Visualizzazione post con etichetta artista. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta artista. Mostra tutti i post

05/01/17

Simona, “genio” del piano senza conoscere una nota E’ autistica. Per la musica ha talento naturale, suonando si relaziona agli altri Hanna Shybayeva e Politi hanno trascritto i suoi «brani» e registrato un cd


Qualche anno  quasi un trentennio feci al prof  di  educazione musicale  una domanda   che   cosa  sarebbe  un mondo senza  musica   e cosa  è la  musica  ?  la risposta   fu  ( almeno la consideravo banale   e fatta  per  accontentare  le miei ingenuità 😀 dell'allora  adolescente  )  un mondo triste  . la musica  è  tutto  quello che  hai dentro . Ebbene  cari amici\  amiche  oggi  ne   ho  avuto  la risposta . da questa  storia  che trovate  sotto  . Alla  faccia  ed in culo  a chi dice  che  gli  autistici , gli handicappati (  uso  tale termine  perchè non mi piace  il buonista   diversamente  abile  e  simili  ) non posso creare   opere arte .
Infatti 





Simona, “genio” del piano senza conoscere una nota.
E’ autistica. Per la musica ha talento naturale, suonando si relaziona agli altri Hanna Shybayeva e Politi hanno trascritto i suoi «brani» e registrato un cd  


04 gennaio 2017




.



PAVIA. 
Quando un pianoforte entra nel suo campo visivo, Simona Concaro sembra andare in stato di trance: si dirige verso lo strumento e inizia a suonare, senza curarsi d’altro. Ha 48 anni ed è autistica; nata a Milano, sempre vissuta in provincia di Pavia, ora è stabile a cascina Rossago nell’Oltrepo, una delle più importanti realtà italiane di lavoro per persone affette da autismo, e dal 2005 fa parte del progetto musicale dell’Orchestra invisibile. Non sa né leggere né scrivere le note, eppure, inspiegabilmente, è un genio della composizione. Il suo caso è stato pubblicato sulla rivista “Epidemiology and psychiatric sciences” della Cambridge university press, uno studio a cura di Pierluigi Politi, direttore dell’Unità operativa di psichiatria dell’azienda sociosanitaria territoriale di Pavia, Michele Garda, docente di musicologia della nostra università, Laura Fusar-Poli e Matteo Rocchetti, dottorandi pavesi in Neuroscienze.
«Con l’esempio concreto di Simona, nell’articolo abbiamo dimostrato il frequente misconoscimento dei valori e delle doti dei soggetti autistici – spiega Politi – che si fatica a vedere e si tende a lasciare nascosti. Il nostro scopo è stato, in fin dei conti, quello di analizzare oggettivamente la creatività di una persona e il suo progresso nelle interazioni sociali, ma anche di esortare a prestare attenzione ai suoi meriti, per aiutarla a rapportarsi meglio con il mondo esterno». Concaro non parla e non ha mai pronunciato una frase di senso compiuto. Si relaziona con la realtà e chi le sta attorno solamente attraverso la musica, che ama ascoltare e creare; zitta, gesticola poco, raramente cerca il contatto visivo e fugge il contatto fisico. Pure il suo ruolo nell’Orchestra invisibile risulta peculiare, in quanto si rifiuta di suonare assieme agli altri: quando mette mano al pianoforte, vuole il pubblico tutto per sé.
«Da più di undici anni si “alterna” alla musica di insieme – chiarisce ancora Politi – Lascia prima eseguire un brano all'Orchestra, poi inserisce la sua performance solistica. Dal punto di vista tecnico, senza dimenticare che è completamente autodidatta, al piano ha una manualità morbida, una diteggiatura equilibrata; suona con elasticità, guardando tra le mani, oltre la tastiera. Spesso accompagna le note con vocalizzi, fischi, mormorii e un costante movimento di capo e collo. Io e la pianista Hanna Shybayeva abbiamo cercato di trascrivere alcuni suoi spartiti immaginari, ascoltandola, e vi abbiamo trovato delle strutture complesse, come si possono scoprire solo in musicisti professionisti».
Dalle trascrizioni è nato nel 2014 un disco reinterpretato dalla Shybayeva “Playing with autism 1.0”, mentre nel 2015 la Concaro è stata direttamente registrata dal vivo in “Playing with autism 2.0”. È, insomma, soltanto al pianoforte che la donna acquisisce autostima e riesce a rinforzare la propria identità. D’altra parte, le persone con autismo possiedono di frequente una notevole predisposizione a forme non-verbali di comunicazione e, quindi, per loro, musica e ritmo divengono canali d’espressione fondamentali.
«In generale i benefici della musica sul sistema nervoso sono enormi – assicura Fusar-Poli – Per esempio, sono state provate differenze anatomiche nei cervelli dei musicisti; avrebbero un cervelletto più sviluppato, come alcune funzioni cognitive: il linguaggio, la memoria, l’attenzione e la coordinazione. Certo è che, nello specifico, la musica non fa diventare meno autistici. Per gli individui che hanno gravi difficoltà comunicative, però, può rappresentare un canale non-verbale alternativo molto efficace. Inoltre, se si pensa a esperienze come quella dell’Orchestra invisibile e al caso di Simona, bisogna ricordare che fare musica in gruppo aumenta sempre la coesione sociale. Per gli autistici, la musica può essere una modalità di rottura delle barriere che impediscono le relazioni interpersonali
e rappresenta una sorta di “valvola di sfogo” in cui incanalare ansie e frustrazioni. A volte, infine, è in grado di risvegliare il genio incompreso dell’autistico, che è nostro dovere non sottovalutare e cercare di far crescere, rendendolo utile all’intera società».

                                                     Gaia Curci



16/12/13

Calcetto, i "numeri" dell'attaccante disorientano il difensore

video


                                                 video dell'unionesarda

Calcetto, i "numeri" dell'attaccante disorientano il difensore
Chiamarsi "Bomber" tra amici senza apparenti meriti sportivi.Il difensore ha dovuto prendere una decina di Moment dopo la partita.

Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget