Visualizzazione post con etichetta coisp. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta coisp. Mostra tutti i post

07/07/15

La mamma di Federico Aldrovandi ritira le querele: "Ma non è un perdono" Unione sarda del 7\7\2015



La capisco ne ha subita già tanta di merda ed stanca di doverne subire ancora . la miglior risposta contro questi ...... putribondi figuri ( metaforicamente parlando  ) . in culo a chi dice che è una prima donna ed una opportunista e non gli ne fregato niente del figlio se non da morto .




La mamma di Federico Aldrovandi ritira le querele: "Ma non è un perdono"  Unione sarda  del 7\7\2015 



patrizia moretti la mamma di federico aldrovandi morto il 25 settembre 2005
              Patrizia Moretti, la mamma di Federico Aldrovandi, morto il 25 settembre 2005

Patrizia Moretti, la mamma di Federico Aldrovandi, ritirerà le querele presentate verso Carlo Giovanardi, senatore, e Paolo Forlani, l'agente di polizia condannato in via definitiva per la morte di Federico, e di Franco Maccari, segretario del Coisp, sindacato di polizia.
Lo ha annunciato la stessa Moretti al Senato: "Non è un perdono, e d'altra parte nessuno mi ha mai chiesto scusa - ha detto - non spenderò più minuti della mia vita per queste persone e per i loro pensieri. Non voglio più sapere nulla di loro".
Per quanto riguarda Giovanardi, la querela era stata presentata dopo che il senatore "ebbe il coraggio di dire - ha raccontato Moretti - che il cuscino sotto la testa di Federico all'obitorio non era macchiato di sangue ma era rosso".
Altre "falsità e bugie" sono attribuite al segretario del Coisp Franco Maccari, che organizzò una manifestazione proprio sotto le finestre dell'ufficio della donna a Ferrara, e all'agente Forlani.
"Non dimenticherò mai le offese che mi ha rivolto dopo la sentenza della Cassazione - dice Patrizia - è stato lui, sconosciuto e violento, ad appropriarsi degli ultimi istanti della vita di mio figlio".


15/06/15

Polizia di Stato. Si è suicidata l’assistente capo Rosaria D’Agata.

Non mi sono mai  piaciute le istituzioni , ma  non riesco ad essere indifferente  davanti a  tale  dramma sociale    che  avviene  nel silenzio     dei nostri politicanti  , specialmente quelli   che li difendono    quando  (  ovviamente senza   generalizzare  )    sono  protagonisti di crimini ed abusi 

Polizia di Stato. Si è suicidata l’assistente capo Rosaria D’Agata.

E’ una strage continua e silenziosa quella degli uomini e delle donne delle forze dell’ordine che giorno dopo giorno perdono la salute e/o la vita per mano altrui o propria. Anche, oggi, apprendiamo dell’ennesimo caso di suicidio.Il COISP.IT informa che “ieri, 13 giugno 2013, si è suicidato con il solito sistema, negli uffici della questura di Bergamo dove prestava servizio, l’assistente Capo Rosaria D’Agata di 45 anni.”

La testata giornalistica DonneManager♔diNapoli.com esprime le proprie condoglianze alla famiglia.
Il silenzio della classe politica e/o dei massimi vertici delle Istituzioni circa il dramma dei suicidi tra gli uomini e le donne delle Forze dell’ordine è una vergogna. Eppure sono “tutti” servitori dello Stato. Di giorno in giorno il numero dei suicidi tra gli uomini e le donne dell’Arma dei Carabinieri, della Polizia di Stato, della Polizia Penitenziaria, della Guardia di finanzaaumenta quasi nel silenzio più totale. L’opinione pubblica è poco informata. In prima serata, nei talk show preferiscono parlare di altro ma non di questo. Perché?Perché i politici non ne parlano? Perché i vertici delle Istituzioni tacciono? Perché la gente volta lo sguardo dall’altra parchè? Quanto vale per i nostri politici, per le Istituzioni, per il popolo la vita di un uomo e/o di una donna delle forze dell’ordine?Affinchè il dramma dei suicidi venga affrontato e risolto chiediamo che venga istituita una commissione parlamentare che tratti l’argomento e renda pubblici i lavori, i risultati, le iniziative, le cause, i numeri e gli eventuali responsabili.

27/03/13

solo in italia le forze dell'ordine si comportano cosi Agenti in sit-in contro mamma Aldrovandi e lei scende con la foto del figlio


 vedendo   l'ennessimo oltraggio  , per  giunta  sostenuto  da  un euro parlamentare  ,  rivolto verso una madre che con un coraggio commovente e ammirevole assolutamente esecrabile se ha chiesto giustizia contro i massacratori del proprio figlio.

  repubblica  27\3\2013

Agenti in sit-in contro mamma Aldrovandi
e lei scende con la foto del figlio

Il sindacato di Polizia Coisp ha manifestato sotto l'ufficio di Patrizia Moretti, in solidarietà dei colleghi condannati per l'omicidio del figlio. Lei è scesa in piazza mostrando l'immagine del giovane all'obitorio. Cancellieri: "Non rappresentano l'intera polizia"


FERRARA - Gli agenti sotto il suo ufficio a protestare. E lei che scende le scale, arriva in piazza e mostra la foto del figlio ucciso. Questa mattina, alcuni poliziotti del sindacato Coisp hanno organizzato un sit-in a Ferrara contro la madre di Federico Aldrovandi, il giovane morto il 25 settembre 2005. Una manifestazione di solidarietà ai colleghi che sono stati condannati al carcere dal Tribunale di sorveglianza di Bologna. 



Il Coisp ha manifestato davanti al Comune di Ferrara, mentre la stessa Moretti pubblicava le foto su Facebook. Persino il sindaco della città emiliana, Tiziano Tagliani, è andato dai manifestanti per chiedere di spostare 

il sit-in pochi metri più indietro. 
Una richiesta che non è stata accettata. Anzi, sono continuati i messaggi di solidarietà per i poliziotti condannati, Forlani, Segatto, Pollastri e Pontani.



A quel punto la mamma di Federico Aldrovandi è scesa in piazza, affiancata da due colleghe. E ha srotolato una foto tristemente nota, quella che ritrare il figlio morto all'obitorio circondato da una macchia di sangue.
"Non avrei voluto farlo - ha raccontato al termine Patrizia Moretti - perché a me costa moltissimo, ma sono scesa con alcune mie amiche e colleghe e ho mostrato prima alla piazza, poi a loro la foto di Federico. Nessuno di loro mi ha guardata e dopo un po' sono andati via. E' stato triste, e doloroso".
La mamma di Federico Aldrovandi racconta anche l'antefatto: "Ad un certo punto ci siamo affacciate alla finestra e abbiamo visto cosa stava accadendo, abbiamo visto il sindaco Tiziano Tagliani scendere e andare a parlare con loro dell'inopportunità del sit in, ma da lì uno dei manifestanti, molto grosso e alto, ha cominciato a inveire contro il sindaco e ho visto anche alcuni spintoni".
SENATO IN PIEDI. Quando la senatrice del Pd MariaTeresa Bertuzzi ha preso la parola nell'aula del Senato, dopo il dibattito con il governo sui marò, tutti i parlamentari e gli esponenti del governo, premier compreso, presenti nell'emiciclo, si sono alzati in piedi e hanno battuto a lungo le mani per esprimere solidarietà alla madre di Federico Aldrovandi. Tra gli esponenti del governo hanno battuto le mani e si sono alzati in piedi in segno di solidarietà anche il ministro dell'Interno Cancellieri (che ha detto: "I manifestanti non rappresentano la polizia. No a sanzioni ma giudizio critico") e l'ex capo della Polizia ora sottosegretario con delegata ai Servizi, Gianni De Gennaro ("Fatto da condannare ma non sono più il capo della polizia"). "La manifestazione indetta dal sindacato di Polizia - ha dichiarato la senatrice Pd Bertuzzi - continua a tenere aperta una ferita". Il sit-in di oggi dei poliziotti, rincara la dose la senatrice del Pdl, Anna Cinzia Bonfrisco, "ha superato ogni limite".
Solidarietà anche da Sel. "Oggi con gesto sconsiderato, rinnovato dolore per omicidio Aldrovandi. Oltre ogni limite. Un forte abbraccio a Patrizia e ai suoi familiari". Così Nichi Vendola, presidente di Sinistra Ecologia Libertà, esprime su twitter la propria solidarietà alla mamma del giovane Federico Aldrovandi.



Coisp: "Nulla contro la madre". Il Coisp ha dichiarato di non essere a conoscenza del fatto che il presidio di questa mattina si stesse svolgendo sotto le finestre dell'ufficio di Patrizia Moretti. "Non sapevamo che lavorasse in Comune", ha spiegato il segretario nazionale Franco Maccari all'emittente bolognese 'Radio Citta' del Capò: "Abbiamo fatto la comunicazione una settimana fa, l'abbiamo mandata anche al sindaco e nessuno ha avuto nulla da dire". E verso le accuse del primo cittadino Tagliani di presidio inopportuno, Maccari ha reagito: "E' in malafade ed è una persona squallida". E poi in una nota sottolinea come abbiano "evitato di raccogliere inutili provocazioni, cercate forse per via della rabbia di non essere riusciti a cacciarci e zittirci, abbiamo concluso il sit-in all'orario stabilito e siamo passati al prossimo impegno".
"Solo in Italia può accadere una cosa simile". I fatti di Ferrara sono stati ripresi anche dal blog di Beppe Grillo. Il post è intitolato "Solidarietà" alla madre di Federico Aldrovandì e riprende un testo del portale 'cadoinpiedi.it'. "Persino il sindaco della città Tiziano Tagliani è andato dai manifestanti per chiedere di spostare il sit-in pochi metri più indietro. Una richiesta che non è stata accettata - si legge - anzi, sono continuati i messaggi di solidarietà per i poliziotti condannati".



 Mi chiedo  perchè ....... il  Coisp non sta in silenzio   visto che  sono stati condannati  in tutti i gradi di giudizo ? Qui si tratta  di un azione  non solo vergognosa   intimidatoria verso altre madri o parenti di altre vittime?
Non vedo perche' non vi debbano essere provvedimenti per un gesto che si ritiene grave e deprecabile. L'affermazione del Ministro appare contraddittoria! Ed inspiegabile! ...Salvo che anche le mele marcie portano voti! o forse    toccare le  forze del'ordine ( quando  meriotano  ) è tabù  . Infatti  la  Cancelllieri e in generale tanti monti boys sono solo la faccia seria del berlusconismo  e  della vecchia  Dc . Capisco   quanto  dice   questo commento  su repubblcia  online :<<
io non ho paura della mafia, sono terrorizzato dalle così dette 'forze dell'ordine'. Se andassi ad una manifestazione pacifica rischio di essere manganellato o ammazzato come a Genova o alla Diaz, se torno a casa la sera rischio di essere fermato e manganellato da facinorosi in divisa come è successo al povero Aldrovandi, se mi fermo ad un autogrill rischio di essere ammazzato da un agente della polstrada come Spaccarotella, se ho problemi con la giustizia si rischia di non arrivare vivi in aula come Cucchi...ecc. ecc....chissà quanti casi. Questi agenti come vengono selezionati? che grado di consapevolezza hanno sulla delicatezza e l'importanza del loro ruolo? >>Mi fermo  qui  sia perchè non  ho  altre parole per definire lo schifo che provo veso una cosa del genere,..............generalizzare nn fa mai bene ,ma questi dovrebbero essere chiamati servitori della patria o simili ??? Poi  si lamentano  se  alcuni gruppi musicali  o negli stadi fanno canzoni  del tipo 





  disoccupazione di  ... ha  creato  meestiere  di    carabiniere  >>  Chiudo per non arrivare al turpiloquio

Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget