Visualizzazione post con etichetta cose giuste ma dette in modo sbagliato. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta cose giuste ma dette in modo sbagliato. Mostra tutti i post

21/09/16

briatrore se noi sardi non ti piaciamo che cazzo ci stai a fare in Sardegna . vendi il bilionare e vattene oltrove o statti zitto

Spetttabile Briatore
Ha ragione  sui  sardi  e  turismo , ma   ha  pisciato fuori dal vaso .. ehm sbagliato indirizzo . Infatti cosi offende    tutti  noi sardi , compresi quelli   che   frequentano ,  dandole da mangiare  il suo minchioner  ops  bilioner   , in quanto   l'accusa andava    rivolta  ai nostro  politicanti  .  Se  la  sardegna   non ti piace e non ti piaciamo perchè c....  continui  a  tenere la  tua  attività  invece di venderla o  a qualche sardo  capace  o qualche   altro comntinentale    che ,  e mi  che  ce  ne  sono    , che   capiscono  cosa  siano   il rispetto  dei luoghi  e delle persone  in cui lavora  . A me   che  lei  non abbia   voluto  , per mantere  alta l'attenzione  da parte  dei media  ( non solo quelli di gossip  ) anche  nel periodo di bassa  stagione ,  sparare  una  cazzata




leggi anche:




Briatore e la Sardegna: "Posti straordinari, ma i sardi vogliono fare i pastori non turismo" 

In un convegno in Puglia, il patron del Billionaire accusa gli amministratori sardi di non aver risolto il problema del caro trasporti e di non saper sfruttare le potenzialità turistiche dell'isola.  Acceso dibattito sui social
dalla  nuova  sardegna  del


SASSARI. "La Sardegna ha posti straordinari. Il problema è che i sardi vogliono fare i pastori e che il turismo non sanno cos’è".
Flavio Briatore, il patron del Billionaire di Porto Cervo, apre un nuovo fronte nella sua battaglia contro la gestione dell'industria turistica da parte della Sardegna. Lo fa durante un dibattito pubblico a Otranto, in Puglia, sul tema "Prospettive a Mezzogiorno".
Briatore boccia il modello turistico italiano, partendo proprio dalla Sardegna del suo Billionaire. Intanto per il caro traporti: "Hanno un'isola e non lo sanno - dice Briatore alla platea del convegno - pensano che la gente arrivi per caso. La gente arriva o via mare o via aerea: sono due monopoli, per cui fanno i prezzi (che vogliono). Se tu vai da Barcellona a Maiorca, quattro persone sul traghetto spendono 600 euro. Da Genova ad Algheroi ne spendono 1600".
"L'80 per cento degli amministratori - aggiunge ancora Briatore - non ha mai preso un aereo. Come si fa a parlare di turismo senza averlo mai visto?".

 
 "La Sardegna ha posti straordinari. Il problema è che i sardi vogliono fare i pastori e che il turismo non sanno cos’è": ne ha per tutti Flavio Briatore nel dibattito pubblico 'Prospettive a Mezzogiorno' a cui ha partecipato a Otranto. Boccia il modello turistico italiano su tutta la linea, partendo proprio dalla Sardegna del suo Billionaire: "L'80 per cento degli amministratori non ha mai preso un aereo. Come si fa a parlare di turismo senza averlo mai visto?>. E poi passa alla Puglia, dove l’estate 2017 aprirà il Twiga Beach di Otranto grazie a una cordata di imprenditori locali: “Se volete il turismo servono i grandi marchi e non la pensione Mariuccia, non bastano prati né musei, il turismo di cultura prende una fascia bassa di ospiti, mentre il turismo degli yacht è quello che porta i soldi, perché una barca da 70 metri può spendere fino a 25mila euro al giorno" (video di Chiara Spagnolo)



Briatore è  poi passato alla Puglia, dove nell’estate 2017 aprirà il Twiga Beach di Otranto grazie a una cordata di imprenditori locali: “Se volete il turismo servono i grandi marchi e non la pensione Mariuccia, non bastano prati né musei, il turismo di cultura prende una fascia bassa di ospiti, mentre il turismo degli yacht è quello che porta i soldi, perché una barca da 70 metri può spendere fino a 25mila euro al giorno"
Sulle affermazioni di Briatore si è scatenato un acceso dibattito, in particolare sui social: centinaia i commenti, molti contro e molti a favore delle affermazioni di Briatore

Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget