo finanziatore di diverse produzioni cinematografiche) spostata all'Ente Turismo FVG, cioè direttamente in capo alla Regione. Un film  adatto per  il dibattito . Dopo  d'esso  si  è giunti al dibattito con il padre  di Eluana . Un uomo , infatti   ha  evitato il ruolo di protagonista   ed  ha invitato  il pubblico a parlare , umile  e modesto che  ha  trasformato   quella  che  è stata  una  sua battaglia   in una battaglia per tutti  quelli  che  sono o  hanno familiari in situazioni    come quella  di  sua  figlia  , senza  scendere   nella  strumentalizzazione    di  partito e  di schieramento  ideologico .
Certo   che se  tale  evento fosse stato organizzato  con un po'  d'anticipo sarebbe stato  meglio . Ma pazienza  cosi  è  andata  . Comunque pochi ma buoni  .   Di solito sono restio  e  diffidente  dele  dichiarazioni   e dei resoconti ufficiali  , ma  in questo caso  confermo      quanto detto    da   uno degli organizzatori dell'evento 




Mario Dettori
Eccoci qua, è tempo di ringraziamenti .. Grazie di cuore innanzitutto a Beppino Englaro, che ha portato la sua testimonianza scegliendo Tempio per una giornata di riflessione e dibattito su un tema così delicato..
Grazie al mio professore Gianluigi Deiana, Al Professor Giuseppe Deiana, al Dott. Mario Oppes, a Massimo Dessena, Pasquale Lamanda , a Barbara Mariano e ai presenti tutti, pochi, ma davvero interessati e coinvolti che han dato vita a una interessantissimo dibattito cogliendo a pieno L obbiettivo di quest incontro:
Conoscere e riflettere assieme, portando ognuno le proprie esperienze e considerazioni, anche di opposte vedute, all insegna del rispetto reciproco e della voglia di approfondire e mettere in discussione i propri convimcimenti. Una goccia in mezzo al mare.. Ma si sa come si dice in questi casi...😉
Grazie ancora per l'emozione di aver portato a Tempio un occasione Di crescita culturale e civile davvero unica.
Grazie ancora per l'emozione di aver portato a Tempio un occasione Di crescita culturale e civile davvero unica.


 E' stato un dibattitto   bellissimo ed  efficace  ,  vivace  e fecondo  (  anche   chi   come  me   masticava  un po'  all'argomento )  il dibattito  che n'è seguito  fra  i protagonisti in sala  ed  il pubblico  . Mai  visto  sia durante  il film   che durante  la discussione  un pubblico  cosi attento  e  silenzioso ( campane    della  chiesa parte ) .C'è  come  potete  vedere  da  questo mio due  video.  il     una  diretta  ( troppo breve lo so  , ma le  diretta  su fb  dal cell   consumano molta  batteria  )


video


 il secondo   quello  con   la  telecamera  per  problemi tecniic , appena  li risovo  provvederò  a metterlo su   online  non riesco a  scaricarlo ne  su fb  ne  su  youtube , . Però  in cambio :-)  vi lascio alcune delle  mie  foto
lasciate  che  torni ala casa del padre ,  coscienza  individuale ,  no accanimento terapeutico  , eluana  englaro  ,  beppino englaro ,  morire  con  dignità  , testamento biologico  ,  coma  ,   come  un vegetale , twempio pauisania  , 


una pressa  di posizione   chiara  da parte  di  Englaro   contro  l'accanimento terapeutico   e l'impossibilità de paziente  o  chi per lui qual ora  avesse  fatto presente   e non potendola  più 



esprimerla per  confermarla  la  decisione  di  morire con dignità  rifiutando l'accanimento terapeutico o di vivere   legato a macchine  e  dipendere in toto  dagli altri\e  .  Inoltre  Englaro ,  anche  se  costretto   dal primo intervento  ad  insistere  sulla  vicenda della  figlia   ha  preferito  insistere   di più  sul  film   ( precisando  che  lui <<  non avrebbe mai  fatto un film  su Eluana  . E  che il film di Bellocchio  non  è un film  su di lei  ,  anche  se  ne prende  spunto  >>   ) e  di  come in italia  non ci sia, rispetto all'Europa  ,  ancora  una legge   chiara sul  fine  vita . Ringrazio  i  curatori  dell'evento  per  averci  dato   la possibilità di un approfondimento   serio   non strumentale ed  ideologico su tali temi etici e  morali cosi delicati  .

21/03/15

si sente l'aria della primavera ma intato la primavera tarda ad arrivare

  musica  consigliata

Anche se oggi piove e c'è un vento di ... e il sole va e viene già si respira l'aria di primavera


Peccato che non sia anche culturalmente e politicamente ( da non confondere con politka cioè quella delle caste e dei ladri \ corrotti ) ed in tanto

o   l'italia  ed  il mondo   continuano  il loro declino  inesorabile verso l'autodistruzione  .

09/11/14

Diario Halloweeniano ANZI MEGLIO DI LI MOLTI E E MOLTI

 Tornio ora  dopo un lutto  familiare  ( una prozia  di  90 anni  )  e problemi al pc   ,  ed impegni vari  fra lavoro  ( ne  accennerò  qui    nel post  )   e  associazione  fotografica (  stiamo preparando  una mostra  )  .
   
Inizio i post  d'oggi con una precisazione  , cosi  prevengono  eventuali strane domande  del tipo :<<  anche tu convertito alla  festa di Halloween ? , ecc  >> io  non odio la festa  in se   ma  il suo aspetto consumistico ed omologante  che  porta   alla  snaturazione   e perdita del senso originario delle tradizioni    . E la scelta  di tale  titolo  è in senso  sarcastico per prendere  in giro : 1)    l'ipocrisia della chiesa  che   non riuscendo  a   sradicarle    completamente  nonostante   spostò  dal 13  maggio al   1  novembre   la  festività  di ogni \   tutti  i santi  . Infatti  <<  tale data fosse stata scelta dalla Chiesa per creare una continuità cristiana con Samhain, l'antica festa celtica del nuovo anno (secondo le teorie dello storico Rhŷs)[3], a seguito di richieste in tal senso provenienti dal mondo monastico irlandese >>  (  da  http://it.wikipedia.org/wiki/Ognissanti )   dai noi in Sardegna  o  al sud   le  tollerava   ed  ora invece   che viene  reimportata dagli Usa  (  vedere  collegamento precedente  )  le  condanna  e  condanna   chi decide  di praticarlo  non solo per  moda  ma  per  esorcizzare  la morte  . 2)   chi  lo  fa   solo  per  moda 

31  ottobre  
Dopo  aver  imbustato  gli ultimi  crisantemi  (  vedere  foto  )


 
 
 
Sono  andato  come  ogni venerdì  a fare  il mio turno  nella  bottega del comercio equo & solidale  . E sono passati dei bambini in gruppo come si  faceva  un tempo  e facevamo anche noi un tempo a fare  la "questua"  per  i morti  .Inizialmente   mi sono detto << per tutti i " questuanti " dei morti  :  : non do niente a chi mi dice dolce e scherzetto , mentre dò ( eccetto i soldi , il vero spirito è prendersi quello che ti danno  ) quello che ho a chi mi chiede) a chi mi dice li molti e multi o i morti se non lo sa dire in dialetto .>&gt
Ma  poi vedendo  i visi  dei bambini  e la  loro allegria  , non m'andava  di deluderli ed  ho fatto buon viso  a cattivo  gioco  ed ho dato l'obolo  sia  da solo ( un pacco  di frutta  secca albicoche  per la precisione , ed  alcuni biscotti  quinoa-cacao ) .. Insieme ai colleghi di turno  un ovetto , che poi si  sono divisi in 3  . Mi  sono  divertito  , soprattutto  quando  un bambino con  molta  franchezza  mi  ha detto in dialetto ( credevo non fosse  più parlato   dalle nuove generazioni )  che  non gli piaceva. Poi  niente  d'eccezionale  sono andato al corso  di fotografia  

1 novembre   dopo la caffè settimanale  con gli amici  e  la fiera  sono andato  in cimitero  . Lo so che  i  fiori li aveva   portati mia madre  .  Ma  avevo bisogno    di " parlare   con i parenti   (  nonni paterni  e  i  genitori  di mio  nonno  paterno  , i mie  prozii )  e le persone care   che hanno  costituito in maniera  diretta e  indiretta la mia infanzia (  genitori di amici  , "  zi\e "  , i morti  della tragedia di  curraggia    [ I  II  ] ed elisabetta  naddeo  ). non avendo  fiori  e  vedendo  alcune    tombe    fiori  scartati perchè in eccesso o troppo piccoli  ho  preso quei   fiori  e  li  ho messi  in altre  tombe  senza  fiori  o  con fiori secchi  o  peggio finti   . Ho  come 




 


 Visita   anche  al cimitero   monumentale  perchè  spesso  anche  nei piccoli cimiteri  c'è una Père-Lachaise per  citare il  più noto ed il iù classico dei cimiteri monumentali  ecco ad esempio quella di Cagliari di Bonaria
 



 
 La prossima  volta    fotografo   alcune tombe  di di quello  di tempio  ovviamente    quando  c'è  più calma  e  silenzio   onde  evitare   polemiche  "etiche  "  che mi sono state   fatte  quando  ho in un gioco  fotografico fra  amici\che   di facebook   riportato   questa  poesia  estrapolata  (  ovviamente  tolto il nome  e la  foto   per  privacy  e   rispetto  alla  famiglia del  defunto  ) e modificata   cosi  : <<  presto il buio della notte sarà squarciato dall'accecante, radiosa Luce... state sereni, anche se il buio incombe all'apparenza sovrano >>   nella discussione  sul mio  fb  (  qui  il post   completo  )   da  padre  di  un mio conosciente  morto   tre  \  quattro  anni fa
Di solito  quando torno  da tali  visita   mi  viene il magone  sia  ( vedere sopra  )  la  situazione d'abbandono , o  di  "tombe   di cui  non si vedono ne  i nomi   nè    i volti   delle lapidi   o  di morti vedere  foto  fatte  di nascosto"  con il telefonino    che  non si  sono consumati completamente  allora  liberano i loculi e li mettono in terra  . Ma  stavolta  complice la bella  giornata   mi sento    come   lo stato di mia zia ( cugina  in primo di mio  padre  )   che   riassune  la mia concezione della   morte 

che  ha  perso   sua  figlia    7  anni fa  ancora  nel  fior  degli anni per  un  tumore   al cervello  




24/06/14

fiochi nella notte di san giovanni 2014

http://www.lagosereno.org/File_inserire/Seminario_Rito_del_fuoco.pdf
http://cedocsv.blogspot.it/2010/06/la-notte-di-san-giovanni-e-la-notte-dei.html

ieri sono andato  , era  da  una  ventina  (  e più ) d'anni che  non andavo  ai fuochi  di san giovanni   forse perchè  li consideravano  noiosi  e sempre  uguali  ma poi : riascoltandomi  e  cantando  stonando



 leggendo i link  sopra  ho cambiato idea  e mi sono ricreduto  (  ecco   perchè  ho scelto  le  tag  nostalgia , ritorno al passato  )   . Ieri  sono andato  con gli amici  del  gruppo di fotografia
 ecco le mie foto






















22/06/14

concerto pearl jam jam san siro 20\6\2014

  Io  credevo che  mio cugino    esagerasse  a volere  andare  li   , nonostante  posti numerati   5 ore prima ,    quando   il concerto iniziava    alle  20.30 ( puntualità permettendo  ) come   s'evince  da da   questo  mio  scatto ( l'altro lo trovate sotto ) prima cher  mi si scaricasse  il cellulare  .   io  stupidità mia   che avevo  consumato la batteria  sminchionando con internet , non mi  sono  ne  comprato un carica batteria   portatile  nè   l'ho ricaricato durante  la  pausa  quelle  due  ore  prima del  concerto  quando  ero a casa sua  a Como  . 
  Invece  come potete  notare   sia    dalle  sue  foto  ,sia   dall'altra  con il mio cellulare  
 di mio cugino   https://www.facebook.com/roberto.facchini.92

  c'era  già  un  casino  di gente . E poi  fra   aspettare   gli altri   suoi amici  che  sono  venuti  con la metro   e  la  fila per i " viveri "  e  il Merchandising (  la maglietta  ed  il poster\locandina  del concerto  )   dalle  16.20  che    siamo  entrati     alle  18.15


Un  Vaff   a repubblica  del  21\6\2014  quando dice  
Italia-Costarica, ecco perché abbiamo perso

                         


Miracolo, forse per  qualche ordinanza  del comune di Milano  in modo  d'accontentare  sia  i residenti  del quartiere  sia perchè a  differenza  (  ovviamente senza  generalizzare  )   dei gruppi  e  cantanti italiani gli  Americani   e  i paesi del nord  Europa    ci tengono alla puntualità  , il concerto  è iniziato  subito dopo, il consueto ed   tollerabile "quarto d'ora   accademico " ,  dopo la  deludente ( per  non dire  di peggio  partita  della nazionale  )   trasmessa   con il maxi schermo .
Fortunatamente mi sono portato  dietro  oltre  alla macchina  digitale( prima  slideshow ) e  la  videocamera (  seconda   slideshow    e video  ) .





N.B
le foto ( sia dal cellulare , sia quelle della slideshow , ed i video )sono  state prese  lontano  dal  palco  più  precisamente  dal anello in basso  settore    centrale,   e  poi  è  un po   che non prendevo in mano  la  videocamera  , ma  soprattutto ero  emozionato  davanti ad  alcune delle   mie canzoni preferite  . Inoltre  avevo  vicino  ,  e  davanti   che   si agitava e pogava  come se  fosse sono il  palco . Quindi   quindi mi  scuso con    1) i puristi   ., 2 )  il   il  gruppo  ., 3)  il  fans  club italiano  http://www.pearljamonline.it/.Per per  chi volesse   delle  foto  decenti   ecco questa  galleria  della radio che ha sponsorizzato il concerto  www.virginradio.it/galleria/pearl-jam-in-concerto-a-milano-san-siro/
e  sempre  dallo stesso sito



oppure  da un video trovato  sulla  bacheca  di Stefano Steno Ceccarelli un mio contatto  di facebook
un   concerto emozionante .bellissimo , intenso .in  un ottima  cornice   Infatti 




un ottimo concerto mi  ha   commosso  e  fatto  piangere sin dall'inizio di un concerto, con Release, Nothingman






gli altri video li trovate  sul mio canale  di youtube 
 (   ripeto l'url per  i nuovi del blog )



Sirens e Black...ecc
l'inizio live più bello di sempre...tre ore di brividi ed emozioni  bravissimi.....e bellissimo San Siro!!!! , Una forte emozione poter dire io c'ero . 
"Fintantoché riusciremo ad andare d'accordo almeno per una serata, noi vinceremo contro tutto": con queste parole di fede nel rock pronunciate prima di 'Rocking In the Free World' Eddie Vedder ha siglato ieri sera il concerto dei Pearl Jam a San Siro. Non la prima volta in assoluto negli stadi italiani per la band americana, già testati da gruppo-spalla degli U2 nel 1993, ma la prima da protagonisti come si può ( da repubblica online ) "Porch" (Ten) suonata in acustico da Eddie Vedder con tanto di maglia di Cassano prima della partita non ha portato gran fortuna. Ma i 62 mila di San Siro (sold out) non hanno di che lamentarsi: i Pearl Jam, senza gruppo spalla, suonano 34 canzoni in tre ore di concerto (niente gruppo spalla, non fa per loro). 
evincere anche dalla scaletta (  foto  a  sinistra   presa da  http://www.tgcom24.mediaset.it/  )  
Il concerto inizia come  panorama.it aveva previsto : partenza lenta, con "Release" (da Ten), "Nothingman” (da Vitalogy) e il singolo "Sirens" (Lightning Bolt). Si accelera poi con "Go” (da Vs) e “Do the evolution” (Yield) e "Corduroy" (Vitalogy). 
Verso la fine, Eddie Vedder dedica "Just Breathe" (Backspacer) alla moglie: "L'ho conosciuta qui a Milano, 14 anni fa, ed è diventata mia sposa e la madre dei mie figli".
Si chiude come previsto con "Rockin' in the Free World" (cover di Neil Young, con il figlio del batterista alla chitarra al posto di Mike McCready). Ma non prima di aver suonato "Alive":

Infatti  confermo il giudizoio sul concerto    e qui  chiudo con la  recensione dell'evento  fatta  ttp://www.repubblica.it/spettacoli/musica/
Non so  cos'altro dire se  se  non che  n'è valsa  la pena  di  :  farsi  quella  sfacchinata ( alzarsi alle  4.30 del mattino per  andare ad Olbia  (  50 minuti  di macchina     con la vecchia stra   perchè  l'altra  è bloccata  dall'alluvione  di novembre  )  prendere  alle  7 l'areo per linate  tornare  a 01.00  dal concerto   trovare un albergo senza prenotazione alle  2  del mattino    e  poi  ripartire  da malpensa   per  prendere il volo del  10.55    e  prenderlo al volo perchè  il terminal  2  di lmalpensa  è un casino  per trovare  il gate del  tuo volo    , e  tornare  fra una cosa  l'altra  a tempio  alle  14  e  poi   dopo 3  ore  fra pranzo e   riposino   andare   a fare il turno per  una tua mostra  di fotografia   a cui  ,  sic  non ha  potuto  partecipare  all'inaugurazione  perchè  eri al concerto 


Una maratona di musica ed emozioni. Per la loro prima volta allo stadio di San Siro, i Pearl Jam hanno presentato uno show fiume, 35 canzoni in tre ore di uno spettacolo che ha avuto anche spazi "intimi", come la dedica di Eddie Vedder alla moglie per il loro anniversario o l'happy birthday corale dei 70mila presenti per il compleanno della compagna del batterista Matt Cameron.C'era molta curiosità di fronte a questo evento, perché per la band di Seattle non era solo il debutto nel "Alive", "Jeremy", "Even Flow"), per gli estratti dall'ultimo, non proprio esaltante, album "Lightning Bolt" e anche per momenti intimi ("Just Breathe"), chicche ripescate dal vastissimo repertorio ("Thin Air") e brani più accattivanti perfetti per trascinare il pubblico a ballare felice ("Better Man", "Rockin' In The Free World").                                                       In una scatenata "Daughter"riescono persino a trovare il modo di inserire un pezzo di "Let It Go", il successo di Demi Lovato dal film Disney "Frozen".l concerto è un lungo percorso al quale il pubblico viene introdotto, come usuale per la band, con un approccio morbido, con pezzi lenti che creano l'atmosfera e danno il tempo tanto alla platea quanto a un emozionato Vedder di scaldarsi e prendere contatto con l'evento. Ma che contatto: "Release", "Nothingman" e "Black" riportano subito indietro di venticinque anni. Senza contare che il cantante ha offerto un antipasto prima della sciagurata partita dell'Italia, con una versione chitarra e voce di "Porch". È lui il fuoco dell'attenzione: accompagnato dall'immancabile bottiglia di vino e da un blocco appunti con i discorsi da fare in italiano, si conferma front man dalla voce potente e dal carisma unico, per quanto molto meno mobile sul palco rispetto a un tempo (e forse un po' acciaccato a giudicare da come si muove nel finale). Ma è tutto il gruppo a girare a mille, con gli infiniti assoli Mike McCready, il pulsare costante del basso di Jeff AmentStone Gossard a cucire con la sua chitarra e Cameron a picchiare come un forsennato.Il palco è spartano, quasi commovente nella semplicità delle luci e degli "effetti speciali" (delle saette fatte con le lampadine). Anche i due maxi schermi laterali sono al minimo sindacale ma è la musica che fa lo show, al punto che uno potrebbe chiudere gli occhi ed essere investito dalla sua energia in egual maniera. In particolar modo nel finale composto dalle due sezioni dedicate ai bis. Che non sono i classici due o tre pezzi di rito, ma ben tredici. Con un travolgente crescendo emozionale, dalla parte acustica, aperta dalla dedica di Vedder alla moglie con relativo ricordo del loro incontro dopo il concerto milanese del 2000, per arrivare a furibonde rasoiate punk come "Spin The Black Circle". E alla fine è tutto lo stadio, con le luci accese, a ballare e a salutare. Si replica a Trieste domenica con, ci potete giurare, una scaletta del tutto diversa.

da  http://cultura.panorama.it/musica/
catino milanese ma anche la prima volta di un tour negli stadi, location in passato da loro avversata in maniera esplicita. Come spesso accade, il passare del tempo e il sempre più esiguo numero di nuovi miti in campo rock hanno trasformato in fenomeni di massa gruppi prima di culto. E così se nel 1992, in piena rivoluzione grunge, a vedere i Pearl Jam al Sorpasso c'erano poche centinaia di fan (evento ricordato da Vedder nel corso del concerto), ora che il grunge è un ricordo diventano un'icona attorno alla quale si raccolgono anche convenuti dell'ultima ora. Il potere dei Pearl Jam è di riuscire ad accontentare tutti, die hard-fan e curiosi.Perché con una scaletta così ampia e strutturata c'è spazio per i brani più famosi






15/02/14

in giro a fare foto diga del liscia il 9.2..2014

da  http://topolino.it/archivio-post/
Cari amici\che  , compagni  di  strada   \  di viaggio (  chi mi segue  dal  vecchio blog  di splinder  )   come va? Oggi mi sento particolarmente ISPIRATO,e  ho deciso  di  scrivere   e rispondere  cosi alle vostre  domande     su cosa  faccio  quando non lavoro  , oltre  a leggere  fumetti e  sminchionare  \  cazzeggiare  perdere  tempo  su facebook , raccontandomi  , specialmente  attraverso le mie  foto  , dell'uscita  fatta il  9  c.m   con il gruppo ( le nostre pagine di facebook  : quella  chiusa  solo per  l'associazione .,  quella  aperta   ) .  
IL luogo  è  la  diga  del Liscia   fra  S'antonio , Calangianus  , Luras  ( vedere sotto  la  cartina   )  presa  , tramite  il cattura  schermata in quanto  il sito non permette  il  copia e incolla   da  http://www.lamiasardegna.it/files/luras.htm  dove  troverete    dei  buoni itinerari   se  non amate le spiagge  o  volete  vedere  luoghi interni   di una regione  

ecco le mie  foto    Purtroppo   essendo abituato al sperimentare  e\o  all'automatico sto imparando da poco ad  usare il manualee  quindi a destreggiarmi con  tempi e diametri   . E poi   c'era   una luce pessima   essendo nuvoloso   e  ventoso  .



































e per  finire  le  foto  "  dell'allegra  brigata   " ( parziale  perchè  su 50 ne  mancavano molti  )  , alcuni   quelli dello studio fotografico Gallura  hanno fotografato    ed  altri  non si sono voluti mettere  nella foto  di gruppo 



Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget