Visualizzazione post con etichetta botti e petardi. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta botti e petardi. Mostra tutti i post

27/12/15

La mia guida al natale e alle festività 205\2016 [ come sopravvivere alle festività ] parte 2 II° capodanno alternative ai botti d capodanno e come proteggersi e proteggere gli animali da essi




Molti mi dicono  , il solito post   sui petardi   . Ma    davanti a simili  bestialità


Leggo - Il sito ufficiale
Sito Web di notizie/mediaPiace a 712.978 persone
18 h

+++CONDIVIDIAMO TUTTI+++
La cagnetta ‪#‎Fiamma‬ viva per miracolo. Taglia di 5mila euro sui colpevoli


 non ci riesco    e continuerò a farlo  
Ma  ora   veniamo a  al  post  
Durante  le  feste natalizie  specie   soprattutto a  capodanno , come  del resto dell'anno   si  è  buoni a  fare le ordinanze ma  poi  a farle rispettare  ce  ne passa ,   ovviamente  dipende    da zona  e  zona   e   dall'umore  di chi deve  far rispettare le leggi ,     si scoppiano lo stesso petardi & affini più o meno  proibiti .  Oltre  alla puntata   sui  petardi  a  cui  rimando      ecco  vi  altri consigli su   come  eventualmente scoppiarli in sicurezza . 
Infatti Prodotti all’apparenza innocui possono provocare lesioni varie in chi li usa, soprattutto se minori. Attenzione nella scelta, prudenza nell'acquisto, giudizio nell'utilizzo. L’Age pubblica i consigli dei medici dell’Ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma a genitori e ragazzi per divertirsi in sicurezza la notte di San Silvestro.“Il 50% delle lesioni dei piccoli pazienti è rappresentato daustioni, seguite da danni agli occhi, ai i timpani e agli arti (amputazioni)”. Arrivano direttamente dai medici dell’Ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma l’appello a genitori, nonni e ragazzi al buon senso nella scelta, l’acquisto e l’utilizzo dei botti di Capodanno. Proprio durante le festività di fine anno aumentano gli incidenti gravi legati all’uso improprio dei fuochi artificiali o, peggio, dell’utilizzo di prodotti pirotecnici illegali. Spesso a finire in ospedale sono i bambini: lo scorso anno 89 dei 350 feriti registrati a Capodanno sono stati minori, di cui 43 avevano meno di 12 anni di età. Napoli la provincia più colpita con 50 feriti, seguita da Bari con 26 e Roma con 23

images
.
Di qui la priorità per genitori e ragazzi di rispettare alcuni norme di comportamento fin dalla vendita di botti e giochi pirotecnici, ma anche in caso di lesioni da scoppio. I pediatri del Bambino Gesù li spiegano in questo manuale per una notte di San Silvestro sicura che l’Age pubblica. Perché “i botti, anche quelli apparentemente più innocui – sottolineano i medici -, come le stelline, le micette e i petardi, sono pericolosi e devono essere innescati solo in presenza di adulti”.  ( continua     su  http://www.age.it/botti-di-capodanno-si-ma-con-prudenza/ )
Io    sono per  la non esplosione   dei fuochi   . lo sono diventato dopo che vedevo
video
                                            


il mio gatto ( vedere   foto sopra  a sinistra  )  spaventato , morto sic , quasi 10 anni fa , spaventato dai fuochi d'artificio del martedì grasso di carnevale sia quelli della festa di maria bambina ) .  Dico  lo ai sindaci   oltre  a vietarli e fare ordinanze  contro  l'uso   di non essere repressivi   , ma  piuttosto d'incentivare le  alternative  . Infatti   <<   i divieti, da soli, rischiano   --- come  giustamente  dice   questo articolo  di qualche tempo  fa  di aostasera.it    ----  di servire a poco, Legambiente invita i cittadini “ad assumere in prima persona un comportamento responsabile, astenendosi dall’utilizzo di botti e fuochi d’artificio. I danni derivati da questo modo di salutare l’anno nuovo sono, come tutti sanno, notevoli, ma le resistenze al cambiamento sono difficili da superare”. >>

I Comuni stessi, in alcuni casi, festeggiano il Capodanno offrendo a cittadini e turisti uno spettacolo pirotecnico. “Pochi sanno che questi spettacoli possono essere realizzati anche senza il rumore dei botti, - spiega ancora Legambiente - bensì con l’accompagnamento di musiche piacevoli e più amiche degli animali, con costi inferiori a quelli tradizionali. Non si tratta quindi di non festeggiare, ma di farlo responsabilmente”.
"Consapevoli che   ----  continua  il  giornale  --- il problema è culturale – chiude la presidente del CircoloAlessandra Piccioni - e che maturerà progressivamente negli anni a venire, ci portiamo avanti con il nostro appello. Mancano ormai pochi giorni al Capodanno: se ne hanno la volontà, enti e cittadini possono fin da subito imprimere una svolta di civiltà ai festeggiamenti."

Infatti le alternative ci sono .
da http://www.bambinopoli.it/feste/alternativa-ai-botti-di-capodanno/2589/



Da qualche anno, infatti, nei cieli di tutta Italia, nella notte di capodanno, ma anche in occasione di feste, matrimoni, sagre di paese, hanno preso a volare le splendide lanterne cinesi,vere e proprie piccole mongolfiere realizzate in carta di riso e sostenute da una struttura rigida al cui interno è collocata una fonte di calore in cera combustibile. Il meccanismo di funzionamento è molto semplice: si accendono. Il calore scalda l'aria all'interno facendone diminuire la densità e in questo modo le lanterne si alzano in volo con un effetto scenografico davvero spettacolare. 
La tradizione vuole anche che al momento di accenderle ciascuno possa esprimere un desiderio per ogni lanterna fatta volare. Il desiderio, portato in alto nel cielo, si avvera entro l'anno.





Esistono, poi, giochi di fuoco silenziosi, usati in particolare in Estremo Oriente dove l'arte pirotecnica è piuttosto consolidata anche se, appunto, molto spesso ripulita dal fastidioso 'botto'.
Si tratta di fuochi d'artificio a tutti gli effetti che consentono di realizzare meravigliosi giochi di luce, privati, però, della parte rumorosa. Ad accompagnarli, generalmente, e renderli unici effetti sonori, giochi di luce, veri e propri spettacoli coreografici.
Se state, infine, festeggiando capodanno con un gruppo di bambini, anziché mettere nelle loro mani pericolose miccette o petardi, orientatevi sulle stelline di capodanno. Assolutamente innocue, belle da vedere e adatte anche ai più piccini.

  ecco una ditta  che    fa i fuochi artificiali senza  il  botto

quindi  si a :  spettacoli  piromusicali , ai  fuochi   senza detonazione,   giochi  di  luce   luce.o  altre manifestazioni simili  a  quelle   descritte  nella puntata sui petardi


Veniamo ora  a   come fare  per   gli animali  .



Infatti i festeggiamenti per l’arrivo del nuovo anno sono spesso un incubo per gli animali: il rumore di petardi e fuochi d’artificio, spesso fatti scoppiare anche nei giorni immediatamente precedenti il capodanno, terrorizzano i quattro zampe che possono essere colpiti da veri e proprio attacchi di panico. E’ importante ricordare infatti, che gli animali hanno una diversa percezione dei rumori, nei cani, ad esempio, il senso dell’udito e’ notevolmente superiore a quello umano. Oltre a sentire vibrazioni comprese tra 20 mila e 40 mila Hz (l’uomo non sente quelle che superano i 20 mila) sentono ad un volume doppio del nostro. Inoltre, una componente dei fuochi per noi marginale, quella olfattiva, e’ particolarmente rilevante per i cani che sono in grado di sentire odori ad una concentrazione un milione di volte inferiore a quella percepita dall’uomo e ad una distanza per noi inimmaginabile. E’ quindi facile intuire quale sia lo stato di ansia e terrore che anticipa e accompagna lo scoppio simultaneo di migliaia di petardi, mortaretti e fuochi artificiali. I fuochi d’artificio rientrano tra gli stimoli che provocano sensibilizzazione, ovvero un progressivo aumento della risposta di paura poiche’ sono stimoli di forte intensita’, non sono prevedibili, compaiono a intervalli irregolari e non c’e’ possibilita’ di fuga.Essi   oltre a sentire vibrazioni comprese tra 20 mila e 40 mila Hz sentono ad un volume doppio del nostro Alcuni soggetti piu’ sensibili, oltre allo stato fobico quando sentono i fuochi, sviluppano anche uno stato ansioso per tutto il periodo che precede e segue la fine dell’anno. Cosa possiamo fare per aiutarli? deliberatamente  tratto da 
  1. teniamo gli animali il piu’ lontano possibile dai festeggiamenti e dai luoghi in cui i petardi vengono esplosi 
  2. Non lasciamoli soli. Gli animali fobici potrebbero avere reazioni incontrollate e ferirsi, quindi e’ necessario stare loro vicino, senza esagerare con coccole e carezze.Non lasciamoli in giardino o all'aperto non teneteli legati alla catena perché potrebbero strangolarsi;- non lasciateli sul balcone perché potrebbero gettarsi nel vuoto
  3. E’ necessario mostrarsi tranquilli e felici, cercando di distrarli, se possibile, con coccole  ed  abbracci  con giochi e bocconcini, mostrando che non c’e’ nulla di cui preoccuparsi.
  4. imporre consigliare a i vostri ospiti o non andare da ospiti che fanno uso di botti e petardi . o lasciarlo a qualche associazione o amico \a o familiare che non festeggi il capodanno dopo la mezzanotte 
  5. rinunciare per chi è     è  coraggioso   al veglione o  nel momento  in cui   ci sono  "dei botti" .
  6.  Se   come il punto 5  non potete  o non volete    rinunciarvi  portate   animali in una zona tranquilla della casa, anche se normalmente vivono all'esterno;- cercate di minimizzare l'effetto dei botti tenendo accese radio o TV, soprattutto se l'animale resterà solo in modo che venga attutito il rumore dei botti proveniente dall’esterno, chiudendo le finestre e abbassando persiane.
  7. - se portate a spasso il vostro cane, non slegatelo mai dal guinzaglio;
  8. se vi doveste fuggire dotateli di tutti gli elementi identificativi possibili (microchip, medaglietta identificativa con indirizzo e telefoni validi);e presentate subito una denuncia di smarrimento;
  9. Lasciamo che si rifugi dove preferisce, anche se si tratta di un luogo che normalmente gli e’ “vietato”.
  10. Durante le passeggiate teniamoli al guinzaglio, evitando anche di liberarli nelle aree per gli animali per evitare fughe dettate dalla paura.e se è possibile è fondamentale non portarli fuori a mezzanotte o nelle ore immediatamente precedenti perche’ spesso gli scoppi iniziano con anticipo  e spesso avvengono anche  nei giorni prima di capodanno 
  11. Nei mesi precedenti facciamo visitare l’animale da un veterinario comportamentalista che prescrivera’ la terapia da seguire, sia comportamentale che, nel caso si necessario, farmacologica o  un processo graduale di desensibilizzazione, esponendo l’animale allo stimolo ad un’intensita’ progressivamente aumentata quando si trova in uno stato di rilassamento emozionale.
  12. Evitiamo soluzioni fai-da-te somministrando tranquillanti, che usiammo noi alcuni sono addirittura controindicati e fanno aumentare lo stato fobico o hanno effetti di durata diversi da queli che usiamo noi
  13. Sensibilizziamo l’opinione pubblica, e soprattutto i bambini, su quanto questi inutili rumori possano essere dannosi per i quattro zampe. “Ogni anno i botti fanno vittime sia umane che animali – ricorda Massimo Comparotto, Presidente OIPA Italia – Nel periodo che va dalla meta’ di dicembre ai primi giorni di gennaio riceviamo moltissime segnalazioni di animali domestici smarriti, feriti o morti a causa dei botti: e’ importante che tutti comprendano quanto un momento di festa per alcuni diventi motivo di sgomento e terrore per altri. Chi ama gli animali non spara botti”.


altre  guide  

Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget