Visualizzazione post con etichetta che palle 'sto politicamente corretto. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta che palle 'sto politicamente corretto. Mostra tutti i post

10/01/16

H&M finisce nel mirino per la sciarpa “ebraica” che somiglia al Tallit che fissazioni ci sono in giro



.... e che c... non si può più fare nulla d'innovativo o di sperimentale che succede quello  di ci  parla
 http://www.blog-news.it/post/finisce-nel-mirino-per-sciarpa-ldquo-ebraica-rdquo-che-somiglia-tallit




IL  colosso svedese si scusa: «Non era nostra intenzione offendere nessuno. Le righe sono una delle tendenze di stagione ed è a questo che ci siamo ispirati». Ma intanto su Twitter fioccano le critiche
H&M finisce sotto accusa per una sciarpa che, secondo gli utenti dei social media, richiama nei colori e nei motivi, il tallit, il tradizionale scialle di preghiera ebraico bianco, a strisce nere e con le frange.

TALLIT H&M: LE POLEMICHE SU TWITTER

La sciarpa ha una tinta beige, con strisce nere e viene venduta sul sito a 14 euro e 99 centesimi. Su Twitter, molti utenti si sono sentiti offesi dalla scelta del brand.


LE SCUSE DI H&M

Il colosso si è scusato: «Siamo davvero dispiaciuti se con il nostro capo abbiamo offeso delle persone. Da noi chiunque è il benvenuto, e non abbiamo mai preso una posizione politica o religiosa. Non era nostra intenzione offendere nessuno. Le righe sono una delle tendenze di stagione ed è a questo che ci siamo ispirati».


COME IL PIGIAMA DI ZARA

La vicenda ricorda un po’ quello che accadde a Zara, qualche anno fa, quando distribuì un pigiama a righe con una stella che ricordava quella di David. «Chiediamo veramente scusa ma il capo era ispirato alla stella dello sceriffo dei classici film western. Ora non è più disponibile nei nostri stores», spiegò l’azienda dopo le critiche ricevute sui social.

come l'amica   \ compagna  di strada  Tina  Galante       , mi  chiedo  





Tina Galante tramite BlogNews
42 minuti fa
Ma voi vi rendete conto di quanto sia stupida l'umanità?
Spero di sì

Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget