Visualizzazione post con etichetta consumismo. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta consumismo. Mostra tutti i post

14/12/14

lo spirito del natale non èuna guida o dei consigli su come affrontarlo ma anche piccoli gesti come la tregua di natale del 1914 fra le armate tedesche e inglesi

  per il momento   ancora  confermo anche  se  in parte   quanto ho detto nel post precedente , in quanto  vedendo i video  sotto  riportati in comincio  a sentire   e  a trovare  in mezzo all merda   (  pubblicità stucchevole  , film ,  serie  tv , cartoni , articoli di  giornali , auguir  fatti a forza , ecc  )    sembra  che stia ritrovando  lo spirito del natale  . Ma    rimango  fermo non  volere ( almeno fin
ora  )  fare la  consueta  e tradizionale guida natalizia  .
E a chi continua   a chiedermi   come mai  quest'anno non faccio  la  solita  guida   natalizia  , rispondo senza  mandare  a   ..... perchè  preferisco riservarlo per  rotture ( non necessariamente lettori fissi o occassionali o di passaggio  )    più  serie oltre al fatto che  siamo vicini a  natale ,  che  : 1) quest'anno sono accorto d'idee   originali  rispetto ai giornali  e  tv ed  internet    che fanno inserti simili  ., 2) dopo 4 anni che  lo faccio  sento  la stanchezza  e la monotonia , e  stava per  diventare   ripetitiva  


Quindi   vi rimando  alle  guide   degli  ultimi  4  anni  . le potete trovarte   sfogliare   i medi  di novembre  \  dicembre   anno per  anno  oppure   cercando i  tag , regali  , natale  , come sopravvivere  al  natale   come non sprecare  , regali  , ecc  chi  non ne  avesse  voglia  o tempo  ecco una puntata  sui regali della  guida  del   2013  http://ulisse-compagnidistrada.blogspot.it/2013/12/come-risparmiare-e-non-sprecare-in_3.html.


Poichè il natale   non è  ( almeno in teoria  consumismo o buonismo  forzato )  ma   fratellanza    \ pace , ecc   eccovi per  chi ama  il mio tag  storie  \  le  storie   cosa  successe   esattamente  durantre  il natale  di  cento anni  fa  , quando  imperversava la  grande  guerra  di cui quest'anno  si celebra  il primo  dei 4  centenari

il  film  \  cortometraggio  della vicenda



 



                                          lo spot




  se  non capite l'inglese   o   non vi  basta   eccovi notizie  storiche  su tali eventi   tratta    dalla  voce  di    wikipedia  Tregua di Natale




Soldati tedeschi del 134º Reggimento sassone e britannici del Royal Warwickshire Regiment si incontrano nella terra di nessuno il giorno di Natale del 1914.

Per "tregua di Natale" si intende una serie di "cessate il fuoco" non ufficiali avvenuti nei giorni attorno al Natale del 1914 in varie zone del fronte occidentale della prima guerra mondiale.
Già nella settimana precedente il Natale, membri delle truppe tedesche e britanniche schierate sui lati opposti del fronte presero a scambiarsi auguri e canzoni dalle rispettive trincee, e occasionalmente singoli individui attraversarono le linee per portare doni ai soldati schierati dall'altro lato; nel corso della vigilia di Natale e del giorno stesso di Natale, un gran numero di soldati provenienti da unità tedesche e britanniche (nonché, in misura minore, da unità francesi) lasciarono spontaneamente le trincee per incontrasi nella terra di nessuno per fraternizzare, scambiarsi cibo e souvenir. Oltre a celebrare comuni cerimonie religiose e di sepoltura dei caduti, i soldati dei due schieramenti intrattennero rapporti amichevoli tra di loro al punto di organizzare improvvisate partite di calcio[1].
La tregua non fu un fatto organizzato, né universalmente diffuso: in diverse zone del fronte i combattimenti proseguirono per tutto il giorno di Natale, mentre in altri i due schieramenti negoziarono solo tregue momentanee per seppellire i caduti. Gli episodi di fraternizzazione con il nemico furono giudicati negativamente dagli alti comandi e severamente proibiti per il futuro: già l'anno successivo alcune unità organizzarono cessate il fuoco per il giorno di Natale, ma le tregue non raggiunsero il grado di intensità e di fraternizzazione di quelle del 1914; per il Natale del 1916, dopo le traumatiche esperienze delle sanguinose battaglie di Verdun e della Somme e la diffusione dell'impiego di armi chimiche, nessuna tregua venne organizzata.
Nei primi mesi del conflitto, quando ancora la guerra di trincea era agli inizi, gli episodi di tregue spontanee tra le opposte fazioni non costituirono episodi rari, né limitati al solo periodo natalizio: in molti settori si instaurò un rapporto di "vivi e lascia vivere" tra i soldati, e unità opposte schierate a stretto contatto limitarono spesso gli atteggiamenti aggressivi o permisero atti di fraternizzazione, come lo scambio di sigarette o cessate il fuoco non ufficiali per permettere il recupero di morti e feriti dalla terra di nessuno; la tregua di Natale del 1914, tuttavia, rappresentò l'episodio maggiormente significativo di tutto il conflitto sia per il gran numero di uomini coinvolti più o meno contemporaneamente, sia per l'alto grado di partecipazione e fraternizzazione che si sviluppò.

Indice [nascondi]
1 Antefatti
2 La tregua del 1914
2.1 Reazioni dell'opinione pubblica
3 Le altre tregue
4 Commemorazioni
5 Nella cultura di massa
6 Note
7 Bibliografia
8 Altri progetti
9 Collegamenti esterni

Antefatti


Il 3 agosto 1914 la Germania dichiarò guerra alla Francia, iniziando le operazioni sul fronte occidentale: seguendo i dettami del cosiddetto "Piano Schlieffen", le truppe tedesche invasero il neutrale Belgio al fine di aggirare le difese francesi poste lungo il confine tra le due nazioni e puntare su Parigi; dopo alcuni iniziali successi, l'azione dei tedeschi venne fermata nel corso della prima battaglia della Marna (5-12 settembre 1914) ad opera delle truppe francesi e del da poco sopraggiunto corpo di spedizione dei britannici (British Expeditionary Force o BEF), ma la seguente controffensiva degli anglo-francesi venne fermata nel corso dell'inconcludente prima battaglia dell'Aisne.
Nei mesi successivi i due contendenti cercarono di aggirare reciprocamente il fianco settentrionale dell'avversario, che a causa della rapida avanzata tedesca non era ancora ben definito, dando luogo alla serie di eventi nota come "corsa al mare": i combattimenti si estesero progressivamente verso nord, nella regione belga delle Fiandre, mentre lungo la linea del fronte presero a comparire i primi sistemi di trincee. Per la fine di novembre del 1914, dopo la conclusione della prima battaglia di Ypres, la situazione giunse a un punto di stallo: la guerra di movimento cessò e il fronte si stabilizzò lungo una linea continua di trincee estesa dal Mare del Nord alla Svizzera, dietro cui i due contendenti si ammassarono a difesa[2].
Con l'approssimarsi del Natale del 1914, furono intraprese diverse iniziative a favore della pace: una Open Christmas Letter ("Lettera aperta di Natale") fu pubblicamente sottoscritta da un gruppo di 101 suffragette britanniche e indirizzata alle "donne di Germania e Austria" come messaggio di pace tra le opposte fazioni[3][4]; il 7 dicembre 1914, invece, il Papa Benedetto XV avanzò la proposta di sottoscrivere una tregua natalizia tra i governi belligeranti, chiedendo che "i cannoni possano tacere almeno nella notte in cui gli angeli cantano", richiesta che tuttavia fu ufficialmente respinta[5][6].

                                                                  La tregua del 1914 .
Due discendenti di veterani di guerra commemorano la tregua di Natale (2008)
Benché nessun accordo ufficiale tra i belligeranti fosse stato pattuito, nel corso del Natale del 1914 circa 100.000 soldati britannici e tedeschi furono coinvolti in un certo numero di tregue spontanee lungo i rispettivi settori di fronte nelle Fiandre[7]. I primi episodi ebbero luogo durante la notte della vigilia, quando soldati tedeschi iniziarono a porre decorazioni natalizie nelle loro trincee nella zona di Ypres (in particolare nel settore dei villaggi di Saint-Yvon/Saint-Yves, Plugstreet/Ploegsteert e Comines/Warneton), dove Bruce Bairnsfather (noto umorista e cartoonist britannico, all'epoca capitano di un'unità di mitraglieri del Royal Warwickshire Regiment) descrisse l'episodio: i tedeschi presero a mettere candele sul bordo delle loro trincee e su alcuni alberi nelle vicinanze, iniziando poi a cantare alcune tipiche canzoni natalizie; dall'altro lato del fronte, i britannici risposero iniziando anche loro a cantare, e dopo poco tempo soldati dell'uno e dell'altro schieramento presero ad attraversare la terra di nessuno per scambiare con la controparte piccoli doni come cibo, tabacco, alcolici e souvenir quali bottoni delle divise e berretti[8].
In molti casi gli episodi di fraternizzazione proseguirono anche la mattina di Natale: una forte gelata indurì il terreno e disperse l'odore di putrefazione dei cadaveri insepolti, e diversi gruppi di soldati dei due schieramenti si incontrarono nella terra di nessuno per scambiarsi doni e scattare foto ricordo; il livello di fraternizzazione fu tale che vennero persino organizzate improvvisate partite di calcio tra i militari tedeschi e quelli britannici[9].
La tregua fornì poi l'occasione per recuperare i caduti rimasti abbandonati nella terra di nessuno e dare loro sepoltura; durante questa fase, furono organizzate anche funzioni religiose comuni per tutti i caduti. Nei settori del fronte interessati dalla tregua l'artiglieria rimase muta e non si verificarono combattimenti su vasta scala per tutto il periodo natalizio; anche così, comunque, in alcuni casi soldati che si avvicinavano alle trincee nemiche furono presi a fucilate dagli avversari. Nella maggior parte dei settori interessati la tregua durò solo per il giorno di Natale, ma in alcuni casi si prolungò fino alla notte di Capodanno[6].
Bruce Bairnsfather, testimone degli avvenimenti, scrisse: "Non dimenticherò quello strano e unico giorno di Natale per niente al mondo... Notai un ufficiale tedesco, una specie di tenente credo, ed essendo io un po' collezionista gli dissi che avevo perso la testa per alcuni dei suoi bottoni [della divisa]... Presi la mia tronchesina e, con pochi abili colpi, tagliai un paio dei suoi bottoni e me li misi in tasca. Poi gli diedi due dei miei bottoni in cambio... Da ultimo vidi uno dei miei mitraglieri, che nella vita civile era una sorta di barbiere amatoriale, intento a tagliare i capelli innaturalmente lunghi di un docile "Boche"[10], che rimase pazientemente inginocchiato a terra mentre la macchinetta si insinuava dietro il suo collo"[11][12].
Un altro testimone britannico, il capitano Sir Edward Hulse Bart, riferì che il primo interprete che incontrò nelle linee tedesche era originario del Suffolk, dove vi aveva lasciato la propria ragazza e la propria motocicletta; Hulse Bart descrisse anche di una canzoncina "terminata con un "Auld Lang Syne" che unì noi tutti, inglesi, scozzesi, irlandesi, prussiani, württemburghesi etc. Fu una cosa assolutamente incredibile, e se l'avessi vista in una pellicola cinematografica avrei giurato che fosse una messiscena!"[13]. Il tenente tedesco Johannes Niemann scrisse: "afferrato il binocolo e scrutato con cautela oltre il parapetto, ebbi la vista incredibile dei nostri soldati che scambiavano sigarette, grappa e cioccolato con il nemico"[14].
                                     

29/11/13

[natale capodanno s'avvicinano II ] ma come c.. si fa a festeggiare e perchè si mettono le luminarie con quello che è successo il 18-19 novembre lettera aperta a Ganau e a Frediani

  vi potrebbe interessare
http://ulisse-compagnidistrada.blogspot.com/2013/11/natale-e-alle-porte-e-gia-penso-che.html


«Guardatevi dal praticare le vostre buone opere davanti agli uomini per essere da loro ammirati, altrimenti non avrete ricompensa presso il Padre vostro che è nei cieli. Quando dunque fai l'elemosina, non suonare la tromba davanti a te, come fanno gli ipocriti nelle sinagoghe e nelle strade per essere lodati dagli uomini. In verità vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Quando invece tu fai l'elemosina, non sappia la tua sinistra ciò che fa la tua destra, perché la tua elemosina resti segreta; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà …Matteo 6, 1:4»



Cari  Ganau *e Frediani**
Va bene non si  può sempre stare  a piangere  o  a   rimuginare per  quello che  è successo  il 18-19 novembre  in sardegna , ma  un po'  di sobrietà   nel comportamenti . Perchè   non destinare  (  mi rivolgo a te   Frediani    ) i soldi che si spengono  per le luminarie  e l'albero  in piazza  . Credevo che il capodanno   in piazza  ( e  qui  mi rivolgo a te  Ganau )  non lo facessi , come ha scelto Olbia  , per  solidarietà  verso le vittime  dell'alluvione  invece   apprendo ,e ne  condivido in pieno il contenuto  e un po' meno  la sagace  risposta   , dalla nuova  sardegna  del  28\11\2013



avresti fatto più bello figura  o a stare  zitto o  a riflettere prima di parlare





*sindaco di sassari  e  sostenitore  di renzi  alle  primarie del 8  dicembre
** sindaco di tempio pausania

Alluvione a Uras
prendete esempio  sia  dagli esponenti del Irs  che   hanno    rinunciato  alle  loro
 le indennità destinandole agli alluvionati

 da  l'unione sarda del  28 novembre 2013 09:59


Anche gli indipendentisti in campo nella gara di solidarietà per la popolazione colpita dalla tragica alluvione del 18 novembre in Sardegna. Le indennità e gli stipendi del mese di novembre di Indipendèntzia Repùbrica de Sardigna (Irs) per le cariche ricoperte dal leader Gavino Sale (consigliere provinciale di Sassari), Maria Paola Etzo (consigliere provinciale di Nuoro) e Mario Satta (sindaco del Comune di Perfugas) saranno interamente devolute alle comunità colpite dall'alluvione.


oppure

unione  sarda del 30\11\2013
Claudio Baglioni e la lettera ai sardi  Gli incassi dei concerti per rialzarsi

In una lettera inviata al quotidiano L'Unione Sarda, Claudio Baglioni conferma la sua presenza a
Cagliari per i concerti del 28 e del 29 dicembre al Lirico.
"Sarò a Cagliari a fine dicembre. Per dire, semplicemente, "sono qui". E abbracciare idealmente - insieme a chi sarà in teatro - chi si trova ad affrontare un presente così duro e un futuro così incerto". Nella stessa lettera - per la cui lettura integrale si rimanda all'Unione Sarda in edicola - anche la volontà del cantante di contribuire alle iniziative di solidarietà con gli incassi dei due concerti.

15/09/12

meglio essere jurassico e fuori moda che servo \ schiavo d'esse




Inizio  il  post  d'oggi  con  queste  due  canzoni   in sottofondo :  la  prima  , le  ultrime  note  da  un auto  che  passa in  strada  
  (....)  
Non e' tempo per noi che non ci adeguiamo mai
Fuorimoda, fuoriposto, insomma sempre fuori dai
Abbiam donne pazienti rassegnate ai nostri guai
Non e' tempo per noi e forse non lo sara' mai
Non e' tempo per noi che non vestiamo come voi
Non ridiamo, non piangiamo, non amiamo come voi
Forse ingenui o testardi
Poco furbi casomai
Non e' tempo per noi e forse non lo sara' mai 

                      non  è  tempo per  noi  di Luciano Ligabue 



La  seconda canzone (  ridicola  secondo alcuni\e ma se  si presata un po' d'attenzione  non lo  è  per niente  ed   anzi  in tema   con il  contenuto del post    )   che passa  alla  radio  in questo momento   


mentre scrivevo me n'è venuta in mente un altra una . Essa  è  una  cover  di un pezzo miliare  della storia del rock  :  Like a Rolling Stone di Bob Dylan (Robert Allen Zimmerman) del 1965 dall'album Highway 61 Revisited.
Essa  è  attualizzata ed rivisitata magistralmente  tanto  d'ottenere   il beneplacito di Bob Dylan  dal  gruppo Italiano Articolo 31 , nell'album Nessuno, con pezzi del ritornello tratti dal brano originale.



 
sotto la versione originale    dello stesso Dylan




Inizialmente  c’era la tentazione di dedicare  ( poi invece  dedico  queste due  )   a tutte  quelle persone  ( amici  , conoscenti ,estranei , ecc )  che  giudicano come  : jurassico , snob , o peggio    fuori moda   uno\a  che  non s’aggiorna  e non segue le  ultime tendenze   della moda  o  ( in questo caso ) delle novità  tecnologiche  un bel  Vaff o meglio  la canzone  dall’omonimo titolo  di Marco Masini  oppure  



Ma Visto che la maggior parte , salvo quelli che non hanno  il cervello completamente   defilipilizzato  o  in cassa integrazione  , capiscono  vedere post precedente  [  url  ]   .Ma  poi a mente lucida  …. Ehm ..  a freddo  m’accorgo  che : 1) è inutile .,2) volgarità gratuita   e che  certe volte   sono meglio  le perle  ai  porci  . Forse  un giorno  quando magari sarà uno dei loro beniamini  ( pseudo attori o pseudo cantanti  )  a praticare   tale condotta  di  vita   allora   come le pecore    lo faranno anche  loro  
Quindi  cari  e care  ****  ***** questi  due articoli   e queste le  due  canzoni  che fungono  da colonna  sonora    sono dedicati a voi  (  spero solo  che non sia   solo un ascolto  è una lettura passiva  ma critica  del  vostro modo  d’essere  )  che  giudicate  fuori      (  o meglio OT )  ed escludete dal branco \  gruppo   chi  non  è uguale  a  voi


La prima notizia è questa presa dalla sezione  palermitana   di repubblica   ( anche se in cronaca in tutti i giornali d'ieri )  cioè http://palermo.repubblica.it/cronaca/ del 13\9\2012
Palermo, baby-prostituta a scuola
sotto indagine quattro professori
La vicenda all'istituto professionale alberghiero "Piazza" dove una studentessa sedicenne si sarebbe prostituita per pochi euro. Due sue compagni avrebbero organizzato gli appuntamenti ai quali avrebbero preso parte anche alcuni docenti. Che adesso sono sotto inchiesta
di ROMINA MARCECA



Il suo racconto ha turbato le assistenti sociali che l'hanno ascoltata per ore. Ha spiegato con le lacrime agli occhi che la sua vita avrebbe avuto due facce: quella di studentessa come tante altre e quella di baby-prostituta. Chi l'ha conosciuta a scuola sapeva bene della sua situazione familiare densa di problemi, tanto che era andata a finire in un istituto perché bisognosa di un sostegno psicologico. Eppure è proprio lì, a scuola, dove la ragazzina appena sedicenne avrebbe cercato rifugio, che invece ha trovato la strada per la prostituzione. Tutto sarebbe accaduto, tra il 2006 e il 2007, all'istituto professionale alberghiero "Piazza" di corso dei Mille, che adesso viene travolto da un'inchiesta senza precedenti.


Due ex compagni, uno dei quali minorenne, avrebbero convinto la ragazzina - secondo quanto da lei riferito alla polizia - a diventare una squillo. Loro si sarebbero occupati di tutto: dagli appuntamenti al pagamento. E tra i clienti ci sarebbero stati anche alcuni professori del "Piazza". Quattro in tutto, che adesso sono sott'accusa per avere consumato rapporti a pagamento con una minorenne, mentre per i due ex studenti e protettori della loro compagna è scattata l'indagine per sfruttamento della prostituzione. Il fascicolo è stato aperto dai magistrati della Procura ordinaria e dai colleghi della Procura per i minorenni. Le indagini sono seguite dalla squadra mobile.
Quel racconto è stato riascoltato più volte dagli investigatori che adesso attendono che l'attendibilità
della testimone venga confermata anche da una perizia psicologica. È per questo che gli investigatori e i magistrati vanno molto cauti nell'analisi di quanto denunciato dai servizi sociali che seguono la ragazza. "I miei compagni - ha riferito la giovane, che oggi ha 20 anni - mi hanno procurato quegli appuntamenti a pagamento con adulti. Ero consenziente e ricevevo piccole somme: dai 5 ai 10 euro. Ma non so dire quale fosse il pagamento delle mie prestazioni perché a prendere i soldi erano i miei compagni".
Gli incontri sarebbero avvenuti tra i viali della Favorita, all'interno delle auto dei clienti. Ma ci sarebbe anche un hotel del centro dove quella ragazzina sarebbe andata più volte per incontrare gli uomini procurati dai suoi compagni. In alcuni incontri la sedicenne ha riconosciuto i suoi professori. "Dopo i rapporti sono riuscita ad ottenere - ha confessato la ragazza - di essere inserita in alcuni corsi di formazione che si svolgevano a scuola nel pomeriggio. Si trattava di lezioni per migliorare la preparazione per l'assistenza alberghiera".
I quattro professori e i due studenti sono già stati sentiti dalla polizia, ma adesso l'inchiesta va avanti per comprendere se oltre alla sedicenne che ha fornito la sua versione, ancora da accertare con ulteriori indagini, siano state coinvolte anche altre studentesse.



   

 A prima  vista  sembrerà una  news   normale  tanto  è frequente che  :  o  ragazze  consapevoli  o meno  accettino   di posare  nude o  di   avere rapporti  con  vecchi pedofili ., o  ragazzi che minorenni che spacciano  o  si drogano  pur  di   aver  soldi  per ricariche    di cellulari  o potersi comprare  abiti alla moda  ed  non essere  emarginati  dal branco . Ma  purtroppo ormai sempre  più grave ed collegata all'argomento in questione e di cui purtroppo c’è poco da ridere come avviene ( anche se l’ironia è un modo per affrontare questo problema )  in una scena del  film   ( locandina a destra   e qui la  trama  e  promo  ) : Polisse, Francia 2011, Poliziesco, durata 134' Regia di Maïwenn Le Besco quando una ragazzina  ha  dovuto fare  ....  ad un ragazzo  per  riavere  il  suo  iphone
La  seconda   è un argomento  ignorato o relegato alle pagine di costume  e società   dai media  ufficiali  che  , SIC , giudicano come comunisti   se uno tenta  di dedicargli importanza     . Essa  consiste   di cosa  fare   quando  ,  a  causa  dei continui ( e spesso  inutili  ) aggiornamenti di Pc , telefoni  , ecc  , di  cosa  fare    del tuo vecchio cellulare  onde  evitare  di sprecare  risorse  .  Tratta  da http://www.nocensura.com/






venerdì 7 settembre 2012 23:16 | Pubblicato da admin |Che farne del vecchio cellulare? Ecco alcune idee

di Marta Albè


Obsolescenza programmata e continuo ricambio tecnologico potrebbero avere portato alcuni di voi ad aver accumulato nel corso degli ultimi anni un certo numero di telefoni cellulariormai inutilizzati, schierati in fondo ad un cassetto, sia che essi fossero realmente non più funzionanti, sia che lo fossero ancora, ma allo stesso tempo purtroppo appartenenti ad un modello ormai fuori moda e tecnologicamente superato.
I progressi nel campo della telefonia hanno portato ad un accumulo dei rifiuti elettronici, denominati tecnicamente rifiuti RAEE. E' tra di essi che si identificano i cellulari inutilizzati e scartati. Nel caso non si riesca a trovare un'alternativa e si desideri avviare il proprio cellulare allo smaltimento, sarà bene informarsi presso il proprio Comune riguardo ai punti di raccolta dei rifiuti RAEE. Potrebbe inoltre risultare utile la consultazione del portale del Centro di Coordinamento RAEE.
L'avvio allo smaltimento del proprio vecchio cellulare dovrebbe però essere sempre considerato come l'ultima spiaggia. Prima di arrendersi sarebbe infatti opportuno prendere in considerazione alcune opportunità interessanti. Ad esempio, nel caso il vecchio telefonino sia ancora funzionante, potrebbe essere conservato comeapparecchio di emergenza, da utilizzare in caso di smarrimento, furto o rottura del telefonino attuale.Altrimenti, nel caso si avesse la necessità di attivare un nuovo numero telefonico su di un apparecchio differente da quello attuale, ecco che il vecchio telefonino potrebbe nuovamente tornare utile. Vi sono persone, come gli anziani, che utilizzano raramente il cellulare, ma che potrebbero volerne avere uno con sé nel corso di un ricovero in ospedale, oppure durante un viaggio o un semplice spostamento. Ecco dunque un'altra occasione in cui un vecchio telefonino potrebbe essere nuovamente utile.Non dimentichiamo che, per ogni cellulare scartato, esiste un caricabatteria rimasto altrettanto inutilizzato. In questo caso, il caricabatteria potrebbe essere avviato alla vendita attraverso uno dei tanti negozi dell'usato presenti sul territorio oppure attraverso una delle più o meno notepiattaforme online dedicate alla compravendita di oggetti di seconda mano, che siano dotate di una sezione dedicata alla tecnologia.Il caricabatteria potrebbe essere acquistato da parte di chiunque ne possa avere bisogno. Un discorso analogo vale anche per gli apparecchi telefonici, sia funzionanti che non funzionanti. Chiunque potrebbe essere interessato ad acquistarli per utilizzarli - se funzionanti - per provare a ripararli, oppure semplicemente per ricavarne degli utili pezzi di ricambio.Altro suggerimento riguarda la possibilità di tenere d'occhio lo svolgimento di campagne promozionali presso negozi di telefonia o punti vendita di prodotti tecnologici, che di tanto in tanto organizzano iniziative per il ritiro dei vecchi cellulari e dei loro accessori, garantendo uno sconto sull'acquisto di un nuovo apparecchio o dei buoni da spendere al proprio interno, nonché dei vantaggi riguardo ad eventuali raccolte punti a premi.Le componenti dei vecchi telefonini possono inoltre essere utilizzate per progetti di riciclo creativo, volti ad esempio alla realizzazione di pezzi unici facenti parte di quella che viene denominata geek-jewellery. Essa potrebbe diventare il vostro nuovo hobby, a patto che non siate già a conoscenza di abili artigiani in grado di trasformare i vostri rifiuti elettronici in pezzi d'arte esemplari, a cui donare dunque i vostri vecchi apparecchi.Chi ha a propria disposizione un vecchio cellulare, che vorrebbe provare a vendere, oppure a riparare, potrebbe essere interessato a rivolgersi a servizi come quelli offerti da "Il Celluvale", una piattaforma che facilita la riparazione e la compravendita dei vecchi apparecchi telefonici. Essi possono altrimenti essere inviati a progetti di raccolta degli stessi, che prevedono di destinarli a famiglie in condizioni disagiate o alle vittime di violenza domestica. Ne sono un esempio, a livello internazionale, NCADV e HopeLine.Fortunatamente, esistono anche in Italia, iniziative di beneficenza incentrate sulla raccolta dei cellulari. Prima di liberarvi del vostro telefonino, provate a consultare il sito web dell'iniziativa"Cellulari per Beneficenza", al fine di trovare il punto di raccolta più vicino a cui consegnare il vostro vecchio telefonino che, da rifiuto, potrà trasformarsi in un vero e proprio dono.

fonte:greenme.it
Ma  soprattutto , aggiungo io  a  quest'articolo ,  si  evitano gli  "  effetti collaterali "  del  coltan   il cosi detto oro bianco  usato per  i nostri cellulari  ,  video camere, playstation, ecc   .  Ne  ho parlato precedentemente   in "  il coltan nuovo oro bianco e gli effetti collaterali  "  Ma  comunque   trovate  in quest'altro articolo da  http://www.disinformazione.it/  maggiori news







Coltan, la sabbia nera: quante vite costano i nostri telefoni cellulari?
Angelo Calianno - 

Pensate ai vostri regali, pensate a quante volte dei genitori per far felici e rendere più moderni i loro figli gli hanno regalato telefoni cellulari e video giochi di ultima generazione. 
Ma qualcuno si è mai fermato a pensare a quanto costa realmente quell’oggetto così normale oggi per noi? Non in termini di denaro, ma in termini di vite umane e distruzione.
Uno dei componenti fondamentali di tutti i nostri telefoni, video camere, video giochi è un conduttore chiamato Coltan.
Che cos’è il Coltan? 
Molti pensano che molte guerre Africane siano la causa di conflitti tribali, ma non è così. 
Qu
asi nessuno lo sa, ma questo minerale è la causa principale della guerra che dal 1998 ha ucciso più di 4 milioni di persone in Congo ed è oggi, uno dei componenti fondamentali dei nostri cellulari, un metallo più prezioso dei diamanti.
Il coltan è la combinazione tra COLOMIBTE e TANTALITE la percentuale di quest’ultima
appunto è quella che determina il prezzo del Coltan, dal Coltan si estrae la Tantalite , che è quello che serve nei nostri componenti tecnologici. 
Il coltan ha l’aspetto di sabbia nera e rappresenta un elemento fondamentale in video camere, telefonini e in tutti gli apparecchi HI TEC (come la playstation) serve a ottimizzare il consumo della corrente elettrica nei chip di nuovissima generazione e rendono possibile un notevole risparmio energetico.
Ma come si lega il problema della guerra al coltan?
L’ 80 % del Coltan in circolazione si trova solo in Congo, alcune delle più grosse multinazionali sfruttano queste miniere ed i congolesi che vengono pagati 200 dollari al mese (la paga di un normale lavoratore in Congo è di 10 dollari al mese).
Questo scatena una vera e propria corsa alle miniere da parte dei guerriglieri che se ne vorrebbero impadronire, non solo dal Congo ma anche dalla vicina Uganda e Rwuanda. 
Ma come è facile prevedere estrarre questo prezioso minerale ha i suoi effetti indesiderati, solo per i minatori ovviamente.

Il coltan contiene una parte di uranio, quindi è radioattivo, provoca tumori e impotenza sessuale, viene estratto dai minatori a mani nude… 
Le miniere di Coltan hanno l’aspetto di grandi cave di pietra, il minerale si ottiene spaccando la roccia; spesso i guerriglieri del RDC (Rassemblement Congolaise pour la Democrazie ) si divertono a terrorizzare i civili ed i minatori uccidendoli nelle miniere,tanto che racconta un ragazzo i lavoratori hanno dovuto scavare delle buche in cui ripararsi ogni volta che arrivano i ribelli. 
Qualche anno fa in Italia la gente impazziva per trovare nei negozi 
la Playstation 2, diventata introvabile, il motivo fu proprio la carenza del Coltan di cui si era fermata l’estrazione per i problemi legati alla guerra.
I soldi che le multinazionali spendono per estrarre il Coltan come sempre non servono per alimentare la popolazione, costruire scuole o ospedali, tutt’altro, servono a finanziare la guerra, comprare Armi, dar da mangiare ai soldati. 
Pochi sanno quali sono esattamente le società che comprano il Coltan, non è facile scoprirlo, perché ci sono decine di intermediari che passano dall’Europa, in particolare dal Belgio (si sospetta che anche l’ex compagnia aerea di bandiera belga la “Sabena” trasportasse illegalmente il minerale) 
Ma i principali fautori di questo che sta diventando un genocidio 
sono Nokia, Eriksson e Sony,
non basta ma sotto c’è anche un mercato nero del coltan che viene rubato dai guerriglieri e poi rivenduto attraverso altri mediatori ugandesi, rwuandesi, e spesso europei ed americani.
Come detto precedentemente il prezzo del Coltan varia a seconda della percentuale di Tantalite, nel 1998 il Coltan costava 2 dollari al kg, oggi ne costa 100, ma questo mercato è estremamente instabile ,perché nel 2004 quando la richieste da parte dell’occidente erano tantissime arrivò a costare 600 dollari al kg.
Recentemente è stato scoperto un nuovo giacimento di Coltan, in Amazzionia, si comincerà a lavorare presto con le conseguenze che tutti possono prevedere, forse altre storie di ribellione degli Indios e morte. 
Da piccolo mi venne insegnato che la risoluzione della guerra è sempre la PACE , temo che in questo caso se nulla cambierà, la fine della guerra del Congo, si otterrà solo con la fine delle sue risorse minerarie, e guerra e distruzione si concentreranno in un altro.... 
.... meraviglioso posto…..da distruggere.
Angelo Calianno

Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget