Visualizzazione post con etichetta c'è chi dice NO. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta c'è chi dice NO. Mostra tutti i post

03/05/15

nel nord est leghista e malpancista c'è anche un po' di umanita' . «Ne ospito sei da me»: il prof apre casa sua Docente va in prefettura e si candida per l’accoglienza: lo Stato siamo noi, è un dovere umanitario


«Ne ospito sei da me»: il prof apre casa sua
Docente va in prefettura e si candida per l’accoglienza: lo Stato siamo noi, è un dovere umanitariodi Fabio Poloni
 da  http://tribunatreviso.gelocal.it/treviso/cronaca/  del  01 maggio 2015





«Li ospito a casa mia. Quattro, anche sei. Per una settimana, se è un’emergenza. Ma se sono persone che vogliono vivere e inserirsi qui, le ospito anche sei mesi, un anno». È andato in prefettura, si è offerto volontario. Ha aperto la sua casa a chi ne ha bisogno: «Ho quattro figli, ma tre sono già grandi e sono fuori casa. Le loro camere sono disponibili. Anche una taverna, attrezzata con il bagno».
È un professore di mezza età. Insegna in un liceo cittadino, vive in un comune a pochi chilometri dal capoluogo. Chiede di restare anonimo: «Non voglio che si dica che do lezioni di vita. Io voglio solo dare una mano. Se quei giovani migranti fossero miei figli? Ecco, io sono partito da questa domanda. Se fossero miei figli, vorrei che qualcuno li ospitasse». E la prefettura cosa ne pensa? «Hanno accolto la mia disponibilità, mi faranno sapere se a livello pratico è fattibile. In effetti è un caso piuttosto unico, non ci sono precedenti. Comunque ringrazio già per l’apertura, la disponibilità. Ho avuto a che fare con persone fantastiche, in primis la dottoressa Marzia Baso» (vice prefetto aggiunto, ndr).
Portateveli a casa vostra, i profughi: basta infilarsi in qualche discussione sull’immigrazione e salta fuori puntualmente chi punta così il dito contro i “buonisti”. Parlare con questo professore è come riempirsi i polmoni di ossigeno dopo tanta apnea fatta di luoghi comuni, egoismo, razzismo. Glielo diciamo, e lui quasi si vergogna. «Io voglio solo dare una risposta da cittadino a un problema vero, a un’emergenza. È comodo dire che lo Stato sono gli altri: lo Stato sono anch’io».
Il professore fa già volontariato nell’ambito dell’accoglienza. «Aiutarli è un’esperienza bella, profonda. La rete di volontariato qui è straordinaria, il Veneto da questo punto di vista è una terra meravigliosa». Se gli chiediamo quali sono le sue idee politiche, il professore non si tira indietro: «Sono cresciuto nella Democrazia Cristiana, poi con la Margherita. Mi considero ancora di centro, ma non voglio farne un discorso di tipo politico: conosco persone meravigliose e disponibili che votano Lega, a sinistra, che sono cattoliche, musulmane, di ogni tipo. Da cattolico, collaboro con l’associazione di Abdallah Khezraji, musulmano. La solidarietà non va categorizzata».
La casa del professore è aperta, e aspetta. «È sempre stata un porto: mio padre, professione medico, mi ha insegnato così, ad aiutare tutti. Se potessi scegliere», dice, «darei la precedenza a chi è più debole, più in difficoltà. Ragazzi giovani, minorenni, ragazze incinte. Se qualcuno vuole provare a inserirsi qui, lo posso ospitare anche per sei mesi, un anno». Di fronte a tanta generosità ci si vergogna quasi a chiedere: ma i 35 euro famosi che spettano a chi ospita un profugo, li prenderebbe? «Se ci sono va bene, altrimenti non cambia, io vado avanti lo stesso. Sono un montanaro nello spirito: se c’è da dare una mano, io ci sono».

07/04/14

Terni come in Cile, un prof si ribella alla polizia in classe Parla il docente, Franco Coppoli. Cani antidroga nelle aule. Un'operazione dal sapore cileno che frutta il ritrovamento di 5 grammi di hashish.


Ogni commento  alla  storia  che  riporto sotto e  superfluo  . 

Marina Zenobio - Popoff Globalist



Il professore Franco Coppoli, militante dei Cobas e insegnante di Lettere presso un istituto per Geometri a Terni, rischia di essere oggetto di un serio provvedimento disciplinare da parte dell'Ufficio scolastico provinciale dell'Umbria, per aver impedito l'accesso in classe, durante la sua ora di lezione, di una quadra di poliziotti con cani al seguito che pretendeva di effettuare un controllo antidroga. Il gravissimo fatto, che ha riguardato anche altre quattro scuole del ternano, è avvenuto lo scorso 26 marzo ma se ne è avuta notizia solo ieri. 
In una intervista rilasciata a Radio Onda d'Urto il professor Coppoli racconta che aveva finito di spiegare la II Guerra Mondiale e stava interrogando quando la porta della classe si è aperta: «ho avuto un flash, ognuno ha le sue immagini mentali ma a me è venuto in mente il Cile» racconta e prosegue «il cane lupo stava per entrare, tenuto al guinzaglio sì, ma molto dinamico, dietro tre poliziotti che dicono "dovete uscire dalla classe, controllo antidroga"». Il professore pensa che non è possibile, la polizia dentro la scuola? La polizia che interrompe una lezione, una attività didattica... ma ha la prontezza di reagire e chiedere « ma avete un mandato del giudice, di un magistrato?» La risposta è negativa, è il preside che li avrebbe autorizzati, ma comunque si bloccano sulla porta mentre Coppoli si riprende dallo shock e gli dice: «la preside può autorizzarvi a entrare dentro la scuola per controllare bagni e corridoi ma dentro la mia aula, quando faccio lezione io, non entrate. Io vi nego assolutamente il permesso di entrare, sono in questo momento un pubblico ufficiale che sta effettuando un servizio pubblico, se voi provate a entrare qui dentro vi denuncio per interruzione di pubblico servizio, voi non siete assolutamente autorizzati ad entrare». Sono seguiti attimi di tensione, il dirigente della squadra ripete di voler entrare ma, comunque, di fronte alla determinazione del professore, ci rinuncia. 
Nelle altre classi, pero, gli insegnanti non hanno la stessa prontezza di Coppoli e entrano cani e poliziotti, interrompendo lezioni, compiti in classe, interrogazioni «hanno interrotto l'attività didattica obbligando di fatto i docenti a uscire dall'aula insieme agli studenti che dovevano sfilate davanti ai cani, poi i cani entravano in classe e intervenivano all'interno della classe, tra i banchi, annusando giacconi e zaini. E' una cosa gravissima - continua il professore ai microfoni di Radio Onda d'Urto - perché è stato violato lo spazio educativo... come Cobas leggiamo, questa operazione, come disciplinamento dei ragazzi, oltre che intimidazione chiara sia alle istituzioni scolastiche che ai lavoratori della scuola, ma soprattutto ai ragazzi». Quei ragazzi e quelle ragazze con cui parla di libertà e diritti, affinché un giorno possano rivendicare i loro di diritti, in un posto di lavoro, in una piazza o in un contesto collettivo. 
Coppoli non crede che siano stati i presidi a richiedere l'intervento antidroga, piuttosto è la questura che avrebbe chiesto di intervenire, a fare pressione e i presidi, secondo il professore «non hanno né lo spessore né la voglia di opporsi a queste richieste e quindi hanno legittimato l'intervento».
Il professore, però, va oltre il racconto del fatto e ricorda che, solo a febbraio, la Corte Costituzionale ha smontato l'impianto della legge Fini-Giovanardi, che parificava droghe pesanti e droghe leggere, dichiarandone l'incostituzionalità. «Proprio un mese dopo che la Corte Costituzionale ha detto che l'istanza repressiva rispetto a eventuali sostanze leggere, parliamo di hashish e marijuana, è di fatto incostituzionale, la polizia interviene dentro le scuole per controllare se ci sono, sostanzialmente, spinelli». 
Alla fine dell'operazione antidroga in tutte e quattro le scuole ternane oggetto dell'operazione, il bottino è stato di 20 dosi, più o meno 5 grammi tra hashish e marijuana. «Ci chiediamo - continua Coppoli - la spesa di questa operazione, ci chiediamo il senso profondo e, soprattutto, se fossero intervenuti magari in parlamento, in un consiglio di amministrazione di una azienda o di una banca probabilmente avrebbero trovato ben oltre le 20 dosi, magari di cocaina o di altre sostanze». Però l'importante è creare nei media, nel territorio l'emergenza, il problema della droga, della tossicodipendenza, senza discernimento, e poi agire in maniera repressiva. Allora, quanto avvenuto nelle scuole di Terni, è ancora più grave «perché - dichiara Coppoli - se anche trovi un ragazzo con una canna dentro una scuola, l'intervento della polizia significa rovinarlo, una denuncia penale o comunque un intervento amministrativo. La scuola invece serve proprio a capire eventuali problemi per poi intervenire; ma non con l'ottica della repressione, dei pastori tedeschi dentro la scuola. La scuola interviene con una funzione e una pratica educativa, non con la polizia, non con i cani antidroga, non con la repressione. Perché in questa maniera abdica al suo ruolo fondamentale, quella appunto di instaurare una relazione educativa con i ragazzi. In questa maniera, invece, ancora di più i ragazzi si staccano dalla scuola, dalla scuola pubblica - io dico scuola pubblica per dire quella costruita dal basso, dagli insegnanti, dai lavoratori della scuola, dagli stessi studenti - e di conseguenza la scuola diventa un luogo nemico, un luogo in cui sostanzialmente la polizia interviene in maniera indiscriminata».
Ora il professore Franco Coppoli è in attesa di una contestazione di addebito da parte dell'Ufficio provinciale umbro per non aver permesso a poliziotti e cani antidroga di entrare nella sua classe. Aspetta "curioso" di sapere cosa gli contesteranno, di aver difeso la scuola nella sua valenza educativa? Di aver difeso quello spazio contro una ingerenza inaccettabile? Chiaramente si dichiara disposto a rivendicare fino in fondo la sua azione. Anzi, chiede ai colleghi di fare altrettanto, «di fermare questa deriva di distruzione, anche simbolica, sopratutto simbolica, della scuola e dei locali dell'eduzione. Sono convinto di essere nel giusto, e non solo da un punto di vista legale, che mi interessa relativamente, ma soprattutto da un punto di vista educativo che è quello che mi interessa di più».

17/10/12

italiani prendiamo esempio da loro L'eroe qualunque, il ragazzo africano che si è ribellato ai "caporali" del Sud

da   repubblica  17\10\2012
L'eroe qualunque, il ragazzo africano
che si è ribellato ai "caporali" del Sud
Yvan Sagnet arriva dal Camerun anche grazie alla passione per il calcio. Ma scopre il lato peggiore dell'Italia. La sua storia è diventata un libro che racconta la rivolta contro lo sfruttamento dei migranti nelle campagne pugliesi
                                                      di ROBERTO SAVIANO

QUESTA è una storia d'amore nata per caso tra un bambino e un Paese, la racconta Yvan Sagnet nel suo libro Ama il tuo sogno (Fandango). Il bambino è Yvan che nel 1990 aveva 5 anni e il Paese è l'Italia. È una storia d'amore che parte dal calcio. Yvan è nato Douala, in Camerun, nel 1985 e nel 1990, come molti bambini camerunensi, visse la cavalcata trionfale dei Leoni d'Africa nel mondiale, dalla prima partita con l'Argentina di Maradona fino ai quarti di finale contro l'Inghilterra. Napoli, domenica primo luglio. Ancora oggi chi c'era ricorda i tifosi del Camerun, coloratissimi, sportivi e con l'espressione di chi non poteva credere a ciò che stava accadendo.
Essere arrivati fino a lì aveva del miracoloso: il Camerun era la prima squadra africana a raggiungere i quarti di finale in Coppa del Mondo. E Napoli, dove si svolse la partita, tifò con loro sperando nel miracolo. La partita fu incredibile, con il Camerun in vantaggio per 2-1 fino a otto minuti dal termine dei tempi regolamentari. Poi il primo rigore all'Inghilterra, i supplementari, il secondo rigore e la sconfitta. A Yvan quella partita ha cambiato la vita. Il ricordo del rientro in patria della nazionale, che pur non avendo vinto il mondiale aveva ottenuto il rispetto di tutto il mondo, per Yvan significava una sola cosa: un nuovo sguardo sul suo paese, maggiore attenzione su un Camerun in crisi economica e politica. E questo nuovo sguardo era stato possibile proprio grazie al mondiale e al paese che lo aveva ospitato: l'Italia. A scuola il
programma di economia dei licei camerunensi prevedeva lo studio del sistema economico francese, ma lui decise per conto suo di specializzarsi sull'economia italiana.
Dal calcio all'economia. Yvan impara l'italiano e con un permesso di studio si iscrive all'università di Torino perché vuole diventare ingegnere. Finalmente può conoscere dal vivo il calcio italiano che ha amato da bambino. Tifa Juventus ma la prima partita dal vivo della sua vita la vede di spalle, come steward, allo stadio. Sono i primi di luglio del 2011 e i soldi della borsa di studio non bastano. Alcuni amici di Torino gli dicono che al Sud si può andare a lavorare per la raccolta del pomodoro perché serve manodopera. Così Yvan decide di trasferirsi nelle campagne salentine, a Nardò, dove sa di una masseria che accoglie i braccianti che fanno la stagione, togliendoli dalla strada, dove spesso dormono accampati sotto gli alberi, dentro case di cartone, senza acqua né corrente elettrica. Eppure anche alla Masseria Boncuri, nonostante l'impegno di tante associazioni di volontariato, la longa manus dei caporali detta le sue leggi.
Appena arrivati, i caporali requisiscono i documenti ai braccianti e li usano per procurarsi altra mano d'opera, altri immigrati, ma clandestini. Il rischio che i documenti vadano persi è altissimo e quando accade i braccianti diventano schiavi. Le condizioni di lavoro sono agghiaccianti: diciotto ore consecutive, di cui molte sotto il sole cocente. Chi sviene non è assistito e se vuole raggiungere l'ospedale deve pagare il trasporto ai caporali. Il guadagno è di appena 3,5 euro a cassone, un cassone è da tre quintali e per riempirlo ci vuole molto tempo, ore. Si lavora con questi ritmi anche durante il Ramadan, quando molti lavoratori di religione islamica non bevono e non mangiano. In Italia la disoccupazione è una piaga che sembra insanabile. Eppure questi ragazzi trovano lavoro, trovano un lavoro a condizioni inaccettabili per quasi la totalità dei disoccupati italiani. Si crede che i ragazzi africani siano abituati a una vita di disumanità, sporcizia, alloggi immondi e quindi questa attitudine alla suburra la sopportino in Italia perché medesima nel loro paese.
Nulla di più falso. Yvan scrive: "Mentre nel mio paese la dignità è sacra, a tutti livelli della scala sociale, il sistema dei campi di lavoro (in Italia, ndr) è appositamente studiato per togliere ai braccianti anche l'ultimo scampolo di umanità". Ma accade qualcosa che i caporali non hanno previsto. I braccianti in genere strappano le piantine alla radice per batterle sulle cassette così che i pomodori cadono tutti. Ma quel giorno il caporale impone un altro metodo. Servono pomodori da vendere ai supermercati per le insalate, quindi devono essere presi e selezionati uno a uno. Si tratta di riempire gli stessi cassoni di sempre, ma selezionare i pomodori significa raddoppiare la fatica. Il caporale impone tutto questo lavoro allo stesso prezzo: Yvan e gli altri braccianti non trovano alternative, si sollevano. È l'inizio della rivolta e Masseria Boncuri ne diventerà il simbolo con l'enorme striscione "Ingaggiami contro il lavoro nero". Ma lo sciopero non è facile da gestire soprattutto perché è quasi impossibile comunicare tra i diversi gruppi etnici. Gli unici a esprimersi facilmente in italiano sono i tunisini; per altri (bukinabé, togolesi, ivoriani, ghanesi, nigeriani, etiopi, somali) è necessario parlare in inglese e francese; altri capiscono solo la lingua araba. Eppure, nonostante le diversità, lo sciopero continua: tante culture e tante visioni della lotta hanno finito per essere non la debolezza ma la forza della protesta, che a un anno e mezzo da quella di Rosarno, è più organizzata e riesce a guadagnare un'eco nazionale. Gli italiani sembrano prendere finalmente coscienza delle condizioni difficili di chi lavora nei campi e le istituzioni sono costrette ad ammettere che il problema caporalato esiste.
La magistratura trova la forza per continuare le indagini già in corso, spesso protette da omertà e scarsa collaborazione, e a maggio 2012 i carabinieri del Ros arrestano 16 persone - presunti caporali e imprenditori agricoli - nell'ambito dell'operazione "Sabr" che ha colpito un'organizzazione criminale attiva tra Rosarno, Nardò e altre città della Puglia. Ma la reazione alla rivolta, allo sciopero, al clamore mediatico, all'inchiesta della magistratura e agli arresti, non si fa attendere. Alessandro Leogrande (autore peraltro di un importante reportage Uomini e caporali sui desaparecidos polacchi nel triangolo del pomodoro vicino Foggia) nell'intervista finale che accompagna il libro di Yvan Sagnet, svela che c'è un piano per uccidere Yvan e lo hanno ordito alcuni caporali tunisini che ancora operano a Nardò. La vita del primo leader nero italiano è, oggi, seriamente in pericolo. Quello che sento di poter fare con queste righe è non lasciarlo solo. Senza il suo impegno, senza questo ragazzo africano e gli altri che hanno lottato con lui, non esisterebbe la legge contro il caporalato, eppure i caporali esistono al Sud da più di un secolo. La speranza del mezzogiorno italiano sta proprio in questa parte d'Africa che arrivata al Sud, trasforma il Sud e rimette in gioco interi territori, migliorandoli. Rischia la vita per una democrazia diversa, battaglia che molti italiani hanno rinunciato a combattere.




01/10/12

Oggi nel maso si resiste e si lotta ed alla fine si vince



  dalla sezione  C'è  chi dice  No del  30\9\2012

Di Emilio Casalini. I masi, le tipiche abitazioni altoatesine con le stalle annesse e i prati sempre curati, dovevano sparire. L'aveva previsto una vecchia commissione europea, cosicché le mucche scendessero a valle e si producesse latte a minor costo. Invece...

16/07/12

azienda in crisi ma pacifista Italia, azienda in crisi rifiuta committenza militare per coerenza etica

da  La Repubblica 15   07  2012 

IL RIFIUTO di collaborare alla fabbricazione di siluri lo hanno deciso insieme, l'imprenditore in crisi e i suoi dipendenti cassintegrati. Si sono riuniti nella sede della piccola Morellato Termotecnica a San Giuliano Terme (Pisa), hanno discusso a lungo, si sono divisi. E poi hanno deciso di dire no. AMAGGIORANZA hanno deliberato di non accettare la commessa della Waas (Whitehead Alenia Sistemi Subacquei), gruppo Finmeccanica, che offriva alla piccola impresa artigiana toscana di realizzare un impianto per refrigerare la grande vasca dove testare i siluri militari.
Un lavoro da 30.000 euro, ossigeno ad azienda e lavoratori in difficoltà, ma il «no pacifista» alla fornitura ha un costo sociale che i lavoratori accettano di pagarea testa alta. «Ho 39 anni, moglie, un mutuo sulla testa, peròa 18 anni ho fatto obiezione di coscienza al servizio militare e figuriamoci se vent'anni dopo mi metto a contribuire alla costruzione di strumenti bellici», dice per esempio uno dei cassintegrati in riduzione di orario, Stefano Mammini, schierato accanto al suo datore di lavoro, Valerio Morellato, nel votare contro la commessa. «Troveremo altre strade per uscire dalla crisi, devono esserci altre strade» aggiunge. La Morellato Termotecnica - che si occupa di idraulica, climatizzazione e, da fine anni Ottanta, ha precorso l'impiantistica solare - è una storica azienda artigiana del Pisano, fondata nel 1965. Valerio Morellato (  foto a destra  ), laureato in ingegneria 
dell'automazione all'università di Pisa e già borsista del Cnr, 32 anni, padre di una bambina di 22 mesi, ne ha ereditato la guida dal babbo, un anno fa, ma già nel 2004 aveva fondato la Morellato Energia Etica e Ambiente, che si occupa si installazione di pannelli fotovoltaici e nella ragione sociale indica i valori che ispirano l'imprenditore. Che naviga col vento in poppa fino al 2010, quando fatturati e occupazione delle sue imprese artigiane raggiungono il top superando i due milioni di giro d'affari e i venti addetti. Poi, però, arriva la crisi e gli ultimi due conti energia del governo spezzano le gambe all'industria del fotovoltaico, dimezzando il fatturato delle ditte di Morellato e costringendolo a "tagliare" personale e ad attuare la cassa integrazione con riduzione di orario.È in questo contesto che l'imprenditore riceve l'invito di Waas a fare un'offerta per fornire l'impianto di refrigerazione della vasca. Una proposta che pone il giovane ingegnere di fronte al dilemma: tenere fede ai propri principi, o pensare agli operai cassintegrati e alle loro famiglie? «In realtà - spiega Morellato - grazie a un nostro ingegnere, Valentina Bonetti, solo dopo un sopralluogo nella località in provincia di Massa dove il serbatoio verrà istallato ci siamo resi conto che avremmo realizzato un impianto al servizio della fabbricazione di siluri». E allora Morellato riunisce i lavoratori in assemblea. Ma non tutti la pensano come lui.
«Sono di un'altra generazione - spiega l'installatore Flavio Battistini - ho 50 anni, moglie e due figli a carico: a me hanno insegnato a pensare prima di ogni altra cosa a lavorare e a portare i soldi a casa, ma sono democratico, rispetto le maggioranza e il coraggio di Morellato». Perché la maggioranza, in azienda, decide di rifiutare la commessa. C'è anche il sostegno di Officina e Distretto di economia solidale AltroTirreno, rete di imprese etiche e solidali che è in espansione nel Pisano e a cui Morellato aderisce. «Quando ancora ero studente - spiega l'imprenditore - ho scoperto che il consumo etico e sostenibile può influenzare le scelte delle multinazionali, e ora, da imprenditore, penso di dover fare molto di più per dare un piccolo contributo a cambiare le cose nel mondo».
Così Morellato ha fatto partire la mail del gran rifiuto, diretta a un dirigente di Waas. «Le scrivo per comunicarle una decisione che è maturata in questi giorni all'interno dell'azienda Morellato - vi si legge - La richiesta che ci avete rivolto ha dato vita a un complesso e sentito confronto tra noi, particolarmente difficile in questo periodo di crisi economica diffusa. Alla fine abbiamo deciso che non presenteremo la nostra offerta per l'impianto da installare. Siamo consapevoli che il nostro contributo alla realizzazione della struttura militare sarebbe stato marginale e certamente ci sarà un'altra azienda che ci sostituirà, ma non ce la sentiamo di mettere le nostre competenze al servizio di un'opera che potrà sviluppare tecnologia bellica


L’etica sembra ancora il motore che muove le decisioni di qualcuno, anche in tempi di crisi. L’azienda Morellato Termotecnica di Ghezzano, provincia di Pisa, ha rifiutato una commessa da parte della WAAS, Whitehead Alenia Sistemi Subacquei, un’azienda del gruppo Finmeccanica che è leader a livello mondiale nel settore dei Sistemi Subacquei a scopo bellico. 

KAZUHIRO NOGI/AFP/GettyImagesLa WAAS, infatti, aveva fatto una richiesta di preventivo al giovane ingegnere Valerio Morellato, fondatore e direttore di due piccole aziende che si occupano di energie rinnovabili e climatizzazione. Quest’ultimo, però, ha rifiutato la commessa per motivi etici, scrivendo: “Consapevoli che il nostro contributo alla realizzazione della struttura militare sarebbe stato marginale e certamente ci sarà un’altra azienda che ci sostituirà, non ce la sentiamo di mettere le nostre competenze al servizio di un’opera che potrà sviluppare tecnologia bellica”. 
Una decisione non facile, dal momento che l’importo perso si aggira intorno ai 30 mila euro, e dal momento che la crisi economica ha colpito duramente anche le due aziende di Morellato, costringendo alcuni dipendenti a ricorrere anche alla cassa integrazione. Eppure, dopo una discussione interna, come previsto dal patto per il Distretto di Economia Solidale di Pisa a cui l’azienda aderisce, e una esterna, con l’Officina dell’Economia Solidale di Pisa (associazione che sostiene la cooperazione tra imprese economiche eticamente orientate), il giovane ingegnere ha deciso di tirarsi indietro.
Un rifiuto che, afferma lo stesso Morellato, molti dei suoi dipendenti non prenderanno bene, poiché in Italia “bisogna lavorare ancora molto perché persone e aziende non rimangano più compressi tra necessità e coerenza”.


Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget