Visualizzazione post con etichetta dar fiato alle trombe. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta dar fiato alle trombe. Mostra tutti i post

01/02/13

Giovanardi ossessionato da Ilaria Cucchi: sfrutta la sua tragedia

lo so  che  contro  certi individui  è meglio il silenzio  piuttosto che  fare il loro  gioco   cioè  parlarne    , ma  davanti  a tale insensibilità , cinismo  , speculazione politica  , non riesco a  stare  zitto  .E seguire  quanto doice  qiuesta  canzone






L'ex senatore del Pdl, più volte ministro, torna a attaccare Ilaria, la sorella di Stefano, morto in carcere: "A picchiarlo furono gli spacciatori".
  fonte http://www.globalist.it/  Deskvenerdì 1 febbraio 2013 16:29

Carlo Giovanardi la storia di Stefano Cucchi proprio non la manda giù. E ancora di più pare non sopportare la sua famiglia, che dopo la tragedia che li ha colpiti ha scoperto l'impegno civile e il valore delle battaglie condotte in prima persona per ottenere giustizia.
Tutti concetti piuttosto lontani dall'universo dell'ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega alle tosssicodipendenze, fautore della più volte criticata legge sulle droghe Fini-Giovanardi. Oggi è tornato a attaccare in particolare Ilaria, sorella di Stefano, che ha deciso di candidarsi con la lista Rivoluzione Civile, ed è capolista nel Lazio.

In un'intervista a Radio 24 stamattina Giovanardi ha detto: "Come succede sempre in Italia su fatti come questi, si costruisce una carriera politica e la sorella è diventata capolista di un partito. Era evidente che sarebbe finita così. Suo fratello è una vittima, era una persona malata, ha tentato più volte di recuperarsi, ha avuto una vita difficile da tossico e spacciatore. Ma da questo alla Provincia di Roma che gli voleva intitolare le scuole come se fosse un esempio ai giovani, non ci sto. E' come con Carlo Giuliani: certo Giuliani è una vittima, poveretto. Ma si possono intitolare a lui le sale del Parlamento? Io dico no, perché quando è morto stava per ammazzare tre carabinieri".
Ricostruzione piuttosto leggera del G8 di Genova e della morte di Carlo Giuliani, che però Giovanardi può permettersi di spaciare per radio e televisioni, senza che alcuno obietti.
Piuttosto leggera e superficiale, volutamente strumentale, anche la ricostruzione della morte di Stefano Cucchi. "Sono stati gli spacciatori a picchiarlo", ha detto, riferendosi a lesioni pregresse alla sua spina dorsale che mai nessuno ha messo in relazione a una rissa tra spacciatori. Ma tanto, qualsiasi cosa si può dire sulla pelle di un morto. Chissà chi è che fa, davvero, propaganda elettorale sfruttando le tragedie altrui.
Intanto dai sostenitori della lista Rivoluzione Civile, come Antonio Di Pietro, Oliviero Diliberto ma anche il sindaco di Palermo Leoluca Orlando sono arrivate dure parole di condanna: "Giovanardi si vergogni".

Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget