Visualizzazione post con etichetta cosa si deve fare per essere ascoltati. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta cosa si deve fare per essere ascoltati. Mostra tutti i post

09/01/16

Napoli, forcella Don Berselli: "Dobbiamo imparare dalla camorra" Forcella, l'amara provocazione del parroco dopo l'omicidio di Maikol. Il prete accusa: "Le istituzioni brillano per la loro assenza"



ma  guarda  un po    cosa  si deve  fare  per   farti ascoltare  o  perchè  i media  ti diano ascolto  , visto che senza  provocazioni  non  ti  caga nessuno  . Ecco   perchè  Don Berselli  prete  di  forcella  dopo questi fatti  


ù


 ha  lanciato la sua  provocazione   che  è stata  fraintesa   , alemno da quei comenti che  ho letto  al vieo di repubblica  ( video sotto )   :


  • Ma perché stato e camorra sono antitetici? lo stato se ne frega e la camorra riempie un vuoto, poi entrambi passano all'incasso. Lo stato italiano è in metastasi mafio-camorrista. E' uno stato corrotto e corruttore all'ennesima potenza. Non è riformabile ma solo RIVOLUZIONABILE.
  • Non è una novità che la chiesa stia con i poteri forti . Pensate a cosa succede nelle processioni . punto
  • E' ormai arci risaputo che I parroci stanno con chi scuce più' "grana". Niente a che vedere con carità' e gente comune,solo benefici per I gestori del negozio chiesa


 trovate  qui   sotto   nell'articolo  di  http://napoli.repubblica.it/cronaca/
09 gennaio 2016

Napoli, Don Berselli: "Dobbiamo imparare dalla camorra"
Forcella, l'amara provocazione del parroco dopo l'omicidio di Maikol. Il prete accusa: "Le istituzioni brillano per la loro assenza"di 
ANTONIO DI COSTANZO
Don Berselli (  foto  sotto   ) , parroco di Forcella, usa un paradosso duro: "Quando mi dicono sei un prete anti-camorra io rispondo scherzando: "Vi sbagliate, io sono per la camorra. Da queste parti è la sola cosa che funziona"".
Ecci  La provocazione di padre Angelo Berselli: "Io sono a favore della camorra. E' l'unica cosa che funziona"


"Quando mi chiamano parroco anticamorra, io rispondo scherzando: ma quale anticamorra? Io sono a favore della camorra. E' l'unica cosa che funziona, dovremmo imparare: prendersi cura dei detenuti, fare attenzione alle famiglie. Ci sarebbero diverse cose da prendere ad esempio, ovviamente con un substrato morale completamente diverso". Lancia una provocazione padre Angelo Berselli, parroco della chiesa di San Giorgio Maggiore di Forcella. Usa parole dure per spingere le istituzioni a intervenire di fronte all'ennesima vittima innocente.(a


Ma che fa, elogia la camorra?

"Ovviamente la mia è una provocazione. Ma dico che dovremmo imparare dalla camorra che si prende cura dei detenuti, delle famiglie, di chi non ha lavoro. Ci sarebbero diverse cose da prendere a esempio, con un substrato morale completamente diverso".


c
Ma che fa, elogia la camorra?
"Ovviamente la mia è una provocazione. Ma dico che dovremmo imparare dalla camorra che si prende cura dei detenuti, delle famiglie, di chi non ha lavoro. Ci sarebbero diverse cose da prendere a esempio, con un substrato morale completamente diverso".

Ma il primo problema non è proprio la camorra?

"Il primo problema è la violenza che noi respiriamo quotidianamente perché è diventata normalità che accadano queste morti: è il nutrimento di quel frutto maledetto che è la camorra".

Il suo sembra un discorso senza speranza.
"La sicurezza chi la deve garantire? Lo Stato o qualcun altro? Se non ci si affida allo Stato non avremo speranza, ma un esempio ce lo dà proprio il povero Maikol che era un bravo ragazzo che lavorava e vendeva i calzini per sfamare i figli. Il 20 per cento delle persone è cattivo, ma l'altro 80 per cento è composto da brave persone abbandonate. Con loro si potrebbe discutere, ma ne andrebbe conquistata la fiducia"

E invece?

"Qui alla nostre spalle c'è il teatro Trianon chiuso. È il simbolo del fallimento delle istituzioni. Sono stato in parrocchie in tutti i quartieri ma devo dire che a Forcella c'è la situazione più difficile. Manca persino la camorra, quelle di oggi sono bande che tirano cocaina e vanno a sparare. Ai Quartieri spagnoli se accadeva qualcosa, almeno, sapevo contro chi prendermela. Qui no. I commercianti sono contenti: non pagano il pizzo perché non c'è nessuno che va a riscuotere. Ci sarebbe la possibilità di intervenire, ma i politici pensano ad altro, alle elezioni. Il risultato è che ci sono altri due orfani perché chi di dovere brilla per la propria assenza".

Il questore sostiene che c'è omertà e indignazione a orologeria.
"Ho letto l'articolo su "Repubblica", ma se lo Stato fa funzionare le telecamere non ho l'obbligo di indicarti un nome. Un uomo illustre ha detto che un popolo e una nazione civili non hanno bisogno che i cittadini facciano gli eroi. Nella mia parrocchia pur avendo pochi soldi ho otto telecamere che funzionano. L'altro giorno ho letto che hanno arrestato un camorrista che grazie a un sistema di videosorveglianza si rendeva conto di chi si avvicinava. Lo fanno loro e non lo possiamo fare noi? La faccenda è banale. Ma che ci vuole a far sistemare una telecamera e provvedere che funzioni? È mai possibile che in rioni come Sanità e Forcella non ci siano?".

Basta la videosorveglianza per evitare sparatorie e vittime innocenti?
"Se ci sono le telecamere un minimo di prudenza in più si usa, magari non si va a sparare in pieno giorno. Qui c'è la serenità di agire indisturbati. Queste sono morti annunciate. Bisognerebbe parlare di meno e agire
di più. Riprendiamo il caso del Trianon chiuso. Prima mandava i biglietti gratis in tutte le parrocchie e noi li distribuivamo alle famiglie. Era un modo per diffondere cultura. Oggi i ragazzi basano la loro esistenza sulla frase ripresa dalla televisione "e che ce ne importa!". Ma quello che è capitato a Maikol può accadere a tutti. Nessuno se ne può disinteressare, tutti ci devono mettere il proprio impegno, tutti devono fare la loro piccola parte".



Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget