Visualizzazione post con etichetta condanna a morte non eseguita. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta condanna a morte non eseguita. Mostra tutti i post

18/04/14

Iran, sospesa esecuzione in piazza: madre della vittima salva l'assassino

anche  i credenti  di  una religione  , considerata  in occidente  solo  come fanatismo  ,  sono capaci di  grandi gesti  come quello del perdono  

 Ora poichè  



  riporto qui     sotto  sole  alcune  immagini   prese  ( eccetto  l'ultima   , che  è  una mia   foto   fatta   con il cellulare  da repubblica  cartacea  d'oggi)  le altre    sulla  galleria  fotografica  di repubblica  da  cui  ho preso  le  note   


L'esecuzione è stata sospesa all'ultimo minuto dai genitori della vittima. E' successo in Iran. L'assassino aveva già il cappio intorno al collo quando la mamma del diciottenne che aveva ucciso gli è avvicinata e lo ha schiaffeggiato in viso risparmiandogli la vita. La storia: sette anni fa Balal, 20 anni, aveva massacrato a pugnalate Abdollah Hosseinzadeh durante una lite in una delle strade di Royan. 

miglio verde
ultima  volontà prima della corda  

perdono  dai  familiari della  vittima
La Qisas (legge della sharia della retribuzione) ha deciso che fossero i familiari della vittima a compiere il gesto definitivo, spingere la sedia dell'esecuzione capitale. Ma quello che è accaduto in piazza ha sorpreso tutti e ha segnato un precedente importante in uno dei paesi con il più alto numero di condanne a morte nel mondo dopo la Cina. La madre di Abdollah ha schiaffeggiato Balal e il marito gli ha levato il cappio dal collo. Gli attimi seguenti raccontano uno straordinario abbraccio tra due madri in lacrime: una che piange il figlio morto e l'altra quello risparmiato. 

                                                           le  due madri  
  La famiglia di Abdollah aveva già perso un altro figlio di 11 anni in un incidente di moto. "Ho deciso di salvarlo - spiega il padre - perché un sogno mi ha cambiato: Abdollah mi diceva che si trovava in un bel posto e non c'era più bisogno di vendicarsi". 
Oggi Balal è salvo, ma in prigione   e  la sedia  delle esecuzioni    non si  è mossa   (  corsivi ed  aggiunta  mia  ) 



 (di RAFFAELLA SCUDERI)

P.s
un altra mia  aggiunta    sono le didascalie  alle  foto  

Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget