Visualizzazione post con etichetta calciatore. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta calciatore. Mostra tutti i post

17/04/12

morti di serie a ( Morosini ) e di serie b ( Petrini )

I media  sono tutti concentrati solo sulla  morte   di Morosini


 ( me  ne  sono  già  occupato  precedentemente qui  e   qui  )


mentre    si   parla  poco  o quasi  niente   della morte  di un altro  grand e del calcio  morto  per  gli effetti  collaterali delle porcherie  che  gli davano medici e  allenatori   ( salvo i giornali sportivi ovviamen te  )  in breve   e  relegato nelle pagine più  interne  senza  neppure  un breve stralcio in prima    forse perchè troppo scomodo e  riapre  vecchie ferite  archiviate  oltre  a  far perdere ulteriormente   alla  santa maria del pallone  "  (  parafrasi  della canzone  dei Modena city  ramblres     vedere url per  video  e testo  )   dando  cosi ulteriore   ragione  e  conferma    a  quelli che i media   definivano cassandre  e utopisti   per poi  come  le pecore  (   salvo eccezioni   come report  di rai3 che ne parlarono in tempi non sospetti    )   dire  si sapeva  , come  Petrini  e  Zeman 
fonte leggo.it  di lunedi  16\4\2012O






















LUCCA 

Lutto nel mondo del calcio. È morto questa mattina nell'ospedale di Lucca Carlo Petrini, ex attaccante della Roma. Aveva 64 anni. Cresciuto nelle giovanili del Genoa, vestì anche la maglia del Milan nel 1968-1969, del Torino ('69 a '71), con cui vinse la Coppa Italia 1970-1971. Petrini arrivò nella Roma di Nils Liedholm nella stagione 1975-1976.
Petrini, affetto da un grave glaucoma che lo aveva reso quasi cieco, nel 2000 pubblicò la sua autobiografia, intitolata Nel fango del dio pallone, in cui denunciava la pratica del doping che negli anni '60 e '70 era dilagante. Lui stesso confessò di esservi ricorso più volte, con la complicità dei medici delle squadre in cui aveva giocato. 
Gli stessi medici che lo hanno curato negli ultimi anni pensano che la sua malattia fosse stata causata proprio dai farmaci dopanti assunti. L'ex calciatore, oltre al doping, denunciò anche gli altri 'vizi' del calcio italiano, denuncia quanto mai attuale oggi, perché riguardava le partite decise in anticipo dalle società, i pagamenti in nero e altre 'bassezze'. 
SCRISSE ANCHE UN LIBRO SU BERGAMINI Petrini, che nella sua carriera ha giocato anche nel Catanzaro dal 1972 al 1974, dopo avere smesso col calcio ha scritto anche «Il calciatore suicidato». Per scrivere il volume, Pertrini indagò in prima persona sulla morte del calciatore del Cosenza Donato Denis Bergamini, travolto da un camion il 18 novembre 1989 sulla statale 106 a Roseto Capo Spulico (Cosenza). 
Petrini sostenne che la morte del calciatore era avvenuta per mano della criminalità locale, nonostante la magistratura avesse chiuso la pratica attribuendo la morte di Bergamini ad un suicidio. Una tesi quest'ultima, messa in dubbio dalla Procura di Castrovillari che su richiesta dei familiari di Bergamini ha riaperto l'inchiesta ipotizzando che il calciatore sia stato ucciso

Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget