Visualizzazione post con etichetta attentati islamici. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta attentati islamici. Mostra tutti i post

04/07/16

NATURALMENTE STRANO di © Daniela Tuscano

Dacca, uno studente musulmano ha preferito morire piuttosto che abbandonare le amiche



Non fanno rumore. Camminano tra noi, con la levità degli angeli. Ma non hanno nulla d'etereo. Sono volti e storie come tanti, come tutti. Percorrono lo stesso destino, e quando fanno il bene, spesso, non se ne accorgono. L'assaporano, come fosse un bicchier d'acqua, poi irrompe l'imprevisto, l'efferata eccezione, e li trova attoniti ma pronti. Così la loro normalità s'impone e giganteggia.
Portano nomi diversi a seconda delle nazionalità. In questi giorni erano italiani. Ma oggi ne scopriamo altri. Uno di loro si chiamava Faraaz, bangladese. 

 
 
Aveva un bel viso liscio, i tratti delicati, l'occhio acuto e docile, come molti delle sue parti. La magrezza del Sud-Est asiatico non stona in abiti occidentali, non ha mai avuto nulla di coloniale; ha conservata intatta la sua anima meditativa e anarchica. Faraaz non faceva eccezione. Studente, immaginiamo brillante, di qualche Università americana, era rientrato nel suo paese per una breve vacanza, portandosi dietro due amiche come lui bangla, come lui musulmane, come lui antiche e moderne. Facce da melting pot, tè e buoni libri, rock and roll e tende di sguardi. Poi sono arrivati quelli là che dicono figli di riccastri, che non hanno mai fatto altro che abbaiare, e non se ne capisce il motivo. Ma non ne esistono, di motivi. Esistono spazi d'arrivo terribili in cui i Faraaz provano sgomento e paura, com'è normale. Ma gli ululanti lo rassicurano, non ce l'hanno con lui ma soltanto con gli stranieri e però vogliono far fuori le sue amiche che proprio straniere non sono. A questo

Faraaz Hossein, lo studente bengalese ucciso
da http://www.quotidiano.net/

punto nella mente dei Faraaz avviene un cortocircuito: se già gli sembra assurdo pigliarsela con altri che per lui sono semplicemente esseri umani, figurarsi violare le sue amiche.
Ma per gli ululanti quelle non sono amiche e nemmeno bangla, bensì femmine vestite all'occidentale, quindi apostate e meritevoli di morte. Siccome Faraaz non ha mai letto nulla di simile nel Corano e ha vissuto il suo Islam come un compagno di viaggio, naturalmente si ribella, quelle ragazze sono persone e non femmine e soprattutto non abiti. Quindi non fugge, le difende e gli ululanti li ammazzano tutti. Fine.
O piuttosto inizio. Non fanno rumore, camminano tra noi. Faraaz non era un eroe, anzi sì, perché abbiamo assunto l'ottica degli assassini. Sono loro gli stranieri, gli strani, gli estranei, gli alieni. Faraaz no, rappresenta la normalità. È lui l'uomo, lui il musulmano, lui l'amico e lo studente e il camminatore della vita, il naturalmente strano e la maggioranza. Lo vediamo quand'e' spento. Sappiamo che visse. Lo piangiamo e avvertiamo mancarci una voragine. Fossimo meno distratti, però. E più fiduciosi nell'altrui umanità. Che non è così male, né così rara.

                      © Daniela Tuscano

14/11/15

credevo che le guerre di religione fossero finite con l'illuminismo invece a Parigi il 13\11\2015 in nome d'essa o con l'aggravante d'essa si fanno stragi

 Poiché zitto non so stare    ma  neanche  la  forza    di dire  qualcosa  contro   questo  becera  e bastarda strage     preferisco   al silenzio


Questa bambina ha suonato il Silenzio come pochi altri ... straordinaria ... da ascoltare con il volume alto ...
Posted by Giorgio Vinardi on Martedì 10 novembre 2015


   che  ci  starebbe  bene  davanti  a  tanti  bla  bla     e  fiumi  di  parole  e scritti   che   portano  a  parole nel vento  



qualcvhe   parola scritta bene   come queste  di miie compagni  di strada  


Attenzione: Se sei tentato di scrivere qualcosa, se ti brucia la tastiera sotto le dita, se vuoi dire la tua su Parigi, trattieniti. Sarà sicuramente una cazzata di pancia. Non generare rumore. Ascolta. Leggi. Rifletti. Pensa

e  cosi  pure il commento all'intero  di questa mia discussione  (  
qui  l'intera  discussone )  

Sciacallaggio da schifosi giornalai Soffiano sulla brace del populismo più becero . Poi si lamentano se gli islamici s'incazzano



Che il ministero dell'interno sequestri le copie prima che arrivino in edicola.
  di  
Maso Notarianni
17 h · Milano ·




.Lucilla Cantelli sono veramente cosi' , ma non divulghiamolo sui giornali in questo modo, diventa un'ulteriore provocazione...
e  che  in quest 'altra  discussione  sulla mia bacheca

Paolo Brunzu · Tra gli amici di Piera MasiliPeccato che quest articolo sarà solo un motivo x far urlare più forte i pazzi di tutte le religioni.Ormai hanno fatto un solco incolmabile.E di chi e'la colpa non serve a niente capirlo.Saranno tempi duri x tutti

.

Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget