Visualizzazione post con etichetta botti. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta botti. Mostra tutti i post

03/01/16

[ AGGIORNAMENTO - REPRISE ] Siniscola, legano un petardo al collo di un gabbiano e filmano l'esplosione che lo uccide trovati i colpevoli del vigliacco gesto

aggiornamento   della news  precedente 

N.B 

non riporto  ulteriormente  il video  ,  contente  la crudeltà del gesto , non per  censura  autocensura    ma  per evitare  atti di emulazione  e  di imbecillità . Però  chiunque  volesse vederlo  lo può fare  nel mio precedente post  ( trovate il link sopra  in alto )  

  dalla  nuova  sardegna del
03 gennaio 2016

SINISCOLA
Gli agenti del Corpo forestale e i carabinieri preparano la denuncia di due pescatori che sarebbero gli autori del video fatto sulla barca dove l'uccello è stato catturato e barbaramente ammazzato
Il un   frame del video  il  petardo legato al collo del gabbiano 
Due pescatori saranno denunciati dagli agenti del Corpo forestale e dai carabinieri di Siniscola per l'orribile fine di un gabbiano al quale i due uomini avrebbero attaccato un petardo che è esploso durante il volo dell'uccello dilaniandolo
Nel video si vede con chiarezza che due uomini legano al collo del gabbiano un petardo, lo lanciano in volo e assistono all'esplosione in un coro di risate.
I carabinieri e i forestali, ricevuta la segnalazione sul filmato che circola su youtube, hanno avviato le indagini e i due pescatori sarebbero stati individuati. Molto presto verranno denunciati
Ora   a mente   fredda    adesso  , rispetto  a i mie  commenti  a  caldo   fatti nel post   precedente o miei commenti su facebook e su twitter , esprimo un pensiero meno violento Gli avrei prescritto una cura psichiatrica, oltre al ritiro della licenza di pesca, persone mentalmente disturbate non meritano . 
In chiusura   annuncio anche se  a malincuore [SIC ]  perchè  era fra  i primissimi compagni di strada  dell'avventura  del blog  quando ancora  si chiamava   cdv.splinder     , ma  la  sua  deriva  ultra  cattolica  ( leggi alla mario Adinolfi ed  affini  )  e reazionaria  oltre  che salvinista  populista  non riuscivo più a sopportarla   ,  come se  mi togliessi un sasso dalla scarpa , che   dopo questa   discussione  avvenuta  sul gruppo ambientalista   di facebook  in volo   la signora  non fa  più parte  del mio percorso   \  compagni di strada  - viaggio  

Giuseppe Scano sono ....., ma non so chi è più ..... se chi ha condiviso il video e messo acriticamente mi piace ., o chi come quella populista di Loredana Ines Morandi ha scritto tali imbecillità http://on.fb.me/22DCARq
Mi piaceRispondi8 h
Loredana Ines Morandi Per un poco di campanilismo non perdere il senso della violenza indicibile del fatto accaduto. Prega Iddio che nessuno lo ripeta, perché altro che quel che ho scritto io meriterebbero i due.
Mi piaceRispondi8 h
Giuseppe Scano non ė questione di campanilismo ma d'insulti ad a gli abitanti di una regione
Mi piaceRispondi6 h
Loredana Ines Morandi Quindi è campanilismo.
Mi piaceRispondi6 h
Giuseppe Scano per me no. allora se lo fa un romano mi metto a dire che siete tutti sadici e coglioni . e vediamo come reagisci
Mi piaceRispondi5 h
Loredana Ines Morandi A me, francamente, non interessa proprio. Dì pure quello che ti pare. Sarà che la Lega ci ha già abituati al grido di "Roma ladrona", e dato che essendo riferito ai vari governi è quasi in tutti i casi cosa vera....
Mi piaceRispondi5 h


con  questo è tutto  buonanotte 


15/12/15

La mia guida al natale e alle festività 205\2016 [ come sopravvivere alle festività ] VIII gli petardi e affini si o no .? non mandare in soffitta il buon senso e la prudenza






IL tema dei petardi ed  affini   avrebbe dovuto essere  integrata a   gli animali  durante  le feste    seconda  parte    come  tutelarli dalle sparatorie  di  botti di capodanno  (  che   sara   fatta  prima a dell'ultimo dell'anno  ) ma  una  sparatoria    di petardi   alle  22  di sera  mi ha  indotto    a  scrivere  un post    sui petardi  . 
 ecco   alcuni llink 

http://www.ilsussidiario.net/News/Cronaca/2012/12/31/PETARDI-Come-non-farsi-male-sparando-i-botti-di-Capodanno/350878/
https://www.ok-salute.it/benessere/botti-di-capodanno-le-regole-per-non-farsi-male
https://www.ok-salute.it/benessere/botti-di-capodanno-le-regole-per-non-farsi-male

e  un video illustrativo  


Se proprio non si può fare a meno di accendere fuochi d'artificio e far esplodere petardi, i consigli del nucleo artificieri della polizia di Roma per non trasformare i giorni di festa in una tragedia: il comandante Salvatore Timpano, per i 'botti' autorizzati; e il sovrintendente Massimiliano Daddario, per quelli illegali o fabbricati artigianalmente. Le interviste sono realizzate e postate direttamente dal corpo sul proprio canale youtube. (RCD - Corriere Tv)

Oltre  a  questo  video   ecco  un decalogo ironico   e  simpatico    deliberatamente  tratto    tratto dal forum  http://fronteacustico.forumfree.it/  (  qui  trovate   l'originale 

Cominciamo dall'inizio,ci sono state varie correnti di pensiero,sul come salutare l’anno nuovo. Petardi si,petardi no,petardi come e perché.  
Io sono sempre stato , fino  ai 16\17 anni  nonostante  ogni volta  che mi  esplodevano vicino o li sentivo  mi creavano fastidi all'orecchio  ,   PRO petardi ,  ma poi ho scoperto  i  danni  ( ne  riparleremo prossimamente  )    che fanno a  gli animali  ,ed  avendo un gatto   per  15  anni so  cosa  vuole  dire  .  Ora  invece  sono  in parete  contro  ,ed  in parte  pro   (  ancora  devo   trovare   da  che parte  stare  )  ma  con delle regole ben definite che nessuno sembra voler applicare, visto cher  ogni uno fa di testa propria e si va a finire a chi perde le dita (  se  non peggio )  e a chi approfittando del posto di potere che occupa mette leggi stupide a proteggere chi non deve perdere le dita come se fossimo tutti diversamente intelligenti. E fioccano i divieti,vuoi per l’inquinamento,vuoi per i rumori insomma c’è n’è che va bene. L’uomo ha festeggiato da secoli l’arrivo dell’anno nuovo sia in maniera rumorosa che con fuochi e falò. Ma un conto è un barbecue e un conto è bruciare 5 giornate di bosco.
Inoltre secondo me (poi per carità è un mio punto di vista) si vuole andare verso una demonizzazione di qualunque cosa sia festaiolo,magari tra 20 anni niente più spumante perché gli alcoolici fanno male e si fa il botto in machina poi dopo altri 10 anni niente più panettone per le fisime sul colesterolo e poi tra altri 20 anni qualche lurido abolirà le feste e il 25 dicembre e capodanno si lavorerà. Del resto si devono mantenere gli "ultimi arrivati".
Volete che capiti ? io no!
Petardi quando: a capodanno,ovvio diciamo tra 1 ora prima e 1 ora dopo,poi BASTA e nulla prima e dopo. Fortunatamente la crisi ha abbassato molto il petardamento selvaggio    anche se  ancora   continua  pam-pim- pim –pum che perdurava dall’inizio delle vacanze di natale alla befana. I petardi sono di capodanno e si scoppiano a capodanno. Un conto è provarne UNO un conto è un petardamento di stampo bombarolo e continuo che rompe le scatole per 15 giorni.
Ecco  oltre   alle regole   che trovate  nei  link    e  nel video qui riportato  (  lo so che i media  ci fanno due  palle ,  ma  quando certi incoscienti continuano    ripeterle e più che doveroso  ) 
ecco  un decalogo    sui  come regolarsi 

  • Petardi quanto: il budget destinato al petardamento DEVE essere limitato,ovvio. A capodanno normalmente ci si abbuffa e ci si inciucca,i petardi sono un di più non una ragione di vita.
  • Petardi quali: dall’innocua miccetta al petardone con nitromisturi da 1 teraton,si trova di tutto,legale e non. Dipende ovviamente da noi scegliere cosa è giusto per NOI ,festeggiare capodanno non deve diventare una roulette russa con l’ospedale. Quindi scegliamo cosa possiamo scoppiare con sicurezza. O compriamo una cassa di birra in più e petardiamo di meno,e finiremo la bevuta, ovviamene  senza  esagerare   da farci male  e  finire  all'ospedale   con tutte le dita al loro posto.
  • Petardi dove: scartare immediatamente le  estreme vicinanze  se  li si esplode in strada   e  senza  un adulto affianco  di   benzinaio,la raffineria,il deposito di bombole del gas e qualunque cosa non sia un luogo sicuro. I petardi fanno scintille,generano spostamenti d’aria ,insomma devono scoppiare in un posto dove non possono innescare eventi peggiori. Anche qui usiamo la testa. Pensiamo anche ai pompieri che non devono venire a spegnere cosa abbiamo acceso o ambulanze a  soccorrerci 
  • Petardi come:da sobrii,ovvio,rimandiamo a dopo-capodanno la bevuta “wild” o la eventuale droga pesante  o leggera  ,ogni petardo ha una distanza di sicurezza e va mantenuta a qualunque costo. Alcuni vestiti si appicciano anche solo con l’odore del fuoco quindi se siamo vestiti con alcuni materiali (guardate le etichette) non petardiamo. Si devono sempre avere due accendini ed entrambi efficenti. I petardi vanno appoggiati su una superficie sicura e stabile,si accendono e ci si allontana con passo spedito SENZA correre,perché correndo c’è rischio di cadere e farsi male e di non raggiungere la distanza prevista prima dello scoppio.
  • Petardi elaborati: Sarebbe bene EVITARE qualunque modifica su qualunque petardo perché l’esito di una modifica è imprevedibile,anche i migliori specialisti prima di mettere al mondo una nuova creatura a breve vita fanno calcoli su calcoli. E le cose da calcolare sono tante,onda d’urto,propagazione del fronte di fiamma,velocità di accensione. Insomma evitiamo   di correre  e far  correre  rischi inutili.
  • Petardi virtuali:  Ripensata economica ed ecologica,un bel CD con 10 minuti di suoni vari,scoppi ,esplosioni,elicotteri che svolazzano,mitragliatrici e magari il decollo di un razzo saturn degli anni 70. I botti virtuali rispettano di più gli animali perché non emettono ultrasuoni,non inquinano l’aria,non ci svuotano le tasche e ,l’anno scorso i “petardi virtuali” emessi da 4 casse electro voice (con 2 coni da 40 cm e due tweeter caduna) e un ampli da 1 kw non avevano nulla da invidiare a quelli reali,anzi erano secondo me molto maggiori. Si spende molto poco di corrente e lo stereo una volta finiti i rumori ritorna in casa a fare il suo lavoro. Unico consiglio è quello di evitare di strapazzare materiale audio “ultra costoso” perché un po’ di anni fa a una cassa epicure da ricconi sono usciti i coni e in una altra casa un marantz ha terminato la sua vita con una fumata bianca. Non sempre costa caro,è da audiofilo,e altre diceria vogliono dire che può essere sparato al massimo senza problemi.
  • Petardi e animali : un binomio che non va molto bene,purtroppo i petardi oltre al rumore dello scoppio emettono varie frequenze più alte che nessun bipede sente ma sentono i quadrupedi con vari effetti diversi. Alcuni se ne sbattono le pelotas,alcuni si spaventano,alcuni scappano. Quelli che più patiscono sono i cosiddetti "ciliegini" ossia cani piccoli la cui forma del naso è più piccola di una ciliegia . Gli stessi che tanto rompono e abbaiano sempre e comunque ,scusatemi sono di parte,sono gattaro! La scena della signora che esce da casa con una zampa di cane in mano spero resti solo in alcune vignette disegnate dal mitico eddy (lo stesso che aveva fatto stare un motore di un ufo sotto a un vespino che affiancato a un hayabusa a pieno gas in autostrada gli chiedeva come si metteva la seconda),gli animali che “meritano” una brutta fine sono quasi nessuno,e uno dei quasi è già andato. C'era un cane di una mia amica,odioso mordace e cattivo ma a 17 anni si è attaccato con un maremmano che gli ha fatto cambiare vita. Per ridurre l’impatto con i botti è bene che l’animale se è sensibile lo si tenga al chiuso ,con radio o tv accesa (MA NON SULLA SOLITA TRASMISSIONE DI CAPODANNO,se no si taglia le vene) a discreto volume e non partecipi al nostro festeggiamento rumoroso. E’ molto difficile stabilire il confine tra la logica sicurezza e lo zeccume malato più becero. Sta a noi e alla nostra testa.
  • Petardi silenziosi: non ci sono solo “ i botti” ma ci sono anche fontane luminose,effetti pirotecnici,girandole,insomma basta cercare e scegliere con la testa.
  • Petardi inesplosi: A volte qualche petardo non scoppia,un petardo dopo 1 quarto d’ora che non è scoppiato “può” essere considerato innocuo ma non è detto. Nel dubbio allontanarlo con una scopa o con uno spazzolone e spingerlo in zona sicura dove poi allo “sgombero” da farsi con una paletta (MAI raccogliere un petardo inesploso con le mani per nessun motivo)  ma  nel  dubbio   lasciatelo li  verrà raccolto e buttato via  dalla nettezza  urbana 

Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget