Visualizzazione post con etichetta burocrati di ..... Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta burocrati di ..... Mostra tutti i post

20/06/12

Morte a perdere di daniela tuscano


E' Calabria e sembra Africa. Ma senza alcuna cartolina. Dev'essere così l'inferno: una landa senza futuro e priva di passato, una distesa di nulla. Un cane randagio, scalcagnato, avanza nel sole. Le gambe rachitiche nell'irrespirabile aria ciottolosa.
Non sa nemmeno perché finisca dentro quel bidone di catrame. Forse inseguiva qualcosa: una farfalla, un segno alato che interrompesse, con qualche indecifrabile poesia, la monotonia di quella linearità atroce. Resta intrappolato. Nemmeno si dibatte, nel vischio nero: sa solo supplicare, con quel guaito prolungato. Che non si capisce se sia dolore o abitudine. I nessuno come lui si odono solo nel lamento.
Ma, stavolta, non si può ignorare. Piange e sembra che, con lui, pianga il mondo. Accorrono, gli umani. Chiamano un veterinario. Ma questi, constatata la sua non appartenenza, lo abbandona al suo destino. Il cane è privo di padrone. Non esiste.
Flette il capo, sotto il sole. E' lentamente crocifisso. Paga lo scotto d'una libertà incomprensibile. Prigioniero, più che del bitume, dell'indifferenza. E' solo come un cane: un numero in meno. Non occorre nemmeno disfarsi della carcassa: già si trova in uno scarico. Muore per una ricerca di felicità. A lui è stato concesso solo un allucinato presente.

Cane nel catrame, i veterinari di Reggio Calabria lo lasciano morire


Leggendo  su nocensura  ma  che razza di   questa  storia  mi  chiedo con una domanda ovvia e da una risposta  ovvia  e scontata    veterinari sono questi  ?   .  Io  ho scritto  tutto la mia indignazione  , come suggerito dallo staff  del sito in questione  . Però , però per  non abbassarmi  a volgarità  gratuite ed insulti personali   e generalizzati  (  perchè  ci sono  anche dei veterinari  che fanno  il  loro dovere   egregiamente  e sanno distinguere  al regola dall'eccezione  e  non hanno , come questi il cuore  di ghiaccio e   di burocrati  )













"Cane nel catrame, i veterinari di Reggio Calabria lo lasciano morire" Che un veterinario si comporti in quel modo, non è ammissibile. Non ci sono giustificazioni. Invitiamo tutti gli amici degli animali a scrivere una email al Sindaco di Reggio Calabria, al Presidente della Regione e all'Ufficio Relazioni Pubbliche dell'ASL di Reggio Calabria, con preghiera di inoltro alla Direzione Sanitaria. (sul sito non è indicato l'indirizzo email della sezione Veterinaria)
PER RENDERE VELOCE L'INVIO, ABBIAMO PREPARATO UN BREVE TESTO, DA FIRMARE CON NOME, COGNOME E CITTA'.
Questi gli indirizzi a cui spedire:
IL TESTO:


Alla cortese attenzione di:
- Sindaco di Reggio Calabria, Demetrio Arena
- Ufficio Relazioni Pubbliche ASL Reggio Calabria, con preghiera di inoltro alla Direzione Sanitaria.
- Presidente della Regione Calabria, Giuseppe Scopelliti
Con la presente, vi invitiamo caldamente ad assumere severi provvedimenti punitivi nei confronti del Veterinario che, stando a quanto riportato da numerosi testimoni, dopo esser intervenuto su chiamata dei cittadini per soccorrere un cane finito inavvertitamente in un bidone di catrame, lo ha abbandonato senza soccorrerlo dopo essersi reso conto che si trattava di un randagio sprovvisto di microchip. Tale comportamento, crudele e assolutamente irrispettoso della vita di un animale è ancora più grave perché compiuto da un veterinario e non può essere tollerato.
Vi prego altresì di riferire pubblicamente sui provvedimenti che intendete assumere: non ci dimenticheremo di questa storia e pretendiamo GIUSTIZIA, un soggetto come quello NON PUO' fare il veterinario.

Distinti saluti

NOME COGNOME CITTA'.
-----------------------------------------------
SUL SITO WEB DELL'ASL DI REGGIO CALABRIA - SERVIZIO VETERINARIA - NON è PRESENTE NESSUN INDIRIZZO EMAIL A CUI SCRIVERE, PER QUESTO MOTIVO SUGGERIAMO DI SCRIVERE ALL'URP. (UFFICIO RELAZIONI PUBBLICHE)


SE QUALCUNO PERO' VUOLE FARSI SENTIRE TELEFONICAMENTE, I RECAPITI SONO QUESTI:
Via Troncovito Gallico Superiore - Reggio Calabria
Direttore: Dr. Mario Marroni
Tel. 0965/347187
Dirigente Veterinario: Dr. Filippo Crucitti
Tel. 0965/347182
Dirigente Veterinario Referente Anagrafe Bovina:
Dr. Francesco Laganà
Tel. 0965/347183
Ispettore:
Sig. Francesco Riso
Tel. 0965/347178
Segreteria: Tel. 0965/347184/5 Tel/fax 0965/347186

Dopo  questa  breve  elucubrazione  eccola  storia  

Un cane è finito inavvertitamente in un bidone di catrame: i cittadini allertano le autorità, il veterinario - dopo un lungo periodo di attesa - si presenta sul posto: vede che il cane è un randagio, che non ha il microchip: volta le spalle e se ne va, lasciandolo morire agonizzante. Salvarlo sarebbe stato facile, e sapere che a FREGARSENE è stato un VETERINARIO, coloro che dovrebbero PER PRIMI volere bene ai cani, fa ancora più arrabbiare.
CI AUGURIAMO CHE SIA IDENTIFICATO E PUNITO SEVERAMENTE, deve essere rimosso tempestivamente dall'incarico di veterinario, un soggetto senza cuore come questo non può fare quella professione!
Questa mattina abbiamo pubblicato un articolo e un'immagine su Facebook dedicata agli amici a 4 zampe, per sensibilizzare sul non lasciarli in auto, sotto il sol leone, visto che ogni anno accadono vicende di questo tipo... 

Staff nocensura.com


Di seguito l'articolo sul fattaccio:
Una scioccante storia proviene da Reggio Calabria e riguarda, nuovamente, un caso di crudeltà contro gli animali. Un povero cane è rimasto suo malgrado intrappolato in un bidone di catrame, ma gli addetti veterinari interpellati dai passanti si sono rifiutati di intervenire, lasciando l’animale alla morte. Dura la reazione dell’ex Ministro Michela Vittoria Brambilla: «Chi ha sbagliato paghi».
Il tutto è avvenuto a Sambatello, una frazione di Reggio Calabria, dove un randagio – forse nel tentativo di superare un recinto – è caduto in un bidone per la raccolta del catrame. Rimasto bloccato e impossibilitato a muoversi, i primi soccorsi sono arrivati dai passanti, i quali hanno prontamente chiamato i veterinari dell’Asp. L’incaricato sopraggiunto sul luogo però, certificando l’assenza di microchip impiantato sottopelle, ha deciso di lasciarlo morire perché non regolarmente registrato. Poco importa della dignità di un essere vivente e chissà che l’esemplare non fosse tatuato sulla zampa inferiore, ovviamente invisibile perché sprofondata nel bidone.
Basite tutte le associazioni per la difesa degli animali, come ENPA, LAV, Lega del Cane, Leidaa, Oipa, Chiliamacisegua, rappresentate nella Federazione Italiana Associazioni Diritti Animali e Ambiente. In una nota si esprime sgomento e la richiesta di provvedimenti per chi si è reso responsabile di questo comportamento disumano: 
«Colpisce la sostanziale indifferenza con cui le autorità preposte dalla legge a intervenire quando i cittadini segnalano la presenza di un animale in difficoltà, hanno lasciato morire questo povero cane. La bestiola è rimasta infatti per ore a guaire e lamentarsi, ma nessuno di coloro che avrebbero dovuto almeno provare a trarlo in salvo ha fatto qualcosa per toglierla da quella trappola. E dopo ore ed ore di atroce agonia l’animale è morto. Dov’erano le istituzioni? E i cittadini? Se è mancato il senso del dovere, che fine ha fatto il buon cuore? Fatti simili non sono accettabili e denotano la più totale mancanza di civiltà e di sensibilità.»
E pensare che, per quanto non semplicissima, l’operazione di salvataggio avrebbe potuto portare al completo recupero del cane. Ma, a quanto pare, i soliti cavilli burocratici e la completa mancanza di buon senso hanno avuto la meglio.

Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget