Visualizzazione post con etichetta causa del male nel mondo. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta causa del male nel mondo. Mostra tutti i post

15/10/12

Il male nel mondo? È colpa delle donne che non la danno

Il male nel mondo? È colpa delle donne che non la danno
Le situazioni di scarsità determinano conflitti. Proviamo a capire perché noi ragazze dovremmo essere più disponibili.



Supponiamo ci sia un gran numero di individui (ad esempio, i fan sfegatati di Madonna) che desiderano fortemente A (che potrebbe essere, ad esempio, un biglietto per un concerto di Madonna). Supponiamo, inoltre, che ci sia scarsità di A. È inevitabile che gli individui confliggeranno (nel nostro esempio, i conflitti potrebbero assumere la forma di risse alle biglietterie). Maggiore sarà la 
disponibilità di A, minore sarà la conflittualità che si genererà (nel nostro esempio, ciò implicherebbe meno risse e/o risse meno violente). Si tratta di un meccanismo ovvio, che vale in svariati contesti. Esso accomuna le guerre fra clan mafiosi e le lotte fra leoni. Eppure, se ci riferiamo al sesso e alla specie umana, sembra esserci qualcosa che – almeno apparentemente – non quadra.
Di sesso, infatti, nella specie umana potrebbe non esserci affatto scarsità, oggi. I metodi contraccettivi, le barriere contro le malattie, ecc. rendono possibile una promiscuità tale da rendere pressoché infinto il sesso che si può (o meglio: si potrebbe) fare. Eppure la percezione che hanno in molti, specie ragazzi, non è questa. Non percepiscono tutta questa “facilità”. Mediamente, non riescono a trovare ragazze con cui fare sesso libero senza impegno con la stessa facilità con cui, mediamente, potrebbe fare lo stesso una ragazza.
Perché? Perché molte ragazze, un po' per inerzia bio-etologica, un po' per cultura, un po' per impliciti (e meno impliciti) calcoli di convenienza, assumono in moltissimi casi comportamenti che di fatto determinano una situazione di scarsità, sessualmente parlando. Certo, ci sono le eccezioni, come la sottoscritta. Ma purtroppo quelle come me non sono in numero sufficiente. Se fossimo di più, probabilmente in tantissimi sarebbero decisamente più tranquilli e rilassati e ci sarebbe meno conflittualità (e violenza) nel mondo. Forse addirittura meno guerre. Pertanto…Pertanto il mio invito è: ragazze, datela di più! Questo non vuol dire darla anche a chi non ci piace, ci mancherebbe. Vuol dire, però, darla con la massima facilità possibile a chiunque non ci dispiaccia e ci ispiri anche solo un po'. “Ragazza facile” deve diventare un complimento! Però anche i ragazzi devono fare la loro parte: devono smetterla di avere scarsa considerazione delle cosiddette “ragazze facili” e incominciare a capire che noi “ragazze facili” siamo anche le più intelligenti!

Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget