Visualizzazione post con etichetta cosa è il jazz. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta cosa è il jazz. Mostra tutti i post

11/02/17

il jazz ( quello inciso su dischi ) compie cento anni e perchè mi piace il jazz



per  chi  volesse  saperne  di più  sulla storia , o semplicemente   tenersi informati su  dischi e concerti o  altre news    del mondo del   jazz








Non si può capire la musica senza capire la società, non si può capire la società senza capirne la musica   
                                                 Franco Fabbri

Quest'anno il jazz, secondo un "usanza consolidata" che tende ad attribuire a qualunque cosa per forza una data , compie cent'anni . infatti è è il 26 febbraio di cento anni fa e quello che finisce nei negozi è il primo disco jazz della storia registrato dalla original Dixieland Jass Band ( il cui leader era Dominic James “Nick” La Rocca. figlio di un emigrante siciliano ) con due facciate : Livery Stable Blues e Original Dixieland one step . Infatti essi << furono spesso soprannominati i "creatori del jazz" perché furono la prima band a registrare jazz a fini commerciali e ad avere registrazioni di grande successo in questo nuovo genere musicale.> ( dalla voce di wikipedia original Dixieland Jass Band )
 Infatti  dopo  anni  d'ascolto    condivido  , oltre  ala  frase  citata  all'inizio   del post  ,  quanto  dice  Keith Jarrett (Allentown, 8 maggio 1945  foto a sinistra  ) è un pianista, clavicembalista e compositore statunitense. Ad oggi, è considerato uno dei migliori improvvisatori  della storia del jazz, ed uno dei pianisti di maggior successo nella storia del jazz.   qui   ulteriori news --- sul 1508 , ne  trovate  sopra  la copertina  , del il venerdì di repubblica   : <<  è  tempo che  si parli del jazz   come musica  classica del  novecento [ termine di  classico   generico e soggettivo  vedere mio precedente post   sulla  musica  classica ]   >> Ora  i puristi ed  i tradizionalisti  , contesteranno    in quanto non è  musica  scritta ,  vedere i  video  sopra  , l'improvvisazione non  non può avere la  stessa  dignità  della  musica  classica  \  sinfonica  . Ma il pianista  --- sempre    dallo stesso articolo  ----   risponde   che  lo spartito  per  bach era  una necessita  . Se avesse  avuto magnetofono [ o  altro strumento   di registrazione  aggiunta mia   ] avrebbe inciso direttamente la musica  . Ha  ragione Infatti   la  più grande   lezione jazz    come del  blues music a da  cui  deriva il  90    % della musica  attuale   come  testimonia    questa  famosa serie tv  di cartoni  animati


 Quindi  mi chiederete      cosa  è  per   te  il   jazz  ?

Prima di  dire  cosa  è per  me  il jazz  . bisogna dire che  ognuno di noi , in fondo sia che lo si detesti  o si  rimanga   indifferenti  oppure  lo si ascolti  e pratichi  ,   sa  cosa  vuol dire  jazz  per  se stesso  e  che  esistono vari definizioni Esistono  due tipi  di risposte  dettate  la prima dall'emozioni  che esso ti da  sia  nell'ascoltarlo  sia nel  suonarlo  
Una musica   che  ha  anticipato  , raccontato  ( vedere  il video  finale  )   e denunciato   tutti i mali  del novecento . Diventato  da  musica  degli   ultimi , dei perdenti , a  music a di massa  \  modaiola

  
sia    nel conoscere   la  sua storia  e    la sua   evoluzione  tecnica  che  ha unito   negli ultimi due secoli   del millenio   neri e  bianchi  




Oppure  in  sintesi  ( mi scuso    se  lo riporto in continuazione  ) 


Adesso veniamo  alla    risposta    vera  e   propria  .
Quindi  per  me  il  jazz  si chiama  libertà e  fa  rima con improvvisazione  e  continua ricerca  e sperimentazione   \  contaminazione è battagli  sociali  \ culturali  . Infatti  e  qui rispondo anche  a    chi mi  dice  che  <<  sei antiquato , ascolti    musica per  vecchi  o da ospizio  >> come conferma  Enrico Rava    sempre  sul venerdì  : <<[---]  Come è cambiato il jazz in italia ? (...)   Io oggi lavoro multo  con l'elettronica   , che  considero una via  di scampo . (....)   l'elettronica    ci da' l'input che non t'aspetti  , suoni che  non avevo idea  che esistessero . una  sensazione che  da  tempo    noi  jazzisti  non abbiamo più  i primi bopper   nel 1943\44  (... ) . dunque  il jazz  è ancora  in evoluzione  ?   Si   finché  ci sarà  qualche  matto che cerca  di suonarlo  >>


Molti mi   e si  chiederanno    come   è  nata la  tua passione per  la musica   jazz   .  Ecco in sintesi  la  risposta  all'eventuale  domanda  : << ma  come e è nata  la  tua passione  e  il  tuo  avvicinamento al jazz   ?  >>  che  mi  verrà rivolta

  
    Risultati immagini per bollani and topolino
  •   fino a  14\18  ascoltando   con curiosità  e senza pregiudizi   quello che mettevano   i miei    genitori  : sul  piatto dei  giradischi e mangia nastri   , dello stereo  o dell'autoradio  , e  ora   cd  ed  andavo  prima  con loro  quasi  passivamente     poi con interesse   a  festival  e  concerti   jazz  
  • poi o  iniziando a prendere   per  conto mio cd del genere ed  andare   con amici   \ conoscenti  ,  o con i miei  ai concerti del genere  
  • leggendo   la storia   , recensioni  di cd  , ecc  del  jazz  (  vedi sopra gli url    ) 
  •  ascoltando  amici  un trombettista  e   un sassofonista      che  lo  praticano     facendomi anche  consigliare   o prestare  cd  
  •   vedendo  ed   cercando   su  cd  o in rete le musiche   di  : la leggenda  del pianista  sull'oceano di tornatore  di cui  i protagonisti    della sfida  sono realmente esistiti    e  non sono frutto della fantasia letteraria di Bariccco  ., e   di Pupi Avati      e altri film  di  cui  ora non ricordo nè titolo ne  regista     su  jazz  o su vicende  ad esso   o con colonna sonora   jazz 
  • leggendo  le storie  di topolino   in cui   c'è  Bollani  in particolare   topolino n  2808   vedere le ultime due   foto  

non swo che  altro dire   se   non lasciarci   con le note  di   queste  due  interpretazioni   per me   entrambe  belle   e suggestive     da  non sapere  quale  delle due scegliere    strange fruit  







 un "  classico "   del  jazz  che  riassume   la mia concezione del jazz   del perchè  sostengo la proposta   di Keith Jarrett


Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget