Visualizzazione post con etichetta campioni. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta campioni. Mostra tutti i post

08/06/16

IL "match" di Ali con la bimba di 3 anni che ora fa la ricercatrice a Cagliari

lo  so che  su Muhammad Ali ne avrete piene  le  ....  ma    questa  storia  va  raccontata  . Essadimostra  dicome  anche i  duri   o  chi  fa  u o sport   duro come  la  boxe   ha  un cuore  ed  tenero    come un grissino☺🌈❤

CAGLIARI. Pochi giorni prima di combattere il celebre incontro di Kinshasa con Foreman, Muhammad Ali aveva fatto le "prove generali" del grande match per il titolo mondiale con una bambina di tre anni. Lei, Susanna Barsotti, oggi ricercatrice all'Università di Cagliari, seduta in grembo ai familiari aveva assestato una serie di destri alla spalla del grande campione. Lui, sorridendo, aveva simulato di essersi fatto molto male. 

video
E per tutta risposta aveva finto di mordere la mano della bambina. Tutto era finito in grandi risate e con i guantoni regalati alla vivace bimbetta che aveva tenuto testa al pugile che si preparava a diventare «il più grande». Video, immagini e racconto di quel simpatico siparietto sono tutti nelle pagine web curate dall'Ufficio stampa dell'Università di Cagliari. Era il 1974.L'UnioneSarda.it » Cultura » L'incontro di Muhammad Ali con la piccola Susanna, oggi ricercatrice a Cagliari: "Ho ancora i suoi guantoni"
Cultura

L'incontro di Muhammad Ali con la piccola Susanna, oggi ricercatrice a Cagliari: "Ho ancora i suoi guantoni"

Oggi alle 16:19 - ultimo aggiornamento alle 18:04

Muhammad Ali a Kinshasa

Oggi è una ricercatrice di Storia della pedagogia all'università di Cagliari, dove insegna letteratura per l'infanzia.
Ma la sua, di infanzia, è stata baciata da un incontro con la leggenda della boxe, Muhammad Ali, in quel di Kinshasa, nell'allora Zaire (oggi Repubblica democratica del Congo), pochi giorni prima dell'incontro più famoso della storia, quello con George Foreman.
Era il 1974, Susanna Barsotti aveva tre anni.
Suo padre lavorava per un'acciaieria siderurgica della zona e quando Ali, che allora si chiamava ancora Cassius Clay, arrivò, qualcuno gli fece sapere che in una cittadina vicino alla capitale, a Maluku, viveva un gruppo di italiani. Che si incontrarono con lo staff del pugile e strinsero amicizia soprattutto col suo allenatore, Angelo Dundee, di origini italiane.
Qualche giorno prima del match, il faccia a faccia della piccola Susanna col futuro campione del mondo, immortalato anche in un video.

Il video dell'incontro
"Io ero la più piccola tra i bambini presenti", ha raccontato sul sito dell'ateneo cagliaritano.
"Alì si mise a scherzare con me fingendo un combattimento e dicendomi quello che avrebbe fatto da lì a pochi giorni a Foreman. Mi regalò i suoi guantoni da allenamento autografati che ancora conservo".
Poi, sorridendo, aveva simulato di essersi fatto molto male.
E per tutta risposta aveva finto di mordere la mano della bimba, seduta in braccio alla sua mamma.

Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget