Visualizzazione post con etichetta bloggers. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta bloggers. Mostra tutti i post

09/03/13

ecco cosa intendo per viaggio

 Poichè non   tutti\e  nuovi e  vecchi  utenti  hanno  voglia  d'andare  a  leggersi  le faq     e  mi chiedono e mi richiedono   le  solite  cose  , ho rinunciato  a  rispondere   a leggersele   e  soprattutto  a non rispondere  a tali domande  .

Questo  due  video    sono per loro
 il primo è  Videoclip dei CSI - In viaggio tratto dall'album "Ko de mondo" anno 1994 era la formazione con Gianni (Marok) Maroccolo, Giovanni Lindo Ferretti, Massimo Zamboni, Francesco Magnelli, Giorgio Canali ancora privi di Ginevra Di Marco.  EX Litfiba Ex CCCP ora PGR o PGGGR.



il secondo

video
 è  di una ragazza  sagace , pensante , modesta  , umile  dentro   video preso  dal suo account  di  youtube  https://www.youtube.com/user/MisStrawberryFields  ulteriori contatti  qui  sotto
  • Il mio profilo Twitter:  https://twitter.com/#!/Lolla
  • La mia pagina Facebook: https://www.facebook.com/pages/Misstrawberry-Fields
  • Il mio account Instagram: http://instagram.com/LOLLA_BOH
  • Il mio Blog personale: http://campi-di-fragole.blogspot.it/
  • Email: misstrawberryfields@gmail.com

  • 08/11/12

    Con Raffaella e il suo psicotaxi, in una Milano noir piena di segreti e bugie


    da http://max.gazzetta.it/lifestyle/ 11\10\2012

    Tassista di notte e blogger di giorno, Raffaella, una laurea in filosofia e un lavoro "sporco", romanza e spiffera le vite degli altri. Le abbiamo chiesto un passaggio. Ci ha raccontato storie incredibili. 

    Mi dà appuntamento un lunedì, a mezzanotte: perché, dice, «è il giorno migliore per quello che cerchi». Mi torna in mente un post del suo blog Psicotaxi e penso che ha capito tutto: «La notte a Milano arriva di lunedì, quando la gente per bene dorme, dentro le lenzuola che odorano di pulito, mentre io lavoro dentro il mio taxi, bianco come un lenzuolo sudicio, sporcato dalla notte: dalla luce giallastra dei lampioni, dall'odore dei clienti, non come quelli del sabato, tosati e pettinati come aiuole». Chi scrive si chiama Raffaella ed è la nostra «guida ghandiana» alla notte, per questa notte.
    Stasera tocca a lei raccontarsi, lei di solito così abituata ad ascoltare: mi parla di sé e mi guida attraverso tre quartieri milanesi che hanno fatto da sfondo ai suoi post. Isola,Centrale e  Chinatown (vedi i tre video qui sotto). Chi sale sul suo taxi, spiega, spesso si confida: sarà perché è notte, sarà perché le donne tassiste di notte sono rare, sarà per un certo suo modo di parlare, confortevole e ovattato. «Quando poi scoprono che sono laureata in filosofia si lasciano andare, come se, solo perché ho studiato Kant, avessi più risposte di loro sulle grandi questioni», spiega. Da un'aula universitaria al taxi, il passaggio è stato facile: «Avevo bisogno di soldi, mio padre era tassista e così ho iniziato a fare i turni di notte nel weekend: era il mio modo per arrotondare, invece di fare la cameriera». Con il passare degli anni ci ha poi preso gusto, sia al taxi, sia alla notte. Perché «la gente di giorno è più nervosa, il traffico più folle: mentre il buio calma, tranquillizza». Ha iniziato ad ascoltare, e a raccontare, a partire dal 2007, quando ha aperto il blog: uno spazio in cui «spiffera» al mondo i segreti inconfessabili che ha raccolto, archiviato, romanzato. Una nipotina di Scerbanenco, «mezza donna e mezza macchina».
    «Vengono fuori gli animali più strani, la notte: puttane, sfruttatori, mendicanti, drogati, spacciatori di droga, ladri, scippatori. Un giorno o l'altro verrà un altro diluvio universale e ripulirà le strade una volta per sempre». Così De Niro in Taxi Driver. Tanti di quegli animali strani passano anche sul sedile posteriore del taxi di Raffaella, e, come sul lettino di un analista, parlano: senza inibizioni. E lei senza inibizioni li ascolta e ne scrive.

    Le stesse atmosfere noir che animano il blog fanno da sfondo anche al racconto I frutti dell'odio, che sarà pubblicato a novembre nella raccoltaUltimo Bar a Sinistra: il libro è edito da Edizioni Ligera, che fa capo all'enoteca Ligera di via Padova (un posto in cui fare un salto, e non solo perché ci potreste incontrare Raffaella). «Sullo sfondo della storia, la vecchia Milano di Via Padova, con il naviglio Martesana e le vecchie case di ringhiera, e quella nuova, dell'immigrazione, con i dormitori clandestini e tutte le difficoltà, speranze ed esperienze dei nuovi e dei vecchi italiani», spiega Raffaella, «ma per l'occasione pubblico con uno pseudonimo, Sofia Corben».


    Erika Riggi

    03/12/08

    Afghan Lord è stato nominato

    afghan lord blog brassAfghan Lord, il blog di Nasim Fekrat, giovane blogger e reporter afghano recentemente insignito del premio giornalistico “ISF-Città di Siena 2008”, è stato nominato nella categoria "Miglior Blog del Sud Asia" nell’ambito della quinta edizione del Brass Crescent Awards 2008. Se volete potete votarlo per la vittoria finale rispettando una semplice procedura: seguite il link del Brass Crescent Award, andate in fondo alla pagina, guardate la seconda categoria dal basso, qui potete trovare Afghan Lord, cliccate per selezionare il blog poi andate più in basso nella pagina, inserite il vostro indirizzo e - mail, dopo aver spuntato l’opzione: "I certify that I am only voting once for the Brass Crescent Awards". Infine cliccate per inserire il vostro voto. A questo punto controllate la vostra casella di posta, troverete una email per confermare il vostro voto, per completare la procedura dovete solo cliccare sul link presente nella mail.

    14/11/08

    NO ALLA LEGGE LEVI/VELTRONI!

    DAL BLOG DI BEPPE GRILLO:


    Se tutti i blogger del mondo si dessero la mano...


    freebloggers.jpg
    Clicca l'immagine


    Il disegno di legge ammazzablogger non è figlio di nessuno. Sarà forse figlio di puttana. Di padre ignoto e di madre incerta. Nato in provetta o per partenogenesi. Non una voce dei nostri parlamentari, a parte quella di Antonio Di Pietro, si è levata a favore della Rete. Eppure dovrebbe importargli qualcosa. Milioni di italiani ci vivono, la frequentano, discutono e INFORMANO.
    Il disegno di legge è stato presentato da Franco 'Ricardo' Levi. Levi è del PD. Il segretario del PD è Veltroni. O non sa nulla, come mi dicono gli succede spesso, o è d’accordo.
    I veri giornalisti stanno in Rete, alcuni li conoscete, si chiamano Ricca, Martinelli, Byoblu. Mi scuso per coloro che non cito, ma sono migliaia. E questi dovranno essere iscritti al Registro operatori della comunicazione per essere assoggettati alle regole fasciste della stampa. La Rete esprime un Paese diverso. Se i lobotomizzati dalle televisioni e dal trio CorriereRepubblicaLaStampa si informassero in Rete, lo psiconano sarebbe ospite permanente di Putin in Siberia e Topo Gigio Veltroni una maschera del cinema.
    La legge ammazzablogger non va presa alla leggera.  Mi sento una lepre mannara, con i denti a sciabola. E’ una bella sensazione. All’inseguimento invece che in fuga. Centinaia di blogger stanno mostrando la faccia, il nome e cognome, il loro indirizzo http con l’iniziativa “FREE BLOGGER”. Sono loro il cambiamento. Non lo fermerete.
    "Se tutti i blogger del mondo si dessero la mano..."


    Inviate le vostre foto con la scritta: "FREE BLOGGER":
    Invia una mail a freeblogger@beppegrillo.it con:
    - Oggetto: il tuo nome
    - Testo: indirizzo del tuo blog
    - Allegato: la tua foto con un cartello "Free Blogger"
    Le foto appariranno nella barra superiore del blog.

    - Articolo di "Punto Informatico"
    - Analisi di Daniele Minotti












    Diffondi l'iniziativa

    06/11/08

    Troll informatici

    Non metterò mai abbastanza in guardia la gente su questo fenomeno:Non lasciamoci bloccare dai Troll!


    I Troll informatici sono persone balorde che hanno come unico scopo di rompere le scatole altrui,alle volte rovinando tutto il loro lavoro,non dobbiamo lasciarci sopraffare da questi personaggi che vogliono ridurre tutto ad un lungo sproloqiuo senza senso.


    Se venite "attaccati" da Troll l'unica mossa utile è ignorarli di modo che se ne vadano da soli.


    Ulteriori dettagli su cosa sono e come evitarli li trovate a QUESTA PAGINA oppure QUI


     Do-not-feed-the-troll

    13/09/08

    Tutti possiamo fare qualcosa

    afghan children


    Foto © Nasim Fekrat


    Spesso alcuni di voi si sono rivolti a me per ottenere informazioni su come aiutare i bambini afghani, per inviare loro vestiti, scarpe e tutto quello di cui possono aver bisogno, soprattutto adesso che si stanno preparando ad affrontare i freddi e lunghi inverni che caratterizzano quella terra. Naturalmente ne ho parlato con Nasim e lui, insieme all’Associazione dei bloggers afghani, ha deciso di aprire una sottoscrizione denominata “Help Afghan Children” proprio finalizzata a raccogliere fondi per questo proposito. Negli ultimi anni hanno ricevuto materiale da ogni parte del mondo e ringraziano tutti per questo ma si sono resi conto che le spese doganali e di spedizione sono molto alte e poco convenienti. Meglio poter versare anche quei soldi per arricchire la somma utile a supportare il maggior numero di bambini possibile. Naturalmente chi avesse un canale privilegiato e più conveniente per la spedizione, ad esempio attraverso l’ISAF o qualche soldato di stanza in Afghanistan, può continuare ad inviare tutto il materiale che desidera. L’Associazione bloggers afghani assicura che i soldi verranno spesi bene (di questo possiamo essere sicuri visti i risultati concreti delle donazioni fatte per i blogging workshops organizzati dalla stessa associazione) ed a testimonianza dei risultati ottenuti provvederanno a fornire video e foto. Per contattarli e ricevere informazioni (in inglese) potete scrivere a info@afghanpenlog.com oppure a afghanpenlog@gmail.com, ma non esitate a contattare anche me (in italiano, se preferite )lapo72@gmail.com. Intanto ecco qui sotto il banner per le donazioni, per versare basta cliccare su "ChipIn"(chi volesse inserirlo nel proprio blog può copiare il codice cliccando su “copy” e aggiungerlo al template). Grazie a tutti, dimostriamo a queste creature che siamo capaci di portare amore, non solo armi.


    06/08/08

    Per non spegnere la luce...

    lavoro(17) cosa facciamo ?



    Stiamo alla finestra ?


    proviamo tanti sassolini insieme a smuovere la montagna ?


    NOI scriviamo al Ministro Sacconi la nostra indignazione.


    E tu ?  5 minuti del nostro tempo Per non spegnere la luce...


    Se condividi  posta sul tuo blog l'iniziativa , scrivi ai tuoi amici e PASSAPAROLA !


    Riempiamo la "buca"  del Ministro  .


    La mia lettera al Ministro Sacconi... 


    Hanno aderito : http://degiorgioblog.splinder.com/ 


    http://lucycy.splinder.com/



    E tu stai alla finestra ?


    16/07/08

    Il PASSAPAROLA dei DIRITTI

    impronte Ha iniziato Roma,ha risposto Bologna, poi il PASSAPAROLA dei DIRITTI è arrivato a Milano , a San Giovanni in Persiceto,e si allarga a macchia d’olio . Associazioni,cittadini,partiti : tutti uniti per difendere il DIRITTO all’uguaglianza dei DIRITTI-DOVERI.
    Possiamo fare di + ?  Certamente.
    La nostra proposta rivolta a tutti quelli che “non sanno/vogliono stare alla finestra” :







    scarica qui Microsoft Word - prendete le nostre impronte








    e fanne delle copie. Prendi le impronte ad amici,conoscenti ,in montagna, ai laghi, sulle spiagge.Pubblicizza l’iniziativa sul tuo blog .Porta l’iniziativa nel tuo circolo,sollecita il tuo partito. Basta un poco di buona volontà, un poco d’acqua colorata,la mano sinistra,nome e cognome e indirizzo.


     Raccogli tante impronte. Poi invia le adesioni a : roberto_morgantini@er.cgil.it 
     Le “impronte” raccolte , verranno inviate al Ministro degli Interni attraverso il Prefetto di Bologna.




    Basta poco per difendere il Diritto di persone che non hanno voce.
    Noi ci siamo e TU ?


    15/06/08

    YouTube ha censurato il mio video! Boh?

    Il Video che avreste dovuto vedere nel post precedente

    è stato censurato da YouTube-MorrisAndreas

    Motivo in più per scappare quanto prima dall'Italia. Sarà stato sufficiente la "valutazione degli esperti 'a mani giunte e moralisti' che hanno decretato la cancellazione?"

    Ora basta!!! Italia bigotta e schiava del Vaticano!!!

    CHE PALLE!

    ECCO IL VIDEO CENSURATO E DITEMI COSA TROVATE

    DI PORNOGRAFICO O OFFENSIVO:



    DIFFONDI, COPIA IL CODICE!



    Spero solo che venga presto il momento di lasciare "lo stivalone italiano", perchè inizia a starmi TROPPO STRETTO.

    Con Amicizia e Rispetto

    Gentleman - (Morris)

    P.S.: Per il Mio Amore Danny e per Tutti coloro che Amano le Persone dello stesso Sesso Un Particolare Abbraccio. Ciao Mio Amore, Cucciolo Adorato Mio Cuore Danny

    15/05/08

    elucabrazione mentale sull'amore e il suo significato





    dopo le mie esperienze deludenti in tale  campo  e dopo aver sentito di storie d'amore ( e sesso ) precoci e violente come  l'ultima ( ? ) quella avvenuta qualche  giorno fà  a  Niscemi  (  vedere il  mio post  precedente   mi chiedo Cos'è l'amore ?esiste ? a che serve ?
    L'ho chiesto a molti... Mi è stato detto che l'amore è il sentimento più forte del mondo, il sentimento che lo fa muovere, che lo fa giare. Mi è stato detto che l'amore è un qualcosa di appiccicoso, qualcosa che attacca due persone, e può essere un bene nel senso che quei due resteranno sempre insieme, così come può essere un male perchè nello stare sempre attaccati uno dei due, prima o poi, potrà anche scocciarsi e cercare un solvente per scappare via lontano. Mi è stato detto che l'amore è la cosa peggiore che ad un ragazzo possa capitare. Mi è stato detto che l'amore è una brutta bestia... una medaglia con due volti. Mi sono state dette un sacco di altre cose... così tante che ora non le posso ricordare tutte, così tante che non entrerebbero mai in questo piccolo blog.
    Chi seguire? A chi credere? Su quale teoria appoggiarsi? Tutte? Nessuna? Io credo che ognuno debba farsi una propria idea dell'amore... ma ancora non riesco a farmela e o forse non voglio affrontare questo  mio  tabu' o guardare oltre  queste mura , a  guardare  oltre  la paura  per  parafrasare una  famosa  canzone ma già avervi parlato di questa ... elucubrazione mentale mi sembra il primo passo .

    10/09/07

    Riflettori sulla MAFIA

    Minacce al cronista della sede palermitana dell'«Ansa» e corrispondente de «La Stampa» Lirio Abbate, già sottoposto a intimidazioni nei mesi scorsi a causa del suo libro «I complici- Tutti gli uomini di Bernardo Provenzano da Corleone al Parlamento», scritto in collaborazione con Peter Gomez .
    Nelle loro analisi Abbate e Gomez hanno descritto una trama (per altro tratta da documenti delle inchieste dei magistrati, ma correlati da inchieste svolte da bravi giornalisti e soprattutto messi insieme da una filo logico che percorre il libro dall'inizio alla fine) che non risparmia nessuno: e tanto per essere chiari fanno nomi e cognomi di chi ha avuto rapporti di favori e scambio con i boss mafiosi.
    E' proprio scrivendo quei nomi e cognomi che Lirio Abbate ha pestato i piedi a chi oggi comanda in Cosa Nostra.Sabato scorso, a Palermo, c'erano tutti alla passeggiata di solidarietà che si è trasformata in una manifestazione: non solo sindaci e giornalisti a “passeggiare”,ma anche quelle persone di Palermo che vogliono vivere senza gioghi di sorta, senza ombre e combattere apertamente la Mafia.

    'La libertà d'informare,
    senza dovere temere per la propria vita o incolumità,
    è un patrimonio prezioso che appartiene a tutti i cittadini.
    In Sicilia e nel Mezzogiorno, poi, questa libertà
    si lega alla lotta per la liberazione dal giogo mafioso e dell'illegalità in generale.'
    Bloggers, uniamoci
    affinchè i riflettori restino accesi,
    con uguale dignità e serietà
    perché non è assolutamente normale morire
    mentre si cerca e si racconta la verità
    e perché non diamo alcun alibi
    né ombre
    alla violenza.




    Siate con noi.






    13/07/07

    queste sono bestie non gli animali

     dal bellissimo blog   di antonelladpblog.splinder.com/



    cani2--180x140Importare cuccioli di razza dai Paesi dell’est Europa per rivenderli illegalmente in tutta Italia: è questo il nuovo business delle organizzazioni criminali: «Prima pensavamo che il commercio illegale di cani celasse quello di droga e armi», racconta il maresciallo Marco Mandrelli del Nucleo di Polizia Tributaria di Bologna, in realtà ci siamo subito accorti che era il cane la fonte di reddito». E i conti sono presto fatti. Maggior margine di guadagno e minori rischi rispetto ad altre importazioni illegali. Questa terribile speculazione ha visto coinvolti, in cinque anni, oltre 70.000 cuccioli per un giro di affari complessivo di diversi milioni di euro. I cani, acquistati in Paesi come Romania, Ungheria e Repubblica Ceca a una media di 60 euro l’uno venivano svezzati precocemente, maltrattati e rivenduti nel nostro Paese a un prezzo che variava dai 500 ai 1500 euro. Molto spesso le loro condizioni erano così gravi da farli morire, dopo l’effetto delle droghe somministrategli per tenerli vispi e in vita, a pochi giorni dall’acquisto: giusto il tempo per far incassare ai propri aguzzini il guadagno.Uno scenario terribile che ha visto la partecipazione di diversi soggetti incensurati, da allevatori a medici veterinari, appartenenti a una rete organizzativa che era ormai ben ramificata su tutto il territorio italiano.  ulteriori news  sul Corriere e il  video dell'operazione della Finanza




    13/06/07

    Per comprendere cos'è un'emergenza.

    venerdì 15 giugno 2007 ore 18
    Napoli la Feltrinelli
    via San Tommaso D'Aquino 70-76


    Immagine1

    Il sistema dei rifiuti in Campania


    a partire dal libro-inchiesta di
    Alessandro Iacuelli, Le vie infinite dei rifiuti. Il sistema campano
    ne discutono:
    Francesco Bassini un blogger attento ai problemi della città
    Antonio Risi urbanista, esperto di questioni ambientali
    partecipano: Marco Rossi-Doria (decidiamo insieme); Massimo Mendia (operatore del settore); Sabina Laddaga (rete campana salute e ambiente).

    sarà presente l'autore.


    L'inquinamento costante e sistematico dell'ambiente e dei suoi abitanti sta cambiando la morfologia del paesaggio, rendendolo ormai molto simile ad una grande discarica. Ciò che è visibile ad occhio nudo, tuttavia, non basta per comprendere un fenomeno molto più complesso, il cosiddetto "business dei rifiuti".

    Nel desolante paesaggio generale emerge Napoli, che agonizza soffocata dalle esalazioni dei rifiuti urbani, e la Campania, che muore avvelenata da materiali tossici, dalla politica compiacente e dalla criminalità che la assedia.
    "Le vie infinite dei rifiuti" è un'inchiesta giornalistica che ricostruisce il viaggio e lo smaltimento dei materiali tossici verso la Campania e le motivazioni concrete dell'ormai cronica "emergenza rifiuti" della regione.



    dalla IV di copertina
    Iacuelli ha scavato nelle radici di questa imbarazzante pagina della storia del nostro Paese ricostruendo nei dettagli il percorso che le ecomafie hanno fatto in quindici anni per conquistare il "potere" sul territorio e garantirsi introiti stratosferici attraverso traffici illegali che avvengono sotto gli occhi di tutti e senza che nessuno muova un dito per fermarli. Soprattutto quelli che avrebbero il dovere di farlo. Perchè la soluzione - anzi, le soluzioni - ci sono eccome. E Iacuelli non le tace, così come non manca di ricordare nomi, circostanze, luoghi e omertà che inchiodano i responsabili di questo scempio davanti all'opinione pubblica senza possibilità di sconti. Un'inchiesta, dunque, che consente a chiunque di vedere lucidamente i contorni del problema ed arrivare a capire qual è oggi il vero "oro di Napoli". E poter guardare negli occhi gli autori di questa vergogna senza alcun timore. Elena G. Polidori (La Nazione)



    l'autore
    Alessandro Iacuelli è giornalista free lance. Fa parte della redazione della testata on-line Altrenotizie, per la quale ha curato tra l'altro, inchieste sull'emergenza gas dell'inverno 2005/2006, sul nucleare in Italia e sui rifiuti tossici e le ecomafie in Italia meridionale.
    Di origine napoletana e laureato in Fisica, da anni si sta occupando a tempo pieno della particolare "emergenza" che vive la Campania da quasi 15 anni, tornando a seguire la "sua" terra, il commissariamento straordinario dei rifiuti, le attività ecomafiose legate alla presenza camorristica, e l'aspetto sanitario che sta provocando un aumento dei casi di cancro nella regione.



    il libro
    Titolo Le vie infinite dei rifiuti. Il sistema campano
    Autore Alessandro Iacuelli
    Anno 2007
    Editore Altrenotizie.org / Lulu
    ISBN 978-1-84753-184-1
    altre info http://rifiuti.alessandroiacuelli.net

    05/06/07

    Siamo figli di Omero o della Bibbia?

    Niente paura, stavolta non si parla di religione, ma di influenze artistico-letterarie. Ho ritrovato un saggio che avevo letto quando mi dilettavo di Storia delle Religioni. Il saggio è di Fortunato Pasqualino, i riferimenti sono a Mimesis di Erich Auerbach, ma il succo del discorso è: perché la letteratura nord europea (e americana a seguire) ha dato il meglio di se stessa nello scavo psicologico del personaggio (horror, thriller, gialli) mentre quella italiana (parliamo di classici) sembra totalmente priva di mistero?


    Le colpe vanno equamente ripartite tra Omero, la Controriforma, la mentalità epicurea del Rinascimento e una certa incuria, tutta italiana, per le cose divine. Sarà per questo che tra alcuni di noi e papa Joseph Ratzinger non corre buon sangue? Bah…


    Ma andiamo per ordine. Cito Eugenio Scalfari di qualche settimana fa: I poemi omerici rappresentano il punto di partenza della letteratura occidentale…Gli eroi dell’età del Bronzo raffigurati nell’Iliade, e gli dei che ne guidano le azioni, materializzano almeno quattro diversi destini: Achille, la bellezza della forza e della guerra; Ettore, la difesa della città e la ‘pietas’ che sarà poi ripresa da Virgilio e fatta rivivere nel personaggio di Enea; Agamennone, il potere tronfio e capriccioso; Odisseo, la superiorità dell’intelligenza.


    Ritroviamo in questi quattro personaggi i clichè di tutta la letteratura a venire. Questo è vero. Però c’è un bivio netto e preciso tra il modo di scrivere, e di trattare i personaggi, degli autori nord-europei e quello degli autori italiani. E la biforcazione, secondo Pasqualino, si sarebbe creata al momento della Controriforma. Dopo il colpo quasi mortale ricevuto dalla Riforma di Martin Lutero, la Chiesa di Roma decise di mettere al bando la lettura della Bibbia (asso nella manica del Protestantesimo), soprattutto per evitare che la frequentazione di quelle pagine generasse nel fedele la tentazione di un’interpretazione libera e, quindi, eretica. Una decisione che si innestò agevolmente sulla tendenza tutta rinascimentale (e italiana in particolar modo) di poco curarsi delle cose divine a favore di quelle terrene. Più vicine, utili e, perché no, anche più divertenti. A rigor di termini l’ultimo biblico italiano fu il castigatore Savonarola e, in qualche modo, il suo rogo segnò la fine di ogni senso del mistero nello stile letterario italiano. Privarci della frequentazione della Bibbia significò tagliare via la concezione dell’uomo come essere inquieto e drammatico, combattuto, a tutto favore dei rapporti sereni, ottimistici e semplici che erano propri dello stile omerico. E’ quanto afferma Auerbach nella sua Mimemis: lo stile omerico non vuole trattenere il fiato, non ama la tensione, la sorpresa. Omero ci presenta le cose per come sono, finite ed esatte. Niente viene lasciato senza spiegazione. Tutto deve essere chiaro e distinto, posto in primissimo piano, senza alcuna attenzione per lo sfondo e per la prospettiva umana.


    Cito dalla Bibbia:


    Dopo questi fatti Dio tentò Abramo, e gli disse: Abramo! Ed egli rispose: Sono qui!


    Qui dove? Nulla è spiegato. Dove si svolge il colloquio, da dove arriva Dio, perché decide di tentare Abramo. Cosa che invece uno Zeus omerico avrebbe spiegato, parlandone amabilmente con Era o con Apollo o con la sua prediletta Atena. Secondo Auerbach gli scrittori della Bibbia hanno precorso addirittura Einstein nei concetti di spazio e di tempo mentre Omero rimane ancorato alle poche dimensioni della geometria euclidea. I suoi personaggi sono standardizzati, rimangono uguali a se stessi anche a distanza di decenni, come succede ad Ulisse e alla sua sposa Penelope. I personaggi biblici, invece, non sono descritti quasi per niente, ma proprio per questo sono più concreti, perché hanno infinite sfaccettature implicite.


    Un’altra differenziazione viene effettuata sulla base del censo. Gli scrittori pagani (da cui deriviamo le influenze più dirette) operavano una discriminazione sulla base dell’importanza sociale del personaggio. Il loro realismo nel narrare solo di quelli che contano è condizionato dalla concezione della società. La Bibbia, invece, da spazio ai re così come ai servi e di ognuno rivela eroismi ed ignominie, esponendo il conflitto spirituale che è proprio di ogni essere umano.


    Gli scrittori pagani (parliamo soprattutto di quelli latini) da Petronio in poi aggiungono al loro realismo una forma di distacco dalle cose narrate che si esplica nell’ironia. Ironia che poi non è che un modo di giudicare e di essere moralisti. Una polemica mascherata da olimpico distacco (su questo punto sono assolutamente d’accordo e suggerirei una riflessione sul tema a tutti quei bloggers che si mettono sul piedistallo a pontificare).


    Gli scrittori biblici, invece, sono scrittori della realtà e della verità (naturalmente le loro realtà e verità, non parliamo di concetti assoluti), quindi non pongono schermi tra sé e la materia di cui scrivono. Accolgono con rispetto anche la parte più abbietta degli esseri umani. Non condannano, lasciano al limite che sia il lettore a farlo. Mentre gli scrittori omerici (tra cui i latini) condannano nel momento stesso in cui scrivono, quindi deformano e squalificano. Non portano una testimonianza, portano un’opinione.


    Ecco quindi il bivio tra letteratura italiana e letteratura nord-europea. Lo stile più propriamente biblico comporta la scoperta dell’intimità spirituale, della centralità dell’uomo, comporta anche l’avvento della prima persona singolare nella letteratura europea. Quella che nel cinema si chiama soggettiva.


    Gli eroi omerici, invece, non godono del dono dell’intimità. Sono osservati, non osservatori.


    Secondo il saggio di Pasqualino, la stessa psicanalisi trova una base nella Bibbia, come dimostrano gli episodi dell’interpretazione dei sogni del faraone (le sette vacche magre e quelle grasse) e di Nabucodonosor (il sogno della statua enorme dai piedi di argilla). L’atteggiamento biblico penetra il senso della realtà e dell’esperienza umana. L’atteggiamento omerico descrive ciò che vede, senza reale partecipazione.


    Da tutto questo si ricava che dobbiamo i capolavori dell’introspezione, siano essi letterari o cinematografici (vedi Ingmar Bergman) alla libertà di leggere, frequentare ed interpretare la Bibbia garantita dalla Riforma protestante. Oggi, è notizia di pochi giorni fa, anche la Chiesa di Roma è giunta alla conclusione che si deve incentivare lo studio della Bibbia da parte dei giovani. Uno studio che deve prescindere dal contesto religioso, in quanto il libro per eccellenza dovrebbe essere sottoposto all’attenzione degli studenti non in quanto fondamento del Credo cristiano (ed ebraico) ma in quanto testimonianza letteraria di altissimo valore.


    Iniziativa lodevole, ma non ho molte speranze. Da quanto mi risulta nelle scuole italiane è già tanto se agli studenti viene concesso di sapere che un tizio cieco di nome Omero ha scritto due cosucce intitolate Iliade e Odissea.


    Laura Costantini

    Archivio blog

    Si è verificato un errore nel gadget