Visualizzazione post con etichetta bilancio di governo. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta bilancio di governo. Mostra tutti i post

31/03/06

Elezioni Politiche 2006: sei ancora indeciso? Sparati o passa alla castrazione chimica!


Continuo a chiedermi quale analfabetismo, di ritorno o meno, quale ignoranza stratosferica, quale menefreghismo imperante può ancora una volta crearmi questo mio personale disgusto davanti a tanto qualunquismo di questa italietta che più che fanalino di cosa dell’Europa mi pare la marmitta rasente asfalto delle vecchie cinquecento del boom economico: del resto stiamo ancora rimpiangendo quei bei tempi, quando ancora il clientelismo democristiano ci allisciava con i suoi propositi di progresso e di sviluppo. Pierpaolo Pasolini l’aveva vista lunga, non a caso lo fecero fuori prima che il suo pensiero, di grande intellettuale quale era, si dispiegasse in tutta la sua forza vitale e distruttiva. Mi chiedo quale mente obnubilata possa ancora dire di essere indeciso. Indeciso? Ma come si fa a non aver ancora scelto da che parte stare? Forse sarà ancora il mio spirito inquieto che parla, l’ombra del mio Antonio Gramsci che mi salva dalla luce accecante dei lustrini televisivi e che mi dice sempre, sempre, sempre parteggiare, scegliere sempre da che parte stare. Ma è più forte di me, come si fa ad essere indecisi? Dopo cinque anni di censure, leggi ad personam, livellamento culturale del peggiore populismo che mai potesse apparire sulla faccia d’occidente, menzogne sparate a freddo come armi di deformazione e disinformazione di massa con la dicitura seguente “ma noi almeno ve lo diciamo chiaramente che sono tutte balle!”; un’economia allo sfascio che dalla stagnazione più nera ci sta portando al collasso democratico, colpendo le nostre sensibilità progressiste a colpi di machete, nascondendo il reale stato di cose, fatto di mafia e di illegalità diffusa. E poi stanno ancora a chiedersi per chi votare. Non è che io difenda a spada tratta questo centro sinistra, accozzaglia eterogenea di ideologie più o meno sorpassate, di passi indietro e moderatismo di circostanza, ma porca miseria dall’altra parte c’è Berlusconi!? Cioè c’è un uomo che sta evitando in ogni modo il realizzarsi di quello che è già sentenza, che sta facendo il suoi più porci interessi, che ha ridotto la politica internazionale ad una barzelletta, non ultimo lo scivolone con la Cina che ha per lo meno del patetico. Adesso tutti a dar contro al fantasma comunista, a destra e sinistra, perché fa sempre comodo. È talmente fuori di senno che dipinge continuamente il paradiso terrestre fatto Paese Italia, con tanto di occupazione alle stelle grazie al precariato della Legge Biagi, pardon, alla flessibilità. E la gran fesseria delle tasse? Ma la gente si rende conto che a noi comuni mortali, magari lavoratori dipendenti, delle tasse non ce ne frega nulla? Il fisco italiano è una burla immonda, la tassazione diretta è al minimo storico per i ceti più abbienti, e i lavoratori dipendenti portano il peso della maggior parte degli introiti fiscali dello Stato. E pensare che io sono tanto affascinata dalle democrazie scandinave dove i servizi funzionano, dalla culla alla bara, come si dice, l’istruzione è gratuita, la sanità è gratuita, solo che hanno un sistema fiscale coi fiocchi, i finanziamenti alla ricerca scientifica sono il motore propulsivo della loro economia e noi ancora chiederci se è il caso di abbassare le tasse. Ma per chi? Per i suoi amici da scalata? Per difendere la rendita, gradino più basso dell’economia capitalista? Qui non si tratta mica di comunismo o non comunismo, qui si tratta di salvare un paese dallo sfascio totale, dalla guerra civile, dai saccheggi, altro che espropri proletari, fra un po’ la classe media sarà agli angoli delle strade a chiedere l’elemosina: e il nostro sistema si regge sul benessere della classe media. Vi da fastidio la parola classe? Chiamatela ceto, chiamatela come vi pare, ma non si può essere indecisi, mi schifo di un atteggiamento di questo tipo. Io non voto contro la destra, per me questa non è destra, questo è un qualcosa di indefinito nato dal vuoto politico post prima repubblica, se mai siamo passati alla seconda ( io dissento anche in questo caso), questo è un magma di inquisiti che si salvano il sedere a colpi di maggioranza esasperando la funzione del decreto legge. Ma andiamo, anche voi di destra, non volete farmi credere che questo governo ha soddisfatto i vostri palati conservatori, le vostre teorie neoliberiste filo americane? Insomma, chiudendo, che senso ha la vostra vita civile se no avete ancora deciso per chi votare alle soglie delle prossime elezioni politiche? Che senso ha la vostra esistenza se mandate al macero il futuro delle prossime generazioni condannandole alla miseria materiale e culturale? Vi chiedo allora di farla finita, se non ce la fate almeno abbiate il coraggio di castrarvi, non potrete certo guardare i vostri figli negli occhi.


Stefania Calledda

26/02/06

Senza titolo 1156


Il voto dev'essere esercitato nella consapevolezza. E' giusto quindi sapere come ha governato la destra per poi, eventualmente, "rinnovargli la fiducia". Ecco quindi i numeri, da fonti imparziali, che ci dicono quanto è costato all'Italia il governo Berlusconi.



PIL (fonte: Eurostat)
2001
+ 1,7%
2005 + 0,2%


ESPORTAZIONI (fonte: Istat)
2001 + 9,2%
2005 - 10,4%


DEBITO PUBBLICO (fonte: Banca d'Italia)
2001 1.348 miliardi di euro
2005 1.542 miliardi di euro


TURISTI DALL'ESTERO (fonte: Fondo Monetario Internazionale)
2001 35.767.000
2005 34.429.000


IMPOSTE DIRETTE E INDIRETTE (fonte: dpef)
2001 3,2 miliardi di euro
2005 4.3 miliardi di euro



INVESTIMENTI STRANIERI IN ITALIA (fonte: Banca d'Italia)
2001 17.787 milioni di euro
2005 13.542 milioni di euro


OCCUPAZIONE (fonte: Eurostat)
2001 + 2%
2005 + 0,9%


OCCUPAZIONE AL SUD (fonte: Istat)
2001 + 2,3%
2005 - 0,3%


SALDO BILANCIA COMMERCIALE (fonte: Istat)
2001 + 9.233 milioni di euro
2005 - 10.368 milioni di euro


STANZIAMENTI PER LE INFRASTRUTTURE ( fonte: Rapporto Ance)
2001 22.250 milioni di euro
2005 18.188 milioni di euro


ITALIANI CHE NON HANNO RISPARMIATO (fonte: rapporto BNL-centro Einaudi)
2001 38%
2005 51,4%


POSIZIONE DELL'ITALIA NELLA CLASSIFICA DELLA LIBERTA' ECONOMICA (fonte: Wall Street Journal)
2001 35°
2005 42°


... e per favore non nascondiamoci dietro il dito della crisi internazionale, del terrorismo, della recessione globale, del buco dell'ozono. Cinque anni sono tanti per governare un'economia e fargli assorbire anche i contraccolpi provenienti dall'esterno. Se non ci si è riusciti sarebbe atto di maturità prendersi le proprie responsabilità. Anche perchè, dare tutta la colpa a fattori esterni sarebbe comunque un'ammissine di incapacità governativa. Della serie: il mondo va storto e noi non sappiamo che pesci pigliare...

Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget