Visualizzazione post con etichetta destra peggiore. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta destra peggiore. Mostra tutti i post

09/08/14

il ritorno degli untori, dei rigurgiti neofascisti sul caso delle due italiane sequestrate in siria

In   sabato  soleggiato   e caldo    (  finalmente   !!!  ) leggo   l'ennesimo articolo  di     questa destra  becera .  La  destra  perde il pelo ma  il vizio   (  trovate  nell'archivio   alcuni articoli    del  mio ex  blog  ,  sulle  vicende  di Baldoni    e  della guerra  in iraq  2003\5  )  . la volgarità di certi individui  non  nuovi  ( leggete  qui  chi  è l'articolista  ) è devastante . Come cosi sono devastante  i commenti da  gente   che   come  


(....) 
Mio fratello vede tutto 
e il suo occhio non distingue, 
mio fratello vede tutto 
ma il ricordo si confonde, 
urlano teorie, rincorrono morali, 
la propaganda vince 
con frasi sempre uguali 
Mio fratello ha rinunciato 
ad avere un'opinione, 
mio fratello ha rinunciato 
in cambio di un padrone 
che sceglie al suo posto 
e che non può sbagliare 
perchè ormai nessuno 
lo riesce a giudicare 

(....)  



qui il su angolotesti.it   il  resto del testo

  che   non capisco   o fanno finta  di capire   che la  solidarietà , i diritti umani  non hanno colore politico  \  ideologico  , religioso e culturale . Infatti   un conto è  la critica    con relativa  discussione   che trovate sotto  


Notizie


Paolo Choosy Lugli

Penso seriamente che, anche se non conta un cazzo; lo Stato italiano dovrebbe CONFISCARE PREVENTIVAMENTE tutti i beni delle famiglie delle 2 "povere cooperanti" Greta e Vanessa rapite in Siria. Sto dicendo sul serio. Come rimborso da parte dello Stato per un riscatto pagato per 2 bimbominkia che non hanno recepito sufficiente educazione volta a far loro capire che la guerra asimmetrica non è un gioco per due aspiranti Boldrinette, (visto che la loro beniamina ha sempre tenuto il culo ben lontano da zone di guerra e percepito comunque dalla FAO lauti stipendi/rimborsi, poi si è prodigata al massimo tra cappuccini e brioches, salvo qualche abbraccio di bimbo nero preventivamente sottoposto a profilassi adeguata a protocolli salvaculo prima della foto da scattare mentre lo abbracciava). Care cheerleader di DIRITT'UMMMANI vedi AMMENESTINTERNESCIONAL, non tutte nascono figlie di petrolieri come la vostra presidente della camera, fatevene una ragione, soprattutto se tornate indietro intere, se poi qualche rene si perde per strada... VE LA SIETE CERCATA. Ho qui terminato.

(....)



Giuseppe Scano http://ulisse-compagnidistrada.blogspot.com/.../il...
il ritorno degli untori, dei rigurgiti neofascisti sul caso delle due italiane sequestrate in siria
29 min · Mi piace


Paolo Choosy Lugli Non ravviso alcun razzismo né nell'articolo di Blondet né in ciò che ho scritto, soprattutto perché queste pulzelle sono state rapite dagli stessi che le stavano ospitando, ISIL e Al Nusra sono quasi interamente formate da mercenari pagati da Arabia Saudita e Occidente, addestrati in Kosovo e Giordania a tagliare gole innocenti. Nelle foto della sua bacheca la Ramelli è ritratta in foto inequivocabili che mostrano da che parte stanno e da chi si sono fatte ospitare. Le ONG vengono da oltre 20 anni impiegate per destabilizzare paesi in giro per il mondo.
20 min · Mi piace


Paolo Choosy Lugli Baldoni e Arrigoni erano tutt'altro rispetto a queste due.
18 min · Non mi piace più · 1


Giuseppe Scano non ti sembra di generalizzare un po troppo sulle ong
16 min · Mi piace


Paolo Choosy Lugli Infatti ho esagerato
15 min · Mi piace


Paolo Choosy Lugli Ma un conto è andare a prestare soccorso, un conto è fare propaganda, se guardi il profilo della Ramelli c'è addirittura una bandiera ucraina, IN SIRIA?
14 min · Non mi piace più · 1


Paolo Choosy Lugli https://www.facebook.com/photo.php?fbid=705723356146594&set=a.328951517157115.99529.100001268072351&type=1&theater

Immagini di copertina
di: Greta Ramelli
13 min · Mi piace


Giuseppe Scano hai ragione . ma un conto è la critica che fai tu . un altro è la volgarità con cui lo dice l'articolo in questione
7 min · Mi piace


Paolo Choosy Lugli Blondet non è mai morbido, può anche non piacere, ma è uno dei pochi giornalisti che si documenta davvero prima di scrivere. In Siria ha ottime fonti, in quanto alla volgarità posso essere d'accordo. Sai che scriveva su Avvenire?
3 min · Mi piace


Giuseppe Scano no
1 min · Mi piace



Paolo Choosy Lugli adesso lo sai
1 min · Non mi piace più · 1


Un altro  è  l'articolo in questione  



8 Agosto 2014






Le stronzette di Aleppo
di Maurizio Blondet -

Vanessa e Greta. Anni 20 e 21.Andate in Aleppo presso i ribelli an ti-regime per un progetto umanitario. Progetto che,a quanto è dato dedurre, consisteva in questo:farsi dei selfie e postarli sui loro Facebook:su sfondi di manifestazioni anti-Assad, sempre teneramente abbracciate (Inseparabili, lacrimano i giornali), forse per fare intendere di essere un po’ lesbiche(è di moda), nella città da tre anni devastato teatro di una guerra senza pietà e corsa da milizie di tagliagole. La loro inutilità in un simile quadro è palese dalle loro foto, teneramente abbracciate, con le loro tenere faccine di umanitarie svampite, convinte di vivere dalla parte del bene in un mondo che si apre, angelicamente, grato e lieto al loro passo di volontarie.
Una superfluità che i giornali traducono così: Le due ragazze avevano deciso di impegnarsi in prima persona per dare una risposta concreta alle richieste di aiuto siriane. Vanessa è studentessa di mediazione linguistica e culturale, Greta studentessa di scienze infermieristiche: niente-popò-di-meno! Che fiori di qualifiche! Due studentesse ( m’hai detto un prospero!), che bussando a varie Onlus erano riuscite a far finanziare il Progetto Horryaty, da loro fondato.Secondo una responsabile della Onlus che ha sganciato i quattrini alle due angeliche, il loro progetto era finalizzato ad acquistare kit di pronto soccorso e pacchi alimentari,da distribuire al confine. Ostrèga,che progettone!
Nella loro ultima telefonata,chiedevano altri fondi. Pericolo per le loro faccine angeliche, o le loro tenerissime vagine? No,erano sicure:avevano capito una volta per tutte che i cattivi erano quelli di Assad,e loro stavano coi buoni,i ribelli. E i buoni garantivano per loro. Si sentivano protette. Nell’ultima telefonata hanno detto che avevano l’intenzione di restare lì.
Un Paese serio le abbandonerebbe ai buoni, visto che l’hanno voluto impicciandosi di una guerra non loro di cui non capiscono niente, in un mondo che a loro sembra ben diviso tra buoni e cattivi. Tutt’al più, candidarle al Premio Darwin (per inadatti alla lotta per la vita), eventualmente alla memoria... Invece la Farnesina s’è sùbito attivata, il che significa una cosa:a noi contribuenti toccherà pagare il riscatto che i loro amici, tagliagole e criminali, ossia buoni,chiederanno.E siccome le sciagure non vengono mai sole, queste due torneranno vegete, saranno ricevute al Quirinale, i media verseranno fiumi di tenerezza, e pontificheranno da ogni video su interventi umanitari, politiche di assistenza, Siria e buoni e cattivi di cui hanno capito tutto una volta per tutte. Insomma,avremmo due altre Boldrini.
Fonte: EFFEDIEFFE.COM


  • Marcello Sanna ·  Top Commenter
    Che gente come la Sgrena, Dall'Oglio, le due Simone e tutto il resto della brigata delle ong filoterroriste siano parte di un disegno di finanziamento degli afro-islamici non me lo toglie nessuno dalla testa.
    Queste due piccole merde non sono che l'espressione della sinistra che, col denaro del riscatto faranno una marchetta per acquistare tritolo e armi per i delinquenti islamici.
    Per me se le possono tenere gli arrapati islamici.
    Non una gran perdita.

    • Marco Zorzi ·  ·  Top Commenter · Università degli Studi di Roma "La Sapienza"
      Grande Blondet.


    Lo  che   cosi     riportando  sopra    l'articolo ed  alcuni  commenti  intono  con il vergognoso articolo   li faccio pubblicità   ma  è meglio che   si sappia onde  evitarli  e non leggerli  in futuro . Ecco  il  mio sfogo  su facerbook  (  chi mi segue    lo può saltare  )   lo  so che perderò contatti  ma  non ne posso più  di leggere  certe  cose


    Giuseppe Scano ha condiviso un link.

    Buongiorno. Di solito non cancello o non invito a cancellare nessuno , e mi viene il magone quando qualcuno\a si rimuove ma quando è troppo è troppo . e ho deciso di copiando la mia amica Silvia Galleri di fare cio' . Chiedo a tutti i miei contatti razzisti, di qualunque parte essi siano, di cancellarsi da soli dalle mie " amicizie". Vabbè che il mondo è bello perché è vario ( o avariato, direbbe un mio amico) ma adesso basta. Mi sono rotta di sentire i vostri commenti che giustificano la violenza a prescindere. Il razzismo è ignoranza, è violenza, è poca educazione, ottusità mentale, mancanza evolutiva. Evolvetevi.Ed evitate di diffondere come gli untori di  storia  della  colonna infame e il 31  capitolo in particolare ( un riassunto  .,  dettaglio del capitolo )   dei promessi sposi su la peste di Alessandro Manzoni,tali news inutilmente    allarmistiche  fonte  http://www.ansa.it/piemonte/notizie/2014/08/06

    non so  che altro dirvi  se  non parafrasare  questa  spot  di  un bel po'  d'anni fa 

    09/05/13

    Macerata, Forza Nuova insulta ministro "Cécile Kyenge torna in Congo"

    il solito disco rotto  dell'estrema destra.infatti come dice  un comento a questo articolo  : <<  tutte stupidaggini già sentite migliaia di volte. consiglio cambiare nome in Forza Obsoleta   >>



      dall'unione  sarda ( eccetto  la  2 foto   che  è presa  dalla mia  bacheca  di facebook )   del  9\5\2013


      "Kyenge torna in Congo". Questo lo striscione affisso da militanti di Forza Nuova davanti alla sede del Pd in via Spalato a Macerata.


    Ne dà notizia una nota del movimento di ultradestra, contrario alla proposta del sen. Mario Morgoni di concedere la cittadinanza onoraria al ministro dell'Integrazione Cecile Kyenge. "Proporrò ai sindaci della provincia di Macerata di invitare il ministro Cecile Kyenge alla prima cerimonia utile per il conferimento della cittadinanza onoraria ai figli di immigrati nati qui. La battaglia per la legge sullo ius soli deve diventare una battaglia di tutta la politica italiana". E' la risposta del senatore del Pd Mario Morgoni, renziano, al blitz di Forza Nuova che ieri notte ha affisso uno striscione fuori dalla sede del Pd con la scritta 'Kyenge torna in Congo', in segno di protesta contro la proposta avanzata da Morgoni di concedere la cittadinanza di Macerata al neo ministro per l'integrazione. "I forzanovisti maceratesi? molti di loro - osserva - sono nipoti di 'clandestinì. I loro nonni emigrarono in Argentina, negli Stati Uniti, o in Australia. A Potenza Picena c'è una copia esatta della piramide di Plaza de Majo che ricorda il grande flusso di migranti maceratesi nelle Americhe". Oggi, dice Morgoni, "il 10% della popolazione della provincia, 30 mila cittadini, è straniera. Possiamo considerarla una comunità separata? sì se pensiamo ad un futuro di regressione. Ma se guardiamo a un futuro di civiltà dobbiamo cercare un profilo comune, un'integrazione reciproca, nel rispetto delle regole e della nostra Costituzione, che parla di dignità e diritti. Come diceva Giuseppe Dossetti, la Costituzione non cala dall'alto ma dal ribollire della storia, dal basso". La globalizzazione, continua Morgoni, è un dato di fatto, "a noi tocca costruire le premesse per la convivenza del futuro. Non decidere 'se', ma solo 'come'; perché il se è già stato risolto dalle dinamiche della storia". Quanto all'iniziativa di Forza Nuova, che a Macerata è piuttosto agguerrita, il Pd valuterà se fare denuncia. "Ma è avvilente l'esercizio di cercare nell'altro, nel diverso, il colpevole della crisi, delle difficoltà del Paese". "Spero che Macerata sia all'altezza della grande tradizione di civiltà che l'ha sempre caratterizzata". Personalmente, il senatore vorrebbe coinvolgere gli immigrati non solo al momento del voto per le amministrative, "ma in tutte le decisioni importanti che riguardano la comunità. Ad esempio qui da noi il tema di nuovi impianti per le energie alternative, biogas ecc., che è oggi il tema più sensibile".

    07/11/12

    Omofobia, bocciato il testo base Bloccato da asse Pdl-Lega-Udc


     fonte  repubblica  online 

    La legge respinta dalla Commissione Giustizia della Camera. Concia: "La battaglia del Pd e dell'Idv continuerà in Aula dove per la terza volta chiederemo di approvare una norma di civiltà di cui il nostro Paese ha bisogno". Grillini: "Italia in controtendenza europea". Idv: "Destra guida lobby omofoba"
    Anna Paola Concia 
    ROMA - La Commissione Giustizia della Camera ha respinto, con i voti dei rappresentanti di Pdl, Lega e Udc il testo base per una nuova legge contro l'omofobia e la transfobia, che prevedeva l'estensione della legge Mancino e che era stato adotatto con i voti di Pd e Idv. "Ancora una volta la lobby omofoba si è espressa contrariamente alla nostra proposta di legge che prevedeva il contrasto dei comportamenti dettati da omofobia e transfobia. Proposta che perseguiva il suo obiettivo attraverso l'estensione della legge Mancino, quella che punisce i comportamenti razziali", ha scritto in una nota il deputato Idv Federico Palomba, capogruppo in commissione Giustizia, che ha annunciato battaglia in aula.
    Anche per la parlamentare Pd anna Paola Concia, promotrice della nuova legge e leader del movimento omosessuale, la battaglia continuerà in Aula: "Pdl, Lega e Udc hanno votato contro, con le sole astensioni di Carfagna e Ria. Mentre il partito democratico e l'Italia dei Valori, che avevano proposto lo stesso identico testo normativo, hanno votato a favore. La battaglia del Pd e dell'Idv ovviamente proseguirà in Aula dove, per la terza volta, chiederemo di approvare una norma di civiltà di cui il nostro Paese ha assolutamente bisogno".
    FOTO La polemica su Twitter in cui la parlamentare Pd Anna Paola Concia risponde cosi :<< E' vero le perversioni vanno curate. Infatti l'omofobia è una malattia". all'omofobo striscione  esposto nella notte da militanti di Forza Nuova davanti alla sede Arcigay Il Cassero di Bologna.

    approfondimento 


    "Mentre oggi nell'ordine veniva eletto 
    il primo presidente americano apertamente schierato a favore del matrimonio omosessuale, tre stati americani approvavano le nozze fra persone dello stesso sesso, la corte costituzionale spagnola difendeva la legittimità della legge sul matrimonio egualitario e il governo francese approvava il testo che fra qualche giorno sarà presentato al Parlamento, in Italia una parte delle forze politiche del Paese sono state capaci di bocciare una norma contro la violenza omofoba e transfobica. Quelle stesse forze politiche credo debbano vergognarsi", ha continuato Concia.
    Deluso anche il responsabile diritti civili Idv Franco Grillini, leader storico dell'Arcigay: "Per l'ennesima volta - ha accusato-  è stato bocciato alla Camera il testo contro l'omofobia richiesto da tutte le organizzazioni omosessuali italiane. Il testo, a prima firma di Pietro-Palomba, chiedeva l'estensione della legge Mancino anche per i reati motivati dall'orientamento sessuale". 
    Dopo il voto il capogruppo Idv in Commissione Giustizia Federico Palomba ha denunciato come "capofila di questo voto contrario sono stati la Lega e l'onorevole Costa che hanno proposto il testo che loro stessi avevano contribuito ad affossare in aula. A questo punto la battaglia di civiltà deve necessariamente trasferirsi in Parlamento. Solo dinanzi a un dibattito pubblico che esca dunque dalla 'non pubblicità' dei lavori della Commissione, la lobby omofoba potrà assumersi le proprie responsabilità".

    Archivio blog

    Si è verificato un errore nel gadget