Visualizzazione post con etichetta conan il ragazzo del futuro. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta conan il ragazzo del futuro. Mostra tutti i post

21/07/13

da un romanzo mediocre un a serie anime ( Conan il ragazzo del futuro ) eccellente a anche se risale a 30 fa .


 ti potrebbero interessare  

da http://fantascienzacatastrofica.blogspot.it/

Nei giorni  scorsi   rimettendo  ordine e  decidendo ( anche in realtà non decido mai o decide la prina opzione   )  cosa
lasciare  e cosa buttare o riciclare  ad  amici\che  )  ,  prima che  la  quantita  di  : libri , riviste  , giornali  , fumetti , cd, dvd , vhs  , ecc  mi sommerga   ho ritrovato   questo libro che non ricordavo   neppure  d'avere  Nel vedere  la  copertina    (  foto sopra   a destra    )  mi è ritornato alla mente  come  un flask back  che  da tale racconto  è tratto   da  un famoso  anime  della  fine degli anni  '70 diffuso in italia   fra l'81\82 : <<   Mirai shōnen Konan? un anime televisivo di 26 episodi, diretto da Hayao Miyazaki (con la collaborazione di Keiji Hayakawa e Isao Takahata), adattamento del romanzo di fantascienza per ragazzi The Incredible Tide di Alexander Key (tradotto anche in italia da Kappa Edizioni). In alcuni punti, nella scelta di alcune situazioni e di alcuni personaggi, la serie si discosta dal libro in modo significativo.
La serie è stata trasmessa per la prima volta in Giappone dal 4 aprile al 31 ottobre del 1978 dalla rete NHK TV e in seguito sulla rete satellitare anime Animax, per poi venire tradotto in inglese per il mercato del Sud e del Sud-Est asiatici.
La serie è stata tradotta in molte altre lingue, tra cui francese, spagnolo, italiano, portoghese e arabo, ed è stata diffusa anche in America Latina, nel mondo arabo e in molte altre regioni del mondo.
In Italia la prima TV, con il semplice titolo Conan, risale ai primi anni ottanta in varie tv locali, ma fu l'emittente TelePadova (in futuro Italia 7 Gold), tramite la Doro Tv Merchandasing, a trasmettere la serie di Miyazaki,[senza fonte] con la sigla


 cantata da Georgia Lepore nel settembre del 1981. Nel 1982 fu trasmesso da Rete 4 e successivamente anche da TMC, Euro TV e Junior TV con la stessa sigla, e dopo anni di oblio in cui nessuna TV comprò i diritti di Conan, fu TMC a rilanciare il cartone nel 1994   [... ]>>(  da , eccetto il video  da  wikipedia   ne  trovate  l'url in cima  al post   )  
 .  Diffondendolo  fra  gli amici  di fb sceneggiatori  ( disney e non )  per  invogliare  a  " trasferire  " su fumetto tale  storia  e  fra  i  miei amici  (  compagni di viaggio )   dei social network specie  di facebook  ne  è nata  una discussione interessante  con  

1)  lo sceneggiatore  disney e non solo Francesco Artibani  





che  dimostra  se pur indirettamente   la bellezza  della serie  e  la difficoltà,  secondo me superabile a livello creativo   visto  la  forte vena creativa del personaggio  (  e sua  riduzione  a fumetti per  topolino del classico di moby dick ) ,  di rendere  in chiave  fumettistica  una  serie tv  

2) con vecchio amico  di università  ritrovato su facebook    di  cui condivido il pensiero  espresso anche da  il primo url sopra  riportato   .
Eppure  l'inizio sembrava promettente  come  si legge  dalle  primissime    righe  del 1  capitolo


 "Gli uccelli marini, gli unici amici di Conan, lo svegliarono all’alba con le loro strida e lasciando cadere sassi sulla sua capanna. Il ragazzo si trascinò fuori impaziente e corse fino alla piccola spiaggia, sicuro che un branco di pesci fosse entrato in una delle sue trappole. Ma scoprì presto che le trappole, erano vuote - eppure i gabbiani e gli storni continuavano a volteggiargli intorno, facendo un gran baccano.Cosa stavano cercando di dirgli?Si voltò, e salì di corsa i gradini che conducevano al punto più elevato della sua piccola isola rocciosa e salì sulla piattaforma di pietra che aveva costruito da tempo. Una rapida occhiata tutt’intorno mostrò solo il mare vuoto, se si escludevano i due isolotti più piccoli dell’arcipelago che affioravano, velati dalla distanza, ai due lati del suo. Essi erano i confini del suo mondo. Oltre di essi, e dappertutto nel mare velato dalla nebbia, nulla era visibile, nemmeno l’orizzonte."da The Incredible Tide, di Alexander Key (cap.1 - Sopravvissuto -)




 e  voi che ne pensate   vi piaceva la serie tv    ? vi ha deluso o vi è piaciuto  il romanzo  ?   chi ha ragione   io  o Francesco Artibani 


Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget