Visualizzazione post con etichetta bambini. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta bambini. Mostra tutti i post

14/09/16

la bellezza delle piccole cose


  leggi anche 

oltre  la  solitudine  ( vedere url  sopra  )   ciò che ti  permette  d'andare avanti  verso la  felicità sono anche  le piccole  cose  o come dicono le male lingue  nelle cose  da bambini  

video


o peggio da  aduklti non cresciuti  o matti 


17/05/16

occhi di © Daniela Tuscano


Il piccolo Giovanni da Modica che, prima di morire a sette anni, chiede ai genitori di lasciare i suoi risparmi all'ospedale, non è figura patetica. È seria, tremendamente seria. Dramma. Le manca l'elusività, la sovrastruttura.
 I bambini rifuggono dagli aggettivi. Sono nomi, franchezza allo stato puro. Giovannino, nelle poche immagini che restano di lui, va diritto al cuore e ci resta. È la sua stessa bontà a non lasciar scampo. Riconduce alla nudezza del primo uomo, frantumando ogni ipocrisia. Da quello sguardo verremo giudicati. Sguardo rigoroso, assoluto. Ma, ancor prossimo a Dio, anche misericordioso. Ci salverà per grazia, non per nostro merito. E solo allora, nell'attimo supremo del dolore e della contrizione, apriremo gli occhi. Solo allora capiremo il senso dell'esistere.

© Daniela Tuscano

10/12/15

La mia guida al natale e alle festività 205\2016 [ come sopravvivere alle festività ] V come passare la cena o il pranzo di natale in tranqullità evitando o riducendo il conflitto tra vegani e carnivori , cosa e quanto mangiare , e come sistemare i bambini non parcheggiandoli a play station e tv

puntate  precedenti


Ed eccoci all'argomento cene e pranzi \ abbuffate uno dei tempi più forti delle guide che fine novembre inizio di questo mese iniziano a comparire su riviste , giornali , web e social .
Quest'anno cercherò d'essere , spero di riuscirci , il più originale nel trattare l'argomento cercando d'affrontarlo non soffermandomi solo sul cibo . Quindi reicette per carnivori , vegetariani e vegani le trovate nelle mie guide precedenti
Il conto alla rovescia in vista delle festività di Natale è iniziato e con esso :

1) il pensiero dei chili di in più che si metteranno, tra pranzi e cene in compagnia di amici e parenti.

Ed i tentativi per riuscire ad affrontare questo periodo così impegnativo e difficile senza troppi sensi di colpa . Il consiglio è per per arrivare a queste lunghe "maratone" a tavola ? senza rinunce è o quello di seguire qualche giorno di disintossicazione o dieta , prima delle festività" sotto alcuni consigli .

N.b

Le informazioni riportate sono solo di catsttere generale non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate in maniera completa per tutti i casi . I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere del proprio medico di famiglia o medico nutrizionista . Infatti essa va affrontata con impegno e costanza, Vietati i digiuni e le diete fai-da-te soprattutto se strettamente ipocaloriche, perché il peso perso viene comunque recuperato in poche settimane e con gli interessi.


Ecco che sarebbe << [....] Meglio adottare una dieta a base di cibi leggeri, ricca di frutta e verdura con il consumo di molta acqua e tisane drenanti (qui un elenco di erbe utili) ma non zuccherate. Da preferire, quindi - come sostiene il nostro esperto di fiducia, il Dr Luca Speciani -, una dieta normo calorica e ben bilanciata in cui rientrino solo cibi genuini..A tale proposito vale la pena riportare la lista dei prodotti con proprietà terapeutiche e nutrizionali utili per disintossicare l'organismo, stilata dalla Coldiretti. [....] >> ( da questo articolo di http://scienzaesalute.blogosfere.it/ )



DIETE PRE NATALIZIA

due miei areticoli precedenti

A ) http://ulisse-compagnidistrada.blogspot.it/2012/11/come-sopravvivere-alle-festivita.html
B ) http://ulisse-compagnidistrada.blogspot.it/2012/12/inizialmente-gli-anni-il-post-cene.html




http://www.nonsprecare.it/dieta-prenatalizia
http://www.panorama.it/scienza/dieta/dieta-pre-natalizia-9-consigli-per-prepararsi-alle-abbuffate/
http://www.dietagratis.com/diete/12549-dieta-pre-natalizia/
http://benessere.atuttonet.it/alimentazione/diete/dieta-prima-di-natale.php




se nel caso non ci si riesce ( o non si vuole ) neppure a fare come suggerito nella I puntata di questa guida e si preferisce passare direttamente al dopo ecco come :




POST NATALIZIA

oltre alle dritte della coldiretti citate nelle righe precedenti ecco altri link

http://www.viveredonna.it/mangiare-troppo-a-natale-la-dieta-se-hai-mangiato-troppi-grassi/
http://www.trucchidicasa.com/salute-e-bellezza/dieta-disintossicante-del-dopo-natale/
http://blog.giallozafferano.it/msp/menu-depurativo-post-abbuffata/




Oppure come consigliavo in una delle guide precedenti , a gli allergici alle diete pre o post natalizie o a chi riesce a trovare un equilibrio alimentare , ecco un trucchetto consigliato dal sito http://www.pourfemme.it << che adotto io è di mangiare solo quello che mi piace sul serio, ad esempio il panettone con l’uvetta non è che mi faccia impazzire, così come certi dolci super farciti o gli antipasti e i piatti tipici super calorici…meglio approfittare di una dose doppia di profitterols, i miei sensi sono molto più appagati ed ho fatto una rinuncia che in fondo non pesa e per giunta neanche l’ombra dei sensi di colpa! ... continua qui >>.








2) Un 'altra caratteristica  dei pranzi e cene     presente  ( non solo in  questo periodo dell'anno anche se insieme alla pasqua si fa più intensa)  a natale è il conflitto fra vegani ( lo stesso che c'era tra carnivori e vegetariani ora si è ridotto  quasi  estinto in quanto sono riusciti a tollerarsi \ coesistere ) e Carnivori Ora evitiamo, soprattutto se   li abbiamo come :  amici  \  che , conoscenti , colleghi   , ed   familiari  diretti  o acquisiti , almeno in questi giorni dell'anno non basta i pregiudizi e gli sfottò o prediche semi serie che essi devono affrontare durante il resto dell'anno per una scelta di vita ( è vero a volte  tale  scelta ,  senza  ovviamente fare  di tutta  un erba un fascio generalizzare viene  intesa   dagli stessi vegani  innmniera  fanatica  e da chiusura mentale, esperienza personale ) ma  evitiamo  di pretendere   che siano  solo i Vegani ad  adeguarsi  a  noi   Carnivori   o  viceversa    come  afferma esempio questo   post


1 arieldubois13/12/14 13:40
Carissimi del forum come dice il titolo del mio post io e mio marito stiamo vivendo una situazione di grande disagio! Io ormai vegana a 360 gradi da quasi 2 anni,lui mi ha seguito dopo qualche mese,felicissimi e molto motivati dalla nostra scelta....
lo scorso anno siamo riusciti a goderci il Natale da soli noi 2 coi nostri animaletti!
Quest anno tocca pasteggiare dalla suocera con i fratelli di mio marito,le cognate e i loro bimbi....tutti onnivori.... Così mia suocera è già in paranoia....deve pensare a mia cognata celiaca e farle un menù apposta....ma quello sarebbe il meno!
Oggi ho saputo che tutti VOGLIONO LASAGNE VERE(CON CARNE)POLLI ARROSTO E PANDORI E PANETTONI CON CREME (VERE) DI UOVA E MASCARPONE!....
io mi sto già sentendo male.....secondo loro noi ci dobbiamo adattare che siamo in minoranza!
Ma vi sembra possibile?dicono che non possiamo certo pretendere che decidiamo noi il menù....che figurarsi mangiare fagioli??mai nella vita!Dobbiamo stare lì,mangiare le nostre cose e subire la visione dello sfacelo nei loro piatti.....quegli odori ci disgustano e pensare alla sofferenza che si cela nei loro piatti mi manda in bestia!
A questo punto proporrò di andare solo più tardi a bere il caffè....sapendo che creerò malumori,malcontenti e parole dietro le spalle....
Domando ai veterani consiglio e opinioni su come hanno gestito queste situazioni!
Ormai non partecipiamo più a raduni di famiglia,usciamo quasi solo con vegani e i veri amici si adattano a noi....la famiglia crea solo ostacoli e problemi!
preso da  http://www.veganhome.it/forum/

Oppure  fate  buon viso  a  cattivo  gioco  o  fare  finta  di niente    Come  fare   quindi   ecco alcuni  miei consigli
Cucinare  insieme     dei piatti neutri    come suggerisce    (  non ricordo in quiale  forum ho  trovato   questo url  di una vegana  non fanatica  che  la  pensa come me ) http://www.vegcoach.it/blog/natale-wellnessse-non-si-offende-nessuno-vegan-senza-glutine-senza-zuccheri-aggiunti
 se  siete  di quelli   che    a natale  non vogliono regali o   non volete  che  gli altri\e  spendano per  voi  (  vedi  la mia    puntata    sui regali ) preparate  se  avete  un invitato    vegano \  vegetariano un piatto o comune  a  tutti\e  (  solo verdure  o  contorni  ) o un piatto vegano   oppure  mette  dollci  normali e  dolci vegani 


P.s  
  Gli stessi consigli   valgono anche   per  il cenone   di san Silvestro o  il pranzo di  capodanno se  decidete  di farlo a  casa  o  a casa  d'amici  

3)   Bambini

dalla rete

Io non ho  bambini  nè  nipoti diretti   ma  solo indiretti  (  figli di  cugini in primo o in secondo e terzo ) dico  pero  solo questo   che la televisione  ed  internet  , play station  e  pc   specie durante le feste  non dev'essere  usata   come riempitivo \ tappabuchi. . Regola  che andrebbe seguita   anche  nellresto dell'anno  non solo a natale  . 
Ecco come ( non solo alle mamme  )   distrarre  anche a natale i bambini  dalla tv  ecco alcuni suggerimenti   del sito  suggerimenti  sito  pianetamamma.                                               Altre soluzioni                         

 vignetta  di slvia  ziche  su settimanale topolino non ricordo la  data  
 1)   inventatevi voi  delle storie  a tema  in modo da distrarli dalla   tv come si faceva  una  volta   intorno  a  fuoco  o come si faceva  nella nostra  prima infanzia   prima    quando  la tv   non era   alla portata  di  tutti o  era  limitata  a  poche ore   in maniera   ed internet  e pc   stava no appena iniziando  che non  si riducano cosi  come  questa  vignetta che  trovate  sopra   a destra  . Usatela  ma  con criterio  e  giudizio    
2)   fateli  giocare  
a tombola nella versione classica per bambini   http://www.donnaclick.it/
Mentre gli adulti giocano a tombola con il classico cartellone numerico su cui posizionare la propria pedina, i bambini possono divertirsi con la tombola a disegni. Questa tombola è adatta per i piccolini che ancora non conoscono nè “apprezzano” i numeri del tombolone ! In questo modo, avrete in un solo colpo, un gioco di Natale adatto ai bimbi e i disegni da colorare. Ecco come si gioca:

Regole del gioco

Prima di tutto bisogna stampare le cartelle della tombola che abbiamo messo nella nostra raccolta di immagini
Successivamente ritaglierete da una delle schede stampate gli oggetti presenti nelle caselline e li porrete in un sacchettino per l’estrazione
Date ad ogni bambino una scheda da colorare
Estraete o fate estrarre a loro un oggetto da colorare
Date il via per colorare l’oggetto estratto
Una volta colorata l’intera cartella potete decidere di dare un premio a chi ha colorato meglio

In alternativa, potete dare schede diverse ad ognuno ed estrarre gli oggetti finchè non ci sarà un “ambo”, “terno” e così via come nella tombola degli adulti
Quello che vi possiamo dire è che i bambini amano di gran lunga colorare che fare “tombola! ”

Attenzione  Potete decidere di incollare i disegni su cartoncino colorato e tenere la tombola di Natale per gli anni seguenti.
Gratificate i bambini che giocano e colorano con regalini importanti più che con soldi perchè questa è l’età in cui si costruiscono i valori; andranno bene degli abbracci, un applauso, un’ora di gioco in più, una passeggiata, un succo di frutta; un dolcino; una ricetta adatta a loro… evitate, insomma, il denaro  al di sotto dei  12\14  anni !
  
oppure  nella versione moderna   quando si superano  gli  8 \10  anni    da  http://www.pianetadonna.it/

Alcune varianti del gioco più amato delle feste. Per rendere originale la tradizionale tombola...
E' il più classico dei giochi di Natale, adorato soprattutto da nonni e piccini, fuggito da qualche adolescente e replicato ad ogni festa, perchè in fondo in fondo non è davvero Natale senza qualche casellina da abbassare e qualche numeretto da leggere ad alta voce. Se anche per voi la tombolata di Natale ha il suo fascino, ma a volte siete stanche del solito gioco, provate una di queste simpatiche varianti:
Tombola cinematografica: al posto del solito tabellone con i numeri, ci saranno per esempio 90 nomi di film e attori che amate, gli stessi scritti nelle cartelline (che chiaramente dovrete fare voi a mano, quindi: pazienza e fantasia!). Potete chiamare ogni cartellina con il nome di un film, dedicarvi a genere amato, usare foto ritagliate o illustrazioni... e coinvolgere parenti e amici nella preparazione del... set da gioco! Naturalmente il tema può anche cambiare: dalle favole al calcio, dal cibo alla moda, non vi resta che scatenare la fantasia Tombola con premi segreti: invece della solita carrellata di premi - dall'ambo alla cinquina, fino al maxi premio - nascondete in una scatola le varie vincite, in modo che nessuno saprà, fino alla fine, se anche con un semplice ambo potrà mettere le mani su un bel bottino !

oltre  la  tomola  ecco altri giochi  ed  alternative  alla  tv  e  dvd http://www.homemademamma.com/2009/12/19/giochi-natalizi-per-bambini-la-tombola-e-il-memory-di-natale/


20/07/15

dialogo su fb fra un fautore della lotta alla diffusione nelle scuole della teoria \ ideologia gender ed uno che la reputa una boiata


 
Ciao Beppe! Perdona la domanda, ma sei favorevole all'indottrinamento gender a scuola?

Perché questa domanda

Per l'articolo( http://www.adista.it/articolo/55304 ) delle donne cattoliche che hanno preso posizione cin una lettra aperta che affermando che sull'indottrinamento gender c'è qualche pregiudizio. Ricordati del milione di persone che hanno protestato contro l'indottrinamento gender a p.zza san giovanni a Roma


Però non ho capito se sei favorevole o no
Io sono molto contrario

Non è una teoria è un dato di fatto. Uomini e donne appartengono a due generi diversi e hanno quindi caratteristiche diverse. Vogliamo ancora negarlo? E’ ridicolo. E POI ONDE AD EVITARE IL DIFFONDERSI  DELL'OMOFOBIA MI SEMBRA GIUSTO INSEGNARE OVVIAMENTE CON LE DOVUTE CAUTELE AI BAMBINI FIN DALLE MATERNE CHE ESISTONO ANCHE COPIE OMOSEX NON SOLO ETERO . E CHE ESISTONO DIVERSE FORME D'AMORE .

Ma non sarebbe meglio farli giocare invece che pensare a queste cose. I bambini non hanno pregiudizi. Ce li hanno i grandi non i piccoli. Chi ti ha fatto il lavaggio del cervello quando sei andato all'asilo, elementari e medie? Penso nessuno. Ti sei fatto un'idea crescendo o sbaglio? Hai trattato questi temi così come vorrebbero fare con mia figlia nelle varie fasi della crescita? Non mi pare. Mi interessa capire la tua posizione così anche io prenderò una posizione. Tutto qui

allora come lo spieghi l'aumento del bullismo omofobo  nei ragazzi al di sotto dei 14 ? e poi insegnare che esistono anche altri tipi di famiglia e d'amore non significa fargli  lavaggio del cervello , ma una spinta affinché crescano nel rispetto e nella tolleranza  delle  diversità

Giuseppe, semplicemente da che parte stai? Dai bambini o contro i bambini?
Ancora non ho capito se sei a favore del gender o no

dai bambini . leggiti questa storia qui  che  ho  raccontato  in un post  recente  del  mio  blog 


Basta dire che lo sei o no  Non ci vuole molto

secondo te uno che fa tali discorsi da che parte può stare ?

Dimmelo tu

ragiona .


Ragiona , non sei stato in grado di rispondermi

ti ho risposto . mica le risposte debbono essere necessariamente si o no . o pro e contro . leggi le risposte che ti ho dato e i link che ti ho mandato e lo capirai

cambiando discorso come state ? spero tutto bene ?


Non ci arrivo potresti dirmelo tu, qual'è la difficoltà

che odi le risposte secche .   Ne  a  favore ne  contro  contro perchè l'ideologia gender non esiste e sono tutte boiate dei neo conservatori ..Ma favore che i bambini crescano nella tolleranza , nell'amore e nel rispetto reciproco verso le diversità


Esiste Giuseppe, esiste. Ancora non mi hai risposto

chiudiamola qui tanto la pensiamo diversamente

Ok la chiudiamo qui

12/03/15

Una bimba di 10 anni, nata da genitori marocchini residenti nelle Marche, cambia nome per cattiveria dei compagni : da Jihad a Giada.

Eccco  uan storia   che succede  in un italia    sempre  più multi etnicsa .  Dove basta  un nome straniero   , che  a  causa  dell'ignoranza     dei media   ( ed incosapevolmente  dei bambini , in particolare  quelli fra  fra  i  3-14-15)    che  sono come  spugne    ssorbono  tutto quelllonche sentono \  vedono  da  tv   ,  internet  e  genitori   . E  quindi avranno  sentito  che   Jihad 
voglioa solo dire      qguerra santa    e  quindi    secondo " noi  occidentali  "      terrorismo    e  barbarie.Infatti : << In età contemporanea il termine viene utilizzato con significato esclusivamente militare; tuttavia per quanto questa sia l'interpretazione più comune di jihād, è degno di nota che la parola non è usata strettamente in questo senso nel Corano, il testo sacro dell'Islam. È anche vero, tuttavia, che la parola è usata in numerosi hadīth sia in contesti militari che non militari >>(  dalla   voce  Jiad   di wikipedia )

una  scuola  elementare  
Da dieci anni, da quando è nata, si chiama Jihad: questo il nome che i suoi genitori, una coppia di origine marocchina e residente in provincia di Macerata, aveva scelto. Ora però mamma e papà ci hanno ripensato, e hanno deciso di cambiarle il nome, si chiamerà "Giada". La richiesta è stata presentata alla Prefettura, che non ha ravvisato alcun motivo per bocciarla e, anzi, ha ritenuto che il termine "sia correlato, in alcuni contesti, ad eventi spiacevoli e può pertanto condizionare negativamente le relazioni sociali della bambina".
Come ha spiegato il padre, "Jihad è un nome molto diffuso nella cultura musulmana e significa 'esercitare il massimo sforzo per fare del bene'. Un'accezione positiva: quando noi musulmani pensiamo alla Jihad, infatti, pensiamo all'impegno verso la famiglia, a un padre che si toglie il cibo di bocca per sfamare i propri figli, nulla di tutto quello che vediamo in televisione. Nelle altre culture si tende a confondere, a far passare tutto come negativo, mentre i terroristi che uccidono solo per soldi non hanno nulla che vedere con la nostra religione o con le nostra cultura. Ecco perché, per evitare che nostra figlia crescendo potesse incontrare dei problemi solo per il nome, abbiamo pensato di fare così". La bimba ha raccontato che a scuola qualche compagnetto ha fatto qualche battuta poco simpatica sul suo nome, e i genitori, dopo aver chiesto alla piccola se fosse d'accordo, hanno quindi deciso di farla diventare "Giada"

26/09/14

aggiornamento del caso della bambina di sestu ( tolta alla famiglia perchè la madre lavora nella penisola e l'affida ai vicini ) PARLA LA VICINA DELLA BIMBA ''SOLA'' DI SESTU: «ERA SEMPRE CON NOI»

   riepilogo   della vicenda

  http://ulisse-compagnidistrada.blogspot.com/2014/09/bambini-armati-e-disarmati-in-questa.html

visto  che   come testimonia  anche  la vicina  che   casso c'era bisogno  di  affidarla  ad  un 'altra  famiglia    quando , vedere  video sotto  ,   era  ben tenuta   dai vicini .



concordo per esperienza personale  con quanto dice   sulla pagina facebook  dell'unione  sarda

  • Teresa Biasioli Meglio i vicini che i parenti.....mia nonna badava ai piccoli delle vicine costrette a lavorare che ancora dopo decenni la ricordano con affetto e riconoscenza infinita...cambiati i tempi in cui si viveva in armonia soprattutto col vicinato.per quanto riguarda la bambina la psicologia lo dice chiaro e tondo che la mente infantile assorbe tutto il buono e il cattivo e i bambini dicono pure bugie....si fa presto condannare....

21/09/14

bambini armati e disarmati in questa terra di uomini che soffrono e sperano

come  alcuni avranno individuato da una parte del titolo   del post  d'oggi   la  canzone  in sottofondo  \  colonna sonora   è bambini - paola turci    seguita  da  non insegnate ai bambini -  Giorgio Gaber 

  su tematiche simili ti  potrebbe interessare  







oggi raccontiamo due casi che riguardano i bambini L'uso distorto e pressapochista dei servizi sociali e tribunale dei minori , OVVIAMENTE SENZA GENERALIZZARE , perchè come dice una mia amica psicologa in una discussione su facebook : << ( ...) Grazie Giuseppe Scano per l interesse mostrato verso queste vicende, purtroppo una delle tante...nei bambini troppe dinamiche in evoluzione come le funzioni cognitive e meccanismi vari non consentono attendibilità verbale in campo giuridico..di fronte a fatti importanti e straordinari.. è per questo che si ricercano strumenti attendibili privi di interpretazione umana...in questo caso i test proiettivi (i disegni) che rientrano tra gli strumenti tecnici più utilizzati quando si ha a che fare con minori.
E  E di come gli animali possano nel caso di bambini \ adulti con problemi possano fungere anche da terapia . E non sono , come ingigantiscono i media la maggior parte delle volte pericolosi ed aggressivi .

Ma  andiamo con ordine iniziamo   da  quello allegro  

La  prima   è  la storia  di Iris  una bambina  autistica  di  4  anni  che   lotta  con la  sua malattia   grazie  al rapporto con un Gatto  
Essa  è  tratta   dal  sito   di repubblica  ecco da  dove    http://www.repubblica.it/esteri/2014/09/12/

Iris ha 4 anni e vive in un mondo colorato e sereno, fatto di arte, musica e amore. L'arte è quella dei suoi bellissimi dipinti, la musica è quella del violino che suona mentre guarda un'orchestra esibirsi su Youtube, l'amore è quello di due genitori attenti che, da un lato dedicano alla bambina tutte le cure che l'autismo richiede (le è stato diagnosticato nel 2011), dall'altro diffondono attraverso il web e i social network tutte le iniziative tese a migliorare la qualità della vita della figlia. E diventano così anche un punto di riferimento per altri genitori nella stessa situazione. 
L'ultimo entrato in casa Halmshaw, in Gran Bretagna, è un gatto di nome Thula, che da qualche mese fa compagnia a Iris. "Con lui - raccontano i genitori dalla pagina Facebook Iris Grace Paintings - Iris è migliorata molto: parla di più, è più aperta. Addirittura accetta di vestirsi più facilmente rispetto a prima. La bimba racconta a Thula le storie e le avventure che inventa con i suoi giochi, gioca a nascondino, spiega il procedimento dei suoi dipinti e il gatto, pazientemente, 


la segue in tutte le attività della sua giornata. La sera, poi, si addormentano insieme". Un'altra storia che conferma gli effetti positivi sull'autismo del rapporto tra uomo e animale. Di Iris Grace e dei suoi dipinti avevamo già parlato nel 2013, quando la famiglia, dopo la pubblicazione dei disegni su Facebook, aveva ricevuto tantissime richieste
                                    (a cura di Virginia Della Sala)

Nelle foto: Iris Grace con il suo gatto Thula     qui  per  non tediarvi e mancanza  di  tempo  ne  ho scelto due fra le più  toccanti le altre le  trovate qui sfogliando al  galleria  fotografica


La seconda  triste  e paradossale  è tratta  dall'unione  sarda del  18 e  del  20 settembre  2014   trovate  sotto  in png  fatto con  il cellulare e  il cattura   schermata    dalla versione  sfogliatore    free  per  30  secondi   e   dal cartaceo  con il  mio  cellulare    gli articoli  della  vicenda  ( e sotto un sunto  di quel poco   che  si trova  free   sulla pagina facebook e  sul sito    dell  giornale    )  
18.9.2014 

20.9.2014


E racconta   del dubbio  ( almeno per  ora  , ma non mancherò eventualmente  d'aggiornarvi   se  è possibile  )  intervento  del  tribunale  dei minori  . Speriamo  che  siano evitati  errori e traumi   come quelli del caso  di :  Carmela Frassanito    già affrontato in questo blog qui sotto sintetizzato 




e   di   questo caso di quei bambini tolti ai genitori e poi ridati dopo 6 anni lontano dall a famiglia , per uno semplice scarabocchio un po' osee gli insegnati , psicologi , e giudici che hanno creato tale 
sconquasso assolti . Ma  ora    andiamo alla storia  successa  a  Sestu ( paese  del cagliaritano )  


"Vivo da sola, mamma è fuori per lavoro"
A Sestu il dramma di una bimba di 9 anni


A nove anni vive da sola perché i genitori sono separati e la mamma a cui è affidata è fuori per lavoro. La scoperta è stata fatta dagli insegnanti.
«Vivo sola, mamma è partita per lavoro». La confidenza fatta da una bambina di nove anni all'insegnante ha fatto scattare l'intervento immediato di carabinieri e Servizi sociali. I primi accertamenti avrebbero confermato che in casa non c'era nessuno: la piccola nei giorni scorsi era sola perché la madre, cui è affidata da tempo, era nella Penisola per lavoro.
La vicenda, i cui particolari resteranno segreti per proteggere la serenità della minore, è accaduta a Sestu, ma sia i militari sia le scuole hanno mantenuto il più stretto e doveroso riserbo. Nessun fascicolo è stato ancora aperto in Procura con l'ipotesi di abbandono di minore, ma sulla vicenda si dovrà ora pronunciare il Tribunale.


Ora  pero  


"La bambina era sola soltanto la notte"
Tante famiglie pronte a ospitarla in casa.



La vicenda della bambina di Sestu: tre vicine di casa interrogate dai carabinieri.


Tante famiglie ronte a dare una mano o a ospitare la piccola di 9 anni rimasta a casa da sola perché la madre è costretta a spostarsi spesso per lavoro fuori dall'Isola. Una vera e propria mobilitazione a Sestu. Intanto i carabinieri hanno iniziato a sentire i primi testimoni. "Non è stata abbandonata", ha raccontato una vicina. "Al massimo è andata a casa a dormire. Ma c'era sempre qualcuno pronto".




Ora mi chiedo  ,  che  bisogno  c'è  di scomodare  per  una cosa   certo non bella  (  disinteresse del  padre , mancanza  di coordinamento dei genitori   separati , ecc  ) ma  non tanto  grave , quando  da parte delle maestre  bastava   accertarsi   se bambina  stava esagerando   \  sdrammatizzando la  situazione  e     verificare sentendo i  vicini  a  cui era  affidata  la  situazione  . E poi   ,  specialmente  al sud(   non è esempio  sono gli stazzi Galluresi )    , un esempio  e  quello  delle campagne   , dove  i genitori erano impegnati nell'orto o  nell'allevamento del bestiame   eppure  i bambini\e    stavano   sotto la  sorveglianza dei vicini o  fratelli  maggiori  .  Oppure   vedere  sotto  , alcuni interventi  ch mi trovano  d'accordo  , presi fra  i commenti  alla notizia  della   pagina fb dell'unione   sarda  





Aleevane Busu Siete tutti pronti a giudicare. . Mia madre stava fuori 12 h al gg.. perché lavorava la vedevo poco e niente ,mi aveva insegnato a cucinare e a prendermi cura di me stessa a 8 anni c era sempre qualcuno per me ma passavo molto tempo sola e quindi?? Se nn andava mi madre a lavorare per darmi da mangiare e pagarmi gli studi come avremmo fatto? ? Non poteva permettersi di pagare nessuno per guardarmi. . Eppure mi ha insegnato ugualmente i valori della vita e nn mi a ha fatto Mai mancare nulla e ora a 26 anni la posso solo ringraziare x quello che sono e per le responsabilità che mi ha fatto prendere anche se troppo presto. ...
Prima di giudicare bisogna sapere le cose perché questa povera donna può avere i soldi giusti per campare e a 9 anni ora come ora sono abbastanza svegli da poter stare soli qualche ora.. non muore nessuno.. I nostri nonni sono cresciuti guardando i propri fratelli dell'età di 6 anni,che i genitori lavoravano nei campi e li era peggio perché la scuola era quella che era e stavano in giro per le strade. .. quindi miei cari nn giudicate perché potrebbe succedere a chiunque di crescere dei figli soli e nn avere nessuno a cui affidarli. ...
Mi piace · Rispondi · 113 · Ieri alle 9.26

4 risposte



Caterina Locci bravi i vicini...dimostrazzione di grande cuore...ora spetta al sindaco...e al parroco...travare un lavoro...che possa far stare questa mamma vicino alla figlia....spero che i carabinieri facciano un ottimo...rapporto...affinchè..gli assistenti sociali non si mettano a rompere le balle...tanti in bocca al lupo a questa donna...e un grande abbraccio alla bimba...coraggiosa...
Mi piace · Rispondi · 61 · Ieri alle 9.10

9 risposte



Giorgio Ligas Leggo tanti/e SOLONI/E che giudicano la madre .... una donna costretta a spostarsi per lavorare e mandare avanti la famiglia e la figlia, in questi tempi duri e difficili, e che deve chiedere l'aiuto di amici e vicini ..... doveva rimanere senza lavoro e vivere nella miseria, mandando magari la figlia ad elemosinare come fanno i rom ? oppure dobbiamo chiederci come mai donne in difficoltà come questa NON hanno il dovuto supporto dalle istituzioni, che dovrebbero tutelare la famiglia in qualsiasi forma si presenti ed in qualsiasi modo !!
Mi piace · Rispondi · 39 · Ieri alle 9.26 · Modificato

3 risposte



Rita Piras E facile parlare....probabilmente chi giudica sono persone che hanno le spalle coperte....parlo per esperienza personale....separata quando mia figlia aveva 12 anni ho dovuto lasciarla spesso da sola la notte perché andavo a lavorare...o mi mantenevo o mi mantenevo...solo io e lei sappiamo i sacrifici che abbiamo fatto....prima di parlare mettetevi le scarpe di questa mamma e fatte gli stessi passi che ha fatto lei per vivere....tutti bravi sulle spalle altrui.....
Mi piace · Rispondi · 35 · Ieri alle 9.40








07/06/14

all'estero si fa qualcosa per i disabili nelle scuole ed in italia è lasciato tutto all'improvvisazione e alla buona volontà degli insegnanti e all'intelligenza dei bambini

Cronache di ordinaria discriminazione.
[di Romina Fiore]

Arriva il fotografo per la foto di fine anno ed i bimbi vengono sistemati alla bell’e meglio per far sì che l’inquadratura abbracci tutta la classe. La maestra ha il vestitino elegante delle feste e forse è andata anche dal parrucchiere, perché sa che quell'immagine la renderà immortale nelle vite dei suoi piccoli alunni.Il bambino diversamente abile viene sistemato all’esterno. E’ un’appendice scomoda da mettere quanto più distante possibile dagli altri.La maestra non si accovaccia accanto a lui.Non invita i compagni a circondarlo in un simbolico abbraccio accogliente.Non gli dispone gli amichetti vicino.

Il piccolo, dalla sua carrozzina, sorride compiaciuto di quel momento. Ignaro di tutto o forse no.
Purtroppo non sa che la disabilità, quella vera, è di una maestra che non capisce.




I bambini  sono   più intelligenti di noi  ,  eppure  molti genitori  ed  educatori  non  capiscono  o  hanno paura   che  tali argomenti   sono  tabù e  fuorvianti   e pericolosi sotto  i   18  anni  invece  questo video  dimostra il contrario 



da http://www.retenews24.it/rtn24/multimedia/

A cura di Adriana Costanzo


Il messaggio d’amore di una bambina nei confronti del coetaneo disabile. Il video più commovente che spopola sul web. Guarda

Pubblicato 2 mesi fa |

un estratto del video 



Può la fantasia e l’amore superare le barriere del diverso? Può una bambina dare sogni e sorrisi a un suo coetaneo meno fortunato? Un messaggio di speranza racchiuso in un breve cartone che sta spopolando sul web. Un video



 che tutti dovrebbero vedere e far vedere ai propri figli   e  ai propri studenti  [ corsivo mio  ]


  cosi  come  il video  qua sotto ( discreto ed interessante  )  tratto  da questo mio precedente  post a cui rimando   nel caso  non si  vedesse

video

02/03/13

Cecilia, 4 anni, in attesa di un trapianto ha potuto riabbracciare nella sua stanza del “Regina Margherita” il suo Black Torino, il cane di famiglia ammesso in ospedale strappo alle regole per una bimba cardiopatica

Speriamo  che  caèpitano  più  spesso queste eccezioni \  strappi alla regola   e che  diventi  la  norma   .
 
fonte   repubblica  del  2\3\2013 
di  VERA SCHIAVAZZI
TORINO 
C’è un attimo magico  quando gli occhi di Cecilia, 4 anni, incontrano quelli di Black,7 anni presunti. La bambina cardiopatica che da dodici mesi vive grazie a un cuore artificiale è seduta nella sua stanza bianca e  piena di macchine e ha davanti un tavolino di plastica rosso della sua taglia, con sopra i pezzi di un  puzzle. Il cane, un meticcio nero col pelo ruvido e le zampe bianche, mite e un po’ timido, è il suo cane, quello con cui Cecilia è cresciuta insieme alla sorellina Sofia, pettinata come lei,che le siede accanto come in tanti altri giorni passati in ospedale.

E il luogo è la stanza 18 del reparto di cardiologia del Regina Margherita di Torino.E’ la prima volta che un cane “forestiero” sale sull'ascensore di un grande ospedale ed entra in una camera sterile. Altri cani prima di lui hanno giocato all'esterno con i piccoli ricoverati o li hanno aiutati a reimparare a camminare nel reparto di ortopedia:erano però i quattro “specialisti” della pet therapy, addestrati e selezionati. Black no,Black è il cane di famiglia, quello che viveva già in casa con Maria e Guillermo, i genitori di Cecilia,
e con Sofia, la primogenita. Da mesi Cecilia chiedeva di vederlo,e giovedì papà e mamma le hanno detto «domani ci sarà  una sorpresa». Ieri all’una la sorpresa è arrivata sulle sue quattro zampe, il cane e la bambina si sono  riconosciuti con uno sguardo,si sono parlati e capiti in un linguaggio sconosciuto agli adulti umani, poi Black si è accucciato ai piedi del tavolino, un po’ disturbato dai flash e dagli  sconosciuti che si davano il turno nella piccola camera di ospedale.
Un po’ disturbata lo era anche  Cecilia, che però ha mostrato tutta la sua forza: sorrisi, carattere e humour, come quando  ha chiesto una ciotola d’acqua  per il suo cane, o gli ha raccomandato di non sporcare per terra.I genitori - Guillermo italiano di origini guatemalteche, e Maria - sono entrambi infermieri a Pinerolo, 40 chilometri da Torino.
Quando alla loro seconda figlia è stata diagnosticata una grave patologia cardiaca, la bimba aveva soltanto otto giorni di vita. La loro è una storia di dolore e di speranza, uguale a quella di tante altre famiglie, ma vissuta col coraggio speciale di chi conosce la malattia e la lotta per sopravvivere. Non hanno paura dell’ospedale, hanno chiesto e ottenuto che anche Sofia possa restarci a dormire, due o tre volte al mese, per portare la casa dentro la camera numero 18 e le risa tra bambine che ieri si sentivano a ogni movimento del cane, a ogni scatto dei flash.
 Loro fanno i turni a Pinerolo per poi correre al Regina Margherita e condividere l’attesa del trapianto che guarirà Cecilia, un giorno dopo l’altro. «E’ stata dura per noi ottenere la legge 104 -- racconta Guillermo riferendosi ai permessi ai quali hanno diritto i familiari di un malato grave -- ma ce l’abbiamo fatta. Ora speriamo che arrivi il trapianto. 
A mia figlia serve il cuore di un bambino, e non c’è ancora abbastanza conoscenza e sensibilità su questo tipo di donazioni.Lo capisco: quando il cuore di un bambino batte ancora, anche se c’è morte cerebrale, è difficile dire sì all’espianto. Ma guardatela, guardate come è serena, sveglia e tranquilla, nonostante tutto. Non vorreste farla vivere?».

27/07/12

imparare a memoria si o no ?



chi lo ha detto che i giornali gratuiti , specie quelli delle catene di supermercati (acqua & sapone , siano spazzatura o giornalacci da quattro soldi come li definisce il mio vecchio .... ehm ... mio padre ? ecco un articolo interessante , dal  n di luglio 2012  di io acqua e sapone  ( che spero crei commenti e discussioni non solo sulla mia bacheca di facebook ) mensile ha anche un sito online www.ioacquaesapone.it







“Spesso il male di vivere ho incontrato: era il rivo strozzato che gorgoglia, era l'incartocciarsi della foglia riarsa, era il cavallo stramazzato”. Il maestro Eugenio Montale da lassù mi scuserà se non rispetto la punteggiatura e gli a capo, se tronco una parte del suo “Male di vivere”. Ma con le poesie imparate a memoria è così: la memoria è solo tua, quel che ci metti dentro lo rubi e, come in certe antiche tradizioni legali, l’uso di anni lo fa diventar tuo. Confesso, questo del poeta delle Cinque Terre è una dei pochi stralci di poesia che mi sia rimasto incollato alla mente, uno dei pochi ricordi scolastici non sovrascritto da altri ricordi. Ripescarlo in uno scaffale dei ricordi, che riesce a restare miracolosamente al riparo dalle ingiurie del tempo, è un piacere vago ma deciso, come quando assaggi una pietanza che da anni non ti ricapitava sul palato e immediatamente ti senti riportare indietro a un passato indefinito, perché spesso è difficile associare un sapore a un momento preciso della vita. Certi gusti hanno un generico sapore di infanzia e tanto basta a spiegare perché siano così piacevoli.

è per questo che ho sempre pensato che i miei figli dovrebbero imparare poesie, filastrocche e canzoni a scuola. è una pratica che ha avuto una fortuna ondivaga nella nostra didattica. Per i nostri genitori era assolutamente normale mandare a memoria intere pagine. Già per la mia generazione era meno comune. Poi ci sono stati varie fasi di revival e altre di rifiuto. Nelle scorse settimane un politico inglese, il segretario all’istruzione Michael Gove, ha risollevato il tema, annunciando che la pratica di imparare poesie sarebbe stata rilanciata nella scuola pubblica elementare. Lo ha riportato il sito di un quotidiano inglese, il Guardian, e l’articolo ha registrato centinaia di commenti, con qualche entusiasta e centinaia di contrari, alcuni dei quali hanno “postato” commenti vicini all’ingiuria. Il sondaggio lanciato dal sito ha riportato una netta maggioranza di contrari: 58% a 42 contro l’imparare a memoria.
Perché tante reazioni violente? Sono figlie della visione iperprotettiva che nutriamo verso i nostri figli. “Costringerli” a imparare a memoria ci appare come una violenza inaccettabile, come se le teste dei nostri figli potessero essere “violate”, ficcandoci dentro a forza delle parole. “E se non ci riescono?”, ci chiediamo noi mamme terrorizzate dal fatto che i nostri pargoli possano sperimentare un qualunque fallimento o addirittura una difficoltà che possa turbarli.
C’è da dire che negli ultimi anni lo spazio della didattica è stato molto influenzato dalle neuroscienze, per cui una parte dei metodi di insegnamento sono figli di studi scientifici tesi a ottimizzare l’apprendimento, come se fosse una ginnastica per tonificare al meglio i muscoli in vista della prova costume: bisogna pompare e lucidare i neuroni, prepararli alla competizione e, siccome è una cosa faticosa, bisogna farlo con metodi efficaci e veloci. Un tipo di studio che mi ricorda il fiorire di diete che promettono di dimagrire senza sforzo.
Francamente penso che una filastrocca, una canzone o una poesia non possano essere paragonati ai chili di troppo. Mi ha colpito molto uno dei (pochi) commenti positivi lasciati dai lettori sul sito del Guardian: chi l’ha scritto ha “recitato” sulla tastiera del computer una poesia di William Blake imparata nella notte dei tempi della scuola e poi ha commentato: “L’ho imparata tra i banchi. Ed è rimasta con me tutta la vita”. Davvero bisogna chiedere a uno scienziato se è giusto imparare a memoria il testo di “Yellow submarine” o “Il cielo in una stanza”? Forse, se gli insegnanti riescono a fare in modo che i nostri figli imparino un testo per il piacere di farlo, tutto il dibattito svanirà tra una rima e l’altra. “Bene non seppi, fuori del prodigio che schiude la divina Indifferenza: era la statua nella sonnolenza del meriggio, e la nuvola, e il falco alto levato”. Grazie, maestro Montale.



L’atto dell’imparare a memoria riprende l’antica attività degli aedi o di tutti  quei popoli che  preferivano  l'oralità  alla scrittura  che vivevano recitando a memoria di posto in posto dei versi. La memoria va allenata, costantemente. E’ certo però che quando alle scuole elementari mi dicevano di imparare a memoria una poesia, non lo facevo con molta voglia, soprattutto perchè si trattava di imparare a memoria per poi ripetere come una macchinetta… e  se  l'ho fatto non ricordo più  quello che  fu costretto  ad  imparare  mentre   ricordo ancora  anche se  non  completamente    cose  che  ho scelto io   d'imparare  a memoria  proprio  come   questo commento   alla domanda  posta   da questa discussione  di http://letteraturalatina.wordpress.com/2008/04/07/e-giusto-o-no-imparare-a-memoria/

Maria Grazia scrive:
La risposta non è sicuramente semplice ma, credo, che ci siano cose che ti avvantaggiano se le sai “a memoria” ed altre che risultano una tortura inutile.
Esempi:
1) quando facevo il ginnasio, la mia prof ci fece imparare a memoria un innumerevole numero di pagine di paradigmi di verbi irregolari. La fatica non fu indifferente però questo mi permetteva di comprendere il significato generale di un brano di latino senza vocabolario nonché di intuire il significato di parole italiane che non conoscevo dalla loro radice;
2) sempre nel periodo dell’adolescenza, imparavo (senza che nessuno mi costringesse a farlo :-) ) a memoria delle poesie degli autori che mi piacevano di più perché così potevo “rileggerle” ovunque volessi;
3) all’università (ed è così ancora adesso) ho sempre avuto enormi difficoltà a imparare “a macchinetta” le cose che alcuni prof volevano sentire soprattutto se erano (per me ;-) ) senza significato o, peggio, insulse. Le rare volte in cui ho dovuto subire questa tortura la mia mente si è subito vendicata cancellando tutto nel giro di una settimana!
Il tutto :-) per concludere che, per me, c’è differenza tra imparare a memoria e imparare a macchinetta ;-) . 


voi che ne pensate  , avete esperienza positive o negative  ?.

20/07/12

gli italiani ed il razzismo

su n 793 di D  settimanale  di repubblica    leggo  questo botta  e risposta   fta  una  bambina di  12  anni  e  un (  dal tono sembra  una lei )  che  non ha il coraggio  di firmarsi  .  Tutto ciò  mette  in discussione  il fatto  che   finalmente  alla deriva xenofoba   leghista e  neo  teocon   qualcuno  si sta  ribellando   a  tale  cultura  rappresentato  dalla  2  lettera  su  n800  dello stesso  giornale 

                                         Riflessioni sul razzismo di una ragazzina di 12 anni  (  Risponde Umberto                    Galimberti ) 

Tante volte i pensieri dei bambini sono più evoluti di quelli degli adulti

Le scrive una ragazza dodicenne per denunciare le discriminazioni e umiliazioni che ogni giorno subisce chi è "diverso" da noi. In tutti gli ambienti si manifestano atti di razzismo che portano a scontri e incomprensioni. A scuola vedo bulli che insultano, disturbano e stuzzicano ragazzi più piccoli e deboli di loro, troppo spaventati per difendersi. Camminando per le strade del mio paese sento barzellette offensive su ebrei, africani, cinesi e sulle donne. Ai telegiornali raccontano di incendi appiccati nei campi del popolo Rom, di venditori ambulanti picchiati e di ragazze straniere violentate.
Perfino i politici non hanno rispetto per gli altri popoli. La nostra intolleranza verso chi è diverso ha raggiunto livelli estremi. Perché, nelle aziende, le donne vengono pagate meno degli uomini? E perché gli africani sono tutti considerati dei ladri e dei saccheggiatori? 
Il razzismo è in ognuno di noi, confinato in un angolino della nostra mente: siamo talmente condizionati da programmi televisivi e da racconti sentiti a scuola o negli ambienti di lavoro, che sobbalziamo se vediamo un mendicante che ci chiede qualche soldo o pensiamo male se un venditore straniero ci passa accanto.
Abbiamo costantemente paura del diverso perché non lo conosciamo. È come un vuoto buio e ignoto, di cui non sappiamo nulla. Invece dovremmo considerarci fratelli di tutti e "cittadini del mondo". Anche se abbiamo la pelle, la religione e i costumi diversi, avremo sempre qualcosa che ci accomunerà tutti: la stessa forza generatrice che ci ha creati e l'amore per la libertà.
So di essere solo una ragazza con gli orizzonti troppo idealizzati, ma spero che condivida e accolga le mie idee, creando una rubrica sul suo giornale che cerchi di sensibilizzare i giovani al concetto della libertà e della tolleranza
Diletta Ceccarelli

Cara Diletta, 
sono stupito dalle idee che abitano la tua mente e dal modo con cui riesci a esprimerle. E se anche qualcuno ti ha aiutato nel pensarle e nell'esprimerle, questo qualcuno ha preso le mosse dagli spunti che tu gli hai fornito. 
La tua età, dodici anni, è interessante in ordine alla formazione di pregiudizi razzisti, perché, finche si è bambini e si scopre il mondo, ogni cosa nuova che si incontra e quindi ogni curiosità, che si tratti del colore della pelle o dell'angolatura degli occhi degli altri bambini, del loro modo di parlare o di vestirsi, desta interesse. 
Ma i bambini non crescono solo in un prato verde dove giocano con tutti quelli della loro età, i bambini crescono anche in famiglie, in alcune delle quali sono invitati a non familiarizzare troppo con chi ha la pelle nera o non parla bene la nostra lingua, perché questi bambini non sono proprio uguali a noi, dove è sottinteso che sono inferiori a noi. E infatti abitano case che non sono belle e spaziose come le nostre, a scuola hanno qualche difficoltà in più nell'apprendere, talvolta quando si esprimono fanno ridere, e allora nell'età della prima adolescenza, in cui ogni bambino è alla ricerca di una propria identità, non c'è strada più facile per trovarla che arroccarsi nella differenza che li distingue da loro e, a partire dalle considerazioni che hanno sentito in famiglia, sentirsi in questa differenza superiori.
Quando uno si sente superiore a un altro cade facilmente in preda a quella legge animale dove il forte aggredisce il debole. E il gioco riesce, perché chi viene da noi, lasciando la sua terra, la sua lingua, le sue abitudini, è davvero più debole di chi cresce nella propria terra, parla la propria lingua e non deve cambiare il suo modo di vivere. L'aggressione del debole fa sentire ancora più forti, e la propria identità così rafforzata diventa uno stile di vita. 
Ma siccome oltre alla "legge animale" del più forte esiste anche la "legge umana" che chi da subito incontra difficoltà e col tempo e l'impegno le supera diventa più abile di chi le difficoltà non le ha mai incontrate, e quindi non ha avuto occasione di affrontarle e superarle, alla fine tutto si capovolge e quello che un tempo era più debole diventa più forte di chi si riteneva forte perché così in famiglia aveva sentito dire. 
Succederà allora che in un mondo che ormai mescola tutte le culture, chi fin da piccolo è stato abituato a inserirsi e convivere con una cultura diversa dalla sua sarà più capace di muoversi nel mondo, rispetto a chi non è mai uscito dal proprio paese e in questo recinto ha trovato la sua misera identità.



Obiezioni alla lettera sul razzismo scritta dalla "ragazzina di 12 anni" ( Risponde Umberto Galimberti) 




Sul n. 793 di D leggo la lettera a Lei inviata dalla "ragazzina di 12 anni'" a proposito del razzismo. È una lettera piena di bellissimi ideali, ma totalmente avulsa dalla realtà quotidiana dei fatti. Credo di avere il diritto a una replica, come prevede il normale confronto democratico delle opinioni.
Per incominciare dai mendicanti e dai venditori ambulanti, questi non si limitano certo a "passarci accanto", ma ci tallonano e ci strattonano per le braccia, con un'insistenza che può durare diversi minuti, finché non aderiamo alle loro richieste. Una turista tedesca si dichiarava esterrefatta, dal momento che cose del genere sono inimmaginabili in Germania.
A scuola non sono gli italiani che "insultano, disturbano e stuzzicano" i ragazzi africani e cinesi. Al contrario sono questi ultimi a tiranneggiare l'andamento degli istituti. Gli insegnanti, impauriti e desautorati, non si azzardano a intervenire, mentre i presidi non esistono più.
Passiamo alla cosiddetta "microcriminalità". Pochi giorni fa sul terrazzo della mia casa, ho trovato due minorenni (un magrebino e un rom) che studiavano le finestre del mio appartamento. Dopo due giorni, durante una mia breve assenza, evidentemente gli stessi due minorenni hanno forzato la persiana di una finestra per introdursi nell'appartamento, e sono fuggiti per lo scatenarsi inevitabile dell'impianto di allarme.
In queste condizioni, come si fa a non diventare "razzisti"? La prego di non menzionare ad alcuno il mio nome e la località. 

Lettera firmata





Non mi pare sia il caso di scomodare i diritti democratici per confutare gli ideali di una "ragazzina di 12 anni" di nome Diletta, che denunciava il razzismo che sempre più si va diffondendo tra noi. A questo proposito voglio precisare che quella lettera, davvero molto bella, aveva suscitato in me il sospetto che non fosse stata compilata solo da lei. La sua insegnante mi ha invece scritto che Diletta non ha avuto alcun aiuto nella sua stesura. Mi scuso con Diletta e a maggior ragione le esprimo tutta la mia ammirazione per il modo con cui scrive e per le cose che pensa e dice.
La sua lettera, invece, è un classico esempio di chi, assicuratosi il proprio benessere, che noi occidentali non possiamo dimenticare d'aver costruito sullo sfruttamento o quanto meno sul mantenimento della povertà nel mondo, rifiuta l'idea che chi non ha mezzi di sostentamento nel proprio paese, oppure è perseguitato per ragioni politiche, o ancora assiste quotidianamente a chi muore di fame e di sete, per non parlare della mortalità infantile o dei bambini arruolati negli eserciti da bande che si contengono il potere, possa decidere di abbandonare la sua terra e, rischiando la vita in un mare che seppellisce tante colpe dell'Occidente, senza arte né parte giungere da noi.
La sua lettera dimentica anche quanti immigrati, che la nostra ipocrisia chiama "di colore", sostengono la nostra economia con lavori che gli italiani più non fanno, con paghe spesso in nero, quando non addirittura in condizioni di schiavismo, per far profitti in questo "mercato" che noi occidentali e non altri abbiamo inventato e che ora sta mordendo anche noi.
La sua lettera, che spegne le speranze e gli ideali di una ragazzina di 12 anni in omaggio a un "confronto democratico di opinioni", denuncia che la sua visione del mondo è limitata alle pareti di casa sua ben blindata e sorvegliata, e perciò nulla sa che la storia ha sempre registrato migrazioni per fame e bisogno di terre, con invasioni, eccidi, guerre, e che sessant'anni di pace nella nostra Europa, oggi così traballante, non può frenare chi per fame e condizioni di estrema indigenza rischia la vita nella speranza che da noi, ci sia una possibilità di futuro. 
Alla sua amica tedesca dica di fare un giretto in Africa e di vedere, oltre alle condizioni di vita, chi vende le armi agli eserciti che si contendono i territori, chi sfrutta le risorse del continente nero, chi, al potere, si fa corrompere da noi occidentali per ottenere gli appalti che servono per costruire le infrastrutture che servono a noi per il trasporto dei loro prodotti, e poi le chieda se hanno diritto di essere razzisti noi o loro nei nostri confronti. Al suo ritorno provi con lei a fare un "confronto democratico delle opinioni". Magari è più utile che confutare gli ideali di una "ragazzina di 12 anni" che ha scritto un bellissima lettera per farsi ascoltare anche da chi tiene le finestre chiuse e la casa "con l'impianto di allarme perimetrale". Una domanda: perché Diletta si è firmata e lei mi chiede di omettere la sua firma? Ha paura delle sue opinioni?

Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget