Visualizzazione post con etichetta corsi e ricorsi della storia. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta corsi e ricorsi della storia. Mostra tutti i post

10/09/16

LETTERA AD ASIA © Daniela Tuscano

Non so se la foto ti rappresenti. Se appartenga a te o a un'altra combattente del vostro battaglione tutto al femminile. Non penso t'importerebbe, quindi la lascio così. Avvolta nel mistero come il tuo, il vostro popolo.
Guardi il vento con una dolcezza quasi virile. Un cuore serio e grave. Qui, in Italia, non hanno trovato di meglio che paragonarti a una famosa attrice. Un giorna...lista d'una importante rete televisiva ha commentato che sei stata costretta a imbracciare un mitra; e se fossi nata altrove - in Italia, magari, o in un altro paese di bengodi - avresti sicuramente scelto la carriera della moda o dello spettacolo.
Già, a cos'altro potrebbe aspirare una donna bella ? Di te vedono solo questo: l'avvenenza.
Non gl'importa nulla di leggere nei tuoi profondi occhi neri. Sono analfabeti. Hanno il cervello nel sesso. E se cadi, e se vinci, e se entri nei libri di storia, lo farai per tutte noi. Per restituirci l'umanità e la sfida. Per dimostrare che una donna può e deve voler tutto, e non è mai solo donna.
Se eri bella, lo eri così, non come una fatua bambola di porcellana. Lo eri in mimetica, senza abitini a sbuffo. Era questa la tua natura, perché una donna, quando lotta per la libertà, resiste e non aggredisce.
Entrerai nei libri di storia scritti da una storia diversa. Con un alfabeto finalmente nuovo. In un mondo altro. Che non sarà il nostro. Verrà chiamato - sì, scandiscilo - Rivoluzione.

© Daniela Tuscano



08/09/16

"La Angelina Jolie del Kurdistan". Bella, coraggiosa e in mimetica, una vera e propria leggenda per le sue incredibili imprese nella lotta all'Isis. Ora arriva l'inaspettata notizia



 "La Angelina Jolie del Kurdistan". Bella, coraggiosa e in mimetica, una vera e propria leggenda per le sue incredibili imprese nella lotta all'Isis. Ora arriva l'inaspettata notizia

Il mondo aveva imparato a conoscerla con il suo soprannome, "L'Angelina Jolie del Kurdistan", per l'incredibile somiglianza di questa ragazza con la nota attrice di Hollywood. Lei, che in realtà si chiamava Asia Ramazan Antar e aveva 22 anni, apparteneva alla "Women's Protection Units", gruppo curdo tutto al femminile che combatte il califfato al confine con la Siria.
Ora è arrivata la triste notizia della sua morte: la giovane è stata infatti uccisa in un attacco vicino Minbiç, nella Siria del nord.


A riportare la notizia è il Daily Mail. Stando a quanto riportato dai media, Asia aveva avuto un ruolo cruciale in numerose battaglia-chiave contro l'Isis ed era per questo diventata una vera e propria eroina di guerra. Sulla pagina Facebook "We want Freedom for Kurdistan" si legge "è diventata martire nella lotta contro Daesh".


La sua morte non è ancora stata ufficialmente confermata dalle autorità, ma stando alle prime notizie sarebbe stata uccisa nel corso di uno scontro la tra le Forze Siriane Democratiche (SDF) e l'opposizione siriana. Il suo nome era famoso in tutto il paese per le sue imprese.


La Women's Protection Unit è un corpo tutto al femminile che combatte l'Isis in Iraq e in Siria. Nel corso negli anni si è rivelato particolarmente importante per il contributo fornito durante le guerre nell'area.

Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget