Visualizzazione post con etichetta carta dannata. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta carta dannata. Mostra tutti i post

22/07/12

diario da il faber omaggio di tempio pausania a fabrizio de andrè 17-21 luglio 2012

N.B 
per  le altre  foto  e  video   ecco 
A) il mio  account  di flickr http://www.flickr.com/photos/redbeppe  oppure direttamente  al set  faber  2012 B) il  mio canale  di youtube    http://www.youtube.com/user/redbeppe/videos



 non  in concorso  per  evitare   conflitti d'interesse  dato ch'è la libreria 
 di max88\ cartaa dannata che   ha  organizzato il faber
Dopo 5 giorni  di  immersione totale  in  fabbrizio  con  vetrine  a tema  de  andreiano  ( vedere  fotto  sotto  e  su  flickr )   ,  canzoni di  de andre  da  gli altoparlanti    per   le  vie  ,  rassegna  di  cinema  ,  letteratura  , arti  e musica   ,  ecco a  voi  un diario  della manifestazione  il faber  omaggio della  città  a Fabrizio de  Andrè tenuto  a  tempio pausania 17-il  21 luglio  2012  . Ecco  gli eventi    dellle  5  giornate  : 1) 17 -18-19  chiostro  degli scolopi   II edizione  del il   festival di cortometraggi "In direzione ostinata e contraria"., 2)  20 luglio    teatro  del carmine   VII edizione   del concorso letterario  una  storia  sbagliata
3) 21 luglio  I edizione  del    premio  di pittura estemporanea   una goccia di splendore  1  e  
premiazione    dei vincitori   del premio di pittura  e   del concorso  migliore  vetrina  faberiana   e  concerto finale con la  band  i Maltesi






Ma   andiamo con ordine  partendo dal primo evento del faber  2012








                             II  edizione  in direzione ostinata  e contraria  .


dalla loro pagina di facebook 
Dopo una prima edizione   nata  quasi in sordina  , quest’anno il festival  dei corti  ideato da  Carlo fenu  e dalla sua associazione  hobosfactory.com.  s’è migliorato   dotandosi  di  : 1) un sito internet e  pagina facebook .,  2   )  ed estendendosi  , ottima scelta   in maniera. da  non fossilizzarsi  diventando   itinerante ( vedere sito  e pagina  facebbok )  ed aprendosi ulteriormente allearti  non solo a cinema  . Infatti : << Il Gallura Tour Festival nasce dal desiderio di favorire l’incontro e lo scambio culturale e artistico.Tale scambio avviene attraverso il coinvolgimento dei vari comuni del territorio gallurese con l’intento di organizzare eventi autonomi ma correlati, che permettano di esprimere un’offerta variegata e itinerante.Con l’unione di associazioni ed enti ci poniamo l’obiettivo di generare un circuito che nasce dal basso e valorizzi maggiormente la parte interna della Gallura.(…)  Il Festival 
Il GTF si propone come il primo festival itinerante in Sardegna. A differenza degli altri festival dell’isola, che si concentrano prevalentemente nelle zone costiere o nei grandi centri abitati, il GTF nasce dall’esigenza di mettere in risalto le bellezze paesaggistiche, culturali ed enogastronomiche della Gallura.L'immagine, il cinema e la letteratura diventano il filo conduttore per esplorare e fare apprezzare una terra ricca di cultura e di memoria, ancora profondamente legata ai valori tradizionali, ma che sa accettare e cogliere le sfide della modernità. Il GTF rappresenta uno spunto per vivere e promuovere in modo nuovo un territorio ancora troppo poco conosciuto dal grande circuito turistico della Sardegna.>> . Infatti   ci si limita  solo toccate  e fughe   per le  sagre   e quando  nelle spiagge  c’è troppo vento  o mare  troppo agitato  .  Quest’’anno l’iniziativa  è imperniata su tre progetti:

Autoridinote (Luogosanto) - il 14/07/2012 con ospite  Beppe Sevegnini 
In direzione ostinata e contraria Festival di cinema (Tempio Pausania) - dal 17 al 19/07/2012
Visioni Panoramiche WorkShop di Cinema e Fotografia (Trinità d’Agultu) - dal 21 al 28/07/2012

Ottima  la rassegna   di quest’anno  . Tutto  sommato Ottimi i corti finalisti scelti dalla Giuria ed ottima idea di proiettare nella giornata conclusiva venti sigarette da Nassyria ddiretto da Aureliano Amadei, tratto dal romanzo Venti sigarette a Nassirya scritto dallo stesso Amadei con Francesco Trento. Il film narra la vicenda autobiografica dello scrittore-regista, coinvolto nell'attentato del 12 novembre 2003 contro la base militare italiana di Nasiriyya.un ottimo  film ma ignorato  e passato  quasi sotto silenzio dai media nazionali per  il modo  scomodo   non retorico  e d indigesto in cui descrive  gli eventnell’ultima serata dove il presidente di giuria Alessandro Stellito proclamerà il corto vincitore. Il vincitore  è stato La Visita - di Marco Bolla  


un film     bello  , ma  non uno dei più belli   secondo me  ) che  ha  visto  la  toccante  partecipazione Erika Blanc   . Unica  pecca , ma  non è poi  cosi negativo perchè  il festival e sempre  pieno di vita e  in word  progress , pronto  alle  innovazioni ,  e la mancanza  di una giuria popolare   almeno  per premiare   anche  un film  che non sia  solo  quello  scelto  dalla  giuria    degli organizzatori  . infatti quando l'ho proposto l'idea per  il festival dell'anno prossimo  lui mi ha  risposto  : << ci stavo pensando  >>   se  ci fosse stata  la giuria  popolare   sarebbe stato un testa  a testa  fra questi  3  film   :  Zenit 70 - di Giuseppe Giusto  ., Damiano - di Giovanni Virgilio ., Luminaris - di Juan Pablo Zaramella . 



                            VII  del premio letterario faberiano  " una storia  sbagliata  


L'iniziativa   partita  come collaterale  e poi diventata  parte integrante del festival  faberiano organizzata    dalla libreria    max88  e  dall'associazione  (  a cui quest'anno   è toccato  ,  dopo le  gestiioni    : dell'associazione  800  e  poi quella  di     Sandro fresi  )   carta  Dannata      del faber  più longeva  . Infatti   fu nel lontano  2006  che  si decise  che  :<<  Le storie sbagliate si possono, per somma disavventura, vivere, ma, per buona sorte, anche raccontare. È quello che, insieme ad una lungimirante libreria (Libreria Max 88), chiedono di fare due associazioni culturali di Tempio Pausania, «Carta Dannata» e «Iskeliu».
Una triade a cui si deve l’ideazione del concorso letterario “Una storia sbagliata”. Il primo ad essere stato indetto in memoria di Fabrizio De André nella città della Gallura, che il grande artista genovese scelse per vivere, trasformandola quasi in una seconda Genova.(....) >> da  http://www.girodivite.it/Una-storia-sbagliata-Un-premio.html  
Il concorso nasce e si  sviluppa   nel rispetto del puro spirito deandreiano, quello che, per intendersi, fondeva l’esercizio con il piacere dell’arte, il quale viene felicemente riassunto nel titolo scelto dagli organizzatori, “Una storia sbagliata”.Un concorso   che  unisce  musica   e lettura   delle opere .
Quest'anno il presidente dela  giuria era  lo sceneggiatore e scrittore  Francesco Trento (  trovate  una sua lettura    del 2  classificato  ) 




 e  le musiche  sono  state  di  Sandro Fresi e del suo gruppo Iskeliu  con la  cantante maria  luisa  nota  mary (  chi mi segue   fin dall'esordio in rete  , avrà visto  , purtroppo cancellati causa  errore con il mouse  del sottoscritto , dei video  di  un suo precedente  concerto  solista    sul mio youtube ) 









                 I Mostra  di pittura all'aria  aperta  Una goccia  di splendore .

Esso    su  è tenuto  in  viale  funtenuova       la mattina   è il pomeriggio  di sabato  fino  alle 19   quando la  giuria  composta  da  : Simone Sanna organizzatore  ,  Leonardo  Boscani ( presidente  )  e  membri Paola  scano , Daniele Carbini ,  Dario Maiore .




Una bella  giornata  en plein  air  . Niente  d'eccessivamente  retorico ed  iconoclastico  tipico , ovviamente  senza  generalizzare  , manifestazioni  alla memoria   dele star e  degli artisti  passati a  miglior  vita  e di  cui  non è immune lo stesso fabbrizio de  anxrè  , ma  libero  ( alcun  con  libri de  andreiani   come  fonte  d'ispirazione  )  altri  senza   libero sfogo   alla fantasia  de  andreiana  .  Tale  iniziativa  è stata , un successo  innaspettato per  essere  la prima  volta che  s'organizzava ,   che  ha  sopreso  visto   il numero   notevole  (   ben 14 persone  ) . Una  giuria  scrupolosa  , attenta , professionale  visto che  chiedeva  agli artisti :   di  dare un titolo ,   di descrivere  la tecnica   e spiegarne  il significato .






                                          concerto dei Maltesi 








Dopo  aver passato l'intera giornata  ( salvo  una piccola  pausa  pranzo con i miei  , e  un  cazzeggio pomeridiano fino alle  16 )  alle  20  sperando di riuscire  cosa  che non sono riuscito ad'intervistare e chiaccherare   anche  con gli altri del gruppo visto che dario e francesco  li conosco già su facebook  , ma pazienza   ho assistito  alle  prove . Esse hanno confermato  , sia  il giudizi degli utenti del loro  sito  ( http://maltesi.jimdo.com/  ) . Mi fanno pensare  <<  già d'adesso  si vede  la loro  goccia di splendore  >>  , cosa  poi  confermata  sia  dagli  applausi   sia   dai bis  e dalla  battuta   dal  cantante del gruppo   (  foto a destra  )  stesso che  dice   sulla  sua  pagina  di fb  <<  Quando le canzoni che canti vengono inframmezzate da due/tre scroscianti applausi... Capisci che sei molto, molto fortunato. >> ,  dell'ottimo concerto a cui assisterò   da li a  breve   dopo  la consegna  dei premi    dei concorsi (  vetrina più bella    al  centro   la  2   classificata , e quadri  più belli  )  




  negozio cittadino  dell'artigianato passella 




da  http://www.h8ita.net/forum/viewtopic.php?t=826 
con lettura  delle motivazioni   .  Avevo appena  finito  di scrivere   il resoconto della giornata  e stavo per  scrivere   le prime righe  del concerto   , quandola mia penna  smette  di scrivere  , ecco  che vado  al bar  Museum  , uno dei tre  sulla piazza    (  noto anche  ai tempiesi come  Bar  di Faber  perchè era frequentato  oltre ad essere  amico   del proprietario ,  dallo stesso Fabrizio  Ded  andrè , ma  soprattutto perchè  per  la   c'è  esposta  una chitarra autentica     di Fabrizio ,  per la cronaca e' l'unica chitarra di de andre' donata dallo stesso de andre' per atto notarile a mario rosati che concede la sua esposizione da tore  )   e chiedo  e mi faccio prestare una penna  che poi la restituisco a fine concerto  , prendendomi lo sfotto  : <<  3   € per  il noleggio    grazie  >>  .








Pubblico in delirio  d'applausi  fin dalle prime canzoni  , e  poi via  via  crescendo   durante il concerto tanto  da  far  dire  al cantante  <<  basta  non vorremo abusare della  vostra  ospitalità   >>  . Ad  alcuni amici   sono  si musicalmente  piaciuti  ma    non gli è piaciuto l'atteggiamento   del cantante  che sembrava  scimmiottare  ed  imitare  a tutti i costi  faber  nel parlare  e nel  timbro di voce   e  nel stare  seduto   con la   gamba  accavallata  sull'altra  .  Cosa   che  a me  è sembrata  , vista la modestia  e  la timdezza   da  quelle poche  parole  che sono riuscito a scambiare  , naturale  spontaneo .  Un concerto bello ed  intenso  .Infatti  nonostante il forte vento  (  fortunatamente  non ha  piovuto  )  di maestrale   ci siamo scaldati     con le lor  reinterpretazioni  bellissime  . Magistrale, spontaneo  il loro omaggio alla  sardegna   con le stupende  versioni di Desamistade e in i monti di Mola  (  un altro po' e riuscivano a parlare  senza  errori di pronuncia  )  ., toccantre   e maliconica  la loro versione di hotel supramonte Toccante  la  versione de il  pescatore,'andrea  ma  soprattutto  di un giudice   e  del gorilla  con un pubblico  che  cantava   con loro  . Fra  le algtre  canzoni stupende   che dimostrano l'affiatamento  del gruppo  sono  : attenti al gorilla  , la  città vecchia  (  la versione censura   )  , via  del  campo , il pescatore  , ma  soprattutto :1)   sul fiume di sabbia creek   mi  è piaciuta  l'introduzione perchè dimostra   come  tale  gruppo  si sia informato   sulla storia  e la  cultura  e l'identità dei  sardi  peccato a  non averla registrata  , ma mi sembrava un po'  egoistico   qualora un giorno vorrano registrarsi  alla Siae  ., 2)    quello che non ho non tanto  per  la  ineccepibile  reinterpretazione , ma  per  l'introduzione   in cui si  condanna l'uso e  quindi  il  conseguente  snaturamento    che le  sigle di effimere di spot   e\o discutibili trasmissioni   televisive  fanno  di   di canzoni nate per  contestare   . Unico  peccato , ma non  importa  ,  non potevano venderlo  perchè non sono registrati alla mafia  Siae ,  era poter prendere il cd per  farmelo autografare  . Un sentito  grazie  a Marco Serra  direttore  artistico  del concerto  per  aver  portato  i Maltesi 



Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget