Visualizzazione post con etichetta che fine hano fatto quei vecchi valori. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta che fine hano fatto quei vecchi valori. Mostra tutti i post

15/04/16

Nessuno vuole stare in camera con lei: ragazzina disabile costretta a rinunciare alla gita scolastica

 leggi anche  http://ulisse-compagnidistrada.blogspot.com/2016/04/le-domande-dei-disabili-ai-cosiddetti.html

Ogni volta  che leggo  simili notizie  rimango basito e nostante   i  miei   vecchi  e i mie amici  mi dicono   cosa  vuoi fare il lottatore  solitario   continuo ad  indignarmi  perchè se ci togliamo anche  quello      saremo zombi completamente .
la storia d'oggi  non èuna novita  è sempre  successo  , e sempre succederà ,  ma quelo che fa  più male  è la non reazione di professori e presidi   che dovrebbero  costituire  un baluardo perchè tali cose   scompaiono o  quanto meno  avvengano  senzache nessuno   s'indigni o reagisca  .  Infatti  ecco un mio commento a  caldo    scritto sul mio fb (  qui  per  coloro  sono interessati   alla discussione che n'è sorta  e  che   sorgerà  )

ma i presidi e prof che c...... ci stanno a fare a scuola a grattarsi e a prendere lo stipendio ( in alcuni casi ) o ad insegnare solo nozioni ) ? . Non esistono più quelli du una volta che avrebbero punito gli imbelli compagni di scuola .appena  ho letto la news    che trovate  sotto  
a  tale  news  che  riportate  sotto


Nessuno vuole stare in camera con lei: ragazzina disabile costretta a rinunciare alla gita scolastica





I compagni di classe andranno in gita scolastica nel campo di concentramento di Mauthausen. Lei invece resterà a casa. Il motivo?È disabile e nessuno ha accettato di dormire in camera con lei.
Accade a Legnano, in provincia di Milano.
A riferire la vicenda è stata la consigliera regionale Paola Macchi (M5S), che parla di "discriminazione e cyberbullismo", in quanto gli studenti (di scuola media) avrebbero sollevato il problema dell'avere in stanza la compagna affetta da disabilità su Whatsapp."Sarebbe una responsabilità troppo grande", si sarebbero giustificati.
Risultato: la studentessa ha dovuto rinunciare alla trasferta in Austria.
Non solo: i genitori saranno costretti a pagare una penale all'agenzia di viaggi per l'annullamento della prenotazione.



Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget