Visualizzazione post con etichetta arte e letteratura. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta arte e letteratura. Mostra tutti i post

03/07/17

Scoop letterario per gli alunni del liceo G, Dettori di tempio pausania gli studenti del Dettori si sono cimentati nella traduzione di un inedito del poeta W. Whitman.


Lo   so    che    vi sembrerà  che mi contraddico     con   quanto detto : <<  [ .... ]  In fondo   non c'è  bisogno  d'avere [ di  raschiare il fondo del  barile o  andare aa ricerca  di nuovi scritti  inediti   stesso discorso   che vale in tutte le forme  d'arte     aggiunta mia   ] un nuovo reperto  per  celebrare  l'infinita a  grandezza   del poeta  [ ....] >> nel mio post precedente sulla  storia  disney  dedicata  a  Giacomo Leopardi .Riportando  con toni trionfalistici   questa  storia   presa  dalla  nuova  sardegna   edizione Olbia-Tempio  del  2\7\2017


TEMPIO È il tipico esempio, riuscito e felicemente realizzato, di didattica laboratoriale. Un romanzo di fine '800 tradotto in italiano dall'inglese. Gli autori sono i ventitrè studenti della quinta Classico del Liceo Dettori. L'autore di cui hanno tradotto l'opera è uno dei più noti scrittori americani di tutti i tempi, Walt Whitman

http://libreriamo.it/libri/walt-whitman-le-poesie-piu-belle/
quello che un indimenticabile Robin Williams celebrò nel film di Peter Weir, "L'attimo fuggente", e che generazioni di scrittori italiani, a partire da Pavese, hanno profondamente amato.che generazioni di scrittori italiani, a partire da Pavese, hanno profondamente amato. Grazie alla loro insegnante di inglese, la professoressa Masina Depperu, gli studenti del Dettori 

si sono cimentati nella traduzione di un inedito di Whitman. In tutto ciò c'è un merito davvero straordinario, che va addirittura oltre le tante difficoltà tecniche che la traduzione di un'opera ricca di arcaismi, locuzioni e diversi errori di stampa inevitabilmente comporta. Con il loro lavoro, i 23 liceali e la prof hanno reso un servizio alla comunità dei critici e dei lettori, facendo scoprire anche nel nostro Paese un inedito Whitman, accostabile per certi versi all'inglese Dickens e anticipatore, per altri, dell'americanissimo Lee Masters dell'Antologia di Spoon River. Dal lavoro della prof Depperu (una mano all'insegnante di inglese è stata data dalla sua collega di Lettere, Alessandra Onorato, che ha revisionato il testo tradotto) e del suo giovanissimo team di traduttori verrà fuori sicuramente un prodotto editoriale. Modalità e tipologia dovranno essere valutati dalla Ds, Francesca Currò, che, da ex docente di Inglese, ha ben colto l'importanza del progetto. Ma di che cosa parla esattamente il romanzo che nel 1852 Whitman pubblicò a puntate su una rivista? Racconta una storia ambientata a Manhattan che ha per protagonisti un avvocato corrotto che vuole approfittare dell'eredità di una giovane donna che gli è stata affidata, e di Jack Engle, l'eroe positivo, colui che, innamorandosene, cercherà di difendere la giovane e bella ereditiera, orfana come lui. «Questa traduzione - precisa Masina Depperu - è nata da un rapporto di estrema fiducia tra i protagonisti della scuola italiana, insegnanti e studenti, che trascorrono il loro tempo migliore cercando di costruire un progetto di vita autonomo e creativo». Vale a dire il tipico, non tanto frequente però, lungimirante esempio di didattica laboratoriale.


Ma  qui  si tratta di letteratura    dispersa   non  di  un opera  che  magari  l'autore  ha  scelto   di non pubblicare  e  di scartare  .  Ma  soprattutto    un uso  critioco  e non passivo  delel conoscienze  , linguistiche  in questo caso  , apprese  a scuola  ,  ed  un insegnamento non nozionistico   da parte  del corpo  insegnante  

08/03/17

ottimo omaggio disney topo maltese n 3197-3198 a H. Pratt e alla sua ballata del mare salato



La    prima parte   dell'intervista  ( qui la  seconda )  ed  il promo   della  storia  UNA BALLATA DEL TOPO SALATO





INTERVISTA A GIORGIO CAVAZZANO – PARTE 1
Topo Maltese e 50 anni di Disney



   00:00           
 01:12 
 
 

UNA BALLATA DEL TOPO SALATO
Topo Maltese e 50 anni di Disney


restituiscono  , a   questa  avventura emozionante, un omaggio spettacolare, una storia magistralmente scritta (da Bruno Enna) e disegnata (da Giorgio Cavazzano)  ,tutte le magiche atmosfere Hugoprattiane. Infatti Topo Maltese e' una di quelle fantastiche storie piene di umanità, poesia, sincerità umana. Bellissima la musica, mi ha commosso, riporta alle atmosfere immaginate da Prat
Una storia  bellissima , se un giudizio  anche  un po' anticipata  , io  avrei aspettato la  fine  , quello della stessa  direttrice  di topolino nell'editoriale  del numero scorso   : << Incredulità. Meraviglia. Commozione. Topolino e Corto Maltese, due eroi leggendari e immortali, si incontrano in questo numero del nostro piccolo, grande, unico giornale. Ce l’abbiamo fatta davvero.(...)  >> [continua  qui ] .
Infatti  , cosa  rara , con  sincerità la stessa  Patrizia Zanotti, direttrice di “Cong – Hugo Pratt art properties”  ha  riassunto  il  suo giudizio  in un’unica, bellissima dichiarazione: «50 anni per Corto e 50 anni dalla prima storia Disney di Cavazzano: Corto Maltese con Topolino oggi è più giovane che mai».


Arriva  Topo Maltese Un numero particolare  . Infatti  Certe coincidenze sono ----  secondo http://www.staynerd.com/topo-maltese-ballata-del-topo-salato/ --- talmente precise, puntali e diaboliche che fanno pensare che qualcuno le abbia orchestrate con l’obiettivo di prenderci in giro. Secondo Carl Gustav Jung, uno che dell’argomento se ne intendeva (tanto da fondare a riguardo il principio della “sincronicità“), le coincidenze sono “due o più eventi non legati da un rapporto causale, che hanno uno stesso o un analogo contenuto significativo“. Che si tratti di leggende, storie più o meno fantasiose o ricorrenze oltremodo inquietanti, le coincidenze fanno parte della nostra vita e, ogni volta che ne incontriamo una, non possiamo far altro che rimanerne incantati. Questo accade anche e soprattutto nel fumetto, sotto forma di rimandi, intuizioni artistiche, previsioni, stili di disegno, incroci, spesso dando la sensazione che si tratti di un piccolo grande mondo indissolubilmente collegato. Ed è proprio in questi giorni che Topolino ne festeggia una mica da ridere. Infatti, cinquant’anni fa, due personaggi diventati per vie diverse figure storiche del fumetto iniziavano al loro unica, inimitabile corsa: Corto Maltese e Giorgio Cavazzano. Non a caso, il settimanale orecchiuto edito da Panini Comics decide di celebrarli entrambi con Topo MalteseUna ballata del topo salato, parodia-rivisitazione della prima, straordinaria apparizione del marinaio di Hugo PrattUna ballata del mare salato.
(.....)  . 
un sorprendente equilibrio tra avventura e umorismo. Risultato che non stupisce, visto che Enna ha sviluppato negli anni una bravura unica nell’ideare rivisitazioni non solo rispettose dell’opera di partenza ma anche straordinariamente originali. Obiettivo raggiunto anche questa volta. In particolare, le “parti” assegnate ai vari attori si sono rivelate decisamente azzeccate. Topo Maltese è un vicinissimo parente della creatura di Pratt e ne interpreta alla perfezione il carattere all’apparenza cinico, disilluso, ma che in realtà nasconde una grande umanità e una sensibilità fuori dal comune, conditi da un’ironia tagliente e da un’arguzia inusuale. 

Ma anche gli altri sono perfettamente calati nel ruolo, come Gambadirasputin, Minnie Dora e Pippotarao, che riportano le caratteristiche dei personaggi originali aggiungendo la propria personalità. Sembra davvero che Enna sia il regista di uno spettacolo teatrale e Topolino e gli altri siano gli attori che interpretano un testo, mettendoci dentro se stessi. E Cavazzano? Si occupa di tutto il resto: scenografia, costumi, luci, signore e padrone del “dietro le quinte” della rappresentazione.

...

Si  riusciti ad  unire come  dice   questo articolo  de laStampa del  2\3\2017    i due tipi di fumetto   quello popolare  e  quello  d'autore  . Concordo   con  Gumi sul    forum del  http://www.papersera.net/  più  precisamente  qui

 Re: Topolino 3197  3\3\2017 18:51:35


[...] Ora, è vero che di Bruno Enna spesso si dice che ci si può fidare ad occhi chiusi, ed è vero la grande maggioranza delle volte, ma è anche vero che Una ballata del mare salato più che un fumetto è un capolavoro della letteratura e l'impresa pareva abbastanza ardua. Anche qui, come nella sua trilogia horror,Enna più che una parodia (come era invece Topolinix) effettua una trasposizione in salsa disneyana della sceneggiatura di Pratt ed è stato, per quel che penso, molto molto bravo a seguire a discostarsene solamente in pochi punti, per addolcire gli aspetti meno adatti al settimanale, ma mantenendo l'impronta e buona parte dell'atmosfera inarrivabile dell'originale. In questa prima puntata la vicenda scorre in maniera naturalissima, i personaggi sono assolutamente centrati e credibili, soprattutto i comprimari. Una osservazione a parte su Topolino che interpreta il ruolo di Corto Maltese, senza dare però l'impressione di essere un personaggio diverso da se stesso. Ciò a mio avviso sta a significare che è sia vero che Topolino è un personaggio universale che può interpretare (quasi) ogni ruolo, ma è anche vero che inevitabilmente nel confronto con l'originale non riesce ad avvicinarsi al carisma di Corto, forse in assoluto il più carismatico dei personaggi a fumetti. (E peccato per il "taglio" dell'orecchino visto nelle prime bozze, che è uno dei tratti distintivi del personaggio, anche se capisco che "su topolino non si può"). [...]
Risultati immagini per topo maltese

e  con sempre   sullo stesso forum

camminatadisney

Re: Topolino 3197
Rispondi #47 - Ieri alle 22:50:59 Segnala ai moderatori! Contrassegna & Cita Citazione

Capolavoro.
'Topo Maltese - Una ballata del topo salato' è una memorabile restituzione dell' opera originale di Pratt.
La prima avventura di Corto Maltese nel '67 fu dirompente, per forza evocativa, per l' aderenza alle vicende e ai luoghi del Pacifico all' indomani della Grande Guerra, per l' innovativo concetto di eroe, per il carisma di tanti personaggi i cui destini, appunto, suggerivano la "ballata"...
Con Pratt i canoni del fumetti fino ad allora conosciuti vennero scardinati, tanto da far dire a U. Eco che si trattava di letteratura per immagini. Oggi si parlerebbe di un esemplare graphic novel.
Enna e Cavazzano sono riusciti, a mio avviso, a farne una riscrittura, reinventando e celebrando al tempo stesso l' opera originale.
La fedeltà ad alcune situazioni, ad alcuni dialoghi, perfino ad una certa mimica dell' avventura di Pratt, è sorprendente.
Il tutto ovviamente in salsa Disney e 50 anni dopo...
Non mi aspetto cioè che Topo Maltese suggerisca di frequentare ragazze col gonnellino di foglie, anche prima che venga l' autunno... come dice Corto.
Chiaramente le caratterizzazioni dei personaggi risultano qui un po' più scialbe, il verosimile storico - geografico affievolito, il senso stesso di avventura primordiale un po' tradito. Ma era inevitabile.
La resa grafica è comunque eccellente, certe tavole metafisiche ricordano addirittura Moebius. Che su Métal Hurlant fu dirompente almeno quanto Pratt su Sgt. Kirk... Cavazzano da urlo, insomma.
La sorpresa è che Enna non è da meno. Atmosfere, plot, dialoghi; tutto sembra riuscito!
Il racconto corale nei Mari del Sud è reso abilmente anche in questa trasposizione Disney.
Mi sono dilungato nel commentare questa Ballata perché non amo le scorciatoie.
Altrimenti, mi sarei potuto limitare ad un: "Capolavoro!". 

talmente tanto bello e ben fatto che più che una parodia preferisco   usare il termine riadattamento 
Nessun testo alternativo automatico disponibile.per bambini  per infanzia    .
Se proprio   si deve parlare  di parodia  (  cosa secondo me  che  non  lo  è   )  è fatta  talmente  bene   che non lo si  nota   neppure ed  è  fatta  in maniera   cosi leggera  e  modo tale  da   non stravolgere  e  snaturale  il romanzo  (cosa  che  invece  è avvenuta  con  la  riduzione  disney  de  l'isola del tesoro  ) .
Una delle più belle storie che mi ricordi di aver letto su Topolino! Evocativa, emozionante, divertente.... Bravissimi! Infatti concordo con questo articolo di http://www.diregiovani.it/2 quando dice che « Bruno Enna e Giorgio Cavazzano hanno regalato agli appassionati di fumetto un diamante che brillerà per sempre nella storia del fumetto» dichiara Valentina De Poli direttore del magazine Topolino. «È il punto più alto mai raggiunto grazie alle straordinarie capacità degli autori di Topolino che si va ad aggiungere alla straordinaria produzione di parodie a fumetti, veri tesori che negli ultimi anni hanno dato lustro al settimanale con “Moby Dick” di Artibani e Mottura, “L’Isola del Tesoro” di Radice e Turconi, “La Vera Storia di Novecento” di Baricco, Faraci e Cavazzano, “Duckenstein” di Enna e Celoni e il “Don Pipotte” di Vitaliano e Sciarrone solo per citarne alcune. Ma sono certa che non è finita qui!» .
 I disegni di Cavazzano realizzati per “Topo Maltese” sono particolarmente ricchi e dettagliati, veri e propri gioielli che meritano di essere ammirati in grande formato: per questo  sono stati  proposti    ( fanculo alla  continuità territoriale  con la penisola   e non essere riuscito ad  andare ) a   Cartoomics in suggestivi ingrandimenti affiancati a riproduzioni delle matite originali e delle pagine più belle. Al fine di esaltare il collegamento con “Una ballata del mare salato” di Pratt, che proprio quest’anno compie 50 anni, nel percorso si potranno ammirare anche suggestivi confronti tra le vignette dei due maestri, Pratt e Cavazzano, per evidenziare il sofisticato lavoro di rimandi grafici e narrativi tra originale e parodia, con inquadrature, pose, atteggiamenti e dialoghi che gli autori del settimanale Topolino hanno voluto recuperare e riproporre in chiave disneyana. Infine, alcune gigantografie hanno proposto   le copertine e le illustrazioni tratte dal portfolio della storia proponendole in un formato davvero strabiliante ! La storia di  Topo Maltese    , di cui  ho appena  finito  di  leggere  la seconda  punta ,  trova  conferma della  bellezza  grafica  e narrativa   con  quanto dice   : <<  Corto   e Topo Maltese sono sulla stessa lunghezza .... d'onda  !  Entrambi  parlano  (  qui  , aggiunta  mia  ,  c'ero arrivato anch'io appassionato d fumetti e  di graphic  novel  ) la stessa lingua  quella del fumetto  .Nei loro occhi  c'è  curiosità ed avventura  . Entrambi sono innamorati   della libertà . Sono due  gocce   d'acqua   nell'oceano >>  Barbara  Garufi   topolino  n 3198  pag  51  .Una riduziomne   molto fedele  dell'originale  di Pratt , secondo  i puristi ( non li biasimo  )  unpo' edulcorato , vedi  la cancellazione   dell'orecchino o di alcune parole  "dure"    come sovversivo , ecc.,  forse  un po' inutile  visto   tutto quello che le nuv egenerazioni vedono  in rete  e  in tv . Ma  poco importa  vista   la belezza dei disegni  e   e della sceneggiatura    .
Non so che altro  aggiungere  , d'altronde  è meglio cosi rischierei  di appesantirvi troppo  la lettura  ,  lascio il mio commento   dell'opera  con    due  delle ultime  tavole , le più poetiche  insieme a quella  finale  (  che non  pubblico onde  ad  evitare  spoiler  )  dell'avvincente  storia


Scusandomi per  la  qualità  , ma  uso poco  la  fotocamera del cellulare   vi lascio . Alla  Prossima

Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget