Visualizzazione post con etichetta cdv. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta cdv. Mostra tutti i post

02/11/12

E le Pussy? di matteo tassinari


Preghiera Punk
Considerato il messaggio, il luogo, la "follia" provocatoria del gesto di 3 ragazze contro una dittatura potente e feroce come il freddo dei Gulag,
ritengo questa la foto più bella della storia del Rock
E le Pussy Riot?
di Matteo Tassinari

Ricordate le Pussy Riot? Quel folle quanto curioso ed eccentrico trio punk geniale tutto al femminile incarcerato per "teppismo motivato da odio religioso" per una imprudente performance anti-Putin nella cattedrale di Cristo Salvatore di Mosca, la chiesa che fu teatro della canonizzazione dell'ultimo Zar e della sua famiglia, la culla della divina liturgia Ortodossa? Eravamo rimasti all'incirca a questo punto: ora diventa vincolante non lasciarle sole, scrivere di loro, parlarne, bypassare loro notizie al mondo, le loro foto, chiedere, cercare in rete, anche i siti esteri, affinché non subiscano torture, sevizie o maltrattamenti di cui i Servizi dell'ex Armata sovietica, tanto i livelli sono ancora quelli, meno rumorosi ma forse più feroci e capaci di una volta. Maria Aliokhina e Nadia Tolokonnikova, le due componenti della band punk Pussy Riot, sono state condannate a due anni di carcere per aver fatto un paio di salti a suon di musica nella cattedrale di Mosca ed aver pregato la Madonna di liberare il loro Paese dal tiranno Putin, sono state trasferite in due differenti colonie penali lontano da Mosca, famiglie, figli. Isolate, almeno due di loro.

Dicevamo di non dimenticarci di loro

Ora, non lasciamole sole

Scrissi così quando capitò il fatto, perché sentivo che sarebbe accaduto, si sarebbe avverato. Ora, due di loro, sono in carceri di massima sicurezza o "colonie", come le chiamano qui, ma sempre gulag rimangono. Per creare distanza, strappare fisicamente da ogni contesto sociale e pubblico i soggetti ritenuti scomodi ai potentati dello Zar degli Zar, Vladimir Putin. Luoghi spettrali, che nulla di diverso hanno dai campi di sterminio nazisti, stesso sangue immolato all'altare del dio guerra, stesso fluido che determina ogni nostra azione o pensiero. Stessi posti di tortura, dove spruzzano quando meno te l'aspetti il peperoncino negli occhi, ti schiacciano le dita nei cassetti, il panno bagnato in bocca a testa in giù in modo di scatenare l'istinto-panico provando la sensazione di annegare e le torture più disumane che non conosciamo e che preferiamo non conoscere. Per ora, le tre giovani attiviste hanno conquistato la scena internazionale e sono diventate famose in tutti i paesi dell’occidente, il simbolo della protesta contro un regime soft con le unghie affilate come quelle di una tigre di Владимир Владимиров, meglio noto come Vladimir Vladimirovich Putin.

Se questo è un uomo

Reset. Nella canzone, le Pussy Riot, hanno invocato il nome della Vergine Maria, esortandola a liberarle dal primo ministro russo Vladimir Putin e di diventare un femminista. Hanno usato, certamente, un linguaggio crudo e originalissimo per attaccare Putin e Kirill I, patriarca di Mosca e della chiesa Ortodossa russa, denunciando e descritto gli stretti "legami" tra KGB e la chiesa russa. I crescenti legami tra Stato e Chiesa, sono stati un bersaglio di critiche e proteste da parte di molti attivisti. Il Patriarca russo Kirill , aveva apertamente sostenuto Putin  nella rielezione del 2012 al Cremlino. Dopo lo spettacolo in cattedrale, le Pussy Riot dissero: "In Russia, succede che la chiesa possa diventare un'arma sporca in campagna elettorale". Parole che, nella loro, audacia stravagante e disperata rabbia, non devono essere piaciute ai due uomini più potenti in Russia: Putin-Kirill. Intanto il Movimento Pussy Riot cresce e Mosca rimane il centro di vari posti dove si ritrovano Pussy Riot e simpatizzanti. L'80% sono tutte donne molto giovani e laureate ed espertissime di comunicazione multimediale. Il 14 dicembre 2011, per dirne semplicemente una, un gruppo s'è esibito in cima ad un garage vicino al centro di detenzione di un carcere, il "Mosca n°1", dove molti degli attivisti dell'opposizione erano detenuti tra i prigionieri. Performance riuscitissima, e applaudita dai prigionieri che da dentro sbattevano tutto ciò che era di metallo, dalle sbarre delle finestre al metallo che c'è in una cella.
Le pulzelle della cattedrale di Cristo Salvatore a Mosca
che hanno pregato la Madonna che si porti via Putin in solfeggio Punk-Rock

Katia forse si può "rieducare"
Ekaterina Samutsevich, 30 anni è l'unica ad essere stata scarcerata con la libertà condizionata. La giuria ha accolto le parole della difesa che sostenevano che Ekaterina avesse partecipato marginalmente alla performance rispetto alle altre donne, in quanto impedita dalle guardie stesse intervenute sul posto. Inoltre, non so attraverso quali parametri, i giudici hanno ritenuto che Ekaterina può essere "rieducata" se non commetterà altri reati nel frattempo, anche ha ascoltato la lettura della sentenza con il pugno chiuso alzato in segno di solidarietà con le altre due Pussy Riot condannate. Probabilmente Ekaterina non ce l'ha fatta e il "No Pasaran" non è riuscita a portarlo in fondo e le limitazioni mortali che la Siberia emana nell'immaginario storico russo e non solo, è qualcosa di devastante, manicomiale, farebbe paura fottuta a chiunque. E in ogni caso, senza sapere ancora come siano andate di preciso le cose, è solo bene che Ekaterina non sia in una "colonia" infame siberiana. 
Nadia Tolokonnikova, considerata la stratega del gruppo, mentre parte per Perm in Siberia situata sul fiume glaciale Kama ai piedi dei monti Urali

Nadia e Maria in Siberia

Per le altre due movimentiste, sono stati confermati i due anni di carcere richiesti dall'accusa. Alla lettura della sentenza Nadia e Maria sono rimaste impassibili e non hanno dimostrato di non nutrire alcun rancore contro Katia, che ha ascoltato la sentenza. Le Pussy Riot (per le quali gran parte dello star-system mondiale, dai Red Hot Chili Peppers alla Ciccone dagli Abruzzi, s'è mobilitato assieme al campione del mondo di scacchi Gary Kasparov) avevano chiesto scusa ai fedeli della Chiesa Ortodossa, senza però mai pentirsi del loro gesto, in quanto "l'azione è di stampo politico ed esclusivamente contro Putin, come era stato chiesto loro dalla Chiesa stessa, senza che questa si degnasse di ascoltare le donne". Per questa ragione Maria Aliokhina, studente di quarto anno presso l'Istituto "Giornalismo e Scrittura Creativa" di Mosca e Nadia Tolokonnikova, che Amnesty International l'ha definita "una prigioniera di coscienza a causa della "gravità della risposte giuridiche delle autorità russe" è quella più esposta e nel centro del mirino di ogni milizia russa. Le due componenti della band punk femminista Pussy Riot condannate a due anni di carcere, sono state trasferite in due differenti colonie penali lontano da Mosca, lontano dalla loro casa, dai loro mariti, dai loro figli. Maria sarà prigioniera in una colonia penale di cui non si sa ancora nulla. Nadia è già stata spedita in Siberia a 2mila chilometri da Mosca, reclusa in una colonia definita dalle altre Pussy Riot, visto che ormai è un movimento di migliaia di donne molto giovani, la più dura delle colonie, non si chiamano più gulag, ancora attive.
Perm, in Siberia, Colonia abbandonata. In realtà è solo
Propaganda per dire che in Russia i Gulag non ci sono più
L'infinito cosmo siberiano


Si, la più dura, considerati i tanti morti dissidenti dal governo Centrale del Pcus morti nel vento e nel gelo del silenzio siberiano. Forse ce l'hanno così tanto con Nadia perché è così bella e intelligente, speriamo che non le tolgano intelligenza e bellezza. Condannate, giovani madri, con un'accusa ridicola, beffarda per quanto miserabile nel suo caustico e corrosivo significato storico che si cerca di passare alla sinfonia di regime: “teppismo motivato da odio religioso”. Mi chiedo cosa dovremmo scrivere allora di tutti i preti, suore, al chiuso di seminari pedofili sparsi nel mondo? Adolescenti vittime di soprusi e vessazioni sessuali? Che dovremmo dire del padre messicano Marcial Maciel Degollado, potentissimo prelato del Vaticano negli anni '80 e intimamente amico di molti cardinali tutt'ora in servizio al fianco del Papa e fondatore di Regnum Christi, ma anche stupratore seriale di tanti minori, relazioni mantenute con almeno due donne, da cui ha avuto sei figli che ha violentato e morfinomane? Per questo ritengo sia utile che ci sia un'equità davvero imparziale e che non conosciamo. Dura, ma molto più dolce in quanto totalizzante ed eterno. Vera, poiché è l'origine di tutto, al punto che noi umani non siamo in grado di percepire. Ora ci spaccherebbe il cuore. Un amore così immacolato capace di perdonare ciò che è macchia, non lo reggeremmo.
*Il vero orrore*

Odio religioso? Semmai, odio politico! L’odio religioso spinge i terroristi a incendiare le chiese o a farle saltare in aria, magari assieme ai fedeli in preghiera dentro e non ad andarci a danzare dentro. Si può parlare invece senz'altro di vera crudeltà da parte di chi ha avuto il coraggio di dare tanta sofferenza a due giovani donne e ai loro familiari. Una sanzione pecuniaria sarebbe stata una giusta pena, al limite, ma non carcere, basta con gli individui rinchiusi senza sapere di preciso dove, come, perché e fino a quando. La crudele condanna alle tre ragazze, secondo la veterana e attivista per i diritti umani Lyudmila Alexeyeva, è “una misura deterrente” per intimidire il movimento d’opposizione delle Pussy Riot, molto prolifico a Mosca  e anche nei paesi limitrofi, grazie a questi movimenti di attiviste e alla Rete. Spesso sono composte solo da donne che non accettano di subire inerme la spudoratezza di un uomo che con i dittatori dell'Unione Sovietica o Pcus, non ha nulla di diverso l'ex presidente del Kgb ora primo ministero della Federazione Russa. "L’offesa alla religione è solo un pretesto. La ragione vera è l’intolleranza dei  potenti verso coloro che amano la libertà e la giustizia" conclude in un articolo Lyudmila Alexeyeva.

Il bel Movimento Pussy Riot mentre manifesta a Mosca



Video sui maltrattamenti delle polizia russa contro attivisti e Kasparov


L'ultima mossa di Garry

Il campione del mondo di scacchi Garry Kasparov, da sempre, è un attivista contro Putin e non perde occasione per denunciare le violazioni perpetue del presidente russo contro la popolazione. Fuori dal Tribunale, oltre a lui, c’erano almeno 3mila persone che protestavano contro la sentenza di condanna emessa contro la banda femminile Punk Rock. Tra i manifestanti, gli arrestati sono 30, tra cui Kasparov. La polizia ha presentato un esposto assicurando che un giovane agente è stato morso proprio dal genio storico dello Scacco e che ha avuto necessità di ricevere cure mediche. Tuttavia esiste un video, che anche per questa volta dovrebbe servire a scagionare Kasparov e che mostra come di fatto Kasparov sia stato vittima dell’aggressività della polizia russa. Ora occorrerà attendere la conclusione delle indagini e capire se anche per lui il Tribunale russo stabilirà un esemplare sentenza di condanna. L'impressione è che questa volta Putin si voglia togliere un sassolino dalla scarpa che lo tallona da diverso tempo. L'occasione gli è propizia.

Io ho mosso, forza, ora tocca a te

Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget