Visualizzazione post con etichetta care donne. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta care donne. Mostra tutti i post

13/04/17

care donne II Treviso: "è lui", insegue e fa catturare l’uomo che l’ha stuprata Ventottenne s’improvvisa detective insieme al fidanzato e riconosce un giovane di colore: «È stato lui». Arriva la polizia

N.b
Indipendentemente   dall'appartenenza   etnica   del criminale  in questione  ,  questo  è l'esempio    che  " le  nostre " (  ma non solo  )  dovrebbero  seguire  sia    verso i  partner  ( vedere  prima url  sotto  )    sia   verso gli altri
   
LEGGI ANCHE:

Treviso: "è lui", insegue e fa catturare l’uomo che l’ha stuprata
Ventottenne s’improvvisa detective insieme al fidanzato e riconosce un giovane di colore: «È stato lui». Arriva la polizia 




Lunedì notte era stata violentata, umiliata ed offesa per quasi due ore nei giardini di porta Altinia. Dopo la violenza, la polizia l’aveva soccorsa e all’ospedale i medici avevano confermato gli abusi. Ma lei, nonostante lo choc ed il peso di una così efferata violenza fisica e psicologica, non si è data per vinta ed ha voluto reagire, senza piangersi addosso per una cicatrice che l’ha segnata per sempre. Ha raccontato ai genitori e al fidanzato quello che era successo nella notte tra lunedì e martedì. E all’indomani delle dimissioni dall’ospedale, assieme al fidanzato, si è messa a caccia del suo violentatore. Ha battuto palmo a palmo la zona di via Roma tra i giardini di porta Altinia, Riviera Santa Margherita e i giardinetti di Sant’Andrea. In cuor suo sentiva che lì l’avrebbe trovato. E così è successo.Nel tardo pomeriggio di ieri, dopo qualche ora di ricerche, quando ormai il pessimismo stava per prevalere sulla sua forza di volontà, la giovane donna di 28 anni, che due notti prima, nei 
giardini di porta Altinia, era stata violentata (come confermerebbero i primi esami effettuati al Ca’ Foncello), ha riconosciuto in un uomo di colore il presunto autore degli abusi di lunedì notte ed ha chiamato la polizia. La donna, con il fidanzato, l’ha seguito a distanza, ha tentato di fermarlo, c’è stata anche una colluttazione finché, grazie alle indicazioni via cellulare, la pattuglia della squadra volante l’ha bloccato davanti all’Armeria Piacentini in via Roma. L’uomo è stato poi portato in questura a Treviso dove le procedure di riconoscimento e le verifiche da parte degli investigatori sono continuate fino a tarda sera.
Il fatto è successo pochi minuti prima delle 18. È nella zona dei giardinetti di Sant’Andrea che la 28enne trevigiana, assieme al fidanzato, riconosce in un giovane di colore colui che, tra le 23 e l’una della notte tra lunedì e martedì, l’ha violentata. La giovane prende il cellulare e chiama il 113. «Sono la donna che è stata violentata due notti fa, presto venite in Riviera Santa Margherita: l’ho riconosciuto è qui».
Dalla questura vengono fatte convergere un paio di pattuglie della volante. La 28enne, assieme al fidanzato, lo seguono a piedi e per telefono danno alla centrale le indicazioni sulla via di fuga. In Riviera trovano anche una pattuglia della polizia locale. Anche i vigili fanno la loro parte e si lanciano a piedi all’inseguimento del giovane di colore indicato dalla donna. Il fidanzato riesce anche a bloccarlo. C’è una breve ma violenta colluttazione. Lo straniero riesce a sfuggire. Ma la breve fuga termina in via Roma, davanti all’Armeria Piacentini dove gli agenti della polizia locale e i colleghi della questura, giunti nel frattempo sul posto, bloccano il fuggitivo che viene portato a bordo di una pattuglia della squadra volante nella sede di piazza delle Istituzioni, dove gli accertamenti sono proseguiti fino a tarda sera.




25/04/13

donne aprite la vostra mente nonsempre chi vi chiede d'uscire ha brutte intenzioni

 musica  in sottofondo  




ma è possibile che voi donne ( ovviamente faccio un discorso generico e generale in base alla mia esperienza avuta fin ora ) specie quelle delle ultime 3 generazioni ( dalla metà degli anni 70 la mia a quella dei primo quinquennio dei 90 ) consideriate un invito ad uscire a prendere qualcosa o semplicemente ad andare al cinema o a un concerto solo ed esclusivamente come un ingaggio\ abbordaggio o un tentativo di portavi a letto e non semplicemente come un tentativo di conoscervi meglio e nel caso di gente conosciuta solo in rete un tentativo di conoscere dal vero e realmente non solo superficialmente una persona ? forse  me  ne  dovrei fregare  e fare come   mi ha suggerito il mio analista    cioè  chiedermi è più importante   avere  ragione o stare  bene ?  e  fregarmene  e quindi  lasciar perdere ed andare  avanti  ?

24/02/13

le donne sono un enigma

Alcune sono contente   delle battute   sessiste   e maschiliste  estreme   come quelle di un noto  , in questo caso  , politico italiano (  ogni fatto  e riferimento    a persone    quasi  a fine mandato    è puramente  casuale   Facebook emoticon Linguaccia Facebook emoticon Allegro  )


Altre  come nel  caso  della Littizzetto  in  questo  recente  intervento  in particolare dal  minuto  6.55,  giustamente   non ci  stanno  nè  alla violenza  nè al becero umorismo




 qualche donna  mi sa  spiegare il perchè  questa  contraddizione ?  qual'è  il  limite per  voi  donne   fra  battuta  e volgarità  ?
Comunque  quando le  donne  smetteremo  d'essere  accondiscendenti  all'uomo  violento  ed  a ribellarsi  anche (  spero  di n  )  violentemente al partner  e\o  ai bavosi  



scene  come queste    non si ripeteranno  (  almeno diminuiranno  fino a  scomparire  )














07/07/12

care donne la lotta per la vostra dignità non è ancora finita , adesso c'è quella contro le pubblicità idiote e sessiste





da www.facebook.com/pages/La-Striscia-Rossa/367330504884



"In occidente per un dentifricio si utilizza un nudo femminile, nei Paesi islamici si svilisce la donna mantenendola ai margini della società. La strada per la parità è ancora lunga."(Shirin Ebadi Nobel per la Pace) . che  fine hanno fatto il movimento ( se non ora quando  , il corpo delle donne  )   invece dei soliti  bla  bla  bla   , scendete in piazza o  boicottate  o fate mail bombing  alle  ditte   che  fanno  tali pubblicità idiote . Altrimenti  vuol dire  che volete rimanere schiave  proprio come suggerisce  il  libro  Cinquanta sfumature di grigio di E.L. James  (  foto a destra  tratta  da panorama  della scorsa settimana  )    che  ha venduto 20 milioni di copie in 10 settimane e in Italia è già in testa alle classifiche di vendita: 100mila copie nei primi 10 giorni dopo l'uscita del 6 giugno.  qui da panorama online una interessante intervista   all'autrice Quindi svegliatevi perchè la vostra libertà anzi dignità è sempre più compromessa e riprendetela  come suggeriva 40 anni fa  Guccini





Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget