Visualizzazione post con etichetta c'è cingomma e ciongomma. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta c'è cingomma e ciongomma. Mostra tutti i post

11/06/12

anche nelle gomme da masticare ci sono elementi animali



(....)  in un  commento alla  catena  che sta imperversando in rete  ed in particolare su  fb e  gli   social  network  


ho trovato questo  

Chizca: il chewing gum che salva i marciapiedi

Un'abitudine condivisa da tanti ora diventa rispettosa dell'ambiente urbano e non solo: ce ne parla l'inventore Gino Di Giacomo




Cicca, chewing gum o come chiamar si voglia, la gomma da masticare è l’alimento, antistress e passatempo più diffuso al mondo.Dalle dolci per i bambini a quelle che garantiscono la pulizia di alito e denti, la loro diffusione è sempre andata crescendo.Ma negli ultimi anni sono emersi anche i lati “contro” sia dal punto di vista medico (alcune ricerche hanno accertato possibili danni gastrointestinali), sia al decoro urbano. I marciapiedi sono oramai spesso pieni di macchie nerastre quasi impossibili da togliere a causa della inciviltà di chi le getta, con elevati costi di rimozione.Tant’è che c’è chi ha proposto un’ordinanza per vietare la gomma come già avviene da molti anni [  dal 1992 ] a Singapore.Una possibile soluzione però arriva dal Messico e in Italia è proposta da Gino Di Giacomo, imprenditore di Ostia, recentemente premiato ad Ecomondo per la Chizca, gomma da masticare biodegradabile.
Sig. Di Giacomo, quali sono i vantaggi per l’ambiente che potrebbe offrire Chizca?

Sono davvero tanti. Per il decoro urbano la Chicza se viene gettata maleducatamente per strada o sui marciapiedi nel giro di poche settimane (dalle 6 alle 16) sparisce completamente, eliminando i costi di ripulitura. Inoltre, la Chicza – che è un alimento bio – nasce dal lavoro dei Chicleros messicani che non tagliano gli alberi Chicozapote (Sapodilla), ma fanno dei tagli a zig-zag sulla corteccia estraendo il chicle; in questo modo preservano e tutelano la seconda foresta al mondo dopo quella amazzonica, con tutti gli ecosistemi e biodiversità peculiari presenti.

Che differenza c’è rispetto alle normali gomme?
Aprendo il pacchetto Chicza sentiamo i profumi e i magici suoni della Selva Maya, masticando Chicza, mastichiamo la Natura. Le altre gomme sono fatte con derivati del petrolio ed è per questo motivo che impiegano anni per sparire. Alcuni studi condotti sui danni arrecati ai pesci e agli uccelli se ingoiano una gomma tradizionale e nonché sui problemi provocati dall’aspartame e dall’acetato di vinile che ci dovrebbero far riflettere, anche le multinazionali.

In che sapori si trovano?
I gusti biologici certificati sono otto ma attualmente in commercio se ne trovano tre: menta, cedro e menta verde. Prossimamente arriveranno gli altri.

In Italia dove le possiamo trovare?

Attualmente Chicza è presente in alcune farmacie, negozi bio, erboristerie, equo-solidali, bar, tabaccherie, supermercati bio, bar bio e in alcuni aeroporti. Sto raggiungendo accordi con alcune grosse catene distributive in campo autostradale e della GDO.

Perché è stato premiato ad Ecomondo?

Per il mio impegno contro la maleducazione… ambientale. In tutte le mie campagne di marketing e di comunicazione non ho voluto fare solo pubblicità a Chicza ma anche sensibilizzare l’educazione ambientale così che i maleducati possano gettare meno gomme per strada. Se riuscissi anche a non far gettare un solo chewing-gum per terra già sarei soddisfatto! La “magica” Chicza si vende da sola, non ha bisogno di enfasi e di ipocrisie, di cleim pubblicitari. In soli 18 mesi la Chicza ha ricevuto ben sette premi (di cui due in Italia – Greenfactor 2010 + Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile 2010 aEcomondo).



 Inoltre  facendo delle ricerche  in rete su cosa  fosse   tale prodotto  (   per  poi scoprire  , dev'averlo   assaggiato   ,  nella bottega del commercio  equo cittadino  )   ho scoperto con triste  sorpresa    che   anche le  gomme  da masticare  contengono componenti animali . Cosa    , che  pur  non essendo   vegano   e  vegetariano totale  (  anche se  mangia   verdura in quantità non eccessiva   specie  quella  auto prodotta    e pesce  )  per motivi di salute , mi ha  lasciato  basito  .
Ecco   che  d'ora in poi( anche  se   sarà  difficile  individuarle  visto che  come dice  questo libro :   Quello che le Etichette Non Dicono Guida per uscire sani dal supermercato ( Emi 2011 € 13,00 ) mentono ed occultano molte cose ) ogni volta che sarete in procinto di scartare una gomma da masticare sappiate che alcune marche presenti in commercio hanno tra gli ingredienti: lanolina (derivante dal vello della pecora), acido stearico e glicerina. Tutti costituiti da grassi animali da cui si ricavano tra le altre cose le candele. Se non volete correre il rischio, quindi, di trovarveli sotto i denti


Chewing-gum

D'ora in poi, ogni volta che sarete in procinto di scartare una gomma da masticare sappiate che alcune marche presenti in commercio hanno tra gli ingredienti: lanolina (derivante dal vello della pecora), acido stearico e glicerina. Tutti costituiti da grassi animali da cui si ricavano tra le altre cose le candele. Se non volete correre il rischio, quindi, di trovarveli sotto i denti, informatevi bene. E magari attendete l'arrivo anche in Italia della Chicza, la gomma da masticare realizzata dalla corteccia degli alberi messicani di Sapodilla che è anche biodegradabile.
chewin-gum
per sapere  gli  altri prodotti   qui   l'elenco   completo   degli altri prodotti  

Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget