Visualizzazione post con etichetta cultura sessista. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta cultura sessista. Mostra tutti i post

15/01/16

L’americana troia e il senegalese superdotato. (di Romina Fiore)


  leggo  su  http://www.sardegnablogger.it/ del  15\1\2016

  questo interessante  articolo  indignato   e  scritto  a   caldo     della bravissima  Romina fiore  

                L’americana troia e il senegalese superdotato.


Era donna.
Era fidanzata, anche se con un rapporto temporaneamente interrotto.
Era forse ubriaca, portandosi a casa un uomo appena conosciuto.
Quindi “Se l’è cercata”.
Deduzione scaturita in numerosi piccoli cervellini maschilisti.
Quello che ha invitato nel suo appartamento era un senegalese.
Di quelli col pisello grande, per intenderci.
Ah beh, allora era anche un po’ zoccola.
C’è la troia e c’è l’extracomunitario.
Elementi imprescindibili per girare un film con la regia di Salvini e la sceneggiatura di Catena Umana.
Le conclusioni arrivano presto, anche indotte da una certa stampa che non si limita a dare la notizia e/o moderare i commenti degli articoli online. Ci aggiunge, invece, contorni succulenti e licenziosi.
Giochi erotici di fine serata. Alcol, forse droghe. Abitudini sessuali da libertina.
Ashley Olsen era una donna libera, non libertina.
Libera come ogni donna dovrebbe essere.
Padrona di fare ciò che voleva del proprio corpo, senza per questo meritare l’orribile fine che ha fatto.
Padrona di ingrassare, senza guadagnarsi l’epiteto di cicciona e risatine al suo passaggio.
Padrona di dimagrire, senza sentirsi rivolgere commenti imbecilli “sei sciupata”.
Padrona di rifarsi le tette, senza dare adito a telenovelas che la connotano come una complessata o una donnicciola pateticamente aggrappata a una giovinezza che fugge via.
Padrona di fare sesso e portarsi a casa chi voleva.
Padrona del suo corpo e della sua morale.
Senza dover conseguire, alla fine dei giochi, la morte come giusta punizione per la sua condotta scandalosa.
Dissoluta e indecorosa solo ai vostri miserabili e patetici occhi, stronzi.



e da questa lettura scaturisce la risposta al questo mio interrogativo che inizia a balenarmi in mente già quando si è scoperto che era stata vigliaccamente uccisa dopo una notte di sesso : ha ragione . pero resta il problema di come chiamare \ considerare una che è fidanzata e poi dopo che ci litiga fa l'amore con un altro ? pubblica moglie per usare un trermine ala de andrè va bene ?


17/12/15

"Dove vai sola?": una ragazza a Roma e i complimenti al limite del viscido e del mandrillo arrappato \ in calore delle forze dell'ordine

va bene  che noi uomini non siamo  dei pezzi di legno  ma  un minimo di controllo  specialmente  sei  fai del lavoro del genere per  non passare  come  mandrilli arrapati o peggio   non guasterebbe  e  voi  donne  cosa  ne  pensate   di questo video    inchiesta   ?

di www.repubblica.it


Nell'anno del Giubileo straordinario, a Roma sono attesi milioni di turisti. Nelle strade della capitale, centinaia di agenti vigilano sulla loro sicurezza. Ma quando a camminare da sola è una ragazza, a volte lo stereotipo del maschio italiano sembra prevalere sul ruolo dell'uomo in divisa. Un atteggiamento al quale molti italiani sono abituati, ma che può mettere a disagio i visitatori stranieri
Abbiamo documentato la giornata di una giovane donna a passeggio da sola per Roma, e abbiamo chiesto a ragazze italiane e turiste cosa provano quando le attenzioni nei loro confronti provengono dalle forze dell'ordine.



video



Over 10 million tourists are expected to visit Rome during the Holy Year of Mercy. Hundreds of security men in uniform are patrolling our streets in order to protect the citizens. But when it comes to a girl strolling all by herself, it appears that the stereotypical Italian male traits take precedent over any official role. It’s an attitude that may Italians are used to, but it could prove uncomfortable for foreign visitors.
We filmed a young woman walking on the streets of Rome all by herself, and we asked women – both Italian and foreigner – what do they feel when comments come from law enforcement men

(video by Fabio Butera)








Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget