Visualizzazione post con etichetta decalogo. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta decalogo. Mostra tutti i post

01/06/13

come tutelare la salute anche senza soldi \ dimagrire mangiando

Con l'imperversare della crisi  , come dicevamo in precedenza 1 2 , oltre ad  aumentare in contemporanea  al cibo fatto in casa  ed  ai G.a.s  (  gruppi  d'acquisto  solidale  , cioè direttamente  dal produttore al consumatore  )  aumenta  la  spesa     a  scapito della qualità  alimentare  gli acquisti  in  grossi centri commerciali o cibi  d'asporto  e del  cibo spazzatura  . Ecco quindo  l'aumento  di malattie  alimentari    ed  in particolare   dell'obesità  giovanile  .

In questo  sito   oltre  ad  un decalogo   di come  mantenersi in forma   mangiando  bene  il  più possibile  . Ecco  come      dimagrire senza  troppe  diete  \  rinunce  http://tinyurl.com/mzzwubt cioè in sintesi  
 Ridurre il consumo di alimenti di originale animale.
Ridurre il consumo di alimenti che hanno subito un intensivo processo di lavorazione, fra cui il pane bianco;
Ridurre e cercare di eliminare il consumo dicibo-spazzatura.

IL decalogo  per  una buona alimentazione ovvero  tuta  una serie  di  consigli  (  ovvi   certo visti i  continui programmi  e rubriche  salutari   sui media  , ma poco seguiti   dalla massa  )  per tutelare la salute anche quando ci sono meno soldi da destinare alla spesa alimentare. Cibi a km0 e con gli avanzi piatti da gourmet





A ogni pasto principale inserire almeno una porzione di cereali e derivati (pane, pasta, riso,mais, patate), privilegiando prodotti integrali e a ridotto contenuto in grassi; non dimenticando mai di aggiungere un piatto 'generoso' di verdura cotta o cruda




Non eccedere nel consumo di prodotti di origine animale come carne, salumi e insaccati, latticini e formaggi. Durante la settimana, a pranzo e a cena, alternare la varietà privilegiando la carne bianca, inserendo  il pesce (ottimo quello azzurro) 1-2 volte a settimana, le uova 1-2 volte a settimana e limita i formaggi a 2-3 volte a settimana





I legumi secchi o freschi (ceci, fagioli, lenticchie, fave, piselli) - alimenti che appartengono da sempre alla tradizione gastronomica italiana - possono dar vita, combinati con i cereali, a saporiti ed invitanti piatti unici. E' bene introdurli nell'alimentazione almeno due volte a settimana




Preferire l'olio extravergine d'oliva sia per la cottura che come condimento a crudo. Usare un tipo di cottura che possa permettere di limitarne la quantità




Pianifica, per quanto possibile, il menù settimanale e fare la spesa seguendo una lista degli acquisti preparata a casa. Non lasciarsi mai influenzare dalle campagne di marketing che invitano ad acquistare sottocosto prodotti alimentari non realmente necessari e spesso di dubbia qualità




Ridurre le quantità di alimenti e riciclarli ( esempio mangiare  a pranzo  il giorno dopo  gli avanzi  o  fare  con essi nuovi piatti  . es  la  scorsa settimana  m'era  avanzata della pasta  ,  l'ho   riusata   facendo :   con delle uova  ,   del formaggio  e del pane ( avanzato  dai giorni scorsi )    grattugiato   una frittata  di pasta  )   è utile per risparmiare e guadagnare salute




  Bere spesso: l'acqua di rubinetto o di fontane  . vanno   benissimo  anche infusi o tisane non zuccherate oppure  con poco zucchero  o  un cucchiaio di miele  



  Vivere una vita attiva. Ogni occasione della giornata è utile per muoversi di più  . basta , per  chi non vuole  fare palestra  o   troppi sforzi  una  camminata  di  30 minuti al giorno  o  45  minuti alla settimana  .



Fare con regolarità almeno 3 pasti al giorno, cominciando dalla prima colazione.



 O se  come  me   soffrite  di fame  da stress ( fate  come  me   , anche se  non sempre  riesco a mangiare  roba  leggera  )    2  spuntini  mangiando  roba leggera  ( frutta,  verdura     crackers  , ecc  ) 




e  per  finire   sappiate  che  Le verdure possono essere utilizzate anche per realizzare primi e secondi piatti.



Infatti  A tavola scegliere alimenti di origine vegetale (frutta e verdura di stagione, legumi e cereali), possibilmente prodotti localmente (a filiera corta). Le verdure possono essere utilizzate anche per realizzare primi e secondi piatti. Non dimenticare: 5 porzioni al giorno tra frutta e verdura

Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget